Guida pratica alla gestione della PCOS con la naturopatia

Sebbene la società abbia compiuto progressi impressionanti nel campo della salute, alcune condizioni rimangono ancora enigmatiche. Una di queste è la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), un disturbo ormonale comune nelle donne in età fertile. Ma non tutto è perduto, perché esistono metodi naturali e olistici per gestirla. L’argomento di oggi è Come la medicina naturopatica può aiutarvi a gestire la PCOS.

Capire la PCOS

La sindrome dell’ovaio policistico, più comunemente nota come PCOS, è un complesso disturbo ormonale che colpisce molte donne in età fertile. Questa condizione può causare una serie di problemi di salute che vanno dall’infertilità ai disturbi metabolici e ai problemi cardiaci. Per capire come la naturopatia può aiutare a gestire la PCOS, è fondamentale capire cos’è la PCOS e come influisce sull’organismo.

Che cos’è la PCOS?

La PCOS è caratterizzata da uno squilibrio degli ormoni sessuali femminili. Questo squilibrio può causare problemi ai cicli mestruali, alla capacità riproduttiva, alla distribuzione del grasso nel corpo e all’aspetto. Le donne affette da PCOS presentano spesso livelli più elevati di ormoni maschili (androgeni), che possono provocare sintomi quali acne, crescita eccessiva di peli e perdita di capelli di tipo maschile.

Come influisce la PCOS sul corpo?

Nella PCOS, le ovaie possono non essere in grado di rilasciare un ovulo ogni mese, il che può causare irregolarità mestruali e difficoltà di concepimento. Le donne affette da PCOS possono anche sviluppare cisti nelle ovaie, da cui il nome della condizione.

Ma gli effetti della PCOS vanno oltre la salute riproduttiva. Lo squilibrio ormonale può anche causare problemi metabolici come la resistenza all’insulina, il pre-diabete e il diabete di tipo 2. Inoltre, le donne con PCOS hanno un rischio maggiore di malattie cardiache e altri problemi di salute. Inoltre, le donne con PCOS hanno un rischio maggiore di malattie cardiache e altri problemi di salute.

La diversità dei sintomi della PCOS

È importante notare che la PCOS si manifesta in modo diverso da una donna all’altra. Alcune donne possono avvertire molti sintomi, mentre altre solo alcuni. Inoltre, la gravità dei sintomi può variare. Alcune donne possono avere cicli mestruali leggermente irregolari, mentre altre possono non avere alcun ciclo. Alcune possono avere un leggero aumento di peso, mentre altre possono lottare contro l’obesità.

Principi della naturopatia

La naturopatia offre un approccio naturale e olistico alla salute. Si basa sull’idea che il corpo abbia una capacità innata di autoguarigione. Attraverso interventi dietetici, esercizio fisico, omeopatia, fitoterapia e altri approcci, la naturopatia può aiutare a gestire i sintomi della PCOS.

Il ruolo della dieta

La dieta è un elemento cruciale nella gestione della PCOS. Una dieta equilibrata può aiutare a regolare gli ormoni, a controllare il peso e a ridurre i sintomi della PCOS.

Incoraggiare una dieta ricca di fibre

Quando si tratta di gestire la PCOS attraverso la naturopatia, una dieta ricca di fibre svolge un ruolo fondamentale. Le fibre sono un componente dietetico essenziale che ha un impatto significativo sulla salute metabolica. Aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue, a controllare il peso e a migliorare la salute dell’intestino. Per le donne affette da PCOS, questi benefici possono avere un effetto significativo.

Secondo uno studio clinico pubblicato su PubMed, esiste infatti un legame significativo tra salute intestinale e sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Questo studio ha valutato l’effetto di una dieta ad alto contenuto di fibre, da sola o in combinazione con l’acarbose, sui fenotipi clinici della PCOS, concentrandosi sulla potenziale influenza del microbiota intestinale. Lo studio ha coinvolto 25 pazienti con PCOS, suddivise in due gruppi. I risultati hanno mostrato che la dieta ad alto contenuto di fibre poteva ridurre l’infiammazione metabolica cronica, la funzione riproduttiva e la secrezione di peptidi intestinali nelle pazienti con PCOS. Inoltre, la dieta ad alto contenuto di fibre associata all’acarbosio ha mostrato un miglioramento più significativo dei fenotipi clinici della PCOS. Il rimodellamento del microbiota intestinale, ottenuto grazie a questo intervento, sembra svolgere un ruolo importante in questi miglioramenti (9).

Fibre e regolazione degli zuccheri nel sangue

Gli alimenti ricchi di fibre vengono digeriti più lentamente dall’organismo. Ciò significa che hanno un impatto minore e più lento sui livelli di zucchero nel sangue. Una dieta ricca di fibre può quindi aiutare a prevenire i picchi glicemici che possono portare a un’eccessiva produzione di insulina, un problema comune alle donne con PCOS. Inoltre, questa regolazione degli zuccheri nel sangue contribuisce a ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, una condizione che molte donne con PCOS rischiano di sviluppare.

Fibre per il controllo del peso

Le fibre contribuiscono anche al senso di sazietà. Gli alimenti ricchi di fibre tendono a essere più sazianti, il che significa che possono aiutare a controllare l’appetito e a ridurre l’apporto calorico complessivo. Per le donne con PCOS che lottano contro il sovrappeso o l’obesità, una dieta ricca di fibre può quindi essere un’efficace strategia di gestione del peso.

Promuovere la salute dell’intestino

Infine, le fibre svolgono un ruolo fondamentale per la salute dell’intestino. Nutre i batteri buoni dell’intestino, contribuendo a mantenere un microbiota intestinale sano. È interessante notare che la ricerca ha suggerito un legame tra la salute dell’intestino e la PCOS, con alcune prove che indicano che le donne con PCOS possono avere un microbiota intestinale squilibrato. Una dieta ricca di fibre potrebbe quindi contribuire a ripristinare questo equilibrio.

L’intestino svolge un ruolo fondamentale per la salute generale, anche nel contesto della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Ecco una sintesi delle informazioni principali su questo argomento:

  1. Microbiota e PCOS: gli studi hanno dimostrato che il microbiota delle donne con PCOS è diverso da quello considerato normale. È meno diversificato e manca di alcune sottofamiglie di batteri. Questa disbiosi intestinale è legata a problemi come l’insulino-resistenza, l’obesità, il diabete di tipo 2 e un maggior rischio di malattie cardiovascolari. Può anche portare all’ipermeabilità intestinale, consentendo il passaggio di molecole o batteri indesiderati nel flusso sanguigno, che può causare infiammazioni croniche. Inoltre, alcuni batteri intestinali influenzano direttamente i livelli di estrogeni nell’organismo e possono influire sull’immagazzinamento dei grassi, contribuendo a problemi di peso e a complicazioni epatiche. Lo squilibrio del microbiota può anche influenzare l’umore e contribuire a disturbi come la depressione e l’ansia (11).
  2. Correlazione tra i sintomi della PCOS e il microbiota intestinale: uno studio dell’Università della California di San Diego ha rilevato che i sintomi della PCOS sono correlati alla composizione batterica intestinale. Modifiche alla dieta e allo stile di vita volte a riequilibrare il microbiota intestinale possono ridurre significativamente questi sintomi. Questo studio, inizialmente condotto su modelli murini, indica che il microbioma intestinale è meno diversificato nelle donne con PCOS, suggerendo che la modifica del microbioma attraverso trattamenti prebiotici o probiotici potrebbe essere un approccio promettente per gestire la PCOS (12).
  3. Effetto dell’esercizio fisico sul microbiota intestinale: è importante notare che l’esercizio fisico ha un impatto sul microbiota intestinale, che può essere rilevante per le persone con PCOS. L’esercizio fisico moderato può ridurre l’infiammazione e migliorare la composizione corporea, inducendo al contempo cambiamenti positivi nella composizione del microbiota intestinale e nei metaboliti microbici prodotti nel tratto gastrointestinale. Al contrario, l’esercizio fisico intenso può aumentare la permeabilità del rivestimento epiteliale gastrointestinale e diminuire lo spessore del muco intestinale, il che potrebbe favorire l’ingresso di agenti patogeni nel flusso sanguigno e aumentare i livelli di infiammazione (13).

Limitare il consumo di carboidrati raffinati

Il consumo di carboidrati raffinati è un punto cruciale nella gestione della PCOS. I carboidrati raffinati, come il pane bianco, la pasta, il riso bianco e i prodotti dolciari, sono stati sottoposti a un processo di raffinazione che elimina i nutrienti essenziali e le fibre. Il risultato è un alimento a rapida digestione che può causare un rapido aumento dei livelli di zucchero nel sangue.

Carboidrati raffinati e livelli di insulina

Quando mangiamo carboidrati, il nostro corpo li scompone in zuccheri semplici, principalmente glucosio, che viene poi assorbito nel flusso sanguigno, aumentando i livelli di zucchero nel sangue. In risposta, il nostro corpo rilascia l’insulina, un ormone che aiuta il glucosio a entrare nelle cellule dove può essere utilizzato come energia.

I carboidrati raffinati vengono scomposti e assorbiti rapidamente, determinando un aumento rapido e significativo dei livelli di zucchero nel sangue. Questo, a sua volta, innesca un’elevata produzione di insulina. Nel tempo, questo può portare all’insulino-resistenza, una condizione in cui le cellule diventano meno reattive all’insulina. L’insulino-resistenza è un problema importante per le donne con PCOS e può peggiorare i sintomi della PCOS.

Gestire i sintomi della PCOS limitando i carboidrati raffinati

Limitando l’assunzione di carboidrati raffinati, possiamo contribuire a prevenire questi picchi glicemici e l’eccessiva produzione di insulina. Ciò può contribuire a una migliore gestione dell’insulina e a un miglioramento dei sintomi della PCOS.

Cosa posso mangiare al posto dei carboidrati raffinati?

Al posto dei carboidrati raffinati, optate per i carboidrati complessi, o carboidrati integrali. Questi alimenti, come cereali integrali, legumi, frutta e verdura, sono più ricchi di fibre e vengono digeriti più lentamente, il che aiuta a prevenire i picchi di zucchero nel sangue.

L’importanza dell’esercizio fisico

L’esercizio fisico è un’altra componente essenziale nella gestione della PCOS. Può contribuire a ridurre i sintomi della PCOS e a migliorare la qualità della vita.

Attività cardio per un cuore sano

Le attività cardio, come la corsa e la bicicletta, possono contribuire a migliorare la salute del cuore, un aspetto importante per le donne con PCOS.

L’importanza dell’allenamento con i pesi

L’allenamento della forza, sebbene spesso sottovalutato, svolge un ruolo essenziale nella gestione della PCOS. Concentrandosi sull’aumento della massa muscolare, è possibile non solo migliorare la composizione corporea, ma anche influenzare positivamente vari altri aspetti della salute rilevanti per le donne con PCOS. Infatti, secondo un articolo di PubMed, alcuni studi hanno valutato l’impatto dell’allenamento con i pesi nelle donne in pre-menopausa con PCOS. I risultati sono positivi ma preliminari e indicano che l’allenamento con i pesi può migliorare diversi aspetti della salute in queste donne (3).

Allenamento con i pesi e aumento della massa muscolare

L’allenamento con i pesi, come suggerisce il nome, aiuta a costruire la massa muscolare. La massa muscolare è importante per diversi motivi. Da un lato, può contribuire a migliorare la forza e la resistenza, il che può tradursi in una migliore qualità della vita e nella capacità di condurre uno stile di vita attivo. D’altra parte, la massa muscolare è importante anche per la gestione del peso. In effetti, un altro studio ha rilevato che i miglioramenti nei risultati di salute dipendono più dall’intensità dell’esercizio che dalla dose. L’esercizio ad alta intensità ha prodotto un moderato aumento del VO2peak e una riduzione dell’insulino-resistenza e della circonferenza vita (4).

Bruciare più calorie

Una maggiore massa muscolare può aiutare a bruciare più calorie, anche a riposo. Questo perché il muscolo è un tessuto metabolicamente attivo, cioè brucia calorie anche quando non si fa attività fisica. Ciò può contribuire a creare un deficit calorico, necessario per la perdita di peso. Per le donne con PCOS che lottano contro il sovrappeso o l’obesità, questo può essere particolarmente vantaggioso.

Bodybuilding e controllo del peso

Inoltre, l’allenamento di resistenza può aiutare a controllare il peso in molti altri modi. Può contribuire a ridurre il grasso corporeo, migliorare la sensibilità all’insulina e aumentare il dispendio energetico dopo l’esercizio. Secondo una revisione sistematica, l’esercizio aerobico intensivo è risultato in grado di migliorare gli indicatori di insulina nelle donne con PCOS. Sembra inoltre che l’allenamento con i pesi possa avere un effetto positivo sui livelli di androgeni, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per convalidare definitivamente questi risultati (5).

Il ruolo degli integratori alimentari

@soin.et.nature

🌸👩‍⚕️Le Syndrome des Ovaires Polykystiques (SOPK), tu connais? C’est une affection hormonale touchant 1 femme sur 10! 😮 Ses symptômes? Des cycles menstruels irréguliers, des problèmes de peau, de prise de poids, et bien plus encore… Mais bonne nouvelle! 🎉 Il y a des moyens naturels pour aider à gérer le SOPK. 👉 L’Inositol, le NAC, la Berbérine,la Vitamine D et les Oméga 3 sont des compléments alimentaires qui peuvent être des alliés précieux! 🍊💊 Ils aident à réguler les hormones, améliorent la qualité de la peau et favorisent un poids santé. 🏋️‍♀️🍃 📣 N’oublie pas! La prévention est la clé! Adopte une alimentation équilibrée, fais de l’exercice et consulte régulièrement ton médecin. 👩‍⚕️🥗🏋️‍♀️ Clique sur le lien dans notre bio pour découvrir notre sélection de compléments alimentaires pour le SOPK! 🛍️ www.soin-et-nature.com🌱💕 #sopk #spm #santé #santénaturelle #homéopathie #naturopathie #soinetnature #salud #saludnatural #homeopatía #naturopatía #saludybienestar #pcos #acné #conseilsgratuits #conseilssanté #astucessanté #astuce #fyp #pourtoi #homeopathie #homeopathic 🌍🌿

♬ TikTok All-Star (V2) – Official Sound Studio

Esistono molti integratori alimentari che possono aiutare a gestire la PCOS. Sebbene la ricerca sia ancora in corso, alcuni integratori hanno mostrato effetti promettenti.

Vitamina D e PCOS

La vitamina D è spesso carente nelle donne con PCOS. Inoltre, una revisione degli studi clinici ha indicato che l’integrazione di vitamina D nelle donne con PCOS ha ripristinato i livelli sierici fisiologici di 25(OH)D. Inoltre, in diversi studi ha ridotto la glicemia a digiuno e migliorato l’insulino-resistenza e l’insulina a digiuno. Inoltre, è stata osservata una riduzione dei trigliceridi sierici. Tuttavia, i dati sui livelli di colesterolo LDL, HDL e totale sono discordanti. Dosi elevate di vitamina D hanno mostrato effetti benefici sul testosterone totale, sulla globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) e sull’indice di androgeni liberi. Un’integrazione di vitamina D ad alte dosi per almeno 12 settimane potrebbe quindi portare a un miglioramento dei livelli di glucosio, della sensibilità all’insulina, dell’iperlipidemia e della funzione ormonale nelle donne con PCOS (7).

L’influenza dell’inositolo

È stato dimostrato che l’inositolo, un tipo di zucchero naturale, ha effetti positivi sulla gestione dei sintomi della PCOS. Questi includono infertilità e problemi metabolici.

Myoinositolo (MI) e D-chiro-inositolo (DCI)

Questi inositoli svolgono un ruolo nella segnalazione dell’insulina e nella sintesi degli ormoni nelle ovaie. Una ricerca della letteratura fino a settembre 2020 ha identificato 47 studi clinici, di cui 35 randomizzati e controllati. Numerosi studi hanno dimostrato che il trattamento con MI migliora la funzione ovarica e la fertilità, riduce la gravità dell’iperandrogenismo (compresi acne e irsutismo), influisce positivamente sugli aspetti metabolici e modula vari parametri ormonali coinvolti nel funzionamento dell’asse riproduttivo e nell’ovulazione. Il trattamento con MI è diventato un nuovo metodo per migliorare i sintomi della PCOS, migliorare l’ovulazione spontanea o indurre l’ovulazione. La combinazione di MI e DCI in un rapporto fisiologico di 40:1, con o senza altri composti, potrebbe essere utile per migliorare gli aspetti metabolici, ormonali e riproduttivi della PCOS (8).

Ecco una tabella riassuntiva degli integratori alimentari per la PCOS:

Integratore alimentare Effetti benefici sulla PCOS Commenti aggiuntivi
Inositolo Miglioramento della qualità della pelle, regolazione ormonale, miglioramento della fertilità. Tipo di zucchero naturale con effetti positivi sull’infertilità e sui problemi metabolici.
NAC (N-acetilcisteina) Aiuta a regolare gli ormoni.
Berberina Utile per la regolazione del glucosio.
Vitamina D Necessaria in caso di carenza frequente nelle donne con PCOS. Si consiglia l’integrazione in caso di carenza.
Omega-3 Importante per la salute del cuore e la regolazione ormonale. Consigliato in caso di carenza nelle donne con PCOS.
Maca Aiuta a mantenere l’equilibrio ormonale, stimola la fertilità. È un adattogeno utilizzato per aumentare la libido e potenziare la fertilità.
Castagno Utilizzato per correggere gli squilibri ormonali. È noto per migliorare le condizioni del sistema riproduttivo.
Fieno greco Migliora i cicli mestruali e la sensibilità all’insulina. Pianta aromatica utilizzata nella medicina tradizionale asiatica.
Curcuma Potente antinfiammatorio naturale. Contiene curcumina, che aiuta a ridurre l’infiammazione.
Magnesio Contribuisce a ridurre la resistenza all’insulina. Indicato nei casi di carenza, aiuta a regolare il glucosio.

Questa tabella fornisce una panoramica degli integratori alimentari che possono essere utili nel trattamento della PCOS. Tuttavia, è fondamentale consultare un medico prima di iniziare qualsiasi trattamento, per assicurarsi che questi integratori siano adatti alle proprie esigenze specifiche e per evitare interazioni farmacologiche o effetti collaterali indesiderati.

Il ruolo del microbiota intestinale nella PCOS

Il microbiota intestinale svolge un ruolo centrale nella gestione della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Agisce direttamente su processi metabolici chiave come l’infiammazione, la segnalazione dell’insulina, il metabolismo del glucosio, il metabolismo dei lipidi e la secrezione ormonale. Attraverso le sue vie meccaniche, contribuisce al mantenimento dell’omeostasi e regola i livelli di lipidi e glucosio nel sangue, svolgendo così un ruolo decisivo nella progressione della PCOS (14).

Trattamento della PCOS utilizzando il microbiota intestinale

I recenti progressi indicano che alcuni alimenti, prebiotici e probiotici, in particolare le fonti naturali di polifenoli, possono migliorare significativamente i sintomi della PCOS agendo sul microbiota intestinale. Questa modifica del microbiota apre la strada a metodi terapeutici innovativi, come la terapia del microbiota fecale, che promette una gestione più efficace e naturale della PCOS.

Ruolo del microbiota

La PCOS, caratterizzata da una serie di sintomi, è un importante fattore di rischio per malattie come il diabete di tipo 2, i disturbi cardiovascolari e alcuni tipi di cancro. La modifica del microbiota intestinale è quindi una strategia terapeutica promettente per trattare efficacemente la PCOS e prevenire queste malattie associate.

Verso una gestione integrativa della PCOS

Queste scoperte sottolineano l’importanza cruciale di un approccio olistico alla gestione della PCOS. L’accento è posto sul ruolo strategico del microbiota intestinale, suggerendo che interventi mirati come diete specifiche e l’uso di probiotici, prebiotici e persino terapie del microbiota fecale potrebbero rivoluzionare il trattamento di questa complessa condizione.

Altri approcci naturali

Altri metodi naturali possono aiutare a gestire la PCOS, come l’agopuntura, la meditazione e lo yoga.

Agopuntura per la PCOS

L’agopuntura, nota per il suo potenziale di riequilibrio ormonale, può essere un efficace complemento nel trattamento della PCOS. Questa tecnica millenaria stimola alcuni punti del corpo per migliorare la circolazione energetica, offrendo una soluzione naturale per alleviare sintomi come le irregolarità mestruali e gli squilibri ormonali.

Il ruolo della meditazione e dello yoga

La meditazione e lo yoga possono aiutare a gestire lo stress, che può aggravare i sintomi della PCOS. Queste pratiche aiutano anche a migliorare il benessere generale. Uno studio intitolato “Regular Mindful Yoga Practice as a Method to Improve Androgen Levels in Women With Polycystic Ovary Syndrome: A Randomized, Controlled Trial” ha esaminato l’effetto della pratica regolare dello yoga sui livelli di androgeni nelle donne con PCOS. È emerso che una pratica regolare di yoga consapevole ha ridotto significativamente i livelli di testosterone libero e ha anche mostrato miglioramenti nelle misure di ansia e depressione (15).

DOMANDE FREQUENTI

1. La naturopatia può curare la PCOS? Sebbene non esista una cura definitiva per la PCOS, la medicina naturopatica può aiutare a gestire i sintomi e a migliorare la qualità della vita.

2. Che tipo di dieta è consigliata per gestire la PCOS? Si raccomanda una dieta ricca di fibre e povera di carboidrati raffinati.

3. L’esercizio fisico è importante per la gestione della PCOS? Sì, l’esercizio fisico può aiutare a controllare il peso e a migliorare la salute del cuore.

4. Quali integratori alimentari sono consigliati per la PCOS? La vitamina D e l’inositolo sono spesso consigliati.

5. L’agopuntura è utile per la PCOS? Alcune ricerche suggeriscono che l’agopuntura può contribuire a migliorare l’equilibrio ormonale nelle donne con PCOS.

6. In che modo la meditazione e lo yoga possono aiutare a gestire la PCOS? Possono aiutare a gestire lo stress, che può peggiorare i sintomi della PCOS.

Riferimenti:

  1. https://www.cochrane.org/fr/CD007506/MENSTR_effet-dune-bonne-hygiene-de-vie-chez-les-femmes-atteintes-du-syndrome-des-ovaires-polykystiques
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC10065776/
  3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9844343/
  4. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34567361/

Lascia un commento