L’olio essenziale di Basilico Santo, un semplice elevato al rango di divinità

Olio essenziale di basilico santo

Per comprendere appieno la dimensione sacra che circonda questo basilico, è importante fargli tornare sui suoi passi, e recarsi nella sua terra d’origine, ovvero l’India. Lì, il basilico è sacro quanto la verbena per i romani, se non di più. Vi vengono eretti piccolissimi “templi”, oltre a veri e propri altari circondati da mura e pilastri, in onore di questa pianta alla quale le persone si rivolgono come se fosse una divinità .

Un po’ di storia

Meglio conosciuto per il suo olio essenziale, il basilico santo è stato ampiamente utilizzato nella fitoterapia nel subcontinente indiano per migliaia di anni, dove la medicina ayurvedica lo ha utilizzato sia cotto che crudo.

Ecco come gli indù concepiscono il loro rapporto speciale con questa pianta , secondo le osservazioni del sacerdote Vincenzo Maria da Santa Caterina che visitò il luogo nel XVII secolo: “Hanno grande cura di questa erba; davanti a lei mormorano la loro preghiera più volte al giorno, spesso prostrandosi, cantando, ballando, spruzzandola d’acqua. Sulle rive dei fiumi dove vanno a fare il bagno, li vediamo in grande quantità; credono infatti che agli dei piaccia particolarmente questa erba, e che il dio Ganavedi(Ganeça) rimane lì continuamente. Quando viaggiano, in assenza di questa pianta, la disegnano per terra con la sua radice, così si spiega che al mare, così spesso notiamo tali figure disegnate sulla sabbia”.

È vero che in termini di divinità, la tulasî è legata non meno che a Lakshmî e a Vishnu , e questa erba cinge la fronte di molte altre divinità del pantheon indù , sapendo che la sua raffinata fragranza rimane associata al potere divino. Pianta feconda e fruttifera, la tulasi è invocata per la protezione di tutte le parti del corpo umano, dalla testa ai piedi, e ad ognuna di esse corrisponde una preghiera ben distinta. L’incomparabile tulasî interviene tanto per la vita quanto per la morte. È una pianta immortale “che racchiude in sé tutte le perfezioni, che scongiurano i mali, che purifica e guida al paradiso celeste chi lo coltiva”.

Quali sono le proprietà farmacologiche dell’olio essenziale di parti aeree del basilico santo?

Proprietà antimicrobiche e antiparassitarie:

Immunostimolante , l’ olio essenziale di basilico santo è anche antimicotico , contro Cladosporium herbarum e Penicillium glabrum , contro Candida , Aspergillus e dermatofiti (anche resistenti al fluconazolo) da danni alla membrana cellulare e porta ad una notevole riduzione della quantità di ergosterolo, un componente specifico della membrana cellulare fungina.

Il basilico santo è anche antibatterico , l’ eugenolo è attivo contro Trichomonas vaginalis, Helicobacter pylori, Listeria monocytogenes, Escherichia coli e micoplasmi (Ureaplasma sp). Il suo effetto è sinergico in combinazione con gli antibiotici.

Antivirale contro il virus dell’herpes, questo olio essenziale è anche repellente contro Aedes aegypti e antielmintico per l’ eugenolo che contiene.

Proprietà analgesiche e antinfiammatorie:

Analgesico per effetto mediato dei recettori alfa2-adrenergici e degli oppioidi, l’olio essenziale di basilico santo ha un effetto favorevole nel dolore neuropatico , nelle malattie neurodegenerative e metaboliche .

Ligando per i recettori dei cannabinoidi di tipo 2 (CB2), senza gli effetti psicotropi dei cannabinoidi di tipo 1 (CB1) e agonista naturale dei recettori endogeni dei cannabinoidi 2 (CB-2) che inducono effetti antinfiammatori , il basilico santo previene la nefrotossicità indotta dal cisplatino (via una via dipendente dal recettore CB-2) e riduce la cardiotossicità della doxorubicina con un meccanismo simile, rendendola di conseguenza di enorme potenziale terapeutico per una moltitudine di malattie associate a infiammazione e stress ossidativo, grazie al suo eccellente profilo di sicurezza nell’uomo.

Antinfiammatorio inibendo la Cox-2, questo olio essenziale inibisce la sintesi delle prostaglandine, in particolare da parte della mucosa del colon. Antiartritico , è anche un agente di prevenzione del cancro. Il -cariofillene interferisce in diverse cascate di segnalazione causando tumori e sarebbe, proprio come l’ eugenolo , un candidato come agente preventivo e curativo per alcuni tipi di cancro.

I suoi effetti immunomodulatori e antinfiammatori sono spiegati dall’eugenolo, che inibisce la via NF-kB.

Proprietà sul sistema nervoso centrale:

Parasimpaticolitico e simpaticolitico , l’olio essenziale di basilico santo è ipotensivo per effetto vasodilatatore periferico. Previene la riduzione della dopamina nello striato e previene la lipoperossidazione, che ha un potenziale effetto nel morbo di Parkinson , oltre che neuroprotettivo nella sclerosi multipla .

Ansiolitico , privo di effetto sui recettori delle benzodiazepine, è un potente antagonista dei recettori nicotinici dell’acetilcolina (α7-nAChRs) e privo di effetti mediati dai recettori serotoninergici e GABAergici.

Altre proprietà:

  • Spasmolitico, anticonvulsivante
  • Antiossidante e protettore del DNA
  • Antiaggregante
  • Effetto anti-estrogenico
  • Può aiutare a ridurre il consumo di alcol
  • Effetto inotropo negativo per effetto calcio-bloccante

L’olio essenziale di basilico sacro richiede qualche precauzione per l’uso?

  • Controindicato nelle donne in gravidanza o allattamento
  • Controindicato nei bambini sotto i 12
  • Non più di 10 giorni di utilizzo ( rischio di mutagenicità e cancerogenicità a lungo termine e/o ad alte dosi )
  • Interazioni farmacologiche con oli essenziali contenenti più del 10% di chetoni
  • Contenenti fenoli e sesquiterpeni, rischio di autotossicità per interazioni molecolari
  • Dermocaustico puro, diluizione necessaria
  • Attenzione in caso di gastrite e ulcera orale
  • Non diffondere o mettere nell’acqua del bagno
  • Nessuna inalazione umida
  • La metabolizzazione epatica può causare epatotossicità a lungo termine o ad alte dosi, va sempre diluita e combinata con altri oli essenziali ben tollerati, in modo da “tagliare” e ridurne la proporzione nella miscela finale.
  • Vietato negli animali

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Amber K, Aijaz A, Immaculata X, Luqman KA, Nikhat M. Effetto anticandidal dell’olio essenziale di Ocimum sanctum e sua sinergia con fluconazolo e ketoconazolo. Fitomedicina. 2010
  • Khan A, Ahmad A, Akhtar F, Yousuf S, Xess I, Khan LA, Manzoor N. L’olio essenziale di Ocimum sanctum e i suoi principi attivi esercitano la loro attività antimicotica interrompendo la biosintesi dell’ergosterolo e l’integrità della membrana. Res Microbiol. 2010
  • Asha MK, Prashanth D, Murali B, Padmaja R, Amit A. Attività antielmintica dell’olio essenziale di Ocimum sanctum ed eugenolo. Fitoterapia. 2001
  • Saharkhiz MJ, Kamyab AA, Kazerani NK, Zomorodian K, Pakshir K, Rahimi MJ. Composizioni chimiche e attività antimicrobiche di Ocimum sanctum L. Oli essenziali in diverse fasi di raccolta.Jundishapur J Microbiol. 2014
  • Upadhyay, RK (2017). Tulsi: Una pianta sacra dall’alto valore medicinale e terapeutico. Giornale internazionale della farmacia verde
  • Tawatsin A, Asavadachanukorn P, Thavara U, Wongsinkongman P, Bansidhi J, Boonruad T, Chavalittumrong P, Soonthornchareonnon N, Komalamisra N, Mulla MS. Repellenza degli oli essenziali estratti da piante in Thailandia contro quattro vettori di zanzara (Diptera: Culicidae) ed effetti deterrenti all’ovideposizione contro Aedes aegypti (Diptera: Culicidae). Sanità pubblica del sud-est asiatico J Trop Med. 2006

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.