Come curare la febbre con l’omeopatia?

La febbre è caratterizzata da un marcato aumento della temperatura corporea. Si manifesta in tutti gli esseri viventi a sangue caldo e negli esseri umani, questo aumento può andare oltre i 40 ° C. Poiché la temperatura normale del corpo umano oscilla tra 36,5 ° C e 37,5 ° C, si considera che sia in presenza di febbre da 38 ° C.

Il controllo di questa temperatura può essere effettuato utilizzando un termometro da varie parti del corpo, compreso il retto, le ascelle e la bocca. La temperatura rettale è più affidabile per i bambini di età inferiore ai 5 anni. Oltre questa età, è necessario misurare la temperatura a livello della bocca. Mentre la febbre è comune nei neonati e nei bambini piccoli, anche negli adulti. In effetti, la febbre è una reazione immunitaria del corpo umano.

Di fronte all’attacco di vari batteri e altri parassiti che rilasciano sostanze chimiche che mettono in pericolo il corpo umano, i globuli bianchi responsabili delle sue difese reagiranno rilasciando sostanze chiamate pirogeni. L’aumento della temperatura corporea è quindi il risultato di questi pirogeni. Questa reazione inibisce o elimina completamente le azioni di microbi e parassiti che non possono sopravvivere ad alta temperatura. A volte, questo aumento di temperatura si verifica durante sforzi intensi durante un periodo di calore elevato, o sovraesposizione al sole o disturbi ormonali. Ma può anche essere la manifestazione degli effetti di alcuni farmaci.

I 4 diversi tipi di febbre:

1- Febbre con febbre alta:

Il sintomo principale della febbre è un aumento della temperatura superiore a 38 ° C. Ma a seconda dei casi, altri sintomi spesso si aggiungono a questo cambiamento di temperatura.

2- Febbre con febbre improvvisa:

A volte la febbre può presentarsi come un improvviso aumento della temperatura dopo aver sentito molta sete con grande ansia e pelle secca.

3- Febbre con temperatura media:

La febbre può manifestarsi anche con un susseguirsi di pallore e arrossamento, con una temperatura intorno ai 38,5 ° C. Un altro tipo di sintomo è una grave stanchezza accompagnata da secchezza delle fauci e sensazione di sete e forti brividi.

4- Febbre e rigidità:

A volte in un individuo febbricitante si verificano dolori, forte sudorazione e tremori. Per mantenere il corpo ad alta temperatura, una regione del cervello chiamata ipotalamo fa contrarre i muscoli, i tremori derivano da questo meccanismo. Quindi, in modo che la temperatura possa tornare alla normalità, il calore verrà rilasciato attraverso il sudore. In casi molto rari, dal corpo del paziente possono emergere anche un sudore viscoso e un odore sgradevole. Per alcuni bambini, in particolare i bambini sotto i 3 mesi di età, la febbre può essere accompagnata da convulsioni.

I 4 diversi rimedi omeopatici per la febbre:

  • Aconitum 9CH una dose da ripetere 3 ore e poi 6 ore dopo per tutte le febbri ad insorgenza improvvisa, molto alta sin dall’inizio (40 °), con forte sete ma senza sudorazione.
  • Belladonna 9CH 5 granuli ogni due ore in caso di febbre ad insorgenza improvvisa, molto alta sin dall’inizio (39-40 ° C) con forte sudorazione e sete intensa; il viso è scarlatto, gli occhi sono brillanti, le pupille dilatate, lo sguardo fisso, come congelato. Il sonno è inquieto, popolato di incubi.
  • Gelsemium 7CH 2 granuli 3 volte al giorno se la febbre non provoca sete ma lascia il soggetto stordito, stordito e assonnato.
  • Ferrum phosphoricum 9CH 5 granuli 4 volte al giorno per “febbre lieve” (38,5 ° C), che si assesta lentamente, con tosse secca. Il viso è pallido, le mani sudate, la sete moderata. In un bambino, questo rimedio può ridurre l’insorgenza di otite..

A volte è essenziale consultare un medico per trovare la malattia in questione:

In un bambino, una febbre che dura più di 2 giorni e supera i 39 ° C richiede sempre un consiglio medico. Se la temperatura supera i 40 ° C, il paziente deve essere visitato da un medico, indipendentemente dall’età.

Come abbiamo già sottolineato, l’obiettivo del medico omeopatico è curare il paziente e non in particolare la sua febbre. La febbre è solo un sintomo e isolarla dal resto del quadro clinico significa decapitare un processo di difesa, una reazione del sistema immunitario. La medicina omeopatica adattata accompagna, canalizza e ottimizza questo processo. Dovrebbe essere prescritto ai primi sintomi, il prima possibile. Naturalmente, il farmaco deve alleviare rapidamente ed essere accompagnato da misure igienico-dietetiche.

Quando la febbre è molto resistente e non progredisce nonostante i vari trattamenti che sono stati effettuati, il paziente deve sempre consultare un medico anche se non compare nessuno dei suddetti sintomi.

 

 

Arnaud. C (Docteur en Pharmacie)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *