I poteri terapeutici della radice di Echinacea

echinacea

Come ogni pianta solare , l’echinacea offre alla materia medica il suo capolino, il culmine di questa pianta, ma anche ciò che le è diametralmente opposto, ovvero un ceppo di radice arruffata. Sebbene sia arrivata in ritardo in Europa (anni ’30), l’echinacea, il cui studio è iniziato dopo la seconda guerra mondiale, in particolare in Germania, da allora ha rivelato alcuni dei loro segreti .

Un po’ di storia

Dalla fine del XIX secolo i raccolti di echinacea in natura si sono affermati e si sono moltiplicati a tal punto che all’inizio del XX secolo i botanici hanno lanciato l’allarme . Basti pensare che si trattava di raccolti spontanei che non tenevano conto dei cicli riproduttivi delle piante, mentre i campioni sono stati prelevati in aree protette che ospitano altre Echinacee , come Echinacea atrorubens , Echinacea simulata ed Echinacea paradoxa . Altre echinacee vedono i loro territori restringersi come la pelle del dolore, questo è infatti il ​​caso di Echinacea laevigata ed Echinacea tennesseensis .

I popoli Omaha-Ponca e Lakota usavano l’ Echinacea angustifolia in un gran numero di casi (mal di denti, emicrania, ustione, morso di serpente, puntura d’insetto, sepsi). I Lakota usavano anche l’ Echinacea purpurea , così come i Comanche, Crow, Cheyennes e Delaware per ragioni abbastanza simili che hanno portato i precedenti a fare uso di Echinacea angustifolia (morsi di serpente, punture d’insetto, disturbi ai denti e alla gola, condizioni infettive, anche malattie veneree ).

Infine, l’ Echinacea pallida ha trovato favore negli occhi di Oglala, Crows, Cheyennes e Meskwaki, di cui hanno schiacciato il rizoma fresco (malattie dentali, orali e gengivali, raffreddori, reumatismi, artrite, coliche, crampi allo stomaco, vaiolo, eczema). Inoltre, i guerrieri Hidatsu usavano masticare la radice di Echinacea pallida come stimolante quando altrimenti era necessario muoversi di notte.
Oltre a ciò, ricordiamo che nel 1969 Hartwell rivelò che un certo numero di tribù amerindie usavano indifferentemente queste tre echinacee per curare in particolare molti casi di cancro al seno, con successo.

Quali sono le principali proprietà farmacologiche delle radici di echinacea?

Proprietà immunostimolante (immunostimolazione non specifica “innata” e immunomodulazione specifica “acquisita”):

L’echinacea modula e rafforza le difese immunitarie dell’organismo contro gli agenti infettivi. Questa azione ampiamente documentata è attribuita alla frazione etanolica lipofila (in particolare le alchilammidi) e alla frazione polisaccaridica idrofila. Anche i derivati ​​fenolici dell’acido caffeico (in particolare l’acido cicorico) sembrano svolgere un ruolo importante in questa azione.

In particolare, l’echinacea esercita in vivo degli effetti benefici sulla soppressione immunitaria indotta dallo stress di contenimento aumentando la proliferazione degli splenociti e l’attività delle cellule natural killer (NK), modulando nel contempo i sottogruppi di cellule T ei livelli di citochine nel sangue.

Proprietà anti-infettiva:

  • Antibatterico:

L’Echinacea svolge inoltre un’azione antibatterica, preventiva e curativa dose-dipendente, inibitoria sulla crescita di alcuni germi . Il suo effetto antibatterico è quindi direttamente Streptococcus pyogenes, Haemophilus influenzae, Legionella pneumophila, Staphylococcus aureus resistente alla meticillina e Mycobacterium smegmatis.

  • Antivirale:

L’Echinacea esercita anche un’attività virucida complessiva contro i virus di membrana . L’inibizione della secrezione è effettivamente indotta da virus delle citochine pro-infiammatorie (IL-6 e IL-8 (CXCL8).

L’ acido cicorico e gli echinacosidi hanno una particolare attività antivirale. Questa pianta è anche anti-influenzale e in vitro inattiva i coronavirus HCoV-229E, MERS-CoV, SARS-CoV-1 e SARS-CoV-2.

  • Antimicotico:

L’attività antimicotica è stata dimostrata su Candia albicans e sui dermatofiti presenti nel piede d’atleta. Questa azione antimicotica è stata infatti confermata nella prevenzione delle infezioni urogenitali nelle donne.

  • Controllo dei parassiti:

L’attività antiparassitaria dell’echinacea è stata infatti verificata per Trichomonas .

Proprietà antinfiammatoria:

Questa proprietà dipende dalla dose e viene esercitata localmente e in generale. È trasportato dalla frazione polisaccaridica, ma anche dalle alchilammidi. I meccanismi di questa attività antinfiammatoria sono in breve sia vascolari (di tipo anti-essudativo) che tissutali (diminuzione della perossidazione lipidica e aumento della protezione contro lo stress ossidativo) mediante inibizione in vitro di fosfatidilinositolo-3-chinasi , cicloossigenasi, 5-lipossigenasi e ialuronidasi.

L’attività antinfiammatoria dell’echinacea potrebbe quindi essere dovuta a più metaboliti attivi, che lavorano insieme per spostare l’attivazione dei macrofagi dall’attivazione classica all’attivazione alternativa . Ciò è particolarmente illustrato dal fatto che nei macrofagi trattati con lipopolisaccaridi (LPS), l’echinacea inibisce l’espressione dell’ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS) coinvolto nella risposta infiammatoria in difesa e nella risposta infiammatoria e difesa dall’ospite . INOS e arginasi metabolizzano un substrato comune, l-arginina, ma producono effetti biologici distinti. Infatti, a differenza di iNOS, l’arginasi partecipa attivamente all’attivazione antinfiammatoria. In vitrol’attività arginasica dei macrofagi RAW è significativamente aumentata dagli estratti idroalcolici di Echinacea purpurea , nonché di E. angustifolia ed E. pallida .

Oltre al suo interesse per le infezioni otorinolaringoiatriche e respiratorie , l’attività antinfiammatoria dell’echinacea è comunque esercitata in altri ambiti. L’echinacea riduce così il numero delle lesioni, l’intensità del dolore, il tasso di recidiva nei pazienti con ulcere aftose minori ricorrenti, favorendo nel contempo un miglioramento completo. Allo stesso modo, l’acido cicorico possiede un effetto antinfiammatorio in un modello animale di artrite reumatoide .

Ci sono precauzioni per l’uso con Echinacea?

Controindicazioni:

  • Controindicato nelle malattie autoimmuni e progressive come tubercolosi, leucosi, collagenosi, sclerosi multipla, AIDS
  • Non raccomandato nelle malattie sistemiche progressive
  • Evitare nelle donne in gravidanza o che allattano, così come nei bambini sotto i 12 anni
  • Controindicato nelle persone con allergie alle asteraceae
  • Cautela nelle persone a rischio di funzionalità epatica (esempio: emocromatosi) o esposte a prodotti epatotossici

Precauzioni per l’uso:

  • La Commissione E e l’ESCOP raccomandano di non assumere l’echinacea per più di 8 settimane, in modo da non stimolare l’immunità per un periodo prolungato, che potrebbe in teoria impoverirla, o renderla meno stimolabile.
  • Tuttavia, con l’uso prolungato è stata segnalata leucopenia.

Interazioni tra farmaci:

  • Rischio di un aumento significativo della clearance di midazolam
  • Evitare in combinazione con steroidi e immunosoppressori
  • Possibile interazione con gli enzimi CYP450 (inibizione degli isoenzimi)
  • D’altra parte, nessuna interazione rilevata con il citocromo CYP2D6
  • Inibizione delle isoforme del citocromo P450 3A4, 1A2, 2C19, 2D9 (alchilammidi)
  • Tuttavia, è stato riportato un caso di eritema nodoso ricorrente in un paziente che ha assunto loratadina ed echinacea insieme.

Come prendere l’echinacea e in che dosaggio?

  • Come trattamento preventivo , l’echinacea viene solitamente assunta una volta al giorno, 5 giorni alla settimana.
  • Nel trattamento curativo , il dosaggio può infatti essere moltiplicato per 3 o 4, in più dosi distribuite nell’arco di 24 ore, da 1 a più settimane.

Forma secca:

Come integratore alimentare ( estratto standardizzato di pianta fresca , estratto secco , polvere in capsule , ecc.), da solo o in combinazione con altre piante, come il cipresso , in ragione da 1 a 2 capsule o compresse per dose, secondo le raccomandazioni dal produttore.

Forma liquida:

Echinacea nella preparazione magistrale di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

Associazione con Cipresso :

Nel trattamento curativo e preventivo delle infezioni ORL e broncopolmonari, in particolare virali; herpes, fuoco di Sant’Antonio e altri virus.

Associazione con Cranberry e Piloselle :

Per la prevenzione della cistite da Escherichia coli o della cistite incipiente.

Associazione con Busserole :

Per le infezioni ricorrenti del tratto urinario, eliminare la cistalgia delle urine.

Associazione con Piantaggine lanceolata e Liquirizia :

In caso di tracheobronchite con tosse mista o secca con difese immunitarie ridotte.

Associazione con Lady’s Mantle :

Prevenendo l’infezione del lievito genitale.

Associazione con Bardana e radice di Ortica :

Contro l’acne, in particolare con papulo-pustole, noduli, infiammazioni e superinfezioni cutanee.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Birt DF, Widrlechner MP, Lalone CA, Wu L, Bae J, Solco AK, Kraus GA, Murphy PA, Wurtele ES, Leng Q, Hebert SC, Maury WJ, Price JP. Echinacea in infezione
  • Binns SE, Hudson J, Merali S, Arnason JT. Attività antivirale di estratti caratterizzati da echinacea spp. (Heliantheae: Asteraceae) contro il virus dell’herpes simplex (HSV-I). Planta Med. 2002
  • Sharma M, Anderson SA, Schoop R, Hudson JB. Induzione di più citochine pro-infiammatorie da parte di virus respiratori e inversione da parte dell’echinacea standardizzata, un potente estratto di erbe antivirale. Antivirale Ris. 2009
  • Hudson J, Vimalanathan S. Echinacea — Una fonte di potenti antivirali per le infezioni da virus respiratorio. Prodotti farmaceutici. 2011
  • Signer, J., Jonsdottir, HR, Albrich, WC et al. Attività virucida in vitro di Echinaforce®, un preparato di Echinacea purpurea, contro i coronavirus, inclusi il comune coronavirus 229E e SARS-CoV-2. Virol J 17, 136 (2020)
  • Zhai Z, Solco A, Wu L, et al. L’echinacea aumenta l’attività dell’arginasi e ha proprietà antinfiammatorie nelle cellule macrofagiche RAW 264.7 indicative di un’attivazione alternativa dei macrofagi. Giornale di etnofarmacologia. 2009
  • Park S. et al., Contro l’immunosoppressione indotta dallo stress da ritentare nei topi BALB / c, J Med Food, 2018
  • Goel V. et al., Echinacea stimola la funzione dei macrofagi nel polmone e nella milza di ratti narmal, J Nutr Biochem, 2002
  • Steinmuller C. et al., Polisaccaridi isolati da colture di cellule vegetali di Echinacea purpurea migliorano la resistenza dei topi immunosoppressi contro le infezioni sistemiche con Candida albicans e Listeria monocytogenes, Int J Immunopharmacol., 1993
  • Sharma M. et al., L’uso potenziale dell’echinacea nell’acne: controllo della crescita e dell’infiammazione del Propionibacterium acnes, Phytother Res., 2011
  • Binn SE et al., Attività antifungina mediata dalla luce degli estratti di Echinacea, Plantaa Med., 2000
  • Murina F. et al., La candidosi vulvovaginale ricorrente: proposta di un protocollo terapeutico personalizzato, ISRN Obstet Gynecol., 2011
  • Clifford LJ et al., Bioattività di alcammidi isolate da Echinacea purpurea (L.) Moench, Phytomedicine, 2002
  • Muller-Jakic B. et al., Inibizione in vitro della cicloossigenasi da parte di alcammidi delle specie Echinacea e Achillea, Planta Med., 1994
  • Luettig B. et al., Attivazione dei macrofagi da parte del polisaccaride arabinogalattano isolato da colture di cellule vegetali di Echinacea purpurea, J Natl Cancer Inst., 1989
  • Zhai Z. et al., L’echinacea aumenta l’attività dell’arginasi e ha proprietà antinfiammatorie nelle cellule macrofagiche RAW 264.7 indicative dell’attivazione alternativa dei macrofagi, Journal of ethnopharmacology, 2009
  • Woelkart K. et al., Il ruolo degli alcammidi come principio attivo dell’Echinacea, Planta Med., 2007
  • Lalone CA et al., Le specie di Echinacea e le alcammidi inibiscono la produzione di prostaglandine E (2) nelle cellule di macrofagi di topo RAW264.7, J Agric Food Chem., 2007
  • Iang L. et al., Effetti dell’estratto di acido cocorico da Echinacea purpurea sull’artrite indotta da collagene nei ratti, Am J Chin Med., 2014
  • Awortwe C. et al., Interazione di prodotti a base di erbe con farmaci prescritti: una revisione sistematica e una meta-analisi, Pharmacol Res., 2019

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *