Calendula Officinalis, la calendula da giardino del calendario

Calendula Officinalis, la calendula da giardino del calendario

Nell’antica Grecia, Teofrasto e Dioscoride parlavano di una pianta chiamata Klymenos . Allo stesso tempo, tra i romani ( Virgilio , Plinio , Columella …), viene citato il caso di Caltha . Alcuni scrittori poco informati hanno voluto vedere in questi due nomi la preoccupazione . Se il primo di questi termini viene dimenticato, la confusione sul secondo termine persiste così a lungo che nel XVI secolo Jean Bauhin designò la calendula da giardino con il nome latino Caltha vulgaris , mentre un altro caltha, Caltha palustris è soprannominatopreoccupazione per le paludi, preoccupazione per l’acqua …

Un po’ di storia

Dalla fine dell’VIII secolo troviamo infatti delle calendule denominate solsequia nel Capitolare di Villis , parola molto vicina a solsequium . Ma questo capitolo dà a quest’ultimo un altro nome: Intubas . In quanto tale si distingue nettamente dalla calendula carolingia, anche se le comunità dei due nomi hanno creato molta confusione, poiché calendula, cicoria e persino tarassaco rispondevano al titolo di piante “meteorologiche” a cui solsequia e solsequium si riferiscono seguendo la traccia di il sole nel cielo, che si apre quando appare a metà mattina e si chiude quando scompare con l’avvicinarsi dell’ora del tè.

Un po’ di mitologia

La mitologia greca cerca poi di spiegare questo fenomeno a modo suo: quattro ninfe dei boschi si innamorarono perdutamente del dio Apollo e divennero gelose l’una dell’altra. Questo li distraeva così tanto che finirono per ignorare i loro obblighi nei confronti di Artemide , che li trasformò in quattro calendule bianco opaco che Apollo si addolorò nel vedere. Non poteva fare a meno di colorare i fiori con l’aiuto dei raggi del sole. È da questo giorno che le calendule portano capolini giallo oro o arancio i cui capolini seguono il corso del sole per evocare i ricordi d’amore di queste ninfe che avevano occhi solo per il luminoso Febo .

ritorno alla storia

La forma di solsequia diventa quindi soulcil , come scrisse Rabelais nel XVI secolo, poi soulcie e infine concern ; il vocabolo compare intorno al 1540. Il nome scientifico della calendula, calendula , è più antico (deriva dall’epoca della scuola salernitana), e deriverebbe dal latino calandæ , che designa le calende; il primo giorno di ogni mese, poiché è vero che in un clima mite, ed in assenza di gelate, la calendula può fiorire tutto l’anno, cioè ogni mese. Pertanto, non è solo una pianta meteorologica, ma anche una pianta calendario (da cui deriva la parola calendario).

La calendula era una pianta molto popolare nel Medioevo ed era considerata una panacea. Ildegarda non lo chiamò in latino, poiché alla fine lo chiamò Ringula , una forma vicina all’odierno Ringelblume tedesco . Abesse utilizza le sue potenti proprietà per curare le ulcere cutanee e il prurito causati dalla scabbia e dall’impetigine del cuoio capelluto. Ildegarda lo prescriveva anche in caso di malattie intestinali e, come Alberto Magno , lo considerava un antidoto contro i veleni, i morsi di animali velenosi e altre intossicazioni.

Quali sono le principali proprietà farmacologiche delle sommità fiorite di Calendula?

Proprietà antinfiammatorie:

La potente risposta antinfiammatoria dell’estratto di C. Officinalis può essere mediata dall’inibizione delle citochine pro-infiammatorie (IL-1β, IL-6, TNF-α, proteina C-reattiva YFN-y), ciclossigenasi 2 (COX-2) , e la successiva sintesi delle prostaglandine. Tale attività, osservata con topici locali, è essenzialmente dovuta ai triterpenoidi della pianta, e più in particolare al monoestere del faradiolo, che esercita un’azione antiedematosa equivalente a quella dell’indometacina.

Proprietà cicatrizzanti e antinfiammatorie mucocutanee:

Creme a base di calendula e rosmarino da sole o in combinazione possono prevenire le dermatiti causate dal sodio lauril solfato , un componente presente in vari saponi e shampoo.

Una revisione della letteratura del 2009 ha rivelato dati preliminari a favore dell’efficacia locale della calendula nella profilassi della dermatite acuta durante la radioterapia. Pertanto in questa indicazione, durante uno studio randomizzato di fase III condotto su 254 pazienti trattate per carcinoma mammario, un unguento alla calendula si è rivelato molto efficace nel prevenire la dermatite acuta di grado 2 o superiore, più di un’emulsione di trolamina .

Nel 2018, in uno studio clinico controllato randomizzato su 72 donne primipare, è stato dimostrato che l’unguento alla calendula aumenta significativamente la velocità di guarigione e guarigione di una ferita da taglio cesareo.

Proprietà antiossidanti:

La calendula riduce lo stress ossidativo e la perdita ossea e preserva le fibre di collagene. Uno studio simile mostra che l’assunzione orale del suo estratto riduce il riassorbimento osseo infiammatorio, in relazione alle sue proprietà antinfiammatorie e ai suoi effetti sul metabolismo osseo, senza influire sulle funzioni renali o epatiche. Questo lavoro indica che la Calendula Officinalis può costituire una potenziale terapia adiuvante nel trattamento della parodontite.

Proprietà antitumorali:

Nel 2018 è stata condotta una revisione sistematica degli studi che descrivono il ruolo citotossico di C. Officinalis e il suo ruolo terapeutico sulle cellule tumorali utilizzando il database PubMed. Si evidenzia che gli estratti di C. Officinalis hanno un’attività citotossica nei confronti di diverse linee di cellule tumorali, variabile da uno studio all’altro, a seconda dell’organo della pianta sottoposto all’estrazione, del metodo di estrazione e delle linee cellulari tumorali utilizzate per ciascuno studio. Tuttavia, l’attività citotossica della calendula è legata a molti dei suoi composti bioattivi, che esercitano molteplici ruoli nell’attivazione delle proteine ​​apoptotiche e nel diminuire l’espressione delle proteine ​​che inibiscono la morte cellulare.

Proprietà immunitarie e antinfettive:

L’estratto etanolico di calendula stimola la proliferazione mista dei linfociti umani in vitro. In uno studio randomizzato controllato su 18 pazienti, l’applicazione topica di unguento alla calendula ha prevenuto l’infezione secondaria e ha ridotto il diametro e la profondità della ferita del 30-40% entro 4 settimane.

Studi sperimentali hanno dimostrato in vitro che gli estratti di cime fiorite di calendula hanno un elevato grado di attività contro 18 ceppi di batteri parodontali anaerobici e aerobi facoltativi, nonché contro 4 diversi tipi di funghi, con un effetto inibitorio paragonabile a quello esercitato dal riferimento antimicotici, amfotericina B e nistatina . La calendula ha attività antileishmania e HIV in vitro .

Altre proprietà:

La valutazione farmacologica di C. Officinalis sull’asma bronchiale di vari soggetti evidenzia un’attività antiasmatica, antistaminica, anticolinergica, antispasmodica, ed un effetto stabilizzante sui mastociti.

Ci sono precauzioni per l’uso con Marigold?

Tossicità:

  • Preso internamente, la calendula (calendula) è tossica in dosi elevate. Non superare il dosaggio prescritto. Nella tintura madre, la dose massima è di 30 gocce da diluire, 3 volte al giorno.
  • Rispettare le raccomandazioni del produttore o le modalità d’uso citate sulla prescrizione medica.

Controindicazioni:

  • Secondo l’EMA, l’uso della calendula (calendula) non è raccomandato per le donne in gravidanza o che allattano, così come per i bambini di età inferiore ai 6 anni, in assenza di dati di sicurezza.
  • L’agenzia europea raccomanda di riservare l’uso della calendula ai bambini di età superiore a 6 anni per l’uso cutaneo e di 12 anni per collutori e gargarismi.
  • Allergia alle Asteracee.
  • Ipersensibilità ai principi attivi.

Precauzioni per l’uso:

  • Non estendere l’uso della calendula internamente (infusione, tintura madre) per più di 2 settimane. Oltre tale periodo si consiglia un consulto medico o un professionista sanitario specializzato in erboristeria.
  • Genotossicità sospetta, ma non mutagena.

Come prendere la Calendula e a che dosaggio?

Forma liquida:

  • Tintura madre : da 20 a 30 gocce da 1 a 3 volte al giorno in un bicchiere d’acqua. Non superare questo dosaggio.
  • Estratto idroalcolico : da 20 a 30 gocce da 1 a 3 volte al giorno in un bicchiere d’acqua. Non superare questo dosaggio.
  • Infuso : infondere da 1 a 2 cucchiai. caffè di fiori secchi in 150-200 ml, 1 tazza da 2 a 3 volte al giorno, per affezioni bucco-faringee o indicazioni gastriche.

Uso esterno :

 

Fonti bibliografiche mediche e sperimentazioni cliniche :

 

 

Clementina. M.
Scrittore di articoli scientifici
Naturopata – Aromaterapista/Erboristeria – Fitoterapista
Consulente in fitoaromaterapia clinica ed Etnomedecina

Leave a Reply

Your email address will not be published.