Il ruolo della medicina naturopatica nella sindrome premestruale

Sindrome premestruale

La sindrome premestruale è un insieme di sintomi somatici, emotivi e comportamentali. Questi sintomi compaiono prima del ciclo e scompaiono. Questo insieme di sintomi colpisce circa il 75% delle donne in età fertile. La specificità di questa sindrome è infatti la sua ciclicità, e la sua intensità abbastanza grave da alterare significativamente il funzionamento personale, sociale e professionale.

Cos’è la sindrome premestruale?

La sindrome premestruale è un disturbo ricorrente della fase luteale caratterizzato da irritabilità, ansia, labilità emotiva, depressione , edema, dolore al seno e mal di testa che si verifica durante i 7-10 giorni prima del ciclo e di solito termina poche ore dopo l’inizio delle mestruazioni.

I meccanismi di questo disturbo sembrano essere legati al calo degli ormoni sessuali nel sangue dopo l’ovulazione. Alcuni sintomi (tensione al seno, aumento di peso) possono essere spiegati in particolare dalla ritenzione idrica .

Quali sono i fattori che favoriscono la sindrome premestruale?

  • Diversi fattori ormonali:
    • ipoglicemia
    • Altri cambiamenti nel metabolismo dei carboidrati
    • Iperprolattinemia
    • Fluttuazioni dei livelli circolanti di estrogeni e progesterone
    • Risposte anomale a estrogeni e progesterone
    • Livelli eccessivi di aldosterone o ADH
  • Una predisposizione genetica
  • Carenza di serotonina
  • Possibile carenza di magnesio e calcio

Gli estrogeni e il progesterone possono causare ritenzione di liquidi transitoria, così come l’eccesso di aldosterone o DHA.

Un po’ di storia

La prima menzione di una malattia chiamata “tensione premestruale” fu documentata nel 1931 in un articolo del ginecologo statunitense Robert T. Frank. Possiamo però tornare un po’ più indietro per osservare le premesse sia dell’interesse per la fase premestruale , ma anche dell’associazione tra debolezza psichica e mestruazione. Secondo Fischer-Homberger , la connessione di qualcosa che potrebbe essere descritta come “debolezza nervosa” con le mestruazioni non è apparsa fino alla fine del XIX secolo. In questo modello, l'”irritabilità” di alcuni organi, come le ovaie in caso di isteria, unita ad una più generale irritabilità del sistema nervoso, provoca gli “attacchi”.

Fischer Homberger nota quindi che, in questo momento che precede la “scoperta” degli ormoni sessuali, il sistema nervoso è visto come il centro del processo delle mestruazioni . Si tratta dunque di «uno stato analogo agli attacchi isterici, una specie di isteria». All’inizio del XX secolo, l’emergere dell’endocrinologia ha significato una perdita di importanza nell’associazione tra mestruazioni e sistema nervoso, a favore degli ormoni. Il modello endocrinologico, tuttavia, consente di stabilire con fermezza il legame tra i sintomi psichici e il periodo premestruale, dal momento che consente di spiegare “reclami riguardanti qualsiasi parte del corpo, in qualsiasi momento durante il ciclo mestruale”, come notato. Stolberg. Fu dopo la seconda guerra mondiale, tuttavia, che il termine “tensione premestruale” divenne popolare e si riferiva esplicitamente al mix di sintomi emotivi , comportamentali e somatici che Frank aveva già proposto.

Nel 1953, i medici britannici Katharina Dalton e Raymond Greene , in un articolo pubblicato sul British Medical Journal , proposero il termine “sindrome premestruale”.
La sindrome premestruale ha così conosciuto una nuova fase della sua storia a partire dall’inizio degli anni ’80, con lo sviluppo di una nuova categoria diagnostica, il disturbo disforico premestruale .

Dolore al seno correlato alla sindrome premestruale

Le fait de ressentir une tension dans les seins pendant les jours précédant les règles peut être considéré comme un phénomène physiologique normal. On parle de mastodynie lorsque cette sensation devient inconfortable et pousse la patiente à consulter. Ces douleurs sont le plus souvent dues à la rétention d’eau qui accompagne la chute des taux sanguins d’hormones sexuelles après l’ovulation.

A seconda dell’età del paziente, ci sono due tipi di dolore al seno. La mastodinia della giovane ragazza accompagna le prime mestruazioni , mentre nelle donne dai 40 anni in su, la mastodinia può avere cause più gravi ed essere accompagnata da mastosi (presenza di cisti fibrose al seno). Tenendo conto dell’età dei pazienti, l’esame clinico deve essere attento al fine di rilevare un possibile tumore.

Quali integratori alimentari esistono per combattere la sindrome premestruale?

Ω6 acidi grassi :

L’acido gamma-linolenico, spesso incluso negli integratori alimentari, allevia la sindrome premestruale . La borragine e enotera , ricca di omega-6 acidi grassi, vengono anche proposto.

Calcio :

Tuttavia, diversi studi hanno suggerito che l’assunzione di calcio sarebbe efficace nell’alleviare la sindrome premestruale. Fai attenzione, l’assunzione di calcio in grandi quantità (più di 5.000 mg al giorno) potrebbe causare calcoli renali in alcune persone. Inoltre, gli integratori alimentari di calcio devono essere asportati dagli antibiotici della famiglia delle cicline e dei chinoloni e dagli ormoni tiroidei.

Magnesio :

Diversi studi hanno suggerito che il magnesio può agire sul dolore mestruale e sui sintomi della sindrome premestruale. Un recente studio suggerisce inoltre che un’assunzione combinata di magnesio e vitamina B6 sarebbe più efficace rispetto all’assunzione di queste due sostanze da sole.

Attenzione però, gli integratori ricchi di magnesio dovrebbero essere evitati in caso di insufficienza renale. Come il calcio, il magnesio non deve essere assunto contemporaneamente agli antibiotici della famiglia delle cicline e dei chinoloni.

E le piante medicinali?

L’Agnocasto :

L’agnocasto ha attività ormonale con un miglioramento generale del ciclo ormonale e una riduzione dei sintomi della sindrome premestruale. L’agnocasto agisce come agonista dei recettori oppioidi μ. Mima l’azione della β-endorfina, normalizza la secrezione pulsatile di GnRh, un ormone ipotalamico che controlla la secrezione delle gonadotropine ipofisarie LH e FSH. Infatti, modula il rilascio pulsatile di queste gonadotropine (azione anti-FSH).

Oltre all’azione frenetica della prolattina e all’azione dopaminergica centrale che spiegherebbe l’attività dell’Agnocasto sugli aspetti psichici, motori e somatici della sindrome premestruale, la pianta è anche antiestrogena, antiandrogena, e provoca un aumento della pressione sanguigna concentrazioni di progesterone a metà ciclo .

L’Agnocasto, infatti, limita la comparsa dei sintomi legati alla sindrome premestruale (mastodinia, emicrania, ecc.). In questo contesto esercita un effetto sedativo e ansiolitico.

L’Agnocasto è anche un emmenagogo: regola il ciclo mestruale stimolando e facilitando il flusso sanguigno mestruale nella regione pelvica e nell’utero. Corregge le anomalie del ciclo e ripristina le fasi del ciclo mestruale legate all’insufficienza luteale e all’iperprolattinemia latente.

Attenzione, l’Agnocasto potrebbe interagire con alcuni farmaci, in particolare i contraccettivi orali, o “pillola”. Qualsiasi trattamento ormonale richiede un minimo di 3 mesi prima di qualsiasi risultato a causa del tempo di maturazione follicolare di 90 giorni.

Il mantello della signora :

Yarrow è usato per trattare i disturbi climaterici della menopausa . Nelle donne in premenopausa, aiuta a regolare il ciclo mestruale stimolando il flusso sanguigno mestruale nella regione pelvica e nell’utero (effetto emmenagogo), che corrisponde al suo uso tradizionale, soprattutto nella sindrome premestruale. Il suo effetto clinico è progestinico e antiestrogeno , in relazione alla sua concentrazione di apigenina.

Gli stimmi dello Zafferano :

Le principali indicazioni terapeutiche dello zafferano in relazione alle sue attività sul sistema nervoso centrale sono i disturbi dell’umore nonché le manifestazioni dolorose nel contesto della sindrome premestruale.

Ginko :

Grazie alla loro azione sulla circolazione sanguigna, gli estratti di foglie di ginkgo potrebbero alleviare efficacemente il dolore al seno associato alla sindrome premestruale.

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Vidal, sindrome premestruale, 2014
  • Lanza di Scalea T, Pearlstein T: Disturbo disforico premestruale. Med Clin North Am, 2019
  • BAS, Halid (2006). “Sindrome di Prämenstruelles” in Ars Medici, 2006
  • BASSO, Barbara Francesca (2011). “Sindrome di Prämenstruelles: Vielen Frauen kann ohne Hormone geholfen werden” in Hausarzt Praxis, 2011
  • WUNDER-GALIE, Dorothea (2010). “Prämenstruelles Syndrom bei Adoleszentinnen: Vorkommen, Differenzialdiagnostik und therapeutische Möglichkeiten” in Ars Medici, 2010
  • Loch EG, Selle H, Boblitz N. Trattamento della sindrome premestruale con una formulazione fitofarmaceutica contenente Vitex agnus castus. J Womens Health Gend Based Med. 2000
  • Webster DE et al., Activatin of the mu-oppiate receptor mediante estratti di metanolo di Vitex agnus-castus; richiesta per il suo uso nella sindrome premestruale, J Ethnopharmacol., 2006
  • Atmaca M. et al., Fluoxetina versus Estratto di Vitex agnus castus nel trattamento del disturbo disforico pre-mestruale, Hum Psychopharmacol., 2003
  • Milewizcz A. et al., estratto di Vitex agnus castus nel trattamento dei difetti della fase luteinica dovuti a iperprolattinemia latente. Risultati di uno studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo, Arzneimittelforschung, 1993

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *