Qual è la condotta da prendere in caso di ustione? E come la tratti?

Qual è la condotta da prendere in caso di ustione? E come la tratti?

Iniziamo con il ruolo della pelle

Al fine di evitare che un’ustione si infetti automaticamente, la pelle svolge un ruolo indispensabile nell’assicurare questa funzione. Agisce come una barriera, sia meccanica, chimica e batterica. La coesione delle cellule dello strato corneale e il rapido rinnovamento dei cheratinociti limitano la colonizzazione batterica.

Quando la pelle subisce alterazioni o disfunzioni come un’ustione, può verificarsi un processo patologico, tra cui un’infezione che coinvolge la flora microbica.

La guarigione di un’ustione progredisce in tre fasi principali:

  • In primo luogo, la fase esudativa
  • In secondo luogo, la fase di proliferazione
  • Infine, la fase di guarigione

Un processo infiammatorio esiste durante la guarigione, ma è più pronunciato nelle prime fasi. Questa infiammazione previene la diffusione delle lesioni (fase vascolare) e garantisce una fase di detersione (fase granulomato). È anche coinvolto nella fase di epidermizzazione e rimodellamento.

Passaggi di guarigione

Intervallo di tempo

Da 10 minuti a 4 giorni

Giorno dal 4 al giorno 6

Giorno 6 al giorno 10

Dal 10 al 20 giorno

Passo

Esudazione, dissotterrare

Germogliamento

Epidermizzazione o epitelialializzazione

Rimodellamento

Caratteristica

Erythema, edema

Rosso e granuloso

Rugiada

Pelle rosa ed elastica

Processo

Infiammazione, esuda plasma, emostasi

Produzione di sostanze fondamentali, gemme endoteliali, neovascolarizzazione

Migrazione, moltiplicazione e differenziazione dei cheratinociti. Creazione di un’epidermide funzionale dai bordi della ferita

Contrazione cutanea, riorganizzazione dei vasi sanguigni, ricomparsa delle appendici

Celle in gioco e funzione

Flusso di leucocato e macrofagio, pulizia di tessuti morti e batteri

I fibroblasti (produttori di collagene) diventano mobili e contrattili (myofibroblasts). Cellule endoteliali (bocciolo epidermico)

Keratinocytes

Fibroblasti e cellule differenziate

Suggerimenti e comportamenti

Attenzione al sole

Una cicatrice deve essere protetta dal sole e dai raggi UV (cabine) per tutta la durata della sua evoluzione, purché sia rossa o rosa. Infatti, UV provoca un disturbo della sintesi di collagene, un’ipertrofia epidermica, lesioni di membrane (generazione di radicali liberi) e stimolare la produzione di melanina. Il processo di guarigione è interrotto. Una cicatrice di bronzo manterrà una pigmentazione permanente e c’è il rischio di cicatrici ipertrofica o atrofica (acne). Utilizzare un massimo di 50-plus protezione solare su qualsiasi cicatrice recente, ma anche in casi di acne, brufolo di herpes, varicella, ecc.

Mettere la parte bruciata in acqua fredda per almeno 10 minuti per limitare le lesioni. Seguire la regola di 3 per 10 (10 minuti per innaffiarsi a 10oC e 10 cm dalla lesione). In pratica, eseguire acqua fredda del rubinetto sopra l’area interessata. Raffreddare un’ustione calma il dolore, limita la profondità della lesione e riduce l’infiammazione.

  • Durante il risciacquo, rimuovere i vestiti intorno all’area interessata, ad eccezione di quelli che aderiscono alla pelle (ad esempio abbigliamento sintetico). Rimuovere anche anelli, bracciali, orologi e scarpe dall’arto bruciato, che interferiscono con la circolazione del sangue durante l’edema.

  • Dopo aver raffreddato l’ustione, pulire la ferita (solo in caso di ustioni di primo e secondo grado) con acqua sapo sarta, siero fisiologico o un antisettico diluito e incolore come la Chlorhexidine, quindi risciacquare.

  • Coprire la ferita con tessuto pulito per evitare che si sporchi.

  • Rimuovere tutti gli accessori che possono fare wither (anelli, orologi, ecc.)

  • Non forare vesciche

  • Evitare l’applicazione di alimenti inadatti: latte, burro, dentifricio, miele …

Come posso trattare un’ustione?

Un’ustione è un aumento anomalo della temperatura cutanea a seguito di un agente di radiazione fisico, termico, chimico, elettrico o ionizzante. Distrugge tutto o parte del rivestimento della pelle su un’estensione variabile.Le ustioni sono classificate in diverse fasi, a seconda della loro severy. Solo le ustioni di primo e secondo grado possono essere curate in città. Le ustioni di terzo grado devono essere curate in ospedale

Trattamento da intraprendere solo dopo le prime azioni di emergenza sopra descritte

Cos’è un uomo ustionato?

Stiamo parlando di grandi ustioni se:

  • la superficie del corpo ha raggiunto supera il 20% (la regola di Wallace di 9).
  • posizioni sono pericolose per la vita (faccia, mani, organi sensoriali e genitali, pieghe pieghe). Le ustioni al viso possono causare gonfiore rapido, angoscia respiratoria acuta e ustioni alle mani, ad esempio, possono portare a danni funzionali invalidanti.

In tutti i casi, in caso di sospetta ustione grave, fare il 15.

L’assistenza medica sarà diversa a seconda dell’origine dell’ustione: aria calda, vapore, acqua bollente, fiamma, sole, attrito, elettricità o chimica.

Le complicazioni sono legate alla perdita del rivestimento della pelle:

  • Perdite liquide (rischio di ipovolemia)

  • Perdite caloriche (disturbi metabolici e denutrizione)

  • Rischio di infezione.

Emmanuel.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *