ELeutherococcus senticosus (Eleutherococcus senticosus) Benefici e indicazioni Proprietà

ELEUTH-ROCOQUE (Eleutherococcus senticosus)

Da dove viene?

Classificata tra le piante adattageniche, l’eruceterocoque, a volte chiamata ginseng russa, ha un’azione molto globale. Agisce contemporaneamente contro la fatica e gli effetti dello stress, è uno stimolante del sistema nervoso e della memoria, è particolarmente antinfiammatorio e immuno-stimolante! Le sue azioni sono simili a quelle del ginseng panax, ma sono più dolci.

Conosciuto dai cinesi fin dai tempi antichi per aumentare la longevità, eteuthercoull è stato utilizzato nelle terapie in Russia dalla fine degli anni ’50. Soprannominato ginseng siberiano, tuttavia, è per i russi ciò che il ginseng è per i cinesi: una pianta stimolante e adattagena.

Come possiamo descriverlo botanicamente?

È un arbusto spinoso che misura da 2 a 3 metri di altezza. Le radici sono dal giallo grigio al marrone chiaro e longitudinalmente rugosa. Il gambo ha foglie composte da 3 a 5 volantini coperti su entrambi i lati da numerose spine. I rami giovani sono coperti di spine che scompaiono sui rami più vecchi. L’infiorescenza umbelle è costituita da fiori femminili giallastro, fiori maschili viola e ereroditi giallasmi. I frutti sono drupe nere. Le parti utilizzate in medicina sono le radici.

Di cosa è fatto?

L‘etetherococo è composto da polisacricadi, eterosidi, composti fenolici, cumarin e lignani, nonché acidi fenilpropanici

Quali sono le sue principali proprietà farmacologiche?

Vari studi sono stati in grado di evidenziare le proprietà adattageniche della malattia etutherococcica. Si dice che una sostanza sia adattagena se ha un’attività non specifica, cioè deve aumentare la sua resistenza contro agenti nocivi fisici, biologici o chimici. Deve inoltre avere un’azione di normalizzazione indipendente dalla natura della condizione patologica, deve essere innocua e non deve influenzare le funzioni normali più di quanto richiesto.

Nei corridori, l’assunzione di etelincocoque per 6 settimane diminuisce la forza pettorale e quadricipiti del 13 e 15% rispetto al gruppo placebo. In un altro studio, negli atleti che a assunzione di malattia di eteutherococcal per 8 giorni, c’è stato un aumento della capacità di esercizio rispetto al placebo (23,3% vs. 7.5%) così come il tempo di sforzo fino all’esaurimento (16,3% contro 5,4%). Nelle persone che fanno uno sforzo intenso, prendendo eteutherococcal per 14 giorni diminuisce la frequenza cardiaca, l’accumulo di lattato (-33%) post-sforzo e aumentare VO2 a soglia di anaerobiosi (in aumento del 7%) così come il metabolismo dei grassi (in aumento del 43%).

Negli esseri umani, è stato dimostrato che l’assunzione di un estratto di eteutherococcal aumenta significativamente i linfociti totali, linfociti T-helper, linfociti soppressori T, cellule killer naturali e cellule B rispetto al placebo.

La somministrazione cronica di eteutherococcal (5 giorni) nei topi diminuisce la glicemia in modo dipendente dalla dose. Nei soggetti sani, un estratto di etelincococisk riduce la glicemia postprandiale. Questa diminuzione è osservata anche nei pazienti con diabete da lieve a moderato. La siringa isolata (eteutheroside B) ha anche questa proprietà. Agirebbe aumentando il rilascio di acetilcolina a livello di cellule nervose, che a sua volta stimola i recettori muscarinici nelle cellule pancreatiche permettendo un aumento del rilascio di insulina e quindi una diminuzione della glicemia.

Quali sono le indicazioni dell’equilatecoque?

  • Astenie fisiche e sessuali
  • Prepararsi agli sforzi sportivi
  • Prevenire infezioni ripetute
  • Problemi di memoria negli anziani
  • Diabete da lieve a moderato
  • Palpitazioni, tachicardia, disturbi della tensione legati allo stress

Quali sono le precauzioni per il lavoro?

  • Rischio di ipocaliemia per pseudohyperaldostéronism in uso prolungato
  • Sotto-indicato nelle persone con malattie autoimmuni
  • Sotto-indicato nelle donne incinte o in lattanti a causa della mancanza di dati tossicologici
  • Contatore indicato nei bambini di età inferiore ai 12 anni
  • La Commissione E raccomanda di evitare l’assunzione di erustherococcal in caso di ipertensione (oltre 180/90)

Ci sono rischi di interazioni farmacologiche?

Come tutte le sostanze contenenti principi attivi, il rischio di interazioni farmacologiche dovrebbe essere preso in considerazione.

Poiché l’e-leutherococcal non fa eccezione a questa regola, ecco un elenco di interazioni farmacologiche da considerare:

  • Evitare in combinazione con anticoagulanti
  • Rischio di interazione con ipoglicemie e ipo-ipertensivi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *