Riequilibrio alimentare, focus sulle proteine

Merci de partager cet article sur
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Le proteine ​​sono essenziali per la produzione di tessuti come ossa e muscoli, per il rinnovamento cellulare, per il corretto funzionamento degli organi, nonché per la sintesi di enzimi e ormoni. Vengono digeriti nello stomaco, che è un ambiente acido.

Si trovano in carni, latticini, pesce, semi germogliati, uova, semi oleosi (mandorle, nocciole, noci…), legumi e alghe.

Dalla digestione all’assimilazione delle proteine:

La digestione divide le proteine ​​in amminoacidi, che verranno trasportati al fegato. Questo ne prenderà parte per uso personale e distribuirà il resto nel corpo.

Gli aminoacidi vengono assimilati dalle cellule grazie all’insulina prodotta in presenza di glucosio. È quindi importante consumare carboidrati con proteine ​​in modo che queste ultime possano essere assimilate.

Per evitare una cattiva associazione, preferisci comunque le verdure ai cibi ricchi di amido.

Le cellule alimentate dalle proteine ​​produrranno proteine ​​organiche (enzimi, ormoni, anticorpi, neurotrasmettitori, ecc.)

Sii consapevole del fatto che una carenza di aminoacidi è catastrofica per il corpo e porta a molti disturbi, come perdita muscolare, squilibrio ormonale o anche un calo dell’immunità …

Alcuni esempi di amminoacidi:

  • Triptofano:

È la base della secrezione di serotonina, che è l’ormone del sonno, del rilassamento e un antidepressivo naturale. Non essendo sintetizzato dall’organismo, proviene quindi solo dalla dieta. Si trova, ad esempio, nel merluzzo disidratato e salato, nella carne, nei semi di zucca, nel parmigiano, nel gruviera o anche nel latte.

  • Fenilalanina:

Precursore della dopamina (associata al piacere) e della noradrenalina (che svolge un ruolo nella concentrazione), condiziona l’uso della vitamina C, allevia i dolori muscolari e le emicranie. Questo amminoacido è utilizzato dalla ghiandola tiroidea. Si trova nella carne, nell’albume, nei ceci, nel formaggio, nella soia, nell’avena o persino nel germe di grano.

La dopamina e la norepinefrina stimolano la funzione cerebrale e combattono gli effetti dello stress.

Una carenza di questi neurotrasmettitori provoca una diminuzione della libido, diminuisce l’appetito, la memoria e la concentrazione. Si dice che la fenilalanina aumenti la sensazione di insoddisfazione.

  • Metionina:

Essenziale per la crescita, protegge fegato, reni e neurotrasmettitori. In particolare, migliora la memoria e calma il sistema nervoso. Ha anche proprietà anti-colesterolo. Si trova ad esempio in noci del Brasile, maiale cotto, petto di pollo cotto, roast beef, parmigiano, soia, tonno cotto, yogurt, albume d’uovo cotto o fagioli bianchi.

  • Glutammina:

Migliora la memoria e la vigilanza, previene i sintomi dello stress e calma la paura del palcoscenico. La glutammina assorbe anche alcuni rifiuti metabolici. Si trova nella crusca, nel grano intero, nella soia, nelle mandorle, nelle nocciole o anche nel formaggio.

  • Istidina:

Precursore dell’istamina (associata a fenomeni esacerbati della risposta immunitaria), regola le emozioni e il comportamento e svolge un ruolo nell’integrazione dei ricordi. L’istidina aumenta anche le sensazioni durante i rapporti sessuali e in particolare favorisce l’orgasmo femminile. Si trova nei latticini, nella carne, nei cereali integrali, nei latti vegetali o persino nelle uova.

Concentrati sul triptofano:

Ti sei sentito più nervoso ultimamente? Sei impaziente o addirittura aggressivo e arrabbiato al minimo fastidio? Hai notato che hai voglie incontrollabili di cioccolato o cibi zuccherini alla fine della giornata o alla fine della serata? Hai difficoltà a dormire o ti svegli spesso nel cuore della notte?

Non cercare più! La serotonina è l’ormone dell’umore, spinge a mangiare e dormire. Esistono integratori alimentari a base di triptofano come integratore.

Questi integratori alimentari sono indicati nei bisogni alimentari e negli spuntini, nei disturbi del sonno, negli stati di ansia e tristezza, nei disturbi dell’umore e anche nella cessazione del fumo.

In altre parole, se mi manca la serotonina, sono di cattivo umore, dormo male e ho una fame anormale!

Il valore proteico:

Il valore biologico di una proteina è essenzialmente definito dalla qualità e completezza degli amminoacidi che la compongono. Maggiore è il valore biologico, maggiore è la capacità della proteina di svolgere il proprio ruolo.

Un uovo intero è l’esempio perfetto del profitto ideale di 100 amminoacidi di valore.

Fai attenzione, tuttavia, la proteina diventa nefrotossica da 3 g per kg al giorno.

In termini di fabbisogno qualitativo, a parte l’uovo, non troviamo alcuna proteina con valore biologico pari a 100. Si consiglia l’associazione di proteine ​​con fattori limitanti in diversi amminoacidi. Tuttavia, gli integratori alimentari disponibili in farmacia hanno la capacità di avere un valore proteico biologico perfetto di 100 oltre ad una dieta varia ed equilibrata.librée.

Il calcolo dell’assunzione giornaliera di proteine:

Dobbiamo calcolare il fabbisogno proteico in base al peso ideale.

Esempio: il peso ideale visto con il tuo medico, il tuo naturopata o il tuo dietologo è fissato a 60 kg, quindi dovrai moltiplicare questo peso a 1,2 se sei un uomo o una donna. (Tranne in caso di dieta proteica di cui parleremo in un prossimo articolo). Il risultato è espresso in grammi di proteine ​​giornaliere.

60 x 1,2 = 72 g → Quantità di proteine ​​che dovrebbe essere consumata al giorno.

Alcuni consigli naturopatici:

  • Prediligi proteine ​​di origine vegetale, carni bianche e pesce
  • Per anticipare i rischi di carenze, è preferibile abbinare i cereali ai legumi, ad esempio: riso e fagioli rossi, semola e ceci.
  • Non esitare a consumare semi germogliati

Il ruolo delle proteine:

Le proteine ​​svolgono prima un ruolo plastico, svolgono un ruolo importante nella salute dei muscoli, scheletro, pelle, visceri e appendici cutanee. È anche un costituente essenziale di cellule, enzimi, ormoni proteici ed emoglobina. Svolge inoltre un ruolo fondamentale nei meccanismi immunitari tramite antigeni e anticorpi, ma anche nella distribuzione di tessuti come cicatrici o lotta alle infezioni), infine, svolge un ruolo energetico in caso di carenze di lipidi e carboidrati.

I benefici poco noti delle proteine:

  • Le proteine ​​riducono l’apporto calorico, l’appetito (essendo difficili da digerire, quindi hanno un effetto soppressore dell’appetito) e aiutano a combattere la ritenzione idrica.
  • La cellulite viene liberata grazie alle proteine ​​dalla capacità idrorepellente e all’intensa filtrazione dei reni. L’acqua entra nei reni e ne esce piena di rifiuti. Una dieta proteica è idrorepellente perché facilita l’eliminazione urinaria quindi è utile per un periodo di menopausa o dopo la gravidanza per esempio.
  • La mancanza di proteine ​​può portare a problemi con i neurotrasmettitori (serotonina, dopamina, ecc.) E un impatto sul benessere mentale e fisico.
  • Le proteine ​​seccano il grasso. Aumentando le proteine, la massa grassa diminuirà.
  • Da 5 a 6 ore di sport a settimana per più di 6 mesi è considerato un profilo sportivo. Sarà quindi necessario adattare la dieta così come l’apporto di proteine ​​e carboidrati attraverso una dieta adeguata allo stock di glicogeno.

L’importanza vitale del metabolismo delle proteine ​​è spiegata non solo dall’abbondanza di proteine ​​nel corpo (più di 10 kg), dalla velocità del loro rinnovamento (300 g al giorno forniti per 24 ore), ma principalmente dal fatto che lo stato di la riserva proteica nella maggior parte dei casi condiziona morbilità e mortalità durante denutrizione o malattie acute gravi (cancro, sepsi, ustioni, interventi chirurgici, shock traumatico, sarcopenia, ecc.)

Raccomandazioni proteiche giornaliere:

Il fabbisogno proteico quantitativo è quindi di 1,2 g per kg di peso ideale e al giorno (come visto sopra).

  • Mattina: prosciutto, uovo
  • Mezzogiorno: proteine ​​pesanti (acidi grassi saturi)
  • 16:00: Integratore alimentare ad alto contenuto proteico (barretta di cioccolato o bevanda per esempio)
  • Sera: proteine ​​leggere (pesce o pesce azzurro)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *