Olio essenziale di finocchio amaro, un’antica panacea che schiarisce gli occhi

Nell’antico Egitto, papiri di quasi 5.000 anni indicano la presenza del finocchio in quel momento. È lo stesso per le tavolette mesopotamiche di Babilonia o dell’Assiria. Citato e ampiamente utilizzato da greci, arabi e cinesi, il finocchio compare anche in alcune opere letterarie botaniche del Medioevo. Questa pianta è stata quindi a lungo considerata una panacea .

Un po’ di mitologia

Prometeo “un giorno entrò nell’Olimpo con l’aiuto di Atena , accese una fiaccola nel carro del Sole e ne staccò un tizzone, che introdusse nel fusto cavo di un finocchio gigante. Poi è fuggito e così ha dato fuoco agli uomini “che, come noi, da una situazione oscura, hanno raggiunto la lucidità della mente. Ora, meno del fuoco, il finocchio è almeno il suo portafiamma, e senza essere un solo rimedio oftalmico, il finocchio, quando si dice che schiarisce la vista, rende infatti chiara la visione spirituale.

Il finocchio prospera dove prospera la vite. Il dio greco Sabazios , il cui emblema principale è il serpente, divinità alla quale noi adoravamo, manteneva misteri ai quali si arrendevano i seguaci adornati di pioppo bianco e finocchio. A volte assimilato a Dioniso , “dio delle visioni estatiche”, condivide, con questa divinità più famosa, il finocchio. Dioniso è particolarmente associato alla vite, ma, con l’arrivo della primavera, si incorona di finocchio, così come coloro che lo adorano, portando su di sé la pianta “che fa brillare gli occhi”. Inoltre, il cenno ad Atena non sarà senza dubbio sfuggito alla tua sagacia. Sebbene per quanto ne sappia il finocchio non è dedicato a questa divinità,Atena indossa comunque il gufo come emblema, la vista acuta di cui non siamo a conoscenza.

Un po’ di storia

Conosciuto fin dall’antichità, il finocchio è citato in particolare nei papiri dell’antico Egitto e nei trattati di medicina cinese e indiana. I Greci lo consideravano un galattogeno, stomachico, emmenagogo e diuretico . Coltivato negli orti dei monasteri, il suo uso si diffuse in Europa nel Medioevo.

Dalla Collezione Ippocratica , possiamo quindi considerare che le proprietà medicinali del finocchio si stanno gonfiando . Questo spiega dunque perché Carlo Magno fosse un grande consumatore per passare la sua pletora di pasti… e “non per ingrassare”: fu del resto lui a svilupparne la coltivazione su larga scala.

In aromaterapia, l’olio essenziale è noto come rimedio fin dal XVI secolo. Valnet (XX secolo) lo consiglia nei disturbi digestivi, flatulenza, aerofagia, vomito nervoso, inappetenza e parassitosi intestinale . È tradizionalmente usato come digestivo, antispasmodico e noto anche per stimolare la produzione di latte materno e combattere i sintomi della menopausa .

Quali sono le proprietà farmacologiche dell’olio essenziale di finocchio amaro ?

Proprietà antispasmodiche e digestive:

L’olio essenziale di finocchio riduce notevolmente le contrazioni della muscolatura liscia e stimola inoltre le secrezioni gastriche e la motilità intestinale .

Antispasmodico , è il numero 3 negli spasmi, dopo Ocinum basilicum e Artemisia dracunculus. Anche antispasmodico neuromuscolare , l’olio di finocchio è un modificatore dei riflessi del sistema nervoso centrale e del midollo spinale (risoluzione muscolare e analgesia, blando narcotico, psicoattivo, analgesico…). Il finocchio infatti riduce lo spasmo indotto dall’acetilcolina o dal carbacol , proprio come l’ atropina.

Stomaco, aperitivo e tonico carminativo , genera un leggero aumento delle secrezioni digestive.

Proprietà estrogeniche:

Simile agli estrogeni , per analogia con il dietilstilbestrolo, l’olio essenziale di finocchio ha una dimostrata azione ormonale estrogenica . È anche emmenagogo e stimola la produzione di latte.

Proprietà antimicrobica:

Il finocchio è un antinfettivo contro Escherichia coli, Staphylococcus aureus e Streptococcus pyogenes. È anche antimicotico contro i dermatofiti Trichophyton rubrum , Trichophyton tonsurans, Microsporum gypseum e Trichophyton mentagrophytes.

Proprietà mucolitiche ed espettoranti:

Mucolitici ed espettoranti , il frenchone e l’ anetolo contenuti nel finocchio stimolano in vivo il volume di muco bronchiale escreto e riducono la produzione di secrezioni bronchiali.

Proprietà antinfiammatorie:

Antinfiammatorio , l’olio essenziale di finocchio è simile al cortisone e quindi stimola la corteccia ipofisi-surrenale. Il che lo rende un olio interessante in condizioni infiammatorie prolungate.

Altre proprietà:

  • Coleretico e colagogo
  • Diuretico, decongestionante della piccola pelvi
  • Lipolitico e antiiperlipidico
  • Sedativo del sistema nervoso autonomo
  • Linfotonico e decongestionante
  • Epatoprotettivo
  • Antiossidante, paragonabile al tocoferolo
  • Attività antitrombotica, antiaggregante ad ampio spettro e vasorilassante
  • acaricida

L’olio essenziale di finocchio amaro richiede precauzioni per l’uso?

  • Controindicato nelle donne in gravidanza o allattamento
  • Cautela nelle patologie ormono-dipendenti ; non associare al trattamento estrogenico (incluso estro-progestinico)
  • Rischio di neurotossicità che può indurre crisi epilettiche a dosi elevate
  • Non combinare con cortisone, rischio di interazione farmacologica
  • Dermocausticità, non usare puro, diluizione necessaria
  • Inibitore del citocromo P450, rischio di interazioni farmacologiche, chiedi consiglio al tuo farmacista
  • Cautela nelle persone con malattie autoimmuni, epilessia, asma, anziani o con Parkinson, così come le persone con neurosensibilità
  • A meno che il livello di chetoni sul prodotto non sia indicato come inferiore al 5%:
    • Non diffondere, inalare o mettere nella vasca da bagno
    • Non ingerire
    • Si consiglia solo l’uso cutaneo
    • Vietato per uso interno
    • Controindicato nei bambini non pubescenti
  • Riservato agli adulti
  • Interazioni farmacologiche con oli essenziali contenenti sesquiterpeni superiori al 10%
  • Attenzione in caso di ipotiroidismo
  • Evitare l’associazione con anticoagulanti o antiaggreganti
  • Vietato negli animali

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.