THE FUMETERRE (Fumaria Officinalis) Benefici e Indicazioni Proprietà

Merci de partager cet article sur
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

IL FUMETERRE (Fumaria Officinalis)

Da dove viene?

Il fumo, o “erba di ittero”, è utilizzato principalmente per la sua azione normativa sulla funzione epatobilia, insufficienza epatica o congestione. È un eccellente cervo del corpo.

Questa specie è originaria dell’Europa e del Nord Africa; cresce principalmente in campi, terreni incolti e vigneti.

L’origine della parola fumeterre è tuttavia piuttosto controversa: Fumaria proviene dal latino fumus terrae (fumo della terra), perché alcuni pensavano che il fumterre nascesse “dai vapori della terra” come il suo fogliame grigiastro sembrava vaporoso. Per altri, tuttavia, questo nome è dovuto al fatto che il succo della pianta fa piangere la pianta come il fumo. I suoi sinonimi non sono, tuttavia, senza evocare la sua attività terapeutica: fiel di terra, erba ittero.

Come possiamo descriverlo botanicamente?

Fumeterre è una pianta erbacea annuale lunga circa 50 centimetri. Il gambo, spesso sdraiato, ha foglie profondamente divise di tonalità grigiastra verde. I fiori rosa viola e zigfomorce hanno uno sperone e sono disposti in grappro. Il frutto è un siliulano globulare. Molto comune cresce tra le pietre, in vecchie mura o terreni non istruiti.

Di cosa è fatto?

Fumeterre è costituito principalmente da alcaloidi, protoberberine, indeno-benzazepine, vialoidi, mucilages ed esteri.

Quali sono le sue principali proprietà farmacologiche?

Il fumo è tradizionalmente usato in molti paesi per trattare in particolare disturbi della pelle (dermatite, eczema, psoriasi…). Si ritiene che l’azione sia dovuta all’acido fumarico. Ha un’azione altrimenti anti-istamina dovuta in gran parte alla presenza di protopina, un importante alcaloide nella famiglia fumariaced.

È stato dimostrato che la presenza di tutti i principi attivi delle parti aeree di questa pianta era tuttavia essenziale per avere un’azione efficace sui disturbi digestivi. Infatti, non si trova alcuna azione eparovescolare quando i componenti chimici vengono presi in isolamento.

Il fumterre è quindi dotto biliare e amcholeric; stimola la secrezione biliare e riduce l’ipersecrezione patologica. Inoltre, ha proprietà antibatteriche, antivirali, antifungini e GABA-ergic (aumentando la fissazione del GABA sui suoi recettori centrali, e serotonina). È anche un inibitore dell’acetilcolinesera (potenzialità nella malattia di Alzheimer), e un anti-aritmico (estratti totali).

Quali sono le indicazioni di fumeterre?

  • Discinesia bile, dispepsia
  • Spasmi dei dotti biliari e cistifellea
  • Bile lithiases
  • Spasmi digestivi
  • Disturbi gastrointestinali, sindrome dell’intestino irritabile
  • Costipazione
  • Emicrania
  • Asma
  • Allergie cutanee: eczema, alveari, prurigo, psoriasi, piano di licheni, perla associata alla disfunzione digestiva
  • Problemi al fegato
  • Colopatia spasmodica con o senza costipazione
  • Fermentazione, meteorismo
  • Mal di testa ed emicranie associate a disfunzione digestiva

Quali sono le precauzioni per il lavoro?

  • Contro-indicato nelle donne incinte o in gravidanza
  • Solo per adulti
  • Contraqualato in caso di ostruzione dei dotti biliare, pietre e/o malattie biliose o epatiche
  • Controindicato in caso di ipersensibilità alle sostanze attive
  • L’uso prolungato di fumterre può essere pericoloso dall’accumulo di alcaloidi

Ci sono rischi di interazioni farmacologiche?

Come tutte le sostanze contenenti principi attivi, il rischio di interazioni farmacologiche dovrebbe essere preso in considerazione.

Il fumterre non fa eccezione a questa regola, ecco l’elenco delle interazioni farmacologiche da considerare:

  • Non utilizzare in pazienti che prendono ciclosporina

Come prenderlo e a quale dosaggio?

Ecco il dosaggio di estratti di liquidi di piante fresche standardizzate nella soluzione di glicere (EPS):

1 c. caffè mattina e sera per 1 mese, rinnovabile 3 mesi, per diluire in un grande bicchiere d’acqua.

Clementine. m.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *