IL GRANDE camomilla (Tanacetum Parthenium L.) Vantaggi e indicazioni per la proprietà

IL GRANDE camomilla (Tanacetum Parthenium L.)

Da dove viene?

La grande camomilla fa parte della famiglia di asteraceae, è conosciuta fin dai tempi antichi come una pianta con molteplici proprietà benefiche. È sempre stato utilizzato per le sue proprietà antipiretiche come suggerisce il suo nome inglese “feverfew”, così come per malattie come problemi mestruali, disturbi digestivi, psoriasi… È utilizzato principalmente oggi per la prevenzione di emicrania mal di testa.

Originario dei Balcani, è stato trovato oggi in Europa e Nord America. Ospita tutti i suoli, anche calcarei, e cresce principalmente nei giardini o lungo le pareti, e in macerie umiditàe. In particolare, le parti aeree in fiore della pianta sono utilizzate con la massima concentrazione di partenolidi al momento della fioritura.

Come possiamo descriverlo botanicamente?

La grande camomilla è una pianta perenne alta 50-70 cm. I gambi sono in realtà ramificati e rigidi. Le foglie sono anche scritte o bipenate e divise in diversi segmenti di arti merate. I capituli, tuttavia, assomigliano a quelli di una margherita con la loro corona di ligule gialla e bianca. Queste capitolelle sono infatti raggruppate in corymb. Il frutto è un akene sormontato da una breve corona mernella.

Di cosa è fatto?

La grande camomilla è costituita principalmente da lactoni sesquiterpenici, olio essenziale di camphor e flavonoidi.

Quali sono le sue principali proprietà farmacologiche?

La grande camomilla ha un’azione anti-emicrania per la sua azione a livello di neuromediatori (inibizione del rilascio di serotonina da piastrine causate da IgE e anche inibizione in vitro del rilascio di istamina da piastrine), così come dalla sua azione a livello vascolare (inibizione della dose e dipendente dal tempo, contrazione dei muscoli vascolari liscia: questa azione è dovuta alla fissazione della funzione e all’inibizione in vitro del monossido di azoto inattivazione di un enzima specifico.

Ha anche proprietà antinfiammatorie e analgesiche inibendo il rilascio di acido aracidico e l’espressione di cicloossigenasi. C’è anche un’azione protettiva delle cellule endoteliali vascolari.

Quali sono le indicazioni della Grande Camomilla?

  • Prevenire gli attacchi di emicrania
  • Regole dolorose
  • Emicrania cataenale

Quali sono le precauzioni per il lavoro?

  • Contra-indicato nelle donne incinte o in lattanti (può essere abortivo)
  • Solo per adulti
  • Attenzione su possibili allergie alle asteraceae
  • Tutti i lactoni sesquiterperici possono essere responsabili di dermatite allergica, (sospetta citotossicità)

Ci sono rischi di interazioni farmacologiche?

Tuttavia, come per tutte le sostanze contenenti principi attivi, si dovrebbe prendere in considerazione il rischio di interazioni farmacologiche.

La camomilla grande presenta un rischio di interazioni e dovrebbe essere evitata in combinazione con anticoagulanti e antiagreganti piastrine (rischio di potenziamento) e
potenziali interazioni con warfarin.

Come prenderlo e a quale dosaggio?

Infusione:

da 2,5 a 5 grammi di infusione

Nella preparazione magistrale:

Ecco il dosaggio di estratti di liquidi di piante fresche standardizzate nella soluzione di glicere (EPS):

1 c. caffè mattina e sera per 1 mese, rinnovabile 3 mesi, per diluire in un grande bicchiere d’acqua

Clementine. m.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *