Come combattere in modo naturale le psicodermatosi nei cani?

psicodermatosi nei cani

Le psicodermatosi canine o dermatosi psicologiche provocano lesioni dermatologiche, generalmente associate a un profondo disturbo comportamentale causato dall’ansia . Questo articolo prende in considerazione queste varie manifestazioni cliniche, dovute principalmente a un ambiente stressante e ansioso .

Psicodermatosi nei cani, cosa sono?

Queste dermatosi di origine psichica sono state studiate nell’uomo prima di essere studiate nei cani. I ricercatori si sono interessati a questo fenomeno canino, quando si sono resi conto che una particolare entità clinica, la dermatite da leccare , potrebbe essere un modello di disturbo ossessivo-compulsivo (o DOC) nell’uomo. Altre entità cliniche si sono aggiunte nel tempo per formare quelle che vengono chiamate ” psicodermatosi canine “.

Il ruolo dell’ansia nelle psicodermatosi canine

Fattori ambientali come lo stress, il cambio di stagione, una situazione conflittuale che il cane non riesce a risolvere, la noia… immergono così l’animale in uno stato di ansia, di cui questi disturbi psicologici diventano segno clinico . Gli studi hanno correlato il fatto che alcune psicodermatosi canine, e in particolare la piaga da leccamento, coincidevano fortemente con forme di disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) negli uomini. L’ansia è quindi la principale causa di psicodermatosi.

L’ansia è definita come uno stato di reazione caratterizzato; un susseguirsi di reazioni emotive scatenanti simili a quelle della paura, in risposta a qualsiasi variazione dell’ambiente interno ed esterno. Ciò si traduce in una disorganizzazione dell’autocontrollo e quindi in una perdita di adattabilità a qualsiasi variazione dell’ambiente .

Dermatite da leccare

Leccare è la causa dell’alopecia locale con la formazione di un eritema . Quando diventa cronica, l’alopecia si diffonde con ipermelanizzazione e lichenificazione della pelle. Quando compare la fibrosi e la lesione diventa solida e sollevata, si parla di granuloma leccato .

Le infezioni batteriche non compaiono spesso sulla superficie della lesione perché leccare mantiene la lesione “pulita”. D’altra parte, il pus può infatti svilupparsi nelle fistole o sotto le croste. Raramente si nota la presenza di linfoadenopatia locale, tuttavia in casi molto avanzati il ​​leccamento può essere causa di una reazione periostale, artrosi o anchilosi dell’articolazione sottostante. Nel tempo, questi disturbi del leccamento si intensificano, causando l’evoluzione delle lesioni.

Spinning con mutilazione della coda

L’animale gira in cerchio su se stesso, il naso incollato alla base della coda. A volte il cane lo afferra e lo morde violentemente. Questa attività è spesso associata a ringhi, aggressività e abbaiare frenetici. A volte capita che il cane si fermi nel suo corso, prenda posizione e si stabilizzi per un po’.

Classifichiamo le vertigini nelle psicodermatosi dell’autotrauma . Prima c’è un’alopecia parziale e poi totale della coda del cane . Quindi, appare un’area di indurimento iperpigmentato. L’animale può mordersi la coda in modo molto violento, il che può portare a gravi ferite.

onicofagia

Il cane si morde le dita , soprattutto i pollici, e si morde gli artigli. Inoltre, le mutilazioni a volte sono molto importanti . L’animale può amputare le sue falangi e, di conseguenza, zoppicare.

La lesione dei ciucci

Il cane prende e succhia spesso solo uno dei suoi ciucci. Questo cresce, si accende e la pelle si lichenifica. Questo problema colpisce principalmente le femmine, ma può essere riscontrato anche nei maschi. La castrazione potrebbe tuttavia fermare questa abitudine .

Esistono cure naturali per combattere la psicodermatosi canina?

Azione sull’ansia di Biancospino:

  • Azione sedativa e ansiolitica, riduzione dell’aggressività, agitazione, nervosismo, eccessiva sensibilità allo stress.
  • Calma l’ansia di apprensione e anticipazione, nonché l’ansia di reazione con manifestazioni cardiovascolari.

Azione sedativa e ipnotica sul sistema nervoso centrale della melissa :

  • La somministrazione cronica di melissa riduce il comportamento ansioso, migliora le attività circadiane ed esplorative.

Proprietà ansiolitica della Rhodiola :

  • La Rhodiola ha un’efficace attività ansiolitica.

Proprietà antidepressive e ansiolitiche dell’erba di San Giovanni :

  • Inibizione non specifica della ricaptazione delle monoamine (principalmente serotonina, ma anche dopamina e noradrenalina). Questa inibizione non è competitiva, a differenza di quanto osservato per gli antidepressivi sintetici come la fluoxetina. Ciò si traduce in un aumento dell’attività della serotonina.
  • La somministrazione ripetuta di H. perforatum induce un effetto ansiolitico e antipanico, ed esercita un effetto antistress in modalità difensiva.

Azione antistress Wamine serenity (complesso vegetale):

  • Wamine Serenity contribuisce alla gestione dello stress e degli stati nervosi nel cane e nel gatto. Questo integratore alimentare per animali domestici è formulato con piante note per la loro azione lenitiva.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapeuta in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *