Aspirina, ibuprofene, paracetamolo: come scegliere l’antidolorifico giusto?

Per alleviare febbre, mal di testa, mal di denti, dolori infiammatori, emicranie, periodi dolorosi, dolori muscolari, ustioni, puoi scegliere tra paracetamolo, ibuprofene o aspirina. Qual è il più efficace? Per che tipo di dolore li prendi? Possiamo combinarli? Come scegli l’antidolorifico più adatto alle tue

Favorisci il paracetamolo come antidolorifico

Gli analgesici sono uno dei farmaci più utilizzati in Francia perché possono arginare rapidamente il dolore o abbassare la febbre, senza il rischio di effetti collaterali.

Il paracetamolo è un analgesico di livello I, come l’ibuprofene e l’aspirina. È il più utilizzato e presenta il beneficio di rischio più basso. Se è doloroso o febbricitante, è il primo a prenderlo perché abbassa la febbre, allevia il mal di testa, i dolori mestruali o il mal di denti.

Commercializzato con vari nomi, doliprane, dafalgan o anche efferalgan, il paracetamolo è il farmaco di prima scelta, in caso di dolore o febbre. E per una buona ragione, è raramente responsabile degli effetti collaterali – tranne in caso di sovradosaggio o uso cronico – ed è destinato a tutti, donne incinte e bambini piccoli inclusi. Questo analgesico può essere assunto anche durante l’allattamento.

Tuttavia, la sua sicurezza d’uso non deve oscurare i casi in cui è controindicato: allergia al paracetamolo e insufficienza epatica. Devi essere sicuro che l’assunzione di questo analgesico non influirà sul tuo corpo.

In effetti, il paracetamolo non è un prodotto innocuo. In caso di sovradosaggio, può causare gravi danni al fegato, a volte irreversibili. Esiste il rischio di overdose se non si seguono le regole di buona pratica.

Il paracetamolo deve essere consumato nella dose più piccola e per il minor tempo possibile.

Come usare correttamente il paracetamolo?

  • Negli adulti di peso inferiore a 50 kg, è imperativo consultare le istruzioni per la dose massima raccomandata in base al loro peso: Quando si assume il paracetamolo negli adulti, è consigliabile iniziare con la dose più bassa possibile (500 mg);
    rispettare:

    • la dose massima per dose: 1 g per dose massima,
    • l’intervallo tra le catture: almeno da 4 a 6 ore,
  • Paracetamolo: non più di 4 g ogni 24 ore, salvo diversa indicazione del medico.
  • non consumare alcol durante il trattamento.
  • Nei bambini il dosaggio (dosaggio e modo di somministrazione) del paracetamolo è di 60 mg per chilogrammo al giorno, da suddividere in quattro o sei dosi, ovvero circa 15 mg / kg ogni sei ore o 10 mg / kg ogni quattro ore.
    Per i bambini, il paracetamolo di solito viene fornito in una soluzione orale. È necessario evitare di assumere capsule o compresse sotto i 6 anni.

Precauzioni per l’uso con paracetamolo

Il paracetamolo è raramente responsabile degli effetti collaterali. Tuttavia, è necessaria la vigilanza. Può infatti avere un effetto tossico sul fegato in caso di sovradosaggio (più di 4 grammi al giorno) o se è associato all’assunzione di alcol. Questo perché l’alcol e il paracetamolo vengono disintossicati dal fegato attraverso un meccanismo comune. In caso di febbre che si protrae per diversi giorni, si consiglia di alternare ad ogni dose un medicinale contenente paracetamolo e uno che non lo contiene. Ultima raccomandazione: paracetamolo e alcol non si mescolano.

Controlla anche la presenza di paracetamolo in altri medicinali che prenderesti contemporaneamente (usati per dolore, febbre, allergie, sintomi del raffreddore o sintomi simil-influenzali):

  • leggere attentamente le istruzioni. Esistono casi particolari che obbligano a modificare le dosi massime, ad esempio negli anziani;
  • rimanete cauti e chiedete sempre consiglio al vostro farmacista. Soprattutto se hai già un trattamento in corso e prevedi di prendere il paracetamolo per trattare il dolore transitorio. Alcuni medicinali a volte contengono paracetamolo e un sovradosaggio dovrebbe essere evitato.

In tutti i casi, l’antidolorifico dovrebbe interrompersi non appena il dolore si attenua. Infine, non esitate a discuterne con il vostro medico se soffrite di insufficienza epatica da lieve a moderata, grave insufficienza renale, alcolismo cronico …

Scegli l’aspirina per il dolore da lieve a moderato

L’aspirinaè disponibile anche senza prescrizione medica. Il suo utilizzo è riservato al dolore leggero o moderato.

È più probabile che venga utilizzata l’aspirina rispetto al paracetamolo. Non dovrebbe essere assunto per più di 5 giorni per il trattamento del dolore e non superare la dose di 3 grammi al giorno negli adulti e 60 mg per kg al giorno nei bambini.

L’aspirina presenta anche un rischio allergico e non deve essere utilizzata nelle persone con asmao con una malattia a rischio di sanguinamento (specialmente ulcere gastriche).

L’aspirina è vietata alle donne in gravidanza, alle persone con problemi di stomaco, allergiche all’aspirina e all’ibuprofene o agli anticoagulanti. Inoltre non è raccomandato per i bambini.

Come usare correttamente l’aspirina?

  • Per adulti e bambini di peso superiore a 50 kg, la dose giornaliera massima raccomandata è di 3 g di aspirina o 6 compresse effervescenti al giorno. Il dosaggio usuale è di 1 compressa effervescente da 500 mg, da rinnovare se necessario dopo almeno 4 ore. In caso di dolore o febbre più intensi, 2 compresse effervescenti da 500 mg, da rinnovare se necessario dopo un minimo di 4 ore, senza superare le 6 compresse effervescenti al giorno. Quando viene utilizzato per trattare le malattie cardiovascolari, le dosi sono inferiori. Se questo è il caso, chiedi consiglio al tuo medico.
  • Per un bambino di peso inferiore a 50 kg, il dosaggio dipende dal peso. È necessario pesarlo per dargli la dose più adatta. La dose giornaliera raccomandata di aspirina è di circa 60 mg / kg / die, suddivisa in 4 o 6 dosi separate, o di circa 15 mg / kg ogni 6 ore o 10 mg / kg ogni 4 ore.

Precauzioni per l’uso con l’aspirina

L’assunzione di aspirina non è innocua. Diversi effetti collaterali sono da temere, come dolore addominale, sangue dal naso o gengive. In casi molto rari, questo può portare a sanguinamento nel tratto digestivo, che può portare all’anemia.

Prestare attenzione anche alle interazioni con altri farmaci come farmaci antinfiammatori o anticoagulanti. Inoltre, qualsiasi sovradosaggio o assunzione prolungata espone il paziente a complicazioni. Per evitare il sovradosaggio, l’aspirina non deve mai essere assunta contemporaneamente a un altro farmaco antinfiammatorio non steroideo, ad esempio l’ibuprofene.

Scegli l’ibuprofene in caso di infiammazione

L’ibuprofene è un antidolorifico e un farmaco antinfiammatorio, vietato alle donne in gravidanza, alle persone con problemi di stomaco, alle persone allergiche all’aspirina (allergia crociata) e alle persone che assumono fluidificanti del sangue.

Come usare correttamente l’ibuprofene ?

L’ibuprofene è utilizzato nel trattamento di alcune forme di reumatismi e artrosi, tendiniti, lombalgia, sciatica e periodi dolorosi. Non è indicato per il dolore dentale in quanto il suo effetto antinfiammatorio potrebbe mascherare una potenziale infezione. Per adulti e bambini sopra i 30 kg, il dosaggio usuale è di 1 compressa (400 mg) per dose, da rinnovare se necessario dopo 6 ore. In tutti i casi, non superare le 3 compresse al giorno (ovvero 1200 mg al giorno).

Advil, Nurofen e Spédifen sono analgesici da assumere se il dolore non scompare con il paracetamolo. Sono infatti più efficaci e generalmente hanno meno effetti collaterali rispetto all’aspirina. Sono consigliati per febbre, mal di denti, dolori articolari, emicranie.

Il dosaggio va da 200 a 400 mg per dose e deve essere osservato un intervallo di almeno 6 ore tra ciascuna dose. La dose massima giornaliera è di 1200 mg. Sono vietati dal 6 ° mese di gravidanza, in caso di allattamento al seno, insufficienza renale o cardiaca. Possono anche causare mal di stomaco o diarrea.

Precauzioni per l’uso con ibuprofene

Come l’aspirina, ma in misura minore, l’ibuprofene assottiglia il sangue. Questo farmaco dovrebbe quindi essere evitato in caso di asma o una storia di sanguinamento o ulcere. Inoltre è controindicato in caso di insufficienza epatica, cardiaca o renale.

  • L’ibuprofene è più a rischio del paracetamolo.
  • Non superare i 5 giorni di automedicazione in caso di dolore e 3 giorni in caso di febbre.

Le donne incinte non dovrebbero consumarlo dal quinto mese in quanto vi sono rischi per il feto. Per quanto riguarda la prima fase della gravidanza, gli effetti sono ancora poco conosciuti: il foglietto illustrativo del farmaco non indica nulla su questo argomento, ma i ricercatori dell’Istituto Nazionale di Salute e Ricerca Medica (Inserm) affermano che l’ibuprofene sarebbe pericoloso per il feto dal prime settimane di gravidanza. Per quanto riguarda l’allattamento al seno, l’ibuprofene passa in piccole quantità nel latte materno. A titolo precauzionale, il suo utilizzo è quindi sconsigliato durante questo periodo.

In tutti i casi, è imperativo non superare le dosi e la durata del trattamento indicate dal medico, a rischio di gravi effetti avversi: bruciore di stomaco, irritazione o sanguinamento dal tratto digerente, reazioni allergiche, attacchi di asma, affaticamento o anche disidratazione . Inoltre, poiché l’ibuprofene fa parte dei FANS, ha un effetto inibitorio sull’ovulazione, che può ridurre la fertilità nelle donne. Tuttavia, questo effetto è reversibile quando si interrompe il trattamento.

Non scegliere mai analgesici per bambini e donne incinte senza consiglio medico

Nei bambini, come nelle donne in gravidanza, è imperativo discuterne in anticipo con il medico. Infatti, per evitare qualsiasi rischio di dosaggio errato o complicazioni, l’automedicazione è fortemente sconsigliata.

Per i bambini va seguita la raccomandazione del pediatra, il quale, a seconda dell’età, del peso, di eventuali anamnesi o allergie, sceglierà un particolare analgesico, per il quale dovrà essere rispettato il dosaggio indicato. La febbre persistente nei bambini o accompagnata da sintomi associati, tuttavia, richiede cure mediche.

Per le donne incinte,nessun farmaco deve essere assunto durante la gravidanza senza il consiglio del medico. Il paracetamolo è più comunemente indicato per il dolore lieve. È l’antidolorifico e l’antipiretico più noto e sicuro per le donne incinte, indipendentemente dal termine della gravidanza. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono formalmente controindicati dal sesto mese. Possono causare il rischio del feto di gravi danni renali e cardiovascolari, persino la morte.

I nostri consigli su automedicazione e analgesici

  • Attenzione ai rischi di overdose: nel 2017 una giovane donna, Naomi Musenga, è morta dopo essere stata derisa al telefono da un operatore del Samu di Strasburgo, cosa che ha provocato una grande ondata di emozioni in Francia. Secondo le indagini, questa morte è stata “la conseguenza dell’intossicazione con paracetamolo assorbito dall’automedicazione per diversi giorni”.
  • Chieda sempre consiglio al farmacista o al medico prima di prendere qualsiasi medicinale, anche se prenderlo sembra innocuo.
  • Se esiti tra diversi antidolorifici, dì al tuo medico quali altri farmaci stai assumendo perché potrebbero già contenere paracetamolo, ad esempio.
  • E se sei in trattamento per una condizione a lungo termine (ALD), non prendere mai antidolorifici per l’automedicazione.

Fonti :

1- https://sante.lefigaro.fr/article/aspirine-ibuprofene-paracetamol-comment-choisir-/

2- https://www.doctissimo.fr/sante/douleur/traitement-de-la-douleur/choix-anti-douleur

3- https://www.vidal.fr/actualites/24050-paracetamol-ibuprofene-et-aspirine-fin-du-libre-acces-en-pharmacie-a-partir-du-15-janvier-2020.html

4- https://www.ameli.fr/assure/sante/medicaments/utiliser-medicaments/utiliser-antalgiques

5- https://www.lalsace.fr/magazine-sante/2019/12/24/paracetamol-ibuprofene-aspirine-comment-eviter-le-surdosage

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *