Quale trattamento naturale per il trattamento dell’osteoartrite

Quel traitement naturel contre l'artrose
Merci de partager cet article sur
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

L’osteoartrite è la malattia reumatica più comune nei paesi occidentali. Colpisce da 9 a 10 milioni di francesi (17% della popolazione).

Cos’è l’osteoartrite?

Definizione: Malattia articolare meccanica e non infiammatoria, caratterizzata da danni degenerativi alle articolazioni, associati a una proliferazione del tessuto osseo sottostante. L’osteoartrite è una malattia dell’articolazione e non solo della cartilagine. Circa la metà delle persone affette da osteoartrite sono sintomatiche. È molto comune dopo i 65 anni ed è la seconda causa di disabilità dopo la malattia cardiovascolare.

La goartrite o l’osteoartrite del ginocchio, insieme all’osteoartrite digitale e all’osteoartrite dell’anca, è uno dei 3 principali luoghi di osteoartrite. Può coinvolgere l’articolazione tra la rotula e il femore (osteoartrite femoro-rotula, 35% dei casi) o l’articolazione tra il femore e la tibia (osteoartrite femoro-tibiale, 45-50% dei casi), queste due forme sono talvolta associate (15-20% dei casi)

Le cause dell’osteoartrite

Anche se si invecchia, più è probabile che si soffre di osteoartrite, l’invecchiamento non è la causa. L’osteoartrite può svilupparsi in un giovane, anche negli adolescenti con anomalie della cartilagine.

Oltre all’età, che è un fattore aggravante nell’osteoartrite, vari fattori contribuiscono all’insorgenza o al peggioramento dell’osteoartrite:

  • Malattie ossee o articolari. Queste malattie influenzano la qualità e la quantità della cartilagine (malattia di Paget, malattie che causano depositi nelle articolazioni.
  • Malformazioni anatomiche: rigolinazione dell’anca congenita, deformità a forma di X o della canna del ginocchio, scoliosi…
  • Terreno genetico. Ci sono predisposizioni familiari per sviluppare l’osteoartrite
  • Sovrappeso, traumi (fratture, distorsioni, micro-traumi professionali, alcuni sport intensivi…)

Cambiamenti nell’articolazione durante l’osteoartrite o la fisiopatologia

Normalmente, la cartilagine forma un gel flessibile che garantisce lo slittamento e la mobilità delle estremità delle ossa tra di loro nell’articolazione. Si rinnova per tutta la vita. Ma quando il meccanismo di rimozione dei detriti cartilaginei usurati e riparazione da cellule specializzate (condrociti) è sbilanciato, la cartilagine si degrada, perde la sua elasticità, rompe e secerne una sostanza causando una reazione infiammatoria della membrana sinoviale che lo circonda e dolore.

  • Quando diventa artrosic, la cartilagine diventa marrone e scompare in alcune aree che suggeriscono l’osso subchondral. Si statologicamente, diventa fibrillante o addirittura incrinato con diminuzione del numero di cellule e perdita di disposizione. I condrociti (cellule della cartilagine) hanno un’ampia varietà di fenotipi, a volte portando alla morte cellulare.
  • Allo stesso tempo, dopo una fase iniziale di edema, la quantità di acqua diminuisce e l’effetto “tasca dell’acqua” scompare spiegando l’alterazione del ruolo biomeccanico della cartilagine.
  • Un’interruzione del comportamento dei condrociti prende gradualmente piede, con conseguente squilibrio tra la sintesi e la degradazione dei componenti della matrice e le capacità di resistenza della cartilagine che diminuiscono gradualmente.
  • C’è un assottigliamento degli strati di cartilagine che alla fine scompare.
  • Si osserva la condensazione dell’osso subcondndrale e questa osteocondensazione aiuta a diminuire le capacità di assorbimento degli urti a cui è sottoposta l’articolazione. La produzione di crescita ossea ai margini dell’articolazione (osteofiti o “becchi di pappagallo”) potrebbe corrispondere a un tentativo da parte dell’organismo di riparazione aberrante.
  • Infine, la membrana sinoviale è soggetta a episodi di infiammazione che possono provocare clinicamente la presenza di un’effusione intra-articolare

Fase iniziale

Fase intermedia

Fase finale

Cartilagine edématiata
  • Aspetto di crepe superficiali
  • Interruzione dei condrociti
  • Squilibrio anabolizzante/catabolismo della cartilagine
  • Distruzione di strati profondi
  • Spogliare l’osso subconndral

Quali sono i segni clinici dell’osteoartrite?

DoloreQuesto è il primo segno. Viene attivato dal carico o dal funzionamento del giunto. In un primo momento, appare solo in movimento, cedendo al riposo. Il dolore scompare di notte e non sveglia il paziente se non a cambiamenti di posizione. In una fase avanzata, il dolore diventa cronico.
Rigiditào limitazione del gioco congiunto: varia a seconda dell’articolazione. Aspetto della rigidità mattutina che richiede pochi minuti di deviazione (di solito meno di un quarto d’ora)
Deformazioni e gonfioreIl gonfiore è legato all’accumulo di liquido sinoviale che gonfia la cavità articolare, o ad un ispessimento dei tessuti dell’articolazione e/o alla comparsa di osteofiti.
ScricchioliiAccompagnano il dolore. In un primo momento, non sono dolorosi, ma possono diventare dolorosi come la cartilagine si degrada.

L’osteoartrite può essere curata?

Uno studio in Canada sembra dimostrare che i danni alla cartilagine possono essere visti regredire. Può anche guarire completamente (normalizzazione di esami microscopici e biologici)

Questo tipo di guarigione è stato quasi costantemente osservato con un certo tipo di trattamento: “movimento senza sforzo” (52% di guarigione). Tuttavia, questa guarigione richiede tempo (almeno 12 settimane).

Come evitare l’osteoartrite?

L’architettura della cartilagine può essere paragonata a quella di un materasso le cui molle gli forniscono forza, elasticità e comprimibilità. Nello stato fisiologico, la cartilagine è un tessuto estremamente quiescente (le cui cellule si dividono molto poco).Il suo rinnovo è quasi nullo per le fibre di collagene e richiede diverse centinaia di giorni per i proteoglicani. Ecco perché devi risparmiare le articolazioni seguendo i suggerimenti qui sotto.

Consigli sull’osteoartrite

Adattare una buona dieta

  • Combattere il sovrappeso.
  • Promuovere una dieta ricca di antiossidanti per limitare gli effetti dell’invecchiamento; Una dieta ricca di frutta e verdura (antiossidanti), legumi (lentilli, piselli, fagioli bianchi), pesce, olio d’oliva (non per cucinare con burro) e cereali integrali. Gli alimenti ricchi di omega 3 hanno proprietà analgesiche e antinfiammatorie (olio vegetale di Argan, olio di nocciola, pesce oleoso, ecc.). Interessante è il completamento di Un Omega-3: CardioConfort® Omega-3, olio di semi di lino Arkogélules®
  • Ridurre le proteine e i prodotti lattiero-caseari (ricchi di proteine e omega 6) che acidificano il sangue e aumentano il dolore articolare.

Adattare uno stile di vita sano

  • “Vai sì, overmen-no.” L’attività fisica aiuta a mantenere il tono dei muscoli e dei tendini e quindi stabilizza l’articolazione maesi. Aiuta anche a promuovere la diffusione di nutrienti all’interno della cartilagine. ad esempio, andare in bicicletta, nuotare, camminare (almeno 30 minuti ogni 2 giorni). Evitare attività sportive che mettono un sacco di pressione sulle articolazioni (ad esempio, jogging su bitume, tennis). Preferisci terreni regolari a terreni irregolari. In caso di riacuti di brillamento, l’articolazione dovrebbe essere messa a riposo, ma non appena è terminata, è necessario tornare attivo, anche se persiste qualche dolore.

  • Non fumare perché il tabacco inibisce la proliferazione cellulare all’interno della cartilagine. Ha causato stress ossidativo che alla fine avrebbe usurato le articolazioni. Inoltre, il monossido di carbonio dalla combustione delle sigarette circola nelle arterie e contribuisce anche alla perdita della cartilagine.Reumatologia (Oxford), ottobre 2009; 48(10) 1227-3

Adattare una buona postura e vestire

Cambia regolarmente la posizione del tuo corpo. Evitare di stare seduti e stare in piedi a lungo o in qualsiasi altra posizione che sovraccarica i giunti, come le unità lunghe. Evitare di inginocchiarsi

  • A riposo, mettere le articolazioni in una posizione comoda: le ginocchia e fianchi si estendono; può essere più piacevole sdraiarsi con le gambe piegate (sedie a riposo) Rilassare le articolazioni dolorose aiuta a ridurre il dolore. Seduto, sgranchite le gambe

  • Evitare di sovraccaricare le articolazioni, che aumenterebbe solo il dolore. Il dolore è un segno di sovraccarico sull’articolazione.

    Non trasportare carichi pesanti

  • Indossare scarpe comode che tengono il piede senza stringerlo, come scarpe con lacci elastici e suole di ammortizzazione spesse. Preferire la larghezza, tacchi bassi con il bordo terminale del tallone smussato (per rendere più facile per eseguire il passo senza intoppi).

  • Evitare gli urti quando si cammina: utilizzare ammortizzatori sul tallone (tacchi di silicone), avere una buona soletta (sole con arco plantare).

  • Preferire abbigliamento di lana calda preferibilmente. Ci sono anche oggetti riscaldati (calzini, cinture, collari, spalline, gomitate, ginocchiere, polsi: gamma Gibaud Thermotherapy, Heating Pack (Geo® Hot/Cold Pack)

Come trattare l’osteoartrite

La gestione dell’osteoartrite è finalizzata principalmente ad alleviare il dolore, migliorare la mobilità e, se possibile, rallentare la degradazione della cartilagine.Si raccomanda di attendere 3 o 4 mesi prima di giudicare l’efficacia di un trattamento. L’efficacia può persistere per diverse settimane dopo l’interruzione del trattamento.L’interesse dell’associazione di diversi antiartrostici non è dimostrato, e la durata ottimale del trattamento non è nota

Trattamento dell’osteoartrite

Trattamento di fondo con antiartrosic ad azione lenta

Diacerheina

Diacerhine è un inibitore dell’interleuchina-1 (IL-1) i cui effetti sono simili a quelli del TNF. Infatti, IL-1, prodotto principalmente da monociti, macrofagi e cellule del sinatoiale, osseo e cartilagine, è un potente pro-infiammatorio (stimola, tra le altre cose, la sintesi di proteine infiammabili, collageni e proteoglicanasi distruggendo la matrice cartilagine e inibendo la moltiplicazione dei condrociti). Stimola la produzione di fattori di crescita come TGF-beta

Secondo gli studi, se la risposta a queste terapie non è evidente a 6 mesi, un effetto positivo può apparire dopo 2 o 3 anni di trattamento. È quindi essenziale prendere questi farmaci a lungo termine.

Prendendo nel mezzo dei pasti migliora la sua biodisponibilità

Effetti collaterali comuni: diarrea, feci morbide e dolore addominale. Rischio di disidratazione negli anziani e/o sotto diuretico

Estratti di soia e avocado

Piasclédine stimola la produzione di fattori di crescita come TGF-beta e da questo fenomeno impedisce la distruzione della cartilagine.

Rari effetti collaterali: rigurgiti che profumano di lipidi. Per evitare questo, è meglio prendere il farmaco nel bel mezzo di un pasto.

Glucosamina

La glucosamina è una componente normale delle catene polisaccharide della matrice cartilaginea e degli glicosaminoglycans liquidi sinoviali. La sua produzione diminuisce con l’età.

È idrolizzata dalla chitina del guscio di crostaceo e indicato per alleviare i sintomi associati con osteoartrite del ginocchio da lieve a moderata a dosaggi nell’intervallo di 1200 A 1500mg/giorno

2 compresse al giorno da prendere durante o fuori i pasti.

Contra indicato nelle persone allergiche ai crostacei. Utilizzare con cautela in caso di trattamento anticoagulante con warfarin (rischio di potenziare l’effetto di AVK)

Attenzione nei diabetici (deterioramento di un possibile controllo glicemico)

Effetti collaterali generalmente lievi e transitori: nausea, dolore addominale, disturbi digestivi, mal di testa, eruzione cutanea, affaticamento e prurito

Solfato di chondroina

Il meccanismo di azione della condroina è principalmente anabolizzante (inibizione dell’elastasi, mediatore della degradazione della cartilagine). Stimola la sintesi dei proteoglicani da condrociti sereni.
Dosaggio consigliato: 2 capsule al giorno.
Effetti collaterali rari, principalmente effetti cutanei

Trattamento del dolore

Orale

Antidolorifici non oppioidi (Palier I): aspirina, Paracetamolo (Dolipraneoro), farmaci antinfiammatori non steroidei (Ibuprofene)

Advil, Advilcaps, ADVILEFF, Gelufène, Spedifen Nurofenflash,Nurofen, Nureflex, Spedifen), naproxen, ketoprofen, diclofenac, celecoxib -Celecoxib – Celecoxib, etoricoxib arcoxia).

  • Antidolorifici oppioidi deboli (palier II): codeina, diidrocodeina, tramadolo (Ixprim , zaldiar)

  • Forti antidolorifici oppioidi (palier III): morfina e derivati morfonici . Riservato in caso di dolore ribelle ad altri trattamenti.

  • Gli anticonvulsivi (lyrica,Neurontin) funzionano inibendo la trasmissione del dolore neuronale.

Corsia locale

NSA (diclofenac 1%) in forma di gel o sotto forma di dispositivo biophesial: Flector fabricgel, Voltarenplast . La loro efficacia è aumentata se utilizzata sotto forma di medicazione occlusiva. Rinnova l’app ogni 12 ore. Sono compatibili con l’uso di un ortotico.

  • Applicazione di un revulsivo (crema riscaldante, patch di riscaldamento…):Per maggiori informazioni visita la nostra sezione di consigli:Hot Patches

Actipoche, Aroma Patchs, DOLPIC, Elastoplast patches, Nexcare Heating Patchs, Synthetic Heating Patchs, Thermacare, URGO Heating Patch, VoltaCare Heating Patchs, Puressential Joints Patch, American St. Bernard, Cryo Liner/Universal Thermo, Cervico Cherry Core

  • Ortotica: l’immobilizzazione delle articolazioni dolorose ha un’azione analgesica

Iniezioni intra-articolari

Iniezioni intra-articolari di acido ialuronico (Altim, Hyalgan, Synvisc, Euflexxa, Go-on…).Queste soluzioni viscoelastiche sono composte da polisaccharide (acido glucuronico – N-acetilglucosamina) utilizzato nella composizione della cartilagine e della sinovia.Le iniezioni vengono eseguite ad un tasso di 1 a settimana per 3 A 5 settimane. È una viscosa-sostituzione perché la sostanza iniettata lubrifica la cartilagine, assorbe gli urti meccanici, favorisce una maggiore mobilità e quindi riduce il dolore.

Artrite e nutriterapia

Molti integratori alimentari possono alleviare il dolore associato con l’osteoartrite e aiutare a prevenire la rottura delle articolazioni. Essi devono essere presi su cure di almeno 3 a 6 mesi per avere un miglioramento.

Sostanze utili alle articolazioni:

Glucosamina (Arthrobiane on Care and Nature)

La glucosamina è un aminoacimento che funge da substrato per la sintesi dei glicosaminoglycans utilizzati per sintetizzare la cartilagine. È fatto dal corpo da glucosio e un aminoacido: glutammina. In laboratorio, si ottiene da gusci di crostacei.

Meccanismo d’azione:

  • Questa sostanza, normalmente prodotta dall’organismo, consente alla cartilagine di assorbire gli urti. Aiutano a trattenere le molecole d’acqua, garantendo così l’idratazione della cartilagine. Collegati alle proteine, formano proteoglicanne che possono essere paragonate a spugne intrappolate in una rete a rete stretta (rete di fibre di collagene). L’elasticità della cartilagine è favorita dall’idrofilia delle proteoglicanne che consente un movimento delle molecole d’acqua avanti e indietro durante i carichi meccanici dell’articolazione.
  • Una singola assunzione di 1500mg/d (corrispondente a 1250 mg di glucosamina libera) provoca effetti inibitori sull’attivazione di NF-B coinvolti nella catena di degradazione della cartilagine, ma anche nella sintesi di alcuni mediatori di tipo infiammazione prostaglandina E2 (IL6, IL8, TNF e NO).

Precauzione d’uso:

  • Non raccomandato se si stanno assumendo diluente del sangue in quanto aumenta il rischio di sanguinamento.
  • Secondo alcuni studi, glucosamina può causare insulino-resistenza. Il suo uso è quindi fortemente sconsigliato nelle persone con diabete o obesi.

Effetti collaterali: nausea, diarrea, dolore addominale, eruzioni cutanee

Solfato di condroina

La chondroina è ottenuta dalla cartilagine di pesce (ad es. squali), è presente in molti medicinali. Questo componente della matrice cartilagine serve come agente condromodulatore nella protezione della cartilagine da reazioni ezimatiche e danni dovuti a radicali liberi.

Studi clinici hanno suggerito la sua efficacia nel prevenire la progressione dell’osteoartrite.

L’assunzione simultanea di glucosamina può amplificarne l’effetto.

Contro le indicazioni: Allergia ai crostacei

Omega 3

Gli acidi polinsaturi Omega 3 riducono i processi infiammatori.

Tuttavia, la consulenza medica è raccomandata per i pazienti con anticoagulanti.Per saperne di più su omega 3, consulta il nostro foglio di consulenza: Omega 3

Acido ialuronico

Naturalmente presente nella pelle, l’acido ialuronico fornisce gran parte dell’idratazione, dell’elasticità e del tono delle articolazioni, del derme e dell’epidermide, ha anche un effetto volumizzante.

Collagene

Il collagene è una proteina fibrillaria realizzata naturalmente dall’organismo che garantisce la flessibilità e l’elasticità delle articolazioni e della pelle. La sua produzione diminuisce naturalmente dell’1% all’anno a partire dai 30 anni

Vitamine e minerali

Vitamine C,D,E: In loro assenza, l’osteoartrite si sviluppa più rapidamente.

Preferisci la vitamina C naturale che è acerila

Anche i
l magnesio e il manganese svolgono un ruolo protettivo contro lo sviluppo dell’osteoartrite

Silicio, rame e zinco sono antiossidanti e aiutano a combattere l’invecchiamento articolare

Lo zolfo(methyl sulfonymethane) aiuterebbe a mantenere i tessuti connettivi, tra cui cartilagine e tendini, in buone condizioni. Lo zolfo è contraa indicato in caso di problemi renali.

Piante

Curcuma

Curcuma in estratto di pianta standardizzato (Curcuma Arkogélule®) è un antinfiammatorio naturale e un potente anti-ossidante per combattere meglio contro l’invecchiamento articolare.

Ortica

L’ortica è una pianta remineralizzante, molto utile nell’osteoartrite.

Altre piante: salice bianco, arpagofito, blackcout……

Scopri di più sulle piante che alleviano l’osteoartrite nella nostra sezione Osteoarthritis Herbal Therapy

Silice, Silicio

La silice permette alla cartilagine di rigenerarsi.

Bambù e ortica sono naturalmente ricchi di silice.

Polvere silicea 1DH: Diluire un cucchiaio di misura in una base d’acqua di 3/giorni.

Artrite e omeopatia

Avviso. I seguenti trattamenti sono somministrati solo come indicazione. Solo un medico omeopatico può prescrivere un trattamento che è veramente appropriato per voi

Trattamento di fondo

  • Composto di Rhus tox: 3 granuli da 5 a 6/giorno
  • Alternativa: Cartilagine D8 e Medullos D8 alla velocità di una lampadina ogni due giorni in sublinguale
  • Applicare un gel di Arnica da 2 a 3 volte al giorno: gel Arnican, Arnigel o Bio Arnica Gel

Trattamento del dolore artrosico

A seconda dei sintomi all’inizio:

  • Arnica montanaCausato da un movimento o una caduta, sensazione di aver ricevuto uno shock. Sensazione di dolori e dolori generalizzati. Ex lavoratori delle forze dell’ordine
  • Rhus toxicodendron Sensazione rigida, migliorata dal movimento lento. Aggravamento a riposo. I tendini i legamenti dell’articolazione sono suscettibili alla palpazione. Forte aggravamento da parte del freddo umido, da riposo prolungato e sdraiato sul lato doloroso. Migliorato dalle applicazioni calde.
  • Ruta graveolens dolore scomparendo il giorno. Aggravato dal riposo, migliorato dal movimento. Trattamento delle distorsioni e delle debolezze dei legamenti
  • Sensazione di rigidità muscolare, crampi, spasmi – Angustura vera 7CH
  • Dolore con difficoltà di tornitura, sensazione di strappo – Nux vomica 7CH
  • BryoniaMiglioramento a riposo assoluto con articolazione fresca, e l’aggravamento al movimento. Articolazione gonfia, calda e rossa con dolore fastidioso acuto. La pelle è tesa e lucida, a significare la probabile presenza di un’effusione sinoviale. Api complete (più veloce ma più breve)
  • Apis: gonfio, lucido, sensibile, dolorante, doloroso, pungente, pungente, bruciante articolare, arricchito da applicazioni fredde, aggravato dal calore.
  • Iodatum di kalium: dolore periosta con tendenza all’idartrite; miglioramento dal movimento, peggioramento notturno e tatto
  • Palustre Ledum: giunto gonfio, pallido o viola e teso. Dolore migliorato da applicazioni fredde. Aggravato di notte e nel calore del letto. Dolori in evoluzione dal basso verso l’alto.
  • Petrolio: sensazione di lividi all’articolazione, con scricchiolio articolare. Lesioni menissine.
  • Pulsatilla: articolazione gonfia, rosa viola con dolore che tira
  • Dulcamara: dolore reumatico aggravato a riposo, miglioramento del movimento, principalmente muscolare. Idrogenoide, ipotiroide, soggetti sicotici spesso con eruzioni cutanee alternate e dolore reumatico.
  • Dolore aggravato dal freddo e dall’acqua.Uroria, Goccia – Urtica urens 7CH
  • Bromatum di radio: dolore articolare con la sensazione che le ossa verranno fuori.
  • Sticta pulmonaria: sinovite, borsite, articolazioni di igroma alternate a raffreddori

Trattamenti da prendere in 7 CH. Succhiare 3 granuli da 3 a 5 volte al giorno

Al periodo statale

Le articolazioni sono permanentemente dolorose e già deformate, lipomatos, con significative alterazioni radiologiche. È quindi necessario cercare un trattamento costituzionale tra:

zolfo: zolfo soprattutto di sera e di notte, con dolori ondeggianti, tirando

Carbonicum di Kalium: dolore pungente sentito sia a riposo che in movimento, aggravato sdraiato sul lato doloroso, freddo e alle 2 o 3 del mattino

ma ancora, secondo le somiglianze, cercare un trattamento tra: Calcarea carbonica, Calcarea fosphorica, Calcarea fluoruro, Causticum,Luesinum, Medorrhinum, Tuberculinum, Thuya…

Cervicartrite

Dolore alle vertebre cervicali – Rhus toxicodendron, Lachnantes 7CH, Cervical Disc D8, Arnord Nerve D8

Gothring

Dolori al ginocchio mentre si sale o giù per le scale: Badiaga

Dolore al ginocchio sinistro: Heliantus

Crepe nelle ginocchia: Crocus

Sensazione di contrattura del ginocchio, dolore pungente, soprattutto nelle suite angina: Guaiacum

Artrite spinale

Disco verde D8, Meduloss D8

Lombarthrite

Disco Lombar
D8, Sciatic Nerve D8

Ansia e medicina a base di erbe

L’osteoartrite è una malattia cronica che richiede un trattamento a lungo termine. Alcuni di questi trattamenti, come i farmaci antinfiammatori, sono talvolta scarsamente supportati. Le piante offrono un’interessante alternativa naturale nel trattamento dell’osteoartrite.Meccanismo d’azione

Le piante aiutano ad alleviare l’osteoartrite agendo su tre assi:

  • Azione di rimineralizzazione: Le piante di rimiminazione aiutano a ripristinare le articolazioni artrostiche
  • Azione antinfiammatoria: le piante antinfiammatorie riducono il dolore, così come l’infiammazione che auto-mantiene la distruzione della cartilagine
  • Azione desormintiva: le piante da cervo purino il corpo ed eliminano le tossine che spesso causano meccanismi infiammatori

Rimineralizzare le piante

Equiseto

Le parti aeree sterili del pràle hanno un effetto remineralizzante e trofico. Il prèle ha un alto contenuto di silice (dal 5 al 10% della pianta secca). La silice svolge un ruolo importante nel mantenimento e nel rinnovamento del tessuto connettivo (sintesi di collagene). Promuoverebbe l’assorbimento metabolico del calcio.

  • 2 capsule a 400mg al mattino, o
  • Prendere da 2 a 3 g di pianta/d (parti aeree, polvere, estratto liquido, estratto secco). Decotto prolungato delle parti aeree secche

Fai cure di 20 giorni al mese. L’effetto è massimo in 3 mesi cura.

Lithotame

Lithotame: alghe che cristallizzano i minerali marini sulla sua thalle, principalmente calcio (contiene 25-30% di calcio sotto forma di carbonato), ma anche magnesio e ferro. Prendere 3g/d.È noto per le sue proprietà remineralizzanti e anti-rhyming, combattendo contro l’eccesso di acidità prodotta dall’organismo che costituisce un terreno favorevole per il dolore articolare. La combinazione con il prèle è possibile.Attenzione a causa della sua ricchezza di iodio, Questa pianta non è raccomandato in caso di ipertiroidismo.

Bam

Lo stelo di bambù ha un alto contenuto di silice naturale (tra il 60 e il 70%). Il silicio è uno dei composti più importanti dei tessuti connettivi. È coinvolto nella fissazione del calcio, nella sintesi di collagene e proteoglicannes, così come nella formazione ossea. Ha anche un’azione antinfiammatoria. Questa pianta contribuisce al comfort delle articolazioni e aiuta a prevenire la degenerazione della cartilagine.L’effetto è massimo per cura di 3 mesi

Piante antinfiammatorie

Arpagonphytum

La radice dell’arpagofito è ancora chiamata “l’artiglio del diavolo”. È ricco di procumbide arpa, potente antinfiammatorio e analgesico e hargid. È tradizionalmente usato nel trattamento sintomatico di manifestazioni congiunte dolorose minori, sia di origine reumatica, artrostica o traumatica.È controindicato nei casi di gravidanza, allattamento al seno e ulcera gastoduodenale, può causare disturbi gastrointestinali.Non associare a farmaci antinfiammatori.Per il sollievo dal dolore muscolo-scheletrico e trattamenti di artralgia devono essere estesi per almeno 3 settimane in media. È possibile prendere più di diversi mesi.

Regina dei Prati

La regina dei prati è interessante soprattutto per i reumatismi aggravati dall’umidità. Attenzione la regina dei prati contiene un derivato salicile (salicyne), ed è vincolata in caso di ulcera duodenum, in donne in gravidanza e in caso di allattamento al seno.

Infusione di 50 g di luminari in fiore (fiori di meno di un anno) per litro d’acqua, lasciare in infusione per 10 minuti, o prendere 1 cucchiaino di estratto di liquido per un’azione antinfiammatoria di fondo

salice

La corteccia di salice è una pianta antinfiammatoria.Decotto da 20 a 30 g di corteccia di salice per litro d’acqua. Bere da 2 a 3 tazze al giorno prima dei pasti.Attenzione il salice contiene un derivato salicile (salicyne), ed è vincolato in caso di ulcera duodenum, donna incinta e in caso di allattamento al seno.

Ribes nero

Le foglie di blackcover sono ricche di flavonoidi e vitamine C e P.Questa pianta ha un’azione antinfiammatoria accoppiata con un’azione diuretica che promuove l’eliminazione dei rifiuti dal corpo (acido urico, acido lattico, tossine…). Può essere usato contro la gotta, ma anche nei casi di malattie reumatiche.

Consigli per l’uso: Fare un infuso di 50 g di foglie di cassis per litro di acqua. Lasciare in infusione per 10 minuti e prendere 3 tazze al giorno tra i pasti, o prendere 2 tappi di cassis SIPF al giorno diluiti in un bicchiere d’acqua.

Scrofular

Questa pianta ha proprietà antinfiammatorie. Contiene gli stessi principi attivi come arpagonfito (arpagoside e hargide) Viene utilizzato per alleviare il dolore reumatico e l’osteoartrite.Come misura precauzionale, lo scroludoment non è raccomandato durante la gravidanza e l’allattamento al seno, nei bambini e nei casi di ulcere peptice.

Uso: decotto da 15 a 20 g di radice per litro d’acqua per 10 minuti; bere 2 tazze al giorno.

Contro-indicazione: Associazione con warfarin e anti-aritmica. Contra indicato in caso di insufficienza.

Boswellia Serrata

Boswellia, chiamata anche oliban o incenso, è una pianta originaria dell’Africa o dell’Asia, nota per le sue proprietà antinfiammatorie. Il principale componente attivo è l’acido boswelico.Questa pianta è stata oggetto di diversi studi che hanno dimostrato efficacia in malattie infiammatorie come l’artrite, colite ulcerosa e asma.Usiamo la resina di questa pianta.Il dosaggio trovato è 150 A 200 mg 3 volte al giorno di estratto contenente almeno 60% di acido Boswéliques.4 A 8 settimane possono essere necessari per sentire gli effetti terapeutici.Contro-indicazione: Gravidanza.Uno studio di gennaio 2003 in India su 30 persone con osteoartrite del ginocchio è risultato positivo dopo 8 settimane di trattamento Boswellia. Estratto di Boswellia era significativamente più efficace del placebo nel ridurre il dolore, migliorare la flessibilità del ginocchio e aumentare la distanza a piedi.

Piante che sono sia rimmineralizzanti che antinfiammatorie

Ortica

Le parti aeree dell’ortica sono ricche di calcio e silicati (silicio organico). Sono stati a lungo utilizzati come diuretico e contro il dolore articolare o reumatico esternamente, ma anche internamente.

Questa pianta causerebbe l’inibizione parziale di 5-lipoxygenase, ciclooossigenasi, inibizione della sintesi di leucotriene B4 e prostaglandine, inibizione delle citochine a cellule T; mediatori del dolore e del processo infiammatorio. Questa pianta ha un’azione che può prevenire questa cascata infiammatoria nelle malattie autoimmuni…

Utilizzare:

Infusione da 30 a 60 g di foglie (marco verde® ortica calda) per litro di acqua bollente.Lasciare in infusione per 10 minuti. Prendere una tazza da 2 a 3/giorno prima dei pasti, o capsule (Arkogélules®)

Suggerimento farmacia: Quando vedere un medico

  • In caso di dolore iperalgico acuto e recente

  • Se la diagnosi non è stata fatta

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *