Sostegno al morbo di Alzheimer con le piante medicinali

La malattia di Alzheimer è una malattia neurodegenerativa del sistema nervoso centrale che colpisce circa un milione di persone in Francia, con una prevalenza del 5% tra i 60 ei 70 anni e oltre il 15% dopo gli 80 anni.

Due tipi di danno cerebrale sono caratteristici della malattia di Alzheimer

1- Placche amiloidi o senili:

Queste placche si trovano nella neocorteccia e nell’ippocampo. Sono dovute in particolare all’accumulo extracellulare di un peptide beta-amiloide che porta alla morte del neurone per necrosi.

2- Una degenerazione neurofibrillare intracellulare:

Questa degenerazione è infatti consecutiva all’accumulo anomalo di un derivato della proteina tau che porta di conseguenza alla morte del neurone.

Inoltre, è stata dimostrata una diminuzione delle capacità di sintesi dell’acetilcolina nella neocorteccia e nell’ippocampo, nonché un’eccessiva stimolazione dei recettori NMDA (N-metil-D-aspartato) da parte del glutammato.

Il cervello di una persona con malattia di Alzheimer quindi diminuisce di peso dall’8 al 10% ogni 10 anni rispetto al 2% di un soggetto sano.

Decorso e sintomi della malattia di Alzheimer

La malattia progredisce in tre fasi :

1- Fase lieve o precoce :

  • Amnesia degli eventi recenti
  • Difficoltà ad apprendere e conservare nuove informazioni
  • Depressione

2- Stadio moderato o intermedio con disturbis :

  • Nell’organizzazione e nell’esecuzione di determinati compiti
  • Del linguaggio (dimenticanza delle parole)
  • Nei gesti complessi (usare una lavatrice, una macchina fotografica, ecc.)
  • Riconoscimento visivo (volto, segnaletica stradale, ecc.)
  • Dalla memoria

3- Stadio avanzato o grave :

  • Incapacità di muoversi, mangiare, svolgere le attività quotidiane in autonomia
  • Perdita totale di memoria (fatti vecchi e recenti)
  • Problemi psichiatrici con allucinazioni, disturbi del sonno, delirio

Il paziente richiede il ricovero in una struttura di lunga degenza. In uno stadio molto avanzato, la malattia diventa fatale.

Un po’ di storia :

Aloïs Alzheimer è stato un neuropsichiatra tedesco (1864-1915). Il nome di Alois Alzheimer è legato alla malattia di cui descrisse per la prima volta i sintomi nel 1906, alla 37a Conferenza degli psichiatri tedeschi. Fu il professor Emil Kraepelin a proporre successivamente di designare questo tipo di demenza con il nome del suo collega.

Nato il 14 giugno 1864, nella piccola cittadina bavarese di Markbreit, nel sud della Germania, Alzheimer studiò brillante medicina a Berlino, Würzburg e Tubïngen, dove si laureò nel 1888. Lo stesso anno iniziò a lavorare in psichiatria ospedale di Francoforte. Fu lì che il 25 novembre 1901 fu internata una donna di 48 anni di nome Auguste D.; Alzheimer lo ha interrogato, osservato e ha annotato i dettagli della sua storia clinica. Cinque anni dopo, quando Auguste D. morì, Alzheimer, che da allora si era unito a Kraepelin a Monaco, eseguì un’autopsia sul cervello del suo ex paziente.

Usando la tecnica istologica dell’impregnazione d’argento, mette in evidenza i due tipi di lesioni cerebrali caratteristiche della malattia per la quale è famoso: degenerazione fibrillare e placche senili. Durante i suoi anni a Francoforte e Monaco, Alzheimer ha pubblicato quasi 70 articoli di ricerca su vari argomenti: demenza vascolare, ritardo mentale, delirio, istopatologia della psicosi, ecc.

Nel 1912 fu nominato direttore della clinica psichiatrica dell’Università Freidreich-Wilhelm di Breslavia (oggi Wroclaw, Polonia). Era quindi all’apice della sua carriera. Ma il neuropsichiatra viene presto colpito da un’infezione degenerativa. Morì il 15 dicembre 1915.

Alcuni consigli naturopatici per prevenire il morbo di Alzheimer


Recentemente è stato dimostrato che cinque fattori possono ritardare l’insorgenza della malattia:

  • Mantenere un legame sociale
  • Non abbandonare troppo presto la tua attività professionale
  • Rimani curioso
  • Mantieni la voglia di imparare
  • Limitare lo stress e i fastidi (provocano un picco nella secrezione di cortisolo dannoso per i neuroni)

Alcune piante medicinali di supporto nella malattia di Alzheimer

Esistono piante medicinali che agiscono contro la demenza, appartenenti alla famiglia delle anticolinesterasici. Queste piante inibiscono il funzionamento di un enzima; colinesterasi, che a sua volta scompone l’acetilcolina. L’effetto positivo nella malattia di Alzheimer si basa sull’ipotesi di un deficit di acetilcolina cerebrale in alcuni pazienti con questa malattia :

Lo zafferano è indicato nelle demenze senili e nei disturbi neurodegenerativi accompagnati da una diminuzione della memoria. Inibisce l’aggregazione e la deposizione della proteina beta-amiloide e migliora i sintomi della malattia di Alzheimer ad esordio precoce. Non c’è differenza significativa con donepezil tranne che c’è meno vomito con lo zafferano.

I componenti attivi di Astragalus riducono i deficit cognitivi nella malattia di Alzheimer ed esercitano un effetto neuroprotettivo riducendo il sovraccarico di ferro nel cervello. Inoltre inibiscono l’accumulo di placche di β-amiloide e possono fornire un nuovo approccio per lo sviluppo di farmaci contro il morbo di Alzheimer.

L’uperzina A, un alcaloide presente nei licopodi, può essere utilizzata nel trattamento della miastenia grave e di alcuni disturbi della memoria. Questo alcaloide è un inibitore della colinesterasi più potente della prostigmina. Sembra essere più efficace del donepezil e della rivastigmina, con una durata d’azione più lunga.

Fumitory è un inibitore dell’acetilcolinesterasi che ha un grande potenziale nella malattia di Alzheimer.

La glabridina contenuta nella liquirizia è attiva nella stimolazione della memoria, con effetto anticolinergico e quindi un potenziale effetto nella malattia di Alzheimer.

Il ginkgo è un neuroprotettore con potenziali effetti nella demenza senile o nel morbo di Alzheimer. È notevolmente paragonabile al donepezil.

La salvia migliora le funzioni cognitive nei pazienti con Alzheimer. In realtà inibisce la colinesterasi e migliora la memoria.

L’anice stellato ha una promettente attività anticolinesterasica così come la butirrilcolinesterasi per il trans-anetolo che contiene.

Quest’olio ha un’interessante attività anticolinesterasica. I medicinali che consentono di aumentare l’attività colinergica nel sistema nervoso centrale sono utilizzati in particolare per il trattamento della demenza di tipo Alzheimer; vi è infatti una diminuzione dei neuroni colinergici nella corteccia e nell’ippocampo nei pazienti con questo tipo di demenza. Gli inibitori della colinesterasi provocano un aumento dei livelli di acetilcolina a livello delle sinapsi neuronali inibendo l’enzima responsabile della degradazione dell’acetilcolina favorendo così un aumento della trasmissione colinergica.

Il tè verde ha anche una nota attività anticolinesterasica.

 

Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *