Verso un approccio più naturale alla fibromialgia

La fibromialgia è una patologia delicata in molti modi. Misteriosa nella sua origine, presunta discendente della nevrastenia, la sua sorprendente frequenza si scontra ancora con l’assenza formale di qualsiasi elemento di identificazione. Per la sua natura invisibile, rimane inspiegabile, proprio come qualsiasi altro fenomeno di dolore cronico. Questo lo avvicina alla sindrome da stanchezza cronica.

Perché è doloroso?

Il dolore cronico inspiegabile può essere una manifestazione somatica di disagio psicologico spesso non trattato. Il legame tra trauma psicologico, sintomi post-traumatici, dissociazione psicologica e disturbi somatoformi sembra essere ben documentato.

Il modello biopsicosociale consente una comprensione e una gestione più complete di tutte le malattie croniche. Questo modello evita in particolare il fallimento delle persone affette da questa patologia. La fibromialgia è una sindrome frequente che colpisce principalmente le donne che riferiscono dolori cronici, diffusi, muscolari, tendinei e / o articolari. Questi dolori sono associati a cefalea tensiva, disturbi intestinali funzionali, sintomi genito-urinari, tinnito, dolore all’articolazione temporo-mandibolare, parestesie distali … Si parla di disturbi somatoformi, definiti da sintomi funzionali senza danno tissutale.

Le comorbidità emozionali e cognitive sono molto frequenti (disturbi d’ansia, depressione, catastrofismo, ipervigilanza, mancanza di flessibilità, problemi di concentrazione e memoria, ecc.). La sensibilizzazione del sistema nervoso centrale è l’ipotesi fisiopatologica più consensuale. Anche il sonno disorganizzato della fase 4 contribuisce a questo, così come lo stress emotivo.

Come sapere se si tratta di fibromialgia ?

La fibromialgia è caratterizzata da dolore diffuso e cronico. Prevalentemente assiale, questa patologia colpisce circa 7 volte più donne, generalmente giovani o di mezza età. Tuttavia, può essere visto anche negli uomini, nei bambini e negli adolescenti. A causa di questa differenza tra i sessi, a volte passa inosservata negli esseri umani. Il dolore può essere accompagnato, in vari modi, da affaticamento, disturbi del sonno, ansia e depressione, disturbi cognitivi, colopatie funzionali e disturbi vasomotori.

Nella fibromialgia può essere coinvolta qualsiasi regione fibromuscolare; soprattutto l’occipite, il collo, le spalle, il torace, la parte bassa della schiena e le cosce.

La diagnosi si basa sull’associazione del dolore diffuso di oltre 3 mesi e sulla presenza di almeno 11 dei 18 punti di pressione dolorosa.

Quali sono i sintomi della fibromialgia ?

Rigidità e dolore spesso iniziano gradualmente e si diffondono e appaiono rigidi. Il dolore è diffuso e può peggiorare con l’affaticamento e / o l’affaticamento muscolare.

Le persone di solito hanno una varietà di sintomi somatici. La stanchezza è comune, così come i disturbi cognitivi come difficoltà di concentrazione e una sensazione generale di disturbo mentale. Molte persone hanno anche sintomi di sindrome dell’intestino irritabile, cistite interstiziale o tensione o emicrania. Possono essere presenti parestesie, generalmente bilateralmente.

I sintomi possono essere esacerbati da stress emotivo ambientale, scarso sonno, traumi o esposizione all’umidità o al freddo. Allo stesso modo, dire a una persona con fibromialgia che “è tutto nella testa” la esporrebbe a un’esacerbazione dei suoi sintomi.

Le persone con questa condizione tendono ad essere stressate, tese, ansiose, stanche e talvolta depresse. Non sono insolitamente perfezionisti ad alte prestazioni.

Alcuni consigli naturopatici per limitare i disturbi della fibromialgia :

La fibromialgia tende ad essere cronica ma può riprendersi da sola se lo stress diminuisce. Può anche riapparire a intervalli frequenti. La prognosi funzionale è generalmente favorevole in coloro che vengono ascoltati e supportati, sebbene alcuni sintomi possano persistere.

Esercizi di stretching, esercizio aerobico, sonno adeguato, applicazioni locali di calore e massaggi delicati possono fornire sollievo. La gestione dello stress (esercizi di respirazione profonda, meditazione, supporto psicologico, consulenza se necessario) è importante.

Gli esercizi per allungare delicatamente i muscoli interessati dovrebbero essere eseguiti ogni giorno; gli allungamenti devono essere mantenuti per circa 30 secondi e ripetuti 5 volte. L’esercizio aerobico (camminata veloce, nuoto, cyclette) può migliorare i sintomi.

Alcuni rimedi erboristici per alleviare i disturbi della fibromialgia :

L’attività antidolorifica dello zenzero è dovuta alle proprietà antinfiammatorie che possiede. Lo zenzero inibisce la sintesi di prostaglandine e leucotrieni. Questa attività antinfiammatoria dello zenzero e dello zingerone in esso contenuto è confermata nella poliartralgia e nella mialgia nella fibromialgia e nella sindrome da stanchezza cronica, in particolare nella sindrome da malattia cronica.

Il 5-HTP contenuto nella griffonia ha un valore terapeutico nelle persone con depressione da lieve a moderata. La disfunzione del sistema di modulazione della nocicezione sembra verificarsi nella fibromialgia. Infatti, nelle persone che soffrono di fibromialgia, livelli ridotti di metaboliti della serotonina nel liquido cerebrospinale suggeriscono l’implicazione di una carenza di serotonina nella patogenesi della malattia. Allo stesso tempo, si osserva un aumento della sostanza P, responsabile dell’aumento del dolore, nel sistema nervoso centrale e nei nervi periferici.

La somministrazione di 5-HTP per 30 giorni riduce il numero dei punti dolenti e la loro intensità, ma anche la rigidità muscolare al risveglio e l’ansia.

L’erba di San Giovanni ha un effetto anti-nocicettivo, allevia gli stati iperalgesici acuti e cronici e aumenta l’analgesia da oppioidi. Il dolore nevralgico come la mialgia, la fibromialgia o la sindrome del dolore miofasciale può essere alleviato assumendo l’erba di San Giovanni. Inoltre, gli estratti idroalcolici di erba di San Giovanniesercitano un effetto farmacologico simile a quello degli antidepressivi convenzionali. L’inibizione aspecifica della ricaptazione delle monoamine (principalmente serotonina, ma anche dopamina e norepinefrina) non è competitiva, a differenza di quanto si osserva per antidepressivi sintetici come la fluoxetina. Ciò si traduce in un aumento dell’attività della serotonina.

In relazione alle sue proprietà ansiolitiche, sedative (rispetto al diazepam) e antispasmodiche periferiche, la passiflora è indicata nell’iperestesia neurosensoriale, in particolare nel contesto di manifestazioni nevralgiche, fibromialgia, sindrome miofasciale, poliartralgia e mialgia diffusa, nonché sindrome da stanchezza cronica. La sua attività analgesica deriva dal sottostante meccanismo oppioide e gabaergico e può anche implicare una potenziale azione cannabimimetica.

Lo zafferano sembra avere un’efficacia comparabile sui disturbi della fibromialgia a quella della duloxetina. La crocina che contiene inibisce la ricaptazione della dopamina e della norepinefrina; esercita un effetto neuroprotettivo in particolare nei confronti dello stress ossidativo. Safranal, d’altra parte, inibisce la ricaptazione della serotonina; esercita proprietà analgesiche desensibilizzando un recettore responsabile della modulazione dei segnali dolorifici nei nocicettori.

Lo zafferano ha quindi dimostrato un’efficacia paragonabile alla duloxetina nel trattamento dei sintomi della fibromialgia, in particolare sui sintomi della depressione e sul livello di dolore provato.

Sotto forma di un estratto standardizzato, la valeriana ha un effetto rilassante sui muscoli, equivalente a quello di una benzodiazepina di riferimento. In relazione alle sue proprietà ansiolitiche, sedative e ipnotiche, la radice di valeriana è infatti indicata in caso di stress cronico, spasmofilia, mialgia e fibromialgia.

 

Clémentine. M.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *