Qual è la differenza tra EPS (PhytoPrevent) e SIPF (Synergia)?

differenza tra EPS e SIPF

Per spiegare velocemente la differenza tra questi due tipi di estratti di piante officinali fresche , vedremo prima il metodo SIPF, per poi evidenziare le 2 fasi finali e originali del processo EPS: lisciviazione dove l’alcol viene aggiunto alla miscela di impianto criomacinato, aumentando gradualmente il grado alcolico e l’ aggiunta di glicerina , dopo evaporazione dell’alcol e dosaggio del tracciante, l’ultima operazione consiste nell’aggiungere glicerina di origine vegetale per garantire la standardizzazione del prodotto.

Il processo SIPF

Il processo SIPF è un processo produttivo che ha la particolarità di conservare tutti i costituenti così come erano allo stato originario nella pianta fresca (idem per EPS ). Questo processo è stato brevettato dal 1981 ed è stato recentemente trasferito al Laboratorio Synergia , che ha appena ottenuto il marchio di Agricoltura Biologica da ECOCERT per l’intero processo. Solo una pianta sfugge a questa etichettatura, il wrack , che è un’alga.

Il processo EPS

A differenza di questo processo SIPF , il laboratorio PhytoPrevent non può rivendicare estratti vegetali etichettati come agricoltura biologica , anche se lo sono. Questa particolarità è dovuta all’aggiunta di glicerina, che non può essere “biologica”, trattandosi di un prodotto sintetico (minerale o vegetale).

Le 3 fasi comuni dei processi SIPF ed EPS

Coltivazione di piante medicinali:

Selezionate secondo precisi criteri: epoca di raccolta, fase vegetativa e, a parte la crusca, le 17 piante utilizzate nel concetto SIPF sono coltivate in Ardèche, nel rispetto delle regole dell’agricoltura biologica.

Raccolta piante medicinali:

Le piante (SIPF) vengono raccolte in base alla data di raccolta ideale, che può essere diversa per ciascuna di esse. Meno di 24 ore dopo la raccolta, le piante fresche passano alla lavorazione. Un primo controllo permette di controllare l’identità della pianta e di controllare la qualità del raccolto, senza ionizzazione o irradiazione.

Le piante EPS vengono raccolte in Francia (es. biancospino nella Drôme) e/o all’estero, a seconda del periodo di raccolta e della parte presa (fiori, frutti, foglie, radici…) preferibilmente in campi coltivati ​​biologicamente o in aree selvagge non inquinate.

Criomacinazione di piante medicinali:

Gli impianti SIPF vengono raffreddati a -25°C con azoto per bloccare la degradazione enzimatica. Vengono quindi macinati a -196°C in particelle di 1 mm quindi da 50 a 400 micron (1 micron = 0,001 mm).

Le piante di EPS vengono anche congelate nelle ore successive per evitare che si ossidino, quindi stoccate a -18° in celle frigorifere. Questo passaggio presuppone quindi il perfetto controllo della catena del freddo. Il passo successivo è quello di macinare meccanicamente le piante ancora congelate.
Il macinato raccolto nella vasca viene ricoperto con acqua debolmente alcolica.

Le 2 diverse fasi dei processi SIPF ed EPS

SIPF:

  • Miscelazione, macerazione e centrifugazione per SIPF:

La polvere così ottenuta viene mescolata con acqua e alcool biologico (alcool 30%) e lasciata macerare per alcune settimane.
La centrifugazione avviene in 2 fasi, prima per separare il “fango” dal mosto macerato e poi per affinare il mosto così ottenuto.
Questo “fango” si secca per ultrapressione molecolare (40 bar). Questa operazione permette di recuperare un succo puro ad alta concentrazione che viene miscelato con il primo succo ottenuto durante la centrifugazione.

  • Stabilizzazione e controlli del prodotto:

I SIPF così ottenuti vengono controllati (dosaggio dei principali principi attivi) e la concentrazione alcolica viene regolata in modo da rispettare la carta di produzione.

ENV:

  • Lisciviazione per EPS:

Dopo la criomacinazione, a questa miscela viene poi aggiunto dell’alcol, aumentando gradualmente il grado alcolico. Questo permette un’estrazione più “dolce” di tutti i principi attivi che rispetta le qualità fisico-chimiche dei componenti.

  • Aggiunta di glicerina per EPS:

Dopo l’evaporazione dell’alcol e il dosaggio del tracciante, l’ultima operazione consiste nell’aggiungere glicerina di origine vegetale per garantire la standardizzazione del prodotto.

Infine, la qualità dei prodotti in EPS presuppone una qualità irreprensibile delle materie prime a monte, cioè degli impianti. Tuttavia, la loro composizione può essere molto variabile da un anno all’altro, a seconda delle condizioni climatiche, dei periodi di raccolta, dello stadio vegetativo, della natura del suolo, ecc. A
fronte di queste disuguaglianze e per garantire una concentrazione costante nel tracciante selezionato, il processo di L’estrazione brevettata dell’EPS si basa sulla standardizzazione del prodotto.

L’aggiunta di glicerina durante la fase finale del processo di estrazione consente di regolare la concentrazione finale del tracciante.

Promemoria su SIPF : caratteristiche e specificità

Efficienza:

Il processo SIPF rispetta e ripristina l’integrità biochimica della pianta fresca per una maggiore efficienza rispetto a tutte le altre forme galeniche con maggiore rapidità d’azione. La conservazione in sospensione idroalcolica del solo 30% migliora la biodisponibilità del potenziale terapeutico.

Specificità:

La presenza di alcol non sempre ha una buona stampa, eppure le quantità sono minime. Quindi 5 ml di SIPF (la dose media generalmente consigliata al giorno, da diluire in acqua) corrispondono a 0,024 g di alcol per litro di sangue per un uomo di 70 kg. Contro 0,20 g di alcol per litro di sangue dopo assorbimento di una birra da 25 cl a 5°. Tuttavia, a causa della presenza di alcol e in conformità con le raccomandazioni sanitarie, la SIPF è controindicata nelle donne in gravidanza e nei bambini di peso inferiore a 40 kg.

 

Arnaud. C. (Dottore in Farmacia)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *