Chetosi, un processo fisiologico naturale

Merci de partager cet article sur
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

La chetosi è un meccanismo naturale simile al digiuno. Entrare in chetosi significa rimuovere alimenti contenenti carboidrati, zuccheri, amidi, ecc. Dalla propria dieta per un tempo predefinito con il proprio medico, naturopata o dietista come parte di un follow-up personalizzato.

Gli alimenti contengono diversi macronutrienti che ci forniscono energia. Queste sono proteine, grassi e carboidrati

Cosa succede quando rimuovi i carboidrati dalla tua dieta?

Il pancreas (insulina che secerne gli organi) non vedendo più l’arrivo dello zucchero alimentare, interromperà la secrezione di insulina o almeno la ridurrà al di sotto del 50%.

  • Nelle prime 12 ore:

Il corpo attingerà alle ultime riserve di zucchero presenti nei muscoli e nel fegato.

  • Tra 12 e 24 ore:

Niente più carburante. Il corpo metterà in atto un primo meccanismo: il fegato attirerà gli amminoacidi presenti nel muscolo per trasformarli in “nuovi” (o neo) zuccheri. Questa si chiama gluconeogenesi. Questo glucosio (zucchero) verrà quindi utilizzato per fornire organi vitali (cervello, cuore, reni).

  • Dopo 36 ore:

Questo non è abbastanza. L’organismo predisporrà quindi un secondo meccanismo: i trigliceridi delle cellule adipose vengono rilasciati nel sangue e si trasformeranno nel fegato per il 10% in “nuovi” zuccheri o neo-glucosio e per il 90% in corpi chetonici. Questi corpi chetonici fungeranno da secondo carburante per organi vitali (cervello, cuore, reni, ecc.).

Concentrarsi sui corpi chetonici:

I chetoni hanno due incredibili benefici per chi segue un programma di dieta dimagrante chetosi:

  • Un soppressore dell’appetito o effetto anoressogeno
  • Un effetto “booster” in particolare sul cervello (psicotonico)

Se non c’è un apporto proteico nella quantità normale, dopo alcuni giorni il muscolo si scioglierà in modo significativo per produrre zucchero.

Il vantaggio dell’assunzione di proteine ​​è che fornisce direttamente al fegato una quantità sufficiente di proteine, il che consente di risparmiare massa muscolare. Perché una chetosi senza assunzione di proteine ​​significa perdere massa magra contemporaneamente alla massa grassa.

Con un apporto proteico sufficiente, perdi grasso risparmiando massa muscolare senza sentirti affamato.

L’interesse della dieta chetogenica:

La dieta chetogenica migliora:

  • Epilessia
  • Perdita di peso
  • Intolleranza ai carboidrati
  • Rischio cardiovascolare

Si consiglia di farlo una volta all’anno.

Una dieta chetogenica consente una rapida riduzione delle scorte e una più rapida perdita di peso. Tra -3 e -5 kg ​​a settimana.

Controindicazioni della dieta chetogenica:

Tuttavia, come in tutte le diete, ci sono alcune precauzioni da prendere in considerazione. È quindi controindicato intraprendere una dieta chetogenica in caso di:

  • Condizioni che aumentano il catabolismo proteico
  • Cardiopatia progressiva
  • Diabete
  • Insufficienza renale o epatica
  • Disturbi psicologici
  • Gravidanza o allattamento
  • Nei bambini, adolescenti o persone sopra i 70 anni (a causa di iper catabolismo)
  • Previsione vitale riservata a medio termine
  • Allergie al latte o alle proteine ​​dell’uovo

In ogni caso, non iniziare mai una dieta chetogenica da solo! Questo programma alimentare deve essere deciso con il medico, il naturopata o il dietologo e deve essere stabilito con il monitoraggio medico.

Ci sono effetti collaterali?

Ci sono effettivamente effetti collaterali, tuttavia questi effetti sono un segno che la dieta chetogenica sta andando bene, quindi sono normali.

  • Alitosi che deriva dalla presenza di un corpo chetone
  • Mal di testa che può manifestarsi nel 10% delle persone durante i primi 10 giorni di dieta
  • Disturbi mestruali, che si verificano all’inizio del digiuno a causa dei legami tra estrogeni e tessuto adiposo. Questo è un buon segno perché è un processo di risincronizzazione ormonale.
  • Stitichezza che significa che l’intestino manca di fibre. Si consiglia di seguire un ciclo di probiotici contemporaneamente alla dieta chetogenica per ridurre il disagio causato.
  • Ipotensione ortostatica (crampo notturno), è spiegata da una diminuzione del volume intravascolare (volume di sangue che circola nelle vene) causata da una mancanza di sodio. In questo caso, è necessario regolare l’assunzione di sodio.
  • Debolezza muscolare In questo caso è sufficiente regolare l’apporto di potassio.

Un po ‘di storia:

Fu negli Stati Uniti nel 1920 che nacque il primo lavoro sulle diete ipocaloriche. Blum, iniziò a lavorare sul digiuno assoluto nel 1959 ma subì un fallimento con risultati convincenti e dovette porre fine al suo lavoro abbastanza rapidamente. Fu allora che il Prof. Blackburn, ricercatore e professore all’Università di Harvard, iniziò il suo lavoro sul digiuno. Fu nel 1973 che il Prof. Blackburn riuscì a stabilire il fabbisogno proteico del corpo per preservare la massa muscolare durante un digiuno. La sua tesi in Biochimica della nutrizione (Protein Sparing Modified Fast) evidenzia i benefici del digiuno proteico:

  • Perdita di appetito
  • Massa muscolare protetta
  • Mobilizzazione rapida del grasso immagazzinato

Nel 1977 è nato il concetto di indice chimico nei preparati proteici. Dal 1975, il dott. JM Marineau (Quebec) sviluppa le idee di Blackburn e applica il principio della dieta proteica su base ambulatoriale, in particolare per il trattamento dell’obesità. Da allora, centinaia di lavori sono stati eseguiti in tutto il mondo e milioni di persone sono state trattate con il metodo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *