Quali piante per dormire meglio?

Welke planten slapen beter?

Le piante per dormire meglio, che ci leniscono e ci fanno addormentare più facilmente sono numerose. Ne elencheremo alcuni in questo articolo. Ecco 8 piante che possono darti un sonno ristoratore.

Melissa (Melissa officinalis)

La melissa è preferita per dormire meglio perché ha un’azione sedativa sul sistema nervoso centrale. Prendilo se sei incline a spasmi e nevralgie. La melissa dovrebbe essere considerata più specificamente se il sistema digestivo è disturbato, di provata origine nervosa. Riduce lo stress e ha un accentuato effetto ansiolitico in combinazione con la valeriana. La melissa favorisce il sonno nei casi di insonnia da sonno.

Usa 10 grammi per tazza se la pianta è secca e fino a 5 grammi se la melissa è fresca.

Tiglio (Tilia platyphyllos)

I germogli di tiglio sono ricchi di farnesolo e terpeni con proprietà neuroregolatrici sedative. Non è un sonnifero ma un induttore del sonno, senza controindicazioni per donne in gravidanza, bambini e anziani.

Da 50 a 100 gocce negli adulti (fino a un cucchiaino da tè), una goccia per kg di peso al giorno nei bambini.
(Fare attenzione a volte all’inversione di effetto: in questo caso ridurre le dosi)

Lemon Verbena (Lippia Citriodora)

Utilizzato in caso di spasmi digestivi, il profumo di verbena aiuta a ridurre il nervosismo generale, favorire un sonno ristoratore e quindi dormire meglio. Questa pianta facilita il sonno e combatte l’angoscia e l’ansia.

1 manciata piccola per tazza.

Fiore d’arancio (Citrus aurantium)

L’acqua di fiori d’arancio è calmante e calmante. Aiuta a combattere l’iperattività, il nervosismo e lo stress.

1 cucchiaio in un bicchiere d’acqua.

Camomilla (Matricaria recutita)

I fiori di camomilla matricaria aiutano a calmare gli spasmi e regolare il nervosismo. Ipnotica di modesta attività, la matricaria camomilla agisce sui disturbi del sonno, sull’ansia, ma anche su lievi esaurimenti nervosi. L’apigenina che contiene è un ligando competitivo per i recettori delle benzodiazepine.

2 cucchiaini per tazza.

Passiflora (Passiflora Incarnata)

La passiflora agisce principalmente sul sistema nervoso. È per questo motivo che è consigliato per l’insonnia e i disturbi dell’umore associati a un cervello sovraccarico. La Passiflora svolge quindi un’azione calmante riducendo gli stati di nervosismo e ansia. Questa pianta è anche antispasmodica. Sedativo, è indicato nell’insonnia e nei disturbi del sonno da eccitazione serale. L’attività ansiolitica passa attraverso un effetto sui sistemi GABAergici, lenisce e rilassa.

2 g di fiori e foglie in una tazza di acqua bollente.

Valeriana (Valeriana officinalis)

Ottimo regolatore del sistema nervoso centrale, la valeriana permette di dormire meglio, grazie al suo effetto calmante e antispasmodico. Il potere dei suoi principi attivi gli ha fatto guadagnare la reputazione di sonnifero naturale, migliorando la struttura e la qualità del sonno. La valeriana è un agonista dei recettori 5-HT5a e svolge un ruolo nella regolazione serotoninergica del ciclo circadiano aumentando il livello di 5-idrossitriptamina (serotonina). In particolare, diminuisce lo stress indotto riducendo il livello dei neurotrasmettitori monoaminergici. Indicata nell’insonnia, nelle palpitazioni nervose, negli stati neurotonici e nelle distonie neurovegetative negli adulti e nei bambini, la valeriana agisce sull’iperfunzione alfa simpatica dello stress prolungato e sui disturbi del sonno (soprattutto insonnia da inizio del sonno), associata all’estratto di luppolo, anche dopo un singolo amministrazione e melissa. Questa pianta migliora anche la qualità del sonno nelle donne in postmenopausa con insonnia.

2 g di radici in una tazza di acqua bollente. Lasciate in infusione per 10-15 minuti.

Eschscholtzia (Eschscholtzia Californica)

L’Eschscholtzia è considerata un ansiolitico naturale. È una pianta importante nel nervosismo, nell’ansia e nei disturbi del sonno perché non crea dipendenza. Ipnotico e inducente al sonno, riduce il tempo necessario per addormentarsi e prolunga la durata del sonno inibendo la degradazione enzimatica delle catecolamine. La sua azione sulla serotonina di alcuni alcaloidi che si legano ai recettori serotoninergici 5-HT (protopina, aporfina) non è trascurabile. Il meccanismo di induzione viene eseguito, tra le altre cose, dalla modulazione di GAGA-A. Eschscholtzia è utilizzata nel trattamento dell’insonnia, in particolare di quelle causate da difficoltà ad addormentarsi e ansia. La durata dell’addormentamento è notevolmente ridotta.

20 g / litro. Lasciate macerare per almeno 15 minuti.

Si noti che il consumo di tisane a scopo terapeutico non deve superare le tre settimane, e le precauzioni d’uso specifiche di alcune piante devono essere osservate per mantenersi in buona salute.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *