Vivi meglio nella tua vita quotidiana con il morbo di Parkinson

Disturbi del sistema nervoso e morbo di Parkinson

Il Parkinson è una malattia neurologica che causa la perdita di neuroni nel mesencefalo e danni ai fasci nigrostriatali (telencefalo). Colpisce lo 0,4% delle persone sotto i 40 anni, l’1% delle persone sopra i 65 anni e il 10% delle persone sopra gli 80 anni.

A livello di queste specifiche aree del cervello si ha infatti una disregolazione del sistema dopaminergico (diminuzione della produzione di dopamina) e, di conseguenza, un aumento della stimolazione dei neuroni colinergici. Questa patologia è lentamente progressiva, e caratterizzata da tremori a riposo, rigidità muscolare, movimenti lenti e ridotti (bradicinesia) e instabilità dell’andatura e/o della postura. La diagnosi della malattia è clinica. Il trattamento mira quindi a ripristinare la funzione dopaminergica nel cervello. L’esordio della malattia è quindi insidioso, con stanchezza abnorme, dolore poco localizzato e tremore alle mani.

Come funziona ?

La caratteristica patologica della malattia di Parkinson è in breve la presenza di corpi di Lewy contenenti sinucleina nel sistema nigrostriato. Tuttavia, la sinucleina può accumularsi in molte altre parti del sistema nervoso.

I corpi di Lewy compaiono in una certa sequenza temporale, e in particolare molti esperti ritengono che la malattia di Parkinson si sviluppi relativamente tardi nel contesto della sinucleinopatia sistemica.

Nella malattia di Parkinson, la degenerazione neuronale è principalmente localizzata nei neuroni pigmentati della substantia nigra, del locus ceruleus e di altri gruppi di cellule dopaminergiche del tronco cerebrale. La perdita dei neuroni della substantia nigra provoca in particolare una perdita di dopamina nella parte dei gangli della base e conseguentemente provoca un gran numero di manifestazioni motorie del morbo di Parkinson.

Da dove viene questa malattia ?

Una predisposizione genetica è infatti probabile, almeno in alcuni casi di malattia di Parkinson. Circa il 10% dei pazienti ha una storia familiare di malattia di Parkinson. Sono stati identificati diversi geni responsabili. L’ereditarietà è autosomica dominante per alcuni geni e autosomica recessiva per altri.

Nelle forme genetiche, l’esordio tende ad essere più giovane, ma lo sviluppo è generalmente più mite rispetto alla forma ad esordio tardivo della malattia di Parkinson che è probabilmente non genetica.

  • Il sistema dopaminergico coinvolto :

Il neurotrasmettitore del sistema dopaminergico è la dopamina. Si collega ai ricevitori D1, D2, D3, D4 e D5.

La dopamina svolge un ruolo nei movimenti volontari, nel comportamento, nella cognizione, nelle funzioni motorie, nella motivazione, nel circuito della ricompensa, nel sonno e nella memorizzazione. Rafforza azioni solitamente benefiche come mangiare un cibo sano inducendo la sensazione di piacere che attiva così il sistema di ricompensa/rinforzo.

È quindi essenziale per la sopravvivenza dell’individuo. Più in generale, svolge un ruolo nella motivazione e nell’assunzione di rischi. Questa molecola è anche coinvolta in alcuni piaceri astratti come ascoltare la musica.

Quando la produzione di dopamina viene bloccata o rallentata (anche endogena), può causare il morbo di Parkinson.

Consigli naturopatici per vivere meglio ogni giorno con la malattia di Parkinson :

Uno stile di vita sano e buone abitudini quotidiane possono consentire alle persone con Parkinson di rallentare la progressione della malattia, nonché di ritrovare un po’ di capacità motorie e di autonomia.

Non esiste una dieta specifica per le persone con Parkinson, ma ecco alcuni consigli dietetici utili :

  • Evita le diete, scegli una dieta varia, puntando su frutta, verdura e fibre, per combattere la stitichezza spesso presente. Aumentare l’assunzione di frutta, verdura verde e cereali
  • Ricordati di bere molti liquidi, idratarti a sufficienza, evitando l’alcol
  • I disturbi della deglutizione possono essere migliorati prendendo un po’ di ghiaccio o un sorso di acqua ghiacciata all’inizio di un pasto.
  • Limitare carne, pesce, salumi e latticini al mattino ea mezzogiorno; anzi consumateli la sera a cena
  • Prendi una cura di vitamina E di tanto in tanto; limita l’ossidazione degli acidi grassi omega-3 e del ferro ed è particolarmente indicato nel morbo di Parkinson

Vivi quotidianamente una certa autonomia :

  • Per alzarti più facilmente, valuta di alzare il letto e le gambe posteriori delle sedute, preferibilmente scelte con braccioli e schienale reclinabile
  • Uno spazzolino elettrico o un rasoio possono rendere più facile la toelettatura
  • Per vestirti, preferisci le cerniere ai bottoni, abiti larghi e cinture elastiche. Scegli scarpe facili da indossare e senza lacci
  • Per i pasti, prendi in considerazione gli apriscatole elettrici e le tovagliette antiscivolo

La pratica di un’ora al giorno di esercizio permette ai muscoli di mantenere la propria flessibilità e facilita il movimento, mantenere il proprio corpo :

  • In caso di blocco del motore, quando i piedi sembrano incollati al suolo: fermatevi qualche secondo e immaginate un ostacolo fittizio da superare. Per riprendere il movimento prestare attenzione all’elevazione del ginocchio, attaccare il suolo con il tallone mentre si solleva il braccio opposto.
  • Camminare regolarmente è il miglior esercizio
  • Più volte al giorno, esercitare movimenti di flessione, estensione e rotazione del tronco e del collo, squat. Mai forzare e fermarsi in caso di dolore
  • Stimolare la parola leggendo ad alta voce, lavorare sull’espressività del viso con smorfie, sorrisi, mimi, risate, ecc.
  • Il rilassamento attraverso lo yoga o la sofrologia permette il controllo psichico dei tremori e della rigidità muscolare
  • Stimola il tuo sistema dopaminergico: ascolta musica, canta… divertiti!

Vivere in società :

  • Continua le tue attività culturali e sportive
  • Approfitta del dinamismo delle associazioni di persone con malattia di Parkinson
  • L’associazione France Parkinson svolge un ruolo importante nel fornire informazioni e fornire preziosi consigli su come imparare a convivere con la malattia.

Piante e morbo di Parkinson :

La passiflora ha un’azione nella malattia di Parkinson. Alti livelli di harmane e norharmane sono stati riscontrati anche nel siero di pazienti con malattia di Parkinson, facendo sospettare un coinvolgimento di alcune beta-carboline nella patogenesi del Parkinson, da fonte metabolica endogena o da contributo esogeno.

Questa pianta è anche antispasmodica e depressiva dal maltolo (presente in piccole quantità) che provoca il rilassamento muscolare. Le beta-carboline sono stimolanti centrali e IMAO. La passiflora è quindi di grande aiuto nella malattia di Parkinson.

Dosaggio: 5 ml da miscelare in un bicchiere abbondante d’acqua, da bere 2 volte al giorno per 1 mese, rinnovabile per 3 mesi.

La N-acetil-cisteina contenuta nell’avena infatti migliora il funzionamento della dopamina e diminuisce i sintomi nei pazienti affetti dal morbo di Parkinson.

Dosaggio: 5 ml da miscelare in un bicchiere abbondante d’acqua, da bere 2 volte al giorno per 1 mese, rinnovabile per 3 mesi. Possibilità di miscelazione al 50% con l’EPS di Passiflora in sinergia.

La vera bandiera dolce ha proprietà neuroprotettive; il beta-asarone riduce l’autofagia neuronale in modo dose-dipendente. Grazie a questa pianta, notiamo un forte potenziale nella malattia di Parkinson. Il beta-asarone in esso contenuto è sedativo del sistema nervoso centrale, neuroprotettivo e modulatore del sistema dopaminergico.

Dosaggio: Mettere un cucchiaio (da 5 a 8g) di rizomi di vera bandiera dolce in una casseruola di acciaio inossidabile (evitare l’alluminio) e versare 1/2 litro di acqua bollente. Cuocere per 5-30 minuti e coprire per evitare l’evaporazione. Filtrare e consumare il decotto, zuccherato o meno, entro 24 ore, in ragione di 2 tazze al giorno. Mantieni la calma.

Il CBD può ridurre la degenerazione progressiva del sistema dopaminergico cerebrale. Diminuisce l’infiammazione, modula il sistema di segnalazione nei gangli della base e riduce l’eccitotossicità, l’afflusso di calcio, l’attivazione gliale e il danno ossidativo che contribuiscono alla degenerazione della substantia nigra.

Dosaggio: versare alcune gocce di CBD sotto la lingua. Non superare la dose di 1 mg di olio di CBD per 5 kg di peso corporeo giornaliero.

Questa diluizione omeopatica ridurrebbe i tremori, i movimenti anormali e la rigidità, oltre a migliorare il controllo del linguaggio e del movimento.

Dosaggio: Assumere da 10 a 15 gocce da diluire in poca acqua. Tenere in bocca per alcuni istanti prima di deglutire.

 

 

Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *