LE CURCUMA (Curcuma longa L.) Vantaggi e indicazioni per la proprietà

LE CURCUMA (Curcuma longa L.)

Da dove viene?

Curcuma fa parte della famiglia di zingiberaceae. Un piccolo cugino di zenzero, viene utilizzato per il suo gusto e virtù terapeutiche in Asia.

Considerato il più potente antinfiammatorio naturale, è oggetto di crescente interesse per l’Occidente per le sue proprietà anti-ossidanti e per il suo ruolo nella prevenzione delle patologie infiammatorie.

Originaria dell’India e dell’Asia meridionale, la curcuma è cresciuta in tutto il sud-est asiatico, l’Africa e i Caraibi.

Conosciuta da millenni, principalmente in Asia, la curcuma viene utilizzata non solo come spezia, ma anche come pianta medicinale. È anche uno dei costituenti del curry, insieme a coriandolo, cannella, pepe di Caienna, chiodi di garofano, noce moscata e zenzero. Una delle molecole attive, la curcumina, è un colorante giallo naturale (E100) utilizzato negli alimenti.

Come possiamo descriverlo botanicamente?

La curcuma è quindi una pianta erbacea e perenne. Si tratta di una pianta a stelo corto, alta 90 cm e 1 m, con un rizoma lungo e nodoso. Le sue foglie, guadagnando, sono piuttosto sfiore ed ellittiche. I fiori si trovano quindi a livello del suolo. Sono di colore giallo, ma tuttavia sono circondati da bracette verdi, e sono raggruppati in file acchibee.

Di cosa è fatto?

Curcumic consiste principalmente di saccauri e polisaccharides (45-55% amido tra gli altri), curcuminoidi (coloranti gialli contenenti i suoi principali principi attivi come la curcumina per esempio) e chetone e monoterpene olio essenziale.

Quali sono le sue principali proprietà farmacologiche?

Curcuma è quindi un abbastanza potente antinfiammatorio (l’attività antinfiammatoria della curcumina è mostrato su modelli di infiammazione acuta e cronica, soprattutto in sinergia con la piperina). È una pianta con proprietà antiossidanti, ma è anche protettiva del fegato, gastrointestinale e cardiovascolare (previene la citotossicità epatocitica indotta tra le altre cose dal paracetamolo).

Curcuma diminuisce anche l’assorbimento intestinale del colesterolo a causa del suo potere di abbassamento del colesterolo, e migliora la disfunzione endoteliale indotta dal diabete in un buon antidiabetico naturale. Gli studi hanno dimostrato che la curcumina è in grado di inibire la carcinogenesi in tre fasi: angiogenesi, promozione del tumore e crescita del tumore per aiutare le sue proprietà chemio-protettive. La scoperta anche dell’attività anti-alzheimer bloccando l’accumulo di proteine beta-amiloidi e la distruzione delle placche esistenti, ha avuto successo in quanto migliorerebbe il comportamento, la qualità della vita e la longevità sui modelli animali.

Quali sono le indicazioni di curcuma?

  • Febbri intermittenti
  • Diarrea
  • Malattia del fegato
  • Icters
  • Epatite
  • Disturbi urinari e glomerulo-nefrite
  • Artrite e artrite (500 mg di curcumina sono più di 50 mg di diclofenac in artrite e osteoartrite del ginocchio)
  • Ipercolesterolemia
  • Morbo di Alzheimer
  • Morbo di Parkinson
  • Cellulite

Quali sono le precauzioni per il lavoro?

  • Possibilità di colorare la saliva in giallo
  • Sotto-indicato nelle donne incinte o in gravidanza
  • Contraquale nei casi di ostruzione del dotto biliare, calcoli biliari sotto centimetro, bile o malattie epatiche
  • Possibili disturbi digestivi rari ad alto dosaggio, rischio di focolare, flatulenza, bruciore di stomaco, nausea e vomito
  • Attenzione in caso di ulcera gastrica o duodenale
  • Vincolato in caso di ipersensibilità alle sostanze attive
  • Possibili allergie da contatto

Ci sono rischi di interazioni farmacologiche?

Tuttavia, come per tutte le sostanze contenenti principi attivi, si dovrebbe prendere in considerazione il rischio di interazioni farmacologiche.

Come curcuma non fa eccezione a questa regola, ecco un elenco di interazioni farmacologiche da considerare:

  • Rischio di interazione con antidiabetici orali
  • Rischio di interazione con anticonvulsivi (fenitoina)
  • Evitando l’associazione con gli anticoagulanti, (inibizione dell’aggregazione delle piastrine mediante modulazione della biosintesi eicosanoide), principalmente prodotti basati su pura curcumina, rischio di interazione con warfarin (Coumadine)
  • Rischio di interazione con farmaci anticancer – non raccomandate combinazioni con determinate chemioterapia (rischio di inibizione parziale dell’efficacia durante il trattamento – Camptothecin (Campto®), doxorubicin (Adriamicina®), meclorothamina e ciclofosphamide (Endoxan®), vincristina (Oncovin®)
  • Rischio di interazione con antiipertensivi (losartan), anti-arrythmics, statine, inibitori del calcio, anti-infettivi, immunosoppressori, antistamitici H1, benzodiazepine, farmaci antinfiammatori non steroidei e l’IDU
  • Possibile combinazione con alcune chemioterapie (elementi sperimentali di sinergia d’azione/potenziale di efficacia – Gemcitabine (Gemzar®), paclitaxel (Taxol®), docetaxel (Taxotère®), oxaliplatina (Eloxatin®)

Come prenderlo e a quale dosaggio?

Nella dieta:

Mescolare un cucchiaino pieno di curcuma in polvere con uno o due cucchiai di olio d’oliva, macinare una goccia di pepe nero, da mangiare durante il giorno su un cibo (pasta, riso, verdure, o anche in un’insalata).

Nella preparazione magistrale:

Ecco il dosaggio di estratti di liquidi di piante fresche standardizzate nella soluzione di glicere (EPS):

– 1 c. caffè mattina e sera per 1 mese, rinnovabile 3 mesi, per diluire in un grande bicchiere d’acqua

Nota:

La piperina al pepe aumenta l’assorbimento e la biodisponibilità della curcumina. Sono sinergici nella prevenzione della senescenza. In particolare, si raccomanda che la piperina sia inclusa nelle formulazioni contenenti curcumina per inibire il glucuroconjugation della curcumina.

Anche la miscela zenzero-curcuma sembra sinergica. La medicina ayurvedica ha usato una combinazione di pepe nero, pepe lungo e zenzero fin dai tempi antichi per migliorare l’efficacia di alcuni rimedi.

Clementine. m.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *