Il Cipresso, l’albero della vita dalle molteplici virtù

cipresso

Chi non ricorda questi paesaggi mediterranei dove il cupo cipresso alza le sue strette colonne a lutto contro l’azzurro violento del cielo? Prima di abbellire la Costa Azzurra e svolgere l’utile ruolo di baluardo contro il vento e la sabbia, il cipresso attecchiva in Asia Minore , dove la sua presenza è ricordata in un antico testo assiro del XVI secolo a.C. Se il il cipresso è qualificato come albero della vita , lo è per la sua durevolezza e per il suo evidente carattere sempre virens .

Un po’ di storia

Molto anticamente naturalizzato, si trova in particolare su due isole del Mediterraneo, Creta e Cipro, portate lì dai Fenici. Da lì si diffonde in Grecia e in Italia (con qualche difficoltà di acclimatazione secondo Plinio ), poi a tutto il bacino del Mediterraneo (sud della Francia, Spagna, Marocco, Egitto…), mentre segue un percorso inversamente diretto verso nord dell’India e della Cina.

In Grecia il cipresso era tutto allo stesso tempo; una medicina e il materiale per onorare le divinità .

In virtù della sua verticalità, e del suo solido ancoraggio alla terra, e anche se piegato dal vento non si spezza, rappresenta per i cinesi il ponte che permette di unire Cielo e Terra. Per questo utilizzeremo in particolare l’ olio essenziale di cipresso come olio di passaggio e di separazione, al fine di addolcire i dolori delle persone troppo concentrate sul proprio passato , che non riescono a proiettarsi in avanti senza paura, timorose e preoccupate che il il futuro , il destino , ha una brutta piega per loro. Un olio essenziale perfetto per Orazio !

Quali sono le principali proprietà farmacologiche dei cipressi?

Proprietà antivirale:

Gli oligomeri di proantocianidolo o OPC sono polimeri di flavonoidi la cui modalità di azione antivirale è duplice :

  • Da un lato, hanno proprietà leganti le proteine , in particolare sui substrati enzimatici e sulle proteine ​​della superficie cellulare. Infatti, le OPC ostacolano l’adesione dei virus alla loro cellula ospite , limitando così il riconoscimento virus/cellula ospite e la replicazione virale.
  • D’altra parte, inducono la lisi del virus, che consente la rapida diminuzione della carica virale .

Azione sul virus dell’herpes:

In vivo , in pazienti con lesioni da herpes, l’applicazione locale di crema contenente il 5% di proantocianidine riduce il numero di lesioni da herpes. Infatti, uno studio clinico in doppio cieco contro placebo mostra che dopo trattamento locale, si dimostra una netta riduzione del numero di lesioni erpetiche e dimostra il valore terapeutico del cipresso in caso di infezioni erpetiche.

Proprietà protettiva del tessuto connettivo:

In vitro , uno studio ha dimostrato l’effetto inibitorio delle OPC sulla collagenasi, prevenendo così l’inibizione della sintesi del collagene e della sua degradazione, come osservato durante l’ invecchiamento o durante determinati attacchi esterni .

Gli OPC sono anche inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e della tripsina, un’endoproteasi che idrolizza i legami peptidici e scompone le proteine.

Proprietà circolatoria e angioprotettiva:

Ricca di tannini, ed in particolare di oligomeri di proantocianidolo (OPC), la noce di cipresso esercita un’azione venotonica , astringente , vasocostrittrice ed antiemorragica .

In uno studio randomizzato della durata di 2 mesi, la polvere di cipresso è risultata significativamente più efficace della diosmina ( venotonica standard) sui sintomi dell’insufficienza venosa (gambe pesanti, dolore, crampi, edemi): 80% di buoni e ottimi risultati contro il 53% con il prodotto di riferimento.

L’uso tradizionale del cipresso per ridurre i sintomi dell’insufficienza venosa o dei disturbi emorroidali è legato in particolare alla sua azione di protezione del tessuto connettivo.

Ci sono precauzioni per l’uso con il cipresso?

  • Il cipresso è controindicato nelle donne in gravidanza o che allattano
  • Nessun uso prolungato
  • Finora non sono state segnalate interazioni farmacologiche

Come prendere Cypress e in quale dosaggio?

Forma secca:

  • Come integratore alimentare, sotto forma di capsule di estratto vegetale fresco standardizzato, estratto secco o polvere, da solo o in combinazione con altre piante.

Nell’indicazione antivirale, c’è una combinazione di cipresso ed echinacea sotto forma di compressa di estratto vegetale fresco standardizzato , il cui dosaggio è di 2 compresse / giorno 5 giorni su 7 per il mantenimento (esempio: prevenzione virale) e 4 compresse Da 2 a 3 volte al giorno in caso di infezione virale acuta.

Forma liquida:

  • Estratto di pianta fresca standardizzato : 5 ml da 1 a 2 volte al giorno in un bicchiere d’acqua per il mantenimento, da 2 a 3 volte di più in caso di infezione virale acuta.
  • Decotto : da 20 a 30 g di coni per litro d’acqua, far bollire da 10 a 15 minuti, quindi filtrare. Prendi 1 tazza 2 o 3 volte al giorno, o più se necessario.

Cipresso nella sapiente preparazione di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

Associazione con Echinacea :

Prevenzione delle infezioni otorinolaringoiatriche e respiratorie ricorrenti, nonché il loro trattamento. Infezioni virali acute (influenza, virosi, morbillo, varicella, fuoco di Sant’Antonio, ecc.) o croniche.

Associazione con piantaggine e ginkgo biloba :

Bronchite cronica (BPCO), enfisema, insufficienza respiratoria.

Associazione con la liquirizia :

Herpes ricorrente.

Associazione con amamelide :

Virosi, antiemorragica e protettiva del tessuto connettivo (epistassi, emorroidi), disturbi circolatori venosi.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Al-Snafi, AE (2016). Importanza medica della revisione di Cupressus sempervirens-A. Giornale di farmacia IOSR
  • Khadidja Mazari, Nassima Bendimerad, Chahrazed Bekhechi, Xavier Fernandez. Composizione chimica e attività antimicrobica degli oli essenziali isolati dall’algerino Juniperus phoenicea L. e Cupressus sempervirens L. Journal of Medicinal Plants Research Vol. 4 (10), pp. 959-964, 18 maggio 2010
  • Orhan, IE, & Tumen, I. (2015). Potenziale di Cupressus sempervirens (Cipresso mediterraneo) in salute. La Dieta Mediterranea, 639-647
  • Amouroux P., Procianidine polimeriche del cipresso: contributo allo sviluppo di un nuovo tipo di antivirale. Tesi in Scienze Clermont-Ferrand, 1998
  • Amouroux P. et al; Studio dell’influenza della formulazione galenica di una crema dermica a base di procianidine polimeriche sulla sua efficacia nei confronti delle lesioni cutanee indotte dal virus dell’herpes; J Pharm Belg., 1998
  • Clément C., Dimostrazione e ricerca della modalità d’azione antivirale di un proantocianidolo, Mémoire CNAM, CRA, Clermont-Ferrand, 1993
  • Meunier MT et al., Inibizione della conversione dell’angiotensina I da parte di composti flavanolici; studi in vitro e in vivo, Planta Med., 1987
  • Studio clinico randomizzato in polvere di cipresso totale rispetto a diosmina (non pubblicato). Documentazione scientifica del laboratorio Arkopharma, citata in 100 piante medicinali Max Rombi, Romart, 1991

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *