Erboristeria nel disturbo ossessivo compulsivo (DOC)

disturbo ossessivo compulsivo

Quando parliamo di un disturbo ossessivo nel senso di una malattia, descriviamo un comportamento , caratterizzato dal bisogno irrefrenabile di ripetere costantemente un rituale , spesso bizzarro (compulsione). La vita professionale, familiare e sociale può essere seriamente minacciata. I pensieri ossessivi sono pensieri assurdi. La persona che ne soffre li sente come tali, ma non riesce a liberarsene nonostante i suoi sforzi. Il disturbo ossessivo-compulsivo è tutt’altro che raro, anche se poco se ne parla, perché la maggior parte di chi ne soffre tende, se può, a nascondere la propria malattia. La sua prevalenza, vale a dire la proporzione di persone che ne soffrono ad un certo punto della loro vita, è stimata tra il 2 e il 3% della popolazione.

Quali sono i diversi tipi di ossessioni?

Le ossessioni possono infatti assumere molte forme. Le più frequenti sono tra gli altri il timore di contaminazione e dubbio patologico , la mania per l’ordine e la simmetria , perfezionismo , fobie impulsi violenti , sessuali , religiosi o musicali fisse (canzoni ripetitive). Tuttavia, il 60% dei pazienti presenta forme miste, che combinano molti di questi sintomi. Alcuni pazienti presentano ossessioni più specifiche, che non fanno parte del disturbo ossessivo stricto sensu : dismorfofobia, alcuni disturbi alimentari , ipocondria, comportamenti impulsivi (giocatore patologico, piromane, ecc.), ecc.

Le compulsioni più frequenti sono i riti di verifica . Osserviamo anche riti di lavaggio , pulizia , immagazzinamento simmetrico , accumulazione e raccolta , aritmomania , ripetizione o evitamento . La diagnosi di compulsioni può essere discussa anche in presenza di tricotillomania (ripetuti strappi dei propri capelli con conseguente alopecia), sindrome di Gilles de la Tourette, tic.
Alcuni pazienti presentano in particolare sintomi che appaiono “complementari”: ossessione di contaminazione associata a riti di pulizia, pensieri aggressivi associati a riti di verifica. I temi della simmetria e dell’ordine sono spesso associati a contenuti sessuali o religiosi ideali.

DOC nei bambini

Dall’1 al 3% dei bambini e degli adolescenti soffre di disturbo ossessivo compulsivo e un terzo degli adulti con disturbo ossessivo compulsivo ha iniziato a manifestare disturbi durante l’infanzia .

Mentre la semiologia del DOC infantile assomiglia a quella del DOC adulto, alcuni tratti sono più specifici per i bambini :

  • Molto spesso è inconsapevole di essere malato e non ne parla a coloro che lo circondano.
  • Le sue ossessioni e compulsioni sono molteplici e molto fluttuanti.
  • La sua cerchia familiare è spesso coinvolta nei suoi rituali.
  • Esibisce scoppi d’ira e aggressività quando i suoi rituali vengono ostacolati.

Esistono cure per il disturbo ossessivo compulsivo?

Il disturbo ossessivo-compulsivo è classicamente considerato una malattia neuropsichiatrica . Ad oggi, è la terapia cognitiva e comportamentale (CBT) che ha mostrato il maggior effetto terapeutico e quindi consigliata dalle autorità sanitarie. Per i casi più gravi e resistenti, protocolli di ricerca che utilizzano la stimolazione cerebrale profondapuò essere offerto. Questa tecnica consiste nello stimolare le aree del cervello coinvolte nella neurofisiologia del disturbo ossessivo compulsivo mediante elettrodi. Sebbene questi trattamenti siano efficaci, una percentuale significativa di persone rimane resistente e subisce un contraccolpo che ha importanti conseguenze funzionali. È quindi necessario sviluppare approcci complementari e nuove terapie .

Gli psicoanalettici inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina hanno effetti atropina e antidepressivi, la cui efficacia è stata scientificamente provata in numerose occasioni nel disturbo ossessivo-compulsivo :

Antidepressivo, la crocina di Zafferano inibirebbe la ricaptazione della dopamina e della noradrenalina. Il Safranal , intanto, quello della serotonina. L’attività antidepressiva maggiore e multi-target su vari recettori e neurotrasmettitori Rhodiola è stata osservata dall’inibizione della monoamino ossidasi A – effetto MAOA A.

L’erba di San Giovanni è un antidepressivo inibendo la ricaptazione della serotonina (azione originale su alcuni canali ionici).

La gramina è un alcaloide indolo avente una struttura molecolare vicina a quella della serotonina e meno dopamina. La gentisina e altri xantoni sono inibitori delle MAO.

I semi di Griffonia contengono 5-HTP (5-idrossi-triptofano) che è un precursore immediato della serotonina. Griffonia aumenta lo stock disponibile di serotonina nel cervello fornendo il precursore (modalità d’azione diversa da quella dell’erba di San Giovanni o SRI che impedisce la ricaptazione della serotonina nella fessura sinaptica).

Antidepressivo, migliora l’umore e le prestazioni cognitive modulando i recettori muscarinici e nicotinici.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Darbinyan V, Aslanyan G, Amroyan E, GabrielyanE, Malmström C, Panossian A. Sperimentazione clinica di Rhodiola Rosea L. Estratto SHR-5 nel trattamento della depressione da lieve a moderata. Psichiatria nord J. 2007
  • Linde K, Ramirez G, Mulrow CD, Pauls A, Weidenhammer W, Melchart D – Erba di San Giovanni per la depressione – una panoramica e una meta-analisi di studi clinici randomizzati. -BMJ 1996
  • Lecrubier Y., Clerc G., Didi R., Kieser M. Efficacia dell’estratto di erba di San Giovanni WS 5570 nella depressione maggiore: uno studio in doppio cieco, controllato con placebo. Am J Psychiatry 2002
  • Laakmann G, Schüle C, Baghai T, Kieser M – Erba di San Giovanni nella depressione da lieve a moderata: la rilevanza dell’iperforina per l’efficacia clinica – Farmacopsichiatria 1998
  • Whisky E, Werneke U, Taylor D – una revisione sistematica e una meta-analisi di Hypericum perforatum nella depressione: una revisione clinica completa – Intern Clin Psychopharmacology 2001
  • Linde K., Berner M., Egger M. e Mulrow C. – Erba di San Giovanni per la depressione: meta-analisi di studi randomizzati controllati – Br. J. Psychiatry, 1 febbraio 2005
  • Szegedi A, Kohnen R, Dienel A e Kieser M; trattamento acuto della depressione da moderata a grave con estratto di iperico WS 5570; studio di non inferiorità controllato randomizzato in doppio cieco verso paroxetina
  • Haraguchi H, Tanaka Y, Kabbash A, Fujioka T, Ishizu T, Yagi A. Inibitori della monoamino ossidasi da Gentiana lutea. Fitochimica. 2004
  • Pathak Suresh Kumar, Tahilani Praveen, Jain, Nishi Prakash, Banweer Jitendra. RIVISTA INTERNAZIONALE DI FARMACIA E SCIENZE DELLA VITA Una recensione su Griffonia simplicifollia – un antidepressivo disordine ideale a base di erbe. luglio 2010
  • Kennedy DO, Scholey AB, Tildesley NT, Perry EK, Wesnes KA. Modulazione dell’umore e delle prestazioni cognitive dopo somministrazione acuta di Melissa officinalis (melissa). Pharmacol Biochem Behav. 2002

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *