Amamelide, il nocciolo dei maghi nativi americani

benefici delle foglie di amamelide

Se l’etimologia non ci dice molto sull’amamelide, invece ci dicono di più i sinonimi francese e inglese: “ Witch-hazel “ → Le noisetier de sorcière. In effetti, questo arbusto endemico del Nord America ha svolto lì lo stesso ruolo, o quasi, del nocciolo in Europa. Dai suoi rami si ricavavano bacchette da rabdomante , mentre i maghi nativi americani non esitavano a ricorrervi per curare vari disturbi : emorragie, mestruazioni eccessive, infiammazioni della pelle e degli occhi, tumori, ecc.

Un po’ di storia

Nel 1736, il famoso botanico John Bartram (1699-1777), che viaggiò negli Stati Uniti per raccogliere piante, incontrò l’amamelide. Peter Collinson (1694-1768), che mantenne una corrispondenza con Bartram , fu colui che riportò l’amamelide in Europa a metà del XVIII secolo. Ma sarà solo nel XIX secolo che si stabiliranno le proprietà terapeutiche che conosciamo, in particolare grazie all’opera del medico francese Georges Dujardin-Beaumetz (1833-1895) che introdurrà l’amamelide nella medicina classica di disturbi venosi . Dobbiamo anche ad altri ricercatori la dimostrazione delproprietà antinfettive di questo arbusto sui disturbi genito-urinari compresa la gonorrea. Inoltre, gli estratti idroalcolici ed acquosi davano buoni risultati sui germi Gram+ e Gram-, in particolare per l’azione di un estere, il gallato di etile .

Quali sono le principali proprietà farmacologiche delle foglie di amamelide?

Proprietà astringenti:

In vivo , l’amamelide inibisce infatti l’attività dell’α-glucosidasi e dell’elastasi nei leucociti umani; enzimi di degradazione del tessuto connettivo. Proteggendo quest’ultimo, l’ amamelide aiuta a mantenere l’integrità della parete del vaso . La sua attività astringente rassodante dei tessuti, le sue proprietà antiemorragiche ed emostatiche (promozione della coagulazione del sangue) sono legate alla sua concentrazione in tannini e flavonoidi. Spiega l’utilizzo della pianta nel trattamento dei disturbi della circolazione e del microcircolo.

L’azione astringente dei tannini sulla mucosa intestinale può conferirle proprietà antidiarroiche rallentando la peristalsi intestinale.

  • Vasocostrittore e venotonico:

L’amamelide è in particolare una pianta dalle riconosciute virtù terapeutiche, sia per via orale che per applicazione locale. La forma galenica sembra in definitiva costituire un importante criterio di efficacia, come confermato nel 1972 da un’analisi in vivo delle proprietà venotonica e vasocostrittrice dell’amamelide .

Questo studio ha anche testato diversi tipi di preparati a base di foglie di amamelide. Non solo è stata caratterizzata l’azione venotonica di questi preparati, ma è stato dimostrato che l’estratto fluido di amamelide è la forma galenica più attiva dal punto di vista vasocostrittore, essendo molto meno attivi le tinture medicinali e gli atomizzati alcolici. È stato dimostrato che l’ azione vasocostrittrice è principalmente dovuta ai proantocianidi presenti nelle foglie.

  • Attività della vitamina P:

Sono i tannini e i flavonoidi che contribuiscono a questa attività. Il risultato di questa azione porta in particolare ad un aumento della resistenza dei capillari sanguigni e alla protezione dell’endotelio vascolare.

Proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e citoprotettive:

Le proantocianidine (catechina ed epicatechina) dell’amamelide esercitano infatti un’azione antiedematosa inibendo l’attività della 5-lipossigenasi sulla conversione dell’acido arachidonico in leucotrieni. Questa attività antinfiammatoria è stata quindi confermata in vivo . I proantocianidoli di amamelide inibiscono efficacemente l’elastasi delle cellule polimorfonucleate umane.

Un topico contenente un distillato di amamelide applicato localmente sulla pelle sopprime l’eritema indotto dai raggi UV entro 24 ore, confermando così l’attività antinfiammatoria locale della pianta. Questa protezione contro i danni provocati dai raggi UV è stata così confermata in uno studio effettuato su 30 volontari sani, che ha mostrato la significativa azione antieritematosa di una lozione doposole contenente il 10% di amamelide.

Oltre a inibire il fattore di necrosi tumorale α (TNFα) e a ridurre l’infiammazione, l’amamelide ha anche un’efficace azione antiossidante e protegge i fibroblasti cutanei dai danni indotti da agenti ossidanti come il radicale idrossile, l’anione superossido e l’ossigeno singoletto. La potente attività antiossidante dell’amamelide è stata dimostrata in particolare in diversi altri studi.

Hamamelis virginiana amamelide mostra anche un’attività citotossica specifica contro le cellule del cancro del colon , il che potrebbe spiegare l’uso della pianta per inibire la crescita del cancro del colon.

Proprietà anti-infettive:

  • Batteriostatico e molluschicida:

L’estratto idroalcolico di amamelide esercita, tra l’altro , attività batteriostatica , principalmente batteri Gram (-). Più recentemente è stata dimostrata un’azione di alcuni derivati ​​dell’amamelitanina sui biofilm patogeni con potenziamento della vancomicina nel trattamento delle infezioni resistenti allo Staphylococcus aureus .

L’amamelide aumenta la sensibilità agli antibiotici dei biofilm di Staphylococcus aureus , inibendo la rilevazione del quorum ( quorum sensing ), ovvero interrompendo i meccanismi regolatori responsabili del controllo della densità batterica all’interno del biofilm patogeno.

  • Antivirale:

L’amamelide ha un’azione antivirale contro il virus dell’herpes (HSV-1). Uno studio del 2014 ha dimostrato che i suoi tannini sono attivi contro il virus dell’influenza A e il papillomavirus umano.

Ci sono precauzioni per l’uso con Witch Hazel?

Controindicazioni:

  • In assenza di dati sufficienti, l’EMA sconsiglia l’assunzione di amamelide durante la gravidanza o l’allattamento. L’agenzia europea emette la stessa raccomandazione nei bambini di età inferiore ai 12 anni, nonché negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni in caso di uso anorettale locale nell’indicazione emorroidaria.

Precauzioni per l’uso:

  • Si consiglia di consultare un medico in caso di sanguinamento anorettale, prima di iniziare il trattamento con amamelide.
  • Rari casi di epatotossicità da tannini.

Come prendere Amamelide e in che dosaggio?

Forma secca:

  • Come integratore alimentare, sotto forma di estratto vegetale fresco standardizzato, estratto secco, polvere, in capsule .

Forma liquida:

Nell’applicazione locale:

  • Le forme liquide senza alcool possono essere utilizzate anche per l’applicazione cutanea locale o nei collutori. Gli estratti di amamelide possono essere utilizzati nella composizione di unguenti (soprattutto sotto forma di farmaci), creme, lozioni o preparati magistrali per uso locale.

Amamelide nella sapiente preparazione di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

In associazione con il vitigno rosso :

Nell’insufficienza venocapillare e/o fragilità, rosacea, riparazione e cicatrizzazione del tessuto connettivo dopo una breccia vascolare.

In combinazione con equiseto :

Per lesioni ai legamenti ( distorsione della caviglia ), muscoli, ematomi o epistassi.

In associazione con ippocastano :

Contro le crisi emorroidali e il sanguinamento emorroidario.

In associazione con noce:

Nella lotta contro la malattia infiammatoria intestinale cronica (IBD) in riacutizzazione con diarrea sanguinolenta.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *