Perché trattare un nodulo con l’arnica montana?

Appassionato di omeopatia o meno, l’arnica montana è uno degli elementi essenziali nel nostro kit di pronto soccorso quotidiano. Dai primi passi del bebè, all’apprendimento della bicicletta, passando per i battibecchi tra amici,… Arnica è sempre stata lì ad accompagnare i nostri cari piccoli tesori alla scoperta della vita.

Non mancano le occasioni per cadere e imbattersi nella vita di un bambino. Una caduta o un leggero urto sul cuoio capelluto o sulla fronte può provocare un ematoma cutaneo, una bella protuberanza chiamata anche “uovo di piccione”.

Come si forma esattamente una protuberanza ?

La protuberanza è né più né meno che un semplice ematoma, vale a dire una raccolta di sangue sotto la pelle. Si verifica solo dopo uno shock, il più delle volte violento. Gli ematomi spontanei di solito non causano un nodulo, ma piuttosto versamenti di sangue diffusi e quasi piatti o lividi sotto la pelle.

Tuttavia, una caduta in un bambino può essere grave e richiede la massima vigilanza.
Mentre la metà di tutti gli incidenti provoca lesioni benigne (contusioni, ferite superficiali), molti di essi sono associati a gravi conseguenze fisiche o psicologiche.

A cosa serve l’Arnica Montana ?

La sua indicazione principale è il trauma fisico o psicologico. Non solo i dossi e gli urti dei nostri cari piccoli tesori. Arnica montana favorisce la guarigione delle ferite. Oltre a calmare il dolore, limita i lividi.

Quanta arnica montana usare?

Più locale, minore dovrebbe essere la diluizione:

  • Blu, colpo, colpo: arnica 5 CH
  • Shock generale (operazione, influenza, ecc…): arnica 9 CH
  • Lutto recente o altro shock emotivo: arnica 15 CH
  • Trauma precedente (fisico o emotivo): arnica 30 CH

Come ridurre i sintomi e facilitare la guarigione di un nodulo avendo i giusti riflessi ?

  • Applicare un impacco di ghiaccio sulla protuberanza :

Se non hai un impacco di ghiaccio, applica impacchi freddi o un panno con sopra dei cubetti di ghiaccio. Il freddo aiuta a combattere il dolore e limita l’estensione del nodulo. Non appoggiare il ghiaccio direttamente sulla pelle, potrebbe causare congelamento, avvolgerlo sempre in un panno.

  • Fai un bendaggio compressivo :

À l’aide d’une bande ou d’une compresse, réalisez un pansement compressif sur la bosse afin de limiter sa taille. En revanche, ne le laissez pas en place plus de 10 minutes.

  • Metti in gioco l’arnica !

    • Appena possibile, applicare uno strato sottile di Arnigel sulla zona dolente con un leggero massaggio fino a completa penetrazione. Riapplicare una o due volte al giorno. Arnigel® è un medicinale omeopatico tradizionalmente utilizzato come trattamento topico per alleviare gli urti. Non utilizzarlo in un bambino di età inferiore a 1 anno e in presenza di una ferita.
    • Puoi anche utilizzare prodotti come Arnican, Arnical Tincture, Crunchy Arnican Freeze che combina gli effetti del freddo e dell’arnica.
    • È il turno dell’Arnica in tubo granulare 9CH che entra in azione! (5 granuli 3-4 volte al giorno).

Anche impressionante un “uovo di piccione” di solito è benigno e scompare entro poche settimane. Tuttavia, il bambino deve essere sorvegliato per 72 ore dopo lo shock o la caduta, anche di notte. Perdita di coscienza, disturbi comportamentali (eccitazione, sonnolenza, mancanza di tono), perdita di appetito, difficoltà di linguaggio dovrebbero allertare ed essere oggetto di una visita medica o di un servizio sanitario.

In breve… l’arnica sta all’omeopatia come il doliprane sta alla chimica, meno l’effetto collaterale!

 

Clémentine. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *