Burn-out, come evitare l’esaurimento mentale grazie alla Naturopatia?

Burn-out, come evitare l'esaurimento mentale grazie alla Naturopatia

Il burnout (BO) colpisce oggi una percentuale impressionante della popolazione attiva in Occidente. Dopo aver sfiorato una breve storia della sua scoperta, quindi averla descritta (una sindrome che raggruppa esaurimento emotivo, spersonalizzazione e riduzione della realizzazione personale), il burnout è nato in Nord America come cento anni prima. Nevrastenia e sindrome di yuppie (o stanchezza post-virale cronica sindrome). Nel contesto di una società di trabocco, sarebbe una patologia del dono di sé.

L’espansione del termine burnout è fonte di confusione a causa dei limiti imprecisi di questa realtà.

Cos’è il burnout?

Questo può essere paragonato a un disturbo dell’adattamento, uno stato di stress post-traumatico o uno stato di depressione. Può anche designare un’immagine di disagio psicologico di intensità subclinica rispetto a quella richiesta per designare una patologia caratterizzata. Potrebbe essere chiamata disregolazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-adrenocorticotropo.

Bruciare significa: fallire, logorarsi, esaurirsi di fronte alla troppa richiesta di energia, forza, risorse. Nell’industria aerospaziale, il burnout si riferisce all’esaurimento del carburante di un razzo con conseguente surriscaldamento e rischio di rottura.

I fattori eziologici del burn-out sono quelli dei rischi psicosociali (esigenze lavorative, richieste emotive, mancanza di autonomia, mancanza di supporto e riconoscimento sociale, conflitti di valore, precarietà lavorativa e lavorativa) e quelli legati alla personalità del soggetto: fattori individuali possono essere fattori determinanti di vulnerabilità (nevroticismo, investimenti eccessivi, storia psicopatologica, ecc.)

Come spiegare i sintomi del burnout?

Stanchezza cronica, perdita di motivazione ed efficienza sul lavoro, sensazione di essere sopraffatti, autoironia, crescente irritabilità e mancanza di concentrazione … Il burn-out si verifica quando ci sentiamo come se stessimo perdendo il controllo del nostro ambiente, veniamo trattati in modo ingiusto e perdiamo il supporto. Questa sindrome psicologica legata all’ambiente e non alla persona è oggi in piena espansione e non riguarda solo l’ambiente professionale.

Stanchezza, stress e sofferenza psicologica sono stati difficili da oggettivare e da riconoscere. Ecco perché le categorie attraverso le quali questi stati verranno plasmati e interpretati contribuiscono così fortemente a determinare la realtà dei fenomeni in questione, anche se oggetto di problematiche e interessi che vanno oltre la semplice riflessione scientifica.

Alcuni consigli naturopatici per evitare il burnout:

In tutti i casi, deve essere messo in atto un processo di “esonero” e di esteriorizzazione della causa. Assumere una diagnosi di burnout o sindrome da stanchezza cronica evita quindi la psicologizzazione della fatica.

  • Impara a delegare:

È necessario sapere su cosa concentrarsi per delegare compiti in modo chiaro ed efficace. Potresti dire che per addestrarti a delegare, devi semplicemente iniziare a delegare compiti.

  • Dormi (almeno) 8 ore a notte:

Il sonno è della massima importanza! Dormire bene la notte può aiutare a combattere la stanchezza caratteristica del burnout, sebbene i disturbi del sonno possano essere un sintomo. Si consiglia quindi di dormire ad orari regolari.

  • Mangia (più) in modo sano:

Una cattiva alimentazione è una fonte di stress per il corpo, mentre una dieta sana fornisce energia. Ciò significa che è giunto il momento e vale la pena optare per cibi e stili di vita più sani.

  • Entra in meditazione:
    Respirare

La respirazione è collegata tra il corpo e la mente. Quando arriva un’emozione forte, il respiro accelera e viceversa. “La rimessa a fuoco viene utilizzata per trovare la tua respirazione naturale. Devi solo essere consapevole del tuo respiro. Questo semplice fatto lo modificherà, lo rallenterà. Sarà quindi più efficace e più completo. È la respirazione addominale, che è più vicina a quella del neonato ”.

  • Diventa consapevole della tua condizione

Come primo passo, la meditazione a tre punti consente di fare un inventario generale: “Analizza le tue sensazioni corporee, imparerai così a dirigere la tua attenzione verso le sensazioni fisiche del corpo. Quindi concentrati sul tuo respiro, senza modificarlo. E infine, analizza i tuoi pensieri e le tue emozioni per scandire il tuo mondo interiore ”.

  • Esercizio (almeno) una volta alla settimana:

Nella fase di burn-out, sei asfissiato. Praticare un’attività sportiva rivitalizzerà il corpo e ripristinerà rapidamente l’energia fisica e poi mentale.

  • Trascorrere del tempo con i propri cari:

Molti di noi tendono a dimenticare che c’è vita dopo il lavoro e, cosa più importante, che è necessaria per l’equilibrio personale. È normale voler mettere alla prova te stesso, ma lo è molto meno se è a scapito della tua famiglia e dei tuoi cari. Tanto più che questi ultimi sono generalmente ottimi supporti. Non trascurare chi ti circonda!

  • Circondati di piante:

Vivere e lavorare tra le piante fa bene alla salute. Essere circondati dalle piante migliora il nostro benessere fisico e morale, soprattutto quando passiamo molto tempo in casa. In ufficio la presenza della vegetazione ha un impatto positivo sull’ambiente di lavoro, sul coinvolgimento dei dipendenti e sulle performance aziendali. A casa, gli elementi vegetali facilitano il relax e il comfort e purificano l’aria ambiente.

  • Disconnetti dagli schermi:

Lavorare davanti a uno schermo è tutt’altro che facile. Questo modo di lavorare può sviluppare dolore fisico e disagio. C’è un vero legame tra questo disagio e la sovraesposizione agli schermi. Quindi, il prima possibile, esci per respirare aria fresca e liberare la mente.

  • Prenditi del tempo per te stesso:

Questa volta è necessaria per curare le sue ferite, per permettere al suo corpo di guarire, per ritrovare la forza e l’energia per alzarsi in piedi. Adesso è il momento di prenderti cura di te stesso. Per aprirsi anche ad altre cose.

  • Nutri le sue passioni:

Nutrire le tue passioni è essenziale per il benessere e lo sviluppo personale. Mostre, laboratori artistici, lezioni di teatro o canto, restauro di mobili, maglieria… risparmia tempo per praticare un’attività che ti anima.

  • Apprezza le cose semplici della vita:

Scambia un sorriso con uno sconosciuto, bevi un caffè caldo, leggi un libro, annusa il profumo di un bel mazzo di fiori… apprezzare e saper sfruttare tutti i piccoli piaceri che la vita offre rende migliore la vita di tutti i giorni!

Piante medicinali e burnout:

È una delle piante adattogene più potenti. Migliora le capacità mentali e la qualità del sonno. Ha effetti ansiolitici e anti-stress, misurati dalla scala Hamilton (HAM-A Hamilton Anxiety Rating Scale) e DASS-21 (Depression, Anxiety, and Stress Scale -21), mediante la riduzione degli ormoni dello stress cronico (cortisolo e DHEA ).

Ashwagandha è indicato nell’astenia, superlavoro e favorisce il riposo e il rilassamento.

L’avena è indicata per disturbi nervosi, insonnia, astenia e stati di esaurimento. Il gramin che contiene è un alcaloide indolo che ha una struttura molecolare simile a quella della serotonina.

L’H.E del Pinus silvestris è cortico-stimolante, ed infatti efficace nelle astenie profonde, nell’esaurimento nervoso, nella nevrastenia, nella depressione e nel burn-out.

Nel massaggio a livello lombare e sacro dove si trovano le ghiandole surrenali (parte bassa della schiena). Questo stimola la naturale sintesi del cortisolo per ridare vitalità ed energia all’organismo.

Con proprietà adattogene * e cortisoniche, questo olio essenziale è indicato in caso di astenia profonda, spossatezza, apatia e affaticamento fisico.

* Una sostanza adattogena è una sostanza farmacologica in grado di indurre in un organismo uno stato di aumentata resistenza aspecifica, consentendo di controbilanciare i segnali di stress e di adattarsi ad uno sforzo eccezionale. In altre parole, una pianta adattogena aiuta il corpo ad adattarsi allo stress.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *