Cos’è un olio essenziale chemiotipo?

óleo essencial de quimiotipo ou HECT em Aromaterapia
Merci de partager cet article sur
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Che cos’è un olio essenziale chemiotipo o HECT in aromaterapia?

Dopo una graduale evoluzione della ricerca, la moderna aromaterapia raggiunse la sua maturità nel 1980, quando i biochimici isolarono i principi attivi dalle molecole. Il dottor Pierre Franchomme, con il concetto di chemiotipo, ha contribuito a migliorare l’identificazione dei principi attivi negli estratti utilizzati. Da quel momento in poi, la scienza ha raddoppiato le sue indagini sulla scienza delle piante.

Cos’è un chemiotipo?

Il chemiotipo di un olio essenziale (H.E) è infatti definito dal livello della molecola più presente in un olio essenziale. È essenziale conoscere il concetto di “chemiotipo” chiamato anche chemiotipo. Di razza biochimica definita, appena ci avviciniamo all’aromaterapia. Questa precisione data all’olio essenziale permette in definitiva di definire la molecola o le molecole biochimicamente attive su un certo numero di patologie clinicamente studiate.

Un esempio tra molti altri, tuttavia, ci permetterà di illustrare questa nozione fondamentale fornita da Pierre Franchomme:

Il TIMO è una pianta molto utilizzata per le proprietà terapeutiche del suo olio essenziale. Naturalmente, ci sono più biotopi in cui questa specie vegetale si sviluppa facilmente.

1 ° chemiotipo:

Timolo timo: Thymus vulgaris CT timolo (questo H.E contiene circa il 40% di timolo, che definisce il suo chemiotipo)

2 ° chemiotipo:

Thyme thujanol: Thymus vulgaris CT thujanol (contiene circa il 50% di thujanol, che definisce il suo chemiotipo)

3 ° chemiotipo:

Timo linalolo: Thymus vulgaris CT linalolo (contiene circa il 60% di linalolo, che ne definisce il chemiotipo)

Una molecola viene generalmente presa in considerazione in un H.E solo se supera il 10%.

Riconosciuto a livello internazionale e ampiamente utilizzato nelle pubblicazioni scientifiche e accademiche, la precisione del chemiotipo di un olio essenziale, associato al nome scientifico latino, consente quindi la perfetta comprensione del modo di azione degli oli essenziali che porterà all’uso di un , aromaterapia, naturale, potente ed efficace. Questa identificazione permette, soprattutto, di conoscere il livello di qualità di un olio essenziale. Se, sulla confezione di questo, questa informazione non compare, è molto probabile che la qualità di questo olio essenziale sia mediocre.

La dimostrazione del chemiotipo:

Il chemiotipo utilizzato in aromaterapia permette di identificare all’interno della stessa specie variazioni chimiche dei metaboliti secondari dovute in particolare a fattori ambientali (altitudine, soleggiamento, temperatura, umidità, ecc.). Pertanto, la benzina prodotta da due piante della stessa specie, nonostante il loro genotipo e la loro morfologia molto simili, può presentare grandi variazioni nella composizione chimica. È quindi un concetto molto importante in aromaterapia.

Una pianta aromatica fornirà quindi oli essenziali totalmente diversi a seconda di dove vengono raccolti o da dove provengono. Biochimicamente diversi, due chemiotipi presenteranno non solo attività terapeutiche differenti ma anche tossicità molto variabili.

Puoi estrarre un’essenza da qualsiasi organo non appena ha le strutture per produrla. Così molti EO provengono da fiori, foglie, semi, frutti, rizomi, ecc. La stessa pianta dallo stesso biotopo sarà in grado di sintetizzare essenze con composizioni e odori molto diversi a seconda dell’organo produttore in questione.

L’esempio più noto è quello dell’arancio amaro dal quale possiamo estrarre 3 distinti H.E. Le foglie daranno l’EO di petit grain bigarade, i fiori daranno l’EO di neroli, mentre la buccia del frutto darà l’essenza di scorza d’arancia amara.

Cosa significa il termine HECT?

È fondamentale utilizzare oli essenziali di qualità, 100% puri e naturali, di origine controllata e chemiotipo, non terpenici, con il nome HEBBD (che significa che l’olio essenziale è Botanicamente e Biochimicamente Definito). Altri laboratori utilizzano l’etichetta HECT, simile a quella di HEBBD, che sta per Chemotyped Essential Oil e che è anche una garanzia della qualità degli oli essenziali dal punto di vista botanico e biochimico.

La scarsa conoscenza di questo concetto capitale e la mancanza di precisione lasciano la porta aperta ai fallimenti terapeutici, ma soprattutto alla tossicità di alcuni oli essenziali. Così, di fronte al potere terapeutico degli HECT, uno studio basato non solo sulla conoscenza ma anche sull’esperienza consente un utilizzo ottimale per una medicina naturale dello shock per il terzo millennio.

Alcuni laboratori circondati da competenze lo hanno capito bene. Implementano metodi di analisi costosi e sofisticati per garantire una qualità costante, riproducibile e impeccabile. Tutti i laboratori specializzati in aromaterapia, che distribuiscono oli essenziali nelle farmacie, sono obbligati dalle autorità francesi a fornire un certificato di analisi per ogni lotto commercializzato.

Tutti gli oli essenziali distribuiti nella rete delle farmacie, cioè nelle farmacie, vengono analizzati e chemiotipati da un laboratorio indipendente, che poi rilascia un certificato di analisi. Quest’ultimo deve infatti poter essere consultato su richiesta, per una trasparenza ottimale tra distributore (farmacista) e cliente (paziente).

Le principali famiglie biochimiche di oli essenziali in aromaterapia:

  • ALCOLI MONOTERPENICI (Monoterpenoli):

(Linalolo, mentolo, citronellolo, geraniolo, tujanolo-4, terpineolo, borneolo, terpinene-4-olo, nerolo, ecc.)

  • ALCOLI SESQUITERPENICI (Sesquiterpenols):

(Carotol, viridiflorol, farnesol, cedrol, bisabolol, patchoulol, santalol, eudesmol, globulol, nerolidol, sclareol, ecc.)

  • OSSIDI:

(1,8 cineolo, ascaridolo, linalooloxide, piperitonoxide, bisabololoxide, menthofuran, ascaridiol, ecc.)

  • IDROCARBURI MONOTERPENICI (Monoterpeni):

(α-pinene, limonene, gamma-terpinene, delta-3-carene, β-pinene, canfene, α-terpinene, paracymene, ecc.)

  • IDROCARBURI SESQUITERPENICI (Sesquiterpeni):

(Humulene, camazulene, zingiberene, azulene, longifolene, cedrene, himachalene, caryophyllene, curcumene, germacrene, α-farnesene, ecc.)

  • FENOLI:

(Timolo, carvacrolo, eugenolo, guaiacolo, ecc.)

  • ALDEIDI AROMATICHE:

(Cinnamaldeide, benzaldeide, cuminaldeide, ecc.)

  • ALDEIDE TERPENICHE:

(Citronellal, geranial, neral, ecc.)

  • ESTERI:

(Acetato di bornile, acetato di geranile, acetato di linalile, acetato di mentile, acetato di nerile, salicilato di metile, acetato di benzile, acetato di eugenile, acetato di terpenile, acetato di mirenile, acetato di fenile, angelato di isobutile, angelato di petasile, tigilato di citronellile, isovalerato di linalile benzoato, metil metilantranilato, metil cinnamato, metil metrossiantranilato, ecc.)

  • ETERI (fenoli metil eteri):

(Trans e cis-anetolo, metil-chavicol, metil-eugenolo, dietilstilbestrolo, β-arasone, ecc.)

  • CHETONI:

(Carvone, mentone, verbenone, canfora, tujone, tagetone, piperitone, pulegone, D e L carvone, acetone, metil-n-nonil chetone, italidione, artemisia chetone, cryptone, frenchone, borneone, pinocamphone, pinocarvone, germacroma, α e β-atlantone, davanone, germacrone, α e β-vetivone, aril-tumorone, difenone, ecc.)

  • LATTONI:

(Alantolattone, artemisinina, massoia lattone, partenolide, ecc.)

  • COUMARINE:

(Angelicina, umbelliferone, erniarina, imperatorina, scopoletolo, psoralene, bergaptene, 1,2 benzopirene, visnadina, limettina, umbelliprenina, ecc.)

  • FTALIDI:

(3-n-butilftalide, ligustilide, sedanolide, ecc.)

Arnaud C. (Dottore in Farmacia)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *