La Grande Bardane, il piccolo tesoro della natura

Bardana

La bardana, oltre alle sue implicazioni medicinali nella vita quotidiana degli uomini , è stata anche una pianta legata al dominio spirituale. Già, 2000 anni fa, Plinio indicava che era una delle piante preferite dai druidi. Più tardi, lo ritroveremo nella processione delle piante solstiziali e in quelle che gettiamo (tra le altre) nel fuoco durante il solstizio d’estate per proteggerci dalla tempesta. Poiché crescono nelle vicinanze degli umani, si dice che siano piante da compagnia . Ora vediamo quanto sono buone le bardane da un punto di vista medicinale!

Un po’ di storia

Nel Medioevo si trova nella farmacopea di Ildegarda con il nome di “Cletta”. Secondo lei la radice della bardana è perfettamente inutile, preferendo di gran lunga le sue foglie che tuttavia indica come pericolose per l’uomo cotte crude, salvo rare eccezioni: dolori pettorali e respiratori, calcoli renali. . Solo più tardi, sembrerebbe, che la bardana abbia riscosso un grande successo come malattia cutanea topica , come è considerata ancora oggi.

È poi molto popolare, come l’enulacampana ( Inula helenium ), come vulnerabilità e rimedio, in particolare per uso esterno sulle malattie della pelle (scrofola, scabbia, lebbra, tigna – certo! – piaghe, come ‘indica Alberto il Grande nel XIII secolo). Si dice anche diuretico, sudorifero, detergente, pettorale e un po’ astringente, e interviene in caso di litiasi, tosse con sangue, gotta, artrite, reumatismi, ecc.

Nel XVI secolo, la carriera medicinale della bardana ha preso una nuova svolta poiché è stato grazie ai decotti della sua radice che siamo riusciti a curare il re Enrico III dal vaiolo grosso (sifilide). Questa nuova riga sul suo CV ha confermato il suo status di panacea. In questo Lazare Rivière (1589-1655) si concentrerà sullo studio della bardana per le sue cosiddette proprietà antisifilitiche, mentre Olivier de Serres riporta gli altri usi del suo tempo (guarigione sulle ulcere, antiveleno sui morsi di serpente e “altre bestie”).

Quali sono le principali proprietà farmacologiche delle radici di Bardana?

Proprietà anti-infettiva:

Bardana è un antibatterico non specifico in vitro contro Bacillus subtillis, Escherichia coli, Shigella flexneri e S. sonnei, Pseudomonas aer. dovuto ai derivati ​​del poliacetilene. È anche antistafilococco e antimicotico su Candida albicans .

Proprietà antinfiammatoria:

Antinfiammatorio da arctigenina , per azione sulla produzione di NO e sulla secrezione di citochine proinfiammatorie (TNF-alfa, IL-6). I lignani, come la diarctigenina , antagonizzano il fattore attivante piastrinico (PAF), coinvolto in particolare nel broncospasmo dello shock anafilattico o nell’infiammazione dell’allergia acuta , mediante rilascio di istamina e sollecitazione e richiamo di eicosanoidi (leucotrieni, trombossani, prostaglandine).

In vivo , la polvere di radice di bardana riduce l’infiammazione intestinale nella colite (abbassando IL-6 e TNF-α). Allo stesso modo, la bardana stimola l’attività dei macrofagi.

Nell’uomo, l’infusione di radice di A. lappa migliora lo stato infiammatorio e lo stress ossidativo in particolare nei pazienti con artrosi del ginocchio.

Proprietà sul metabolismo dei carboidrati:

Antidiabetico da lignani, bardana è ipoglicemizzante mediante inibizione di alfa-glucosidasi, e quindi aumenta la tolleranza ai carboidrati. A conferma dell’uso tradizionale della radice di bardana per ridurre l’iperglicemia, gli studi hanno dimostrato che questa pianta limita anche l’aumento della glicemia dopo l’ingestione di carboidrati, grazie al suo rapporto di inulina e attivando il metabolismo energetico intracellulare di segnalazione (AMPK).

Proprietà epatoprotettiva:

Grazie ai suoi lattoni sesquiterpenici e alle sue proprietà antiradicali liberi, la bardana protegge le cellule del fegato dai danni causati da sostanze epatotossiche come etanolo, tetracloruro di carbonio, paracetamolo e paracetamolo.

Proprietà nefroprotettiva:

La bardana protegge il rene in vivo dalla genotossicità indotta dal cadmio.

Proprietà regolatrice delle funzioni di secrezione ed eliminazione:

  • Azione sudoriferica, seboregolatrice:

Regolazione cutanea della secrezione sebacea e favorisce la maturazione dell’ascesso e l’eliminazione del pus (uso tradizionale).

  • Azione coleretica e diuretica:

Uso tradizionale confermato da studi che indicano che gli acidi alcolici della radice aumentano la coleresi epatica, esercitano un effetto lassativo intestinale ed un’azione renale di tipo uricorusico acquaretico e antiurolitiasico mediante alcalinizzazione delle urine.

Proprietà antimutagene, antitumorali e anti-autoimmuni:

L’ artigenina contenuta in Arctium lappa è una sostanza farmacologicamente attiva che conferisce protezione neuronale e possiede proprietà antidiabetiche, antitumorali e antiossidanti.

Uno studio del 2015 mostra che l’ arctigenina inibisce le cellule Th17 e migliora l’encefalomielite autoimmune sperimentale , dimostrando proprietà antinfiammatorie e immunosoppressive. Ciò indica che potrebbe essere un potenziale farmaco terapeutico per la sclerosi multipla o altre malattie autoimmuni infiammatorie.

Proprietà antiossidante:

Questa attività antiossidante deriva dalla capacità dimostrata in vitro e in vivo della bardana di eliminare i radicali liberi e di aumentare gli antiossidanti endogeni come il glutatione.

Ci sono precauzioni per l’uso con Bardana?

Controindicazioni:

  • Secondo l’EMA, come principio di precauzione, l’uso della bardana non è raccomandato nelle donne in gravidanza (proprietà ossitociche, cioè utero-stimolanti) o durante l’allattamento.
  • Riservato agli adulti
  • Non usare in caso di colica epatica o attacco di colica renale a causa dei suoi effetti coleretici e diuretici

Precauzioni per l’uso:

  • Rischio di reazioni allergiche, probabilmente a causa dei suoi sesquiterpeni-lattoni. Cautela in caso di allergia preesistente a piante della famiglia delle Asteraceae.

Interazioni tra farmaci:

Come tutte le sostanze contenenti principi attivi , va tenuto conto del rischio di interazioni farmacologiche.

Bardana non fa eccezione a questa regola, ecco l’elenco delle interazioni farmacologiche da considerare :

  • Dosaggio da aggiustare in caso di assunzione di farmaci antidiabetici
  • Evitare in combinazione con agenti ipoglicemizzanti
  • Rischio di interazioni farmacologiche con anticoagulanti e diuretici sintetici

Come prendere Bardana e in quale dosaggio?

Forma secca:

  • Come integratore alimentare (estratto standardizzato di pianta fresca, estratto secco, polvere sotto forma di compresse o capsule , o sfuso in bustine fino a 500 g di polvere) in ragione da 200 a 600 mg per dose, 2 o 3 volte al giorno.

Forma liquida:

In uso locale: Gli estratti di bardana possono essere utilizzati nella composizione di creme, lozioni o preparati magistrali per uso locale.

Bardana nella preparazione magistrale di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

Associazione con il pensiero selvaggio :

Per trattare l’eczema secco o pruriginoso, nonché la dermatite secca.

Associazione con Piantaggine :

Per trattare l’eczema trasudante o pruriginoso, nonché l’eczema associato all’asma e alla dermatite.

Associazione con Echinacea :

Per trattare la follicolite come parte di una sindrome metabolica, nonché le infezioni da stafilococco (foruncolo, eczema superinfetto).

Associazione con Cipresso :

Indicato nelle malattie eruttive virali (herpes, varicella, roseola infantile, mollusco contagioso ).

Associazione con Liquirizia :

Nel trattamento delle candidosi digestive e cutanee.

Associazione con ravanello nero :

Indicato nelle disidrosi degli arti, dermatiti in relazione a fragilità epatica o per necessità di disintossicazione (esempio: metaboliche o medicinali).

Associazione con radice di ortica :

Come trattamento per l’acne maculopapulare ‘florida’ sul viso e sulla schiena degli adolescenti.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Maghsoumi-Norouzabad L, Alipoor B, Abed R, Eftekhar Sadat B, Mesgari-Abbasi M, Asghari Jafarabadi M. Effetti del tè alla radice di Arctium lappa L. (Bardana) sullo stato infiammatorio e sullo stress ossidativo in pazienti con osteoartrite del ginocchio. Int J Rheum Dis. 2016
  • Zhao F, Wang L, Liu K. Effetti antinfiammatori in vitro di arctigenina, un lignano di Arctium lappa L., attraverso l’inibizione della via iNOS. J Etnofarmaco. 2009
  • Xu Z, Wang X, Zhou M, Ma L, Deng Y, Zhang H, Zhao A, Zhang Y, Jia W. L’attività antidiabetica del lignano totale di Fructus Arctii contro il diabete indotto da allossana in topi e ratti. Phytother Ris. 2008
  • Miyazawa, Mitsuo e Yagi, Nobuo e Taguchi, Katsuya. (2005). Composti inibitori dell’attività .ALPHA.-Glucosidasi da Arctium lappa L
  • Song-chow Lin. Effetti epatoprotettivi di Arctium Lappa sul danno epatico indotto da tetracloruro di carbonio e acetaminofene
  • Iwakami S, Wu JB, Ebizuka Y, Sankawa U. Antagonisti del fattore attivante piastrinico (PAF) contenuti nelle piante medicinali: lignani e sesquiterpeni. Chem Pharm Bull (Tokyo). 1992
  • Li W. et al., Arctigenin Surpress Th17 Cells and Migliora Sperimentale; Encefalomielite autoimmune attraverso la segnalazione di AMPK e PPAR-y / ROR, Mol Neurobiol., 2015
  • El-Kott AF et al., Uso dell’estratto di Arctium lappa contro l’epatotossicità indotta da acetaminofene nei ratti, Curr Ther Res Clin Exp., 2015
  • Suliman Al-Gebaly A., Effetto migliorativo di Arctium lappa contro la genotossicità e l’istopatologia del cadmio nel rene di Wistar Rat, Pak J Biol Sci., 2017
  • Maghsoumi-Norouzabad L. et al., Effetti del tè alla radice di Arctium lappa L. (Bardana) sullo stato infiammatorio e sullo stress ossidativo in pazienti con osteoartrite del ginocchio. Int J rheum Dis., 2016

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *