Febbre maculata: una malattia trasmessa dalle zecche

La febbre maculata del Mediterraneo (MSF), nota anche come febbre maculata, è una malattia infettiva causata dal batterio Rickettsia conorii. È trasmessa dalle zecche del genere Rhipicephalus. Sebbene sia diffusa principalmente nelle regioni mediterranee, può essere riscontrata anche in altre parti del mondo dove sono presenti le zecche vettori. La malattia è caratterizzata da febbre, dolori muscolari, mal di testa e un’eruzione maculopapulare, spesso scambiata per morbillo. Sebbene raramente sia fatale, la FBM può portare a gravi complicazioni se non viene trattata tempestivamente.

Qual è l’agente patogeno?

La febbre maculata mediterranea (FMB ) è una malattia trasmessa dalle zecche e causata dal batterio Rickettsia conorii conori. È trasmessa principalmente dalla zecca del cane, Rhipicephalus sanguineus. Sebbene sia ampiamente presente nelle regioni mediterranee, la sua eco-epidemiologia rimane poco conosciuta, in particolare per quanto riguarda il suo serbatoio originario e i fattori di emergenza. La FBM si sta diffondendo geograficamente e sta diventando sempre più grave, diventando una delle malattie emergenti o riemergenti del mondo.

Storicamente considerata relativamente benigna, con un tasso di mortalità inferiore al 2%, la FBM ha visto un aumento delle forme gravi a partire dagli anni ’90, con tassi di mortalità superiori al 3% e addirittura al 6%. La Rickettsia conorii è un batterio Gram-negativo intracellulare obbligato, diffuso soprattutto nel bacino del Mediterraneo, compresa la Francia meridionale, dove un tempo era responsabile del “tifo della vendemmia “.

Sebbene non sia presente nelle Americhe, in Australia e nel Pacifico, sono possibili casi di importazione dopo il ritorno dalle regioni endemiche. Le rickettsie infettano principalmente gli artropodi e misurano circa 300 nm. Sono classificate come alfa-proteobatteri. Gli artropodi succhiatori di sangue spesso inoculano all’uomo questi batteri, causando varie malattie, come la malattia rickettsiana.

Per molto tempo questi batteri sono stati considerati intermedi tra i batteri e i virus, a causa della loro natura intracellulare e delle loro piccole dimensioni. Le rickettsie penetrano nelle cellule dove si moltiplicano per scissiparità, causando infezioni multifocali, in particolare dell’endotelio vascolare.

La patogenesi della FBM prevede un’infezione multifocale con vasculite disseminata, che spiega le varie manifestazioni cliniche, come eruzioni cutanee e complicazioni cardiache, muscolari, renali e neurologiche.

Come colpisce la malattia negli animali?

Nei cani, i sintomi dell’infezione da Rickettsia conorii sono generalmente assenti o minimi. Il morso infettante è spesso causato dalle forme immature della zecca (larva, ninfa), che spesso passano inosservate a causa delle loro piccole dimensioni e della loro discrezione. La zecca deve rimanere a contatto con la pelle per 10-20 ore per trasmettere l’infezione.

I cani non fungono da ospiti serbatoio per il batterio, che non è in grado di moltiplicarsi negli animali, causando solo una febbre transitoria. Il cane agisce invece come vettore, trasportando le zecche infette all’uomo. Le zecche stesse fungono da serbatoio, trasmettendo l’infezione alla prole attraverso le ovaie.

Sebbene i conigli selvatici siano considerati il probabile serbatoio della Rickettsia conorii, sono possibili anche altri potenziali serbatoi, come i ricci o altri piccoli roditori. La scomparsa dei conigli a causa della mixomatosi in Francia nel 1952 ha portato a un calo dei casi di infezione, seguito da un aumento dopo la ricomparsa dei conigli selvatici nel 1967.

Come si trasmette la malattia?

La febbre mediterranea è trasmessa dal morso di una zecca del cane(Rhipicephalus sanguineus). I cani infetti o le zecche portatrici non trasmettono la malattia direttamente all’uomo, ma la loro presenza aumenta il rischio di infezione.

Nel sud-est della Francia, casi sporadici di febbre mediterranea sono stati collegati alla presenza di zecche. Tra le attività lavorative a maggior rischio vi sono quelle che comportano il morso di zecche, come il lavoro in luoghi regolarmente frequentati da cani, come canili e lavori forestali.

La zecca del cane(Rhipicephalus sanguineus) è il principale vettore di questa malattia. Sebbene la probabilità di essere morsi sia bassa, soprattutto nell’uomo, questa zecca è più aggressiva quando la temperatura sale. Nel sud della Francia, dove queste zecche sono attive tra maggio e ottobre, la maggior parte dei casi umani viene diagnosticata in luglio e agosto.

Dopo un periodo diincubazione di circa una settimana, i sintomi della febbre mediterranea possono comparire gradualmente, somigliando a una condizione influenzale, o improvvisamente, con brividi, stanchezza, mal di testa, dolori e febbre alta (39-39,5°C) entro poche ore. L’infezione si verifica generalmente in estate, quando le zecche mordono nelle macchie e nei giardini, in particolare lungo la costa mediterranea.

Nel sud della Francia, il numero di casi annuali di febbre maculata è diminuito drasticamente da quando la mixomatosi ha ridotto la popolazione di conigli, che sono ospiti del batterio causale, la Rickettsia conorii. Nel sito del morso può comparire una macchia nera, che alla fine può ulcerarsi.

Quali sono i sintomi della febbre maculata?

I sintomi della febbre maculata mediterranea comprendono l’insorgenza improvvisa di febbre alta, accompagnata da dolori muscolari e mal di testa. Questi sintomi sono spesso associati alla presenza di un ganglio e, più frequentemente, di una macchia nera e croccante nel punto in cui è stata morsa la zecca. Successivamente, compare un’eruzione cutanea su tutto il corpo, ad eccezione del viso, anche sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi.

Ilperiodo di incubazione dura in media una settimana (da 3 a 16 giorni). L’esordio dei sintomi è improvviso, con un quadro clinico simile a quello di una malattia influenzale, che comprende febbre a 39°C, mal di testa intenso, fotofobia e dolori muscolari e articolari. In più della metà dei casi, il sito del morso di zecca si presenta sotto forma di macchia nera.

Questa lesione indolore e crostosa, di 3-5 mm di diametro, è circondata da un alone infiammatorio di 2-3 cm. Può essere accompagnata da adenopatia e dura circa una settimana prima di guarire. L’inoculazione oculare può portare a congiuntivite.

L’eruzione cutanea inizia come un esantema morbilliforme sul tronco, poi progredisce agli arti, passando da una forma maculare a una papulare e infine dando un aspetto brufoloso. Può essere associata a emorragie cutanee puntiformi note come petecchie e, nei casi più gravi, a porpora estesa.

Sebbene ildecorso della malattia sia generalmente benigno, possono verificarsi complicazioni viscerali, come danni digestivi, neurologici, cardiovascolari e polmonari, che rappresentano il 5-6% dei casi. Fattori di rischio come l’alcolismo, il diabete, il deficit di G6PD, l’età avanzata, un trattamento ritardato o una terapia antibiotica inappropriata possono aumentare il rischio di complicazioni.

Come viene diagnosticata questa malattia?

La diagnosi di febbre maculata mediterranea viene sospettata in presenza di sintomi suggestivi di “influenza estiva”, soprattutto nelle regioni endemiche o in soggetti di ritorno da viaggi in queste aree. La presenza di un cane nelle vicinanze, un’eruzione cutanea a insorgenza ritardata e la presenza della caratteristica macchia nera aiutano a orientare la diagnosi.

Per confermare la diagnosi si utilizzano diverse tecniche sierologiche, come il classico test di Weil-Felix (basato sull’agglutinazione delle proteine bovine), il test ELISA o il metodo dell’immunofluorescenza. Inoltre, la visualizzazione diretta delle rickettsie su una biopsia dell’escara inoculata fornisce la conferma.

La rilevazione molecolare delle rickettsie mediante PCR è un altro metodo diagnostico, anche se la sua disponibilità può variare a seconda delle strutture tecniche del laboratorio. La diagnosi clinica è spesso più facile nelle aree endemiche, ma al di fuori di queste aree può verificarsi una confusione con l’influenza.

A causa dell’immunità incrociata, i risultati di laboratorio possono indicare semplicemente “febbre a gruppi maculati” in seguito all’agglutinazione con Proteus X2. Tuttavia, la diagnosi molecolare può essere eseguita su siero o biopsia cutanea utilizzando sonde specifiche per la PCR in tempo reale (RT-PCR) o anche il sequenziamento di geni target come ompA, ompB e gltA.

Queste tecniche genomiche permettono di distinguere diverse sottospecie di R. conorii, tra cui R. conorii conorii (agente della febbre maculosa mediterranea), R. conorii israelensis (agente della febbre maculosa israeliana), R. conorii caspia (agente della febbre di Astrakhan) e R. conorii indica (agente del tifo da zecca indiana).

Come si cura?

Il trattamento della febbre mediterranea si basa principalmente sull’uso diantibiotici, in particolare tetracicline e macrolidi. Questi farmaci sono efficaci contro le infezioni batteriche. Questi antibiotici vengono generalmente somministrati per via orale per un periodo di circa una settimana. In alcuni casi, il trattamento può essere prolungato fino a due giorni dopo la scomparsa della febbre per garantire la completa eliminazione dell’infezione e prevenire le ricadute.

È fondamentale iniziare il trattamento antibiotico il prima possibile dopo la diagnosi della malattia. In questo modo si evita che l’infezione si diffonda nell’organismo e si previene lo sviluppo di gravi complicazioni. Gli antibiotici agiscono uccidendo i batteri responsabili dell’infezione o inibendone la crescita. In questo modo, consentono al sistema immunitario di combattere l’infezione in modo più efficace.

Durante il trattamento è essenziale un attento monitoraggio dei progressi clinici del paziente. Se compaiono segni di complicazioni o di deterioramento delle condizioni di salute, può essere necessario apportare modifiche, tra cui il prolungamento della durata del trattamento o la modifica dell’antibiotico.

Va notato che la MBF, sebbene generalmente considerata una malattia benigna, può portare a gravi complicazioni, in particolare nei pazienti con forme gravi della malattia. È quindi essenziale che i pazienti seguano attentamente le raccomandazioni del medico, completando il ciclo di antibiotici prescritto per garantire una guarigione completa ed evitare complicazioni a lungo termine.

Come posso proteggermi dalle infezioni?

La prevenzione della febbre mediterranea neglianimali prevede una serie di misure importanti. In primo luogo, per i cani si raccomanda l’uso di un collare antizecche o di un trattamento preventivo. È inoltre essenziale evitare di portare a spasso i cani in aree in cui le zecche sono abbondanti. Le zecche devono essere rimosse dopo ogni passeggiata. Gli allevatori e i canili devono sottoporsi a regolari controlli veterinari. Il rischio di infestazione da zecche può essere ridotto pulendo e disinfettando i locali e trattando l’ambiente.

Dal punto di vistaumano, è fondamentale formare e informare i dipendenti sui rischi associati alla malattia. È importante mettere in atto misure preventive collettive e individuali. Queste includono l’accesso all’acqua potabile, al sapone, a materiali monouso per la pulizia (come gli asciugamani di carta) e a una cassetta di pronto soccorso con l’attrezzatura appropriata, tra cui pinze per le schegge o un rimuovi zecche e un disinfettante. È opportuno utilizzare armadietti separati per evitare la contaminazione degli indumenti personali.

In caso di malattia animale, si raccomanda di trattare i cani per le zecche, in particolare nelle aree a rischio durante i periodi di attività delle zecche. Le persone che lavorano in ambienti esposti devono indossare indumenti coprenti ed effettuare un’ispezione accurata del corpo, in particolare delle pieghe, per individuare e rimuovere le zecche il prima possibile. Dopo la rimozione, è importante disinfettare il sito del morso e monitorare l’area per diverse settimane per individuare eventuali segni di infezione. È inoltre fondamentale sensibilizzare le persone sui sintomi della malattia.

Fattori di insorgenza della MBF

Dagli anni ’80 sembra essersi verificato un aumento delle forme gravi (multiviscerali) della malattia, nonché delle piaghe da decubito multiple. Ciò potrebbe riflettere un cambiamento nel comportamento delle zecche del cane e/o una maggiore virulenza della sottospecie Rickettsia conori.

I ricercatori del CNRS di Marsiglia hanno studiato un’epidemia di febbre mediterranea a Nîmes nell’aprile 2007. Hanno esaminato la frequenza e la gravità dei casi di malattia rickettsiana nella regione durante le estati molto calde del 2003 e del 2005. Le zecche dei cani sono solitamente presenti in primavera.

Dato il caldo eccezionale che ha accompagnato questi 3 eventi epidemiologici, si è ipotizzato che il comportamento della zecca possa essere cambiato. In effetti, l’aprile 2007 è stato il più caldo degli ultimi 50 anni nella regione. E in effetti, è stato stabilito in laboratorio che mentre la “zecca del cane” preferiva i cani in tempi normali, per ragioni ancora poco conosciute, era molto più propensa a mordere l’uomo in condizioni di caldo più intenso.

Lascia un commento