Verso una migliore gestione dell’ulcera peptica

L’ulcera peptica è un’erosione della mucosa digestiva nello stomaco o nella prima parte del duodeno. L’ulcera può avere un diametro che va da pochi millimetri a diversi centimetri. È una malattia progressiva e ricorrente.

Cos’è l’ulcera peptica ?

L’ulcera peptica è una ferita progressiva con perdita di sostanza. Appare dopo ripetuti attacchi alla mucosa gastrica, in particolare da parte di farmaci (FANS o farmaci antinfiammatori non steroidei, corticosteroidi, tra gli altri). Il decorso è cronico e la guarigione non avviene spontaneamente (cioè senza intervento medico, chirurgico o farmacologico).

L’ulcera peptica è una perdita di sostanza dal rivestimento digestivo, solitamente nello stomaco (ulcera gastrica) o nei primi centimetri del duodeno (ulcera duodenale), passando attraverso la mucosa. Quasi tutte le ulcere sono causate dall’infezione da Helicobacter pylori o dall’uso di FANS.

I sintomi di solito includono dolore simile al bruciore di stomaco, che è spesso alleviato dal cibo. La diagnosi si basa in particolare sull’endoscopia e sugli esami per l’Helicobacter pylori. Il trattamento comprende la soppressione della secrezione acida, l’eradicazione dell’H. pylori (se presente) e la non assunzione di FANS.

Si parla quindi di ulcera peptica quando questa patologia colpisce contemporaneamente lo stomaco e il duodeno (prima parte dell’intestino tenue), e di ulcera duodenale quando è localizzata allo stesso duodeno. Per quanto riguarda l’ulcera pilorica, si trova a livello del piloro, cioè all’uscita dello stomaco. L’ulcera peptica può essere chiamata calloso quando è vecchio e i suoi bordi sono sollevati e sclerotici.

Un po’ di storia

Prima della scoperta dell’Helicobacter pylori, si riteneva che la malattia ulcerosa fosse il risultato di uno stress che causava un conflitto tra acido dello stomaco e pepsina da un lato e dall’altro la protezione offerta dalla barriera della mucosa gastrica.

La scoperta di H. pylori da parte di Marshall e Warren nel 1982 ha sconvolto questa concezione e ha reso l’ulcera peptica una malattia prevalentemente infettiva. L’eradicazione dell’H. pylori con un’appropriata terapia tripla è ora il trattamento di scelta per la malattia ulcerosa.

Alcuni consigli naturopatici per limitare i disturbi dell’ulcera peptica

Quali cibi evitare ?

  • Patatine fritte e cibi fritti
  • Oli cotti e burro
  • Spezie (tranne il coriandolo)
  • Mostarda
  • Frattaglie, selvaggina e proteine ​​animali in genere (che acidificano eccessivamente l’ambiente dello stomaco) → Bisogna sapere che la secrezione acida dello stomaco è rinforzata dall’assorbimento di troppe proteine ​​animali. Questo porta ad un sovraccarico di lavoro per il pancreas, responsabile della riduzione di questa acidità. È anche meglio evitare di abbinare la carne ai carboidrati. Questi vengono digeriti dall’amilasi prodotta dalla saliva in bocca. Sfortunatamente, l’amilasi non è attiva in un ambiente fortemente acido. Quindi la digestione degli zuccheri lenti sarà a priori più difficile quando sono associati a proteine ​​forti.
  • Pesce grasso
  • conserve
  • crauti
  • Formaggi fermentati
  • Confetture, creme, confetteria, pasticceria (soprattutto industriale)
  • Alcoli forti, bevande ghiacciate e gassate, caffè…
  • Café au lait → Le micelle sono delle specie di sfere microscopiche che rallentano l’attività enzimatica al punto da bloccare la fase di digestione dello stomaco e quindi provocare una forte acidità del mezzo. Passando nel duodeno, queste micelle interferiscono con la digestione del chimo (pane compreso) e causano reflusso, disturbi epatici, disturbi dell’intestino tenue e putrefazioni intestinali.
  • Crostacei, uova
  • Funghi
  • Verdure secche
  • briciole di pane fresco
  • Acetosa
  • arancia
  • Cipolla cruda
  • Cioccolato

Quali sono gli alimenti consigliati ?

  • Verdure cotte o essiccate
  • Cereali e amidi (patate in particolare)
  • Uova sode
  • Carni e pesce magri (branzino, nasello, orata, limone, merluzzo, sogliola, ecc.)
  • Burro crudo e oli
  • Formaggi freschi o non fermentati
  • Frutta fresca (banana, melone), crostate di frutta…
  • Tutti i prodotti ricchi di omega 3
  • Noccioline
  • semi di lino
  • Olio di colza (su verdure crude)

Più in generale, è necessario optare per alimenti biologici, privi di prodotti fitosanitari e non OGM.

Quali rimedi naturali esistono dal lato delle piante medicinali ?

La gastrite superficiale diffusa cronica è un’erosione della mucosa gastrica con rarefazione del muco gastrico e progressiva distruzione dell’epitelio. Sono più spesso complicati dalla presenza di un germe della famiglia Campylobacter, Helicobacter pylori.

Ora sappiamo che la presenza e la persistenza di questo germe nello stomaco impediscono una completa guarigione della gastrite. Nella medicina convenzionale, questo germe viene sradicato usando antibiotici (una combinazione di amoxicillina e claritromicina, o anche metronidazolo).

Gli estratti vegetali che sembrano avere il maggior effetto sull’Helicobacter pylori sono generalmente piante aromatiche o contenenti un olio essenziale.

Shatavari :

Shatavari è un gastroprotettivo contro l’ulcera gastrica. Aumenta i fattori di difesa locale della mucosa, la secrezione di muco e le cellule mucose. Ha anche attività antiossidante.

La borsa del pastore :

Questa pianta è indicata nelle ulcere gastriche mediante stimolazione della muscolatura liscia tramite amine vasoattive (colina, acetilcolina, istamina).

Hericium erinaceus :

Questo fungo è un gastroprotettore contro l’ulcera gastrica sperimentale con forte attività anti-Helicobacter pylori.

Cannella di Ceylon :

La cannella previene le ulcere allo stomaco e ha proprietà anti-Helicobacter pylori.

Olio essenziale di chiodi di garofano:

Questo olio essenziale è gastroprotettivo stimolando la sintesi del muco gastrico. Ha anche un effetto preventivo dell’ulcera gastrica Helicobacter pylori.

Matricola :

La camomilla Matricaria è antiulcera e gastroprotettiva contro le ulcere. Genera infatti protezione contro le lesioni gastriche indotte da etanolo e indometacina e di conseguenza inibisce la produzione di ureasi da parte dell’Helicobacter pylori. Agisce nelle infiammazioni e nell’ulcera gastrica, nella gastrite, negli spasmi intestinali e quindi diminuisce i sintomi della dispepsia.

EPS mirtillo rosso :

Il mirtillo rosso inibisce la crescita di Helicobacter pylori, in associazione con la maggiorana mediante probabile inibizione dell’ureasi e inibizione della prolina deidrogenasi a livello della membrana plasmatica.

Aneto :

L’aneto ha un interessante effetto gastroprotettivo e antisecretorio. Questa pianta ha anche una moderata attività contro l’Helicobacter pylori. È un antispasmodico digestivo.

Ravanello nero EPS :

Il sulforafene contenuto nel ravanello nero, è un attivatore di disintossicazione (glutatione), nonché un antibatterico nei confronti dell’Helicobacter pylori.

Foglie di olivo :

L’estratto di foglie di olivo sembra anche avere un ruolo nella regolazione della composizione della flora gastrica riducendo i livelli di H. pylori.

In sintesi

  • Helicobacter pylori è un batterio patogeno che provoca sempre una reazione infiammatoria della mucosa gastrica
  • L’infiammazione gastrica o la gastrite associata a H. pylori è asintomatica nella maggior parte dei casi
  • H. pylori è la causa di oltre il 70% delle ulcere peptiche e la sua eradicazione elimina la malattia ulcerosa
  • Il linfoma gastrico a piccole cellule del malto può regredire dopo l’eradicazione di H. pylori
  • La gastrite da H. pylori può portare ad atrofia e metaplasia intestinale e infine al cancro gastrico in 1 caso su 100
  • L’eliminazione dei batteri aiuta a stabilizzare le lesioni precancerose e a prevenire lo sviluppo del cancro
  • Il rischio di cancro dipende dalla patogenicità dei batteri e dalle caratteristiche immunitarie dell’ospite
  • Si ritiene che i probiotici Lactobacillus gasseri siano utili per l’eradicazione dell’Helicobacter pylori e l’infiammazione della mucosa gastrica

In Francia, l’eradicazione preventiva del batterio è raccomandata in particolare nei parenti di primo grado di un soggetto con cancro gastrico, nei pazienti che hanno subito una gastrectomia parziale per cancro e nei pazienti con atrofia marcata.

Fonti :

  • Tytgat GN. Review article: practical management issues for the Helicobacter pylori-infected patients at risk of gastric cancer. .Aliment Pharmacol Ther. 1998
  • Dominique Vialard – alternative santé – Ulcère, brûlures d’estomac, reflux : il y a des remèdes simples. 2014
  • Hooi JKY, Lai WY, Ng WK, Suen MMY et al. Global Prevalence of Helicobacter pylori Infection: Systematic Review and Meta-Analysis. Gastroenterology. 2017
  • Correa P. A human model of gastric carcinogenesis. Cancer Res. 1988
  • Papatheodoridis GV, Sougioultzis S, Archimandritis AJ. Effects of Helicobacter pylori and nonsteroidal anti-inflammatory drugs on peptic ulcer disease: a systematic review. Clin Gastroenterol Hepatol. 2006

 

 

Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *