Punture di vespa, autoguarigione con metodi naturali

Le vespe appartengono all’ordine degli Imenotteri. Dotati di pungiglione, appartengono anche al sottordine degli Apocriti. Nelle vespe, le femmine, cioè operaie e regine, possono pungere. Occasionalmente pungono anche le specie che competono con gli umani nella loro ricerca di cibo. In realtà questi insetti
mordono soprattutto per difendersi da altri imenotteri, ad esempio quando depredano il nido o vogliono catturare animali adulti.

La vespa comune, la vespa sassone e la vespa tedesca sono le vespe più comuni che vivono nelle colonie e quelle che incontriamo più spesso. Spesso costruiscono i loro nidi in luoghi asciutti e caldi, ad esempio in soffitte o nei cassonetti delle tapparelle. Si nutrono principalmente di zuccheri e succhi (acqua zuccherata, miele, frutti molto maturi). I nidi di vespe possono sostenere 400-500 individui se l’estate è favorevole; in alcuni nidi si possono trovare fino a 10.000 animali.

Una colonia di vespe cattura diversi chilogrammi di altri insetti, principalmente mosche, in un’estate per nutrire le sue larve. Le vespe sono quindi estremamente utili per l’uomo, così come gli uccelli canori insettivori (tetta, pigliamosche). I nidi di vespe non dovrebbero essere rimossi o i suoi occupanti avvelenati finché non sono d’intralcio!

Presentazione delle vespe

Ci sono due principali generi di vespe → le Vespinae e le Polistinae :

La vespa comune (Vespula germanica e Vespula vulgaris) :

È la specie più importante in Europa e Nord America. Le vespe sono sottili e i loro corpi sono costituiti da anelli neri e gialli alternati. La puntura rimane raramente nella pelle durante una puntura e le vespe possono pungere ripetutamente. I morsi si verificano più frequentemente alla fine dell’estate e in autunno.

Vespe poliste :

Si trovano nelle regioni temperate dell’Europa meridionale e del bacino del Mediterraneo. I calabroni (Vespa crabro) fanno parte della stessa famiglia delle vespe. Sono simili nell’aspetto ma possono misurare fino a 34 cm. I morsi sono più dolorosi e la quantità di veleno iniettato più importante. La composizione del loro veleno è simile a quella del veleno di vespa e le reazioni allergiche identiche.

Cosa contiene il veleno di vespa ?

I veleni sono più spesso composti da glicoproteine ​​ad alto peso molecolare che esercitano attività enzimatica. I veleni contengono anche istamina, dopamina, acetilcolina e chinine responsabili di reazioni locali con dolore, bruciore e prurito. La quantità di veleno rilasciato da un morso varia notevolmente da insetto a insetto. Una puntura di vespa media rilascia 2-3 mg di veleno.

I principali allergeni del veleno di vespa sono l’antigene 5, la ialuronidasi e la fosfolipasi A1. Importanti sono le reazioni incrociate tra i diversi membri della famiglia Vespidae, quindi tra la vespa comune e il calabrone ad esempio. Sono invece molto meno importanti tra la famiglia dei Vespinae e quella dei Polistinae.

I diversi tipi di reazioni che le punture di vespa possono causare

Reazioni locali :

Nella maggior parte delle persone che vengono morsi, si sviluppa una reazione locale sotto forma di una piccola papula con prurito e dolore che scompare entro poche ore. Una grave reazione locale può verificarsi in circa il 20-25% degli individui morsi. Si manifesta come una papula più grande di 10 mm che di solito persiste per 24-48 ore ma può durare fino a dieci giorni. Questo danno può essere piuttosto esteso e interessare un intero arto. Può essere accompagnata da linfadenite locale e manifestazioni sistemiche sotto forma di malessere generalizzato e febbre.

Reazioni sistemiche :

Si va dal solo coinvolgimento cutaneo allo shock anafilattico. Queste reazioni sono nella stragrande maggioranza dei casi mediate da IgE. Si verificano più spesso entro un’ora dal morso, ma possono comparire fino a 24 ore dopo. Le reazioni anafilattoidi (non mediate dalle IgE) sono rare; compaiono dopo più punture (di solito 100 punture negli adulti) e sono legate a un effetto tossico del veleno.

Alcuni consigli sull’etica ecologica riguardo alle vespe

  • Non fumare o rimuovere favi, vespe e calabroni, né avvelenare gli animali
  • Lascia i nidi in posizione il più a lungo possibile. E non dimenticare questo: gli animali rimangono solo per un’estate in un posto – in autunno la colonia si dissolve (eccezione: api da miele)
  • Se necessario, durante l’inverno, possono essere prese le seguenti misure per evitare che una nuova colonia di vespe o calabroni si stabilisca la primavera successiva: tappare accuratamente le aperture dei vecchi nidi, senza distruggere i nidi! Infatti, se rimuoviamo un nido senza bloccare gli accessi, sono molto alte le probabilità che una nuova regina scelga nella primavera successiva questa stessa posizione ovviamente favorevole per fare il suo nido.
  • Non dimenticare che questi animali sono straordinariamente utili dal punto di vista ecologico, ma anche per l’uomo (impollinatori, ausiliari di lotta biologica)

Alcuni consigli per evitare il rischio di essere punti dalle vespe

  • Gli imenotteri pungono solo se si sentono minacciati. In loro presenza, è quindi consigliabile mantenere la calma e non gesticolare in tutte le direzioni! Per prevenire l’intrusione di insetti (comprese le zanzare) nelle case, è possibile installare una speciale zanzariera o tenda nel telaio della finestra. Una zanzariera installata sopra il letto impedisce punture involontarie durante la notte (naturalmente, le zanzare pungono intenzionalmente!)
  • Le vespe sono spesso ospiti indesiderati durante i pasti all’aperto. Mangiano cibi zuccherati come frutta o marmellata, così come la carne avanzata che riportano alle loro nidiate. Bisogna quindi fare attenzione a non ingerire accidentalmente una vespa: si consiglia di dare un’occhiata prima di mordere un pezzo.
  • Pensa anche alle cannucce se dai bevande zuccherate (sciroppo, succo di frutta) ai bambini! Il rischio di ingerire una vespa mentre si beve è quindi notevolmente ridotto

Cosa fare in caso di puntura di vespa ?

Se, nonostante tutte le misure preventive, una vespa punge, una reazione adeguata può ridurne gli effetti. In linea di principio, un’iniezione è dolorosa ma non pericolosa; Inoltre, il pungiglione di un calabrone non è più pericoloso di quello di una vespa o di un’ape. Solo le persone con allergie che non prendono le contromisure prescritte dal medico dovrebbero aspettarsi complicazioni.

Una puntura nella zona della lingua o della gola può essere pericolosa perché può gonfiarsi e impedire la respirazione. In questo caso è assolutamente necessario consultare un medico.

In caso di puntura di vespa, calabrone, calabrone o ape, in un’altra regione del corpo (le punture sono spesso localizzate sulla pianta dei piedi) ci sono alcuni “consigli”:

  • Pompare immediatamente il veleno con uno speciale dispositivo “Aspivenin”, simile a una siringa medica; minimizza le conseguenze (dolore, gonfiore)
  • Premere una cipolla appena tagliata sul morso (min. 15 minuti)
  • Applicare miele o zucchero inumidito sul morso
  • Masticare una foglia di piantaggine lanceolata (Plantago lanceolata) e applicarla sul morso
  • Raffreddare la zona gonfia (applicare ghiaccio)

Di solito, il gonfiore scompare completamente dopo 2 o 3 giorni al massimo.

Lato piante medicinali :

Curativo, vulnerario, analgesico e antitossico, questo olio essenziale di emergenza è essenziale per alleviare e guarire rapidamente le punture di vespa.

Questo olio essenziale è rinomato per le sue proprietà calmanti sulla pelle in caso di punture di insetti.

Il germoglio di ribes nero agisce sui sintomi anafilattici che possono seguire le punture di insetti.

Questa erba fiorita altamente profumata è repellente per le vespe.

L’eugenolo contenuto nei chiodi di garofano riduce le reazioni infiammatorie causate dalle punture di insetti inibendo la sintesi delle prostaglandine e riducendo la chemiotassi dei globuli bianchi.

Lato omeopatico :

Dosaggio: 1 applicazione più volte al giorno

  • Apis mellifica :

In caso di edemi rosati, urticanti, brucianti, migliorati dalle applicazioni a freddo.

Dosaggio: (30 CH: 1 dose immediatamente) + (15 CH: 5 granuli ogni 1/2 ora).

Interesse preventivo, per limitare le reazioni alle punture di insetti nelle persone reattive.

Dosaggio: 5 granuli al giorno durante il periodo di esposizione.

In caso di prurito non migliorato dal freddo.

Dosaggio: 5 granuli ogni ora fino a miglioramento.

In caso di infiammazione: arrossamento, calore, dolore pulsante, peggio al tatto.

Dosaggio: 5 granuli ogni ora fino a miglioramento.

Se reazione allergica, per modulare il meccanismo della reazione allergica.

Dosaggio: 5 granuli ogni ora fino a miglioramento.

Fonti :

  • Golden DBK. Insect allergy. In: Adkinson NF, et al. Middleton’s allergy principles and practice, 6th edition. Saint-Louis: Mosby, 2003
  • Demain JG, Minaei AA, Tracy JM. Anaphylaxis and insect allergy. Curr Opin Allergy Clin Immunol 2010
  • Hofmann SC, Pfender N, Weckesser S, et al. Added value of IgE detection to rApi m1 and rVes v5 in patients with hymenoptera venom allergy. J Allergy Clin Immunol 2011
  • Mit Hornissen leben? Fiche technique de l’office pour la protection de l’environnement et de la nature, Allemagne

 

Clémentine. M.

Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fito-aromaterapia clinica ed etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *