Vitamina D, tutti i suoi benefici stagionali!

In inverno è difficile per l’organismo sintetizzare la vitamina D , che può portare a molti problemi di salute (depressione, scarso assorbimento di calcio e fosfato, aumento delle malattie autoimmuni, ecc.)

L’ insufficiente esposizione alla luce solare predispone alla carenza di vitamina D induce disturbi della mineralizzazione ossea, causando rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti, e può contribuire all’osteoporosi. Si consiglia quindi di effettuare due cure all’anno: All’inizio dell’autunno e all’inizio della primavera.

Cos’è la vitamina D ?

La vitamina D o calciferolo è liposolubile. È anche un ormone che si trova negli alimenti e sintetizzato nel corpo umano da un derivato del colesterolo sotto l’azione delle radiazioni UVB del sole.

Nell’uomo esiste in due forme :

  • D2 (ergocalciferolo)

È prodotto dalle piante.

  • D3 (colecalciferolo)

Quest’ultima è la forma naturale e la forma utilizzata per l’integrazione a basso dosaggio. È di origine animale.

Qual è la differenza tra vitamina D2 e ​​D3 ?

Quando la nostra pelle produce vitamina, è D3 . Una volta ingerita, tutta la vitamina D3 si lega a una proteina di trasporto nel sangue per essere trasportata al fegato. Quando arriva nel fegato, subisce un cambiamento nella sua struttura chimica e dà origine a una nuova forma di calciferolo (25 (OH) D3). È questa cosiddetta forma “circolante” che viene misurata quando viene prelevato un campione di sangue per scoprirne lo stato.

È da questa forma circolante che viene sintetizzata la forma attiva, secondo le esigenze dell’organismo. Infatti, in risposta a segnali che indicano un bisogno, la vitamina D in circolo subirà una nuova modificazione della sua struttura chimica, che avverrà principalmente nei reni (ma anche in altre cellule).

La D3 viene metabolizzata meglio e quindi porta più efficacemente alla forma attiva della vitamina D rispetto alla D2 .

Le farmacopee considerano questi ormoni steroidei equivalenti e intercambiabili. Tuttavia, diversi studi dimostrano che la D3 aumenta i livelli sierici di 25-idrossivitamina D in modo più efficace rispetto alla vitamina D2 . In particolare, questo ha una minore emivita plasmatica e minori affinità per la proteina trasportatrice della vitamina D e per il suo recettore.

Qual è il ruolo della vitamina D e dei suoi metaboliti ?

organi Azione
Sistema immune

Stimola le attività immunogeniche e antitumorali

Riduce il rischio di malattie autoimmuni

Intestino Aumenta il trasporto di calcio e fosforo (attraverso un migliore assorbimento)
Reni Aumenta il riassorbimento del calcio da parte dei tubuli
Ghiandole paratiroidi Inibisce la secrezione dell’ormone paratiroideo
Pancreas Stimola la produzione di insulina e
Osso Promuove la formazione ossea mantenendo adeguate concentrazioni di calcio e fosfato

Quali sono gli effetti della vitamina D sul sistema immunitario ?

La vitamina D interferisce in particolare con il nostro sistema immunitario , a diversi livelli:

  • Consente il mantenimento dell’integrità della mucosa intestinale, mediante la sua azione sulle proteine ​​che costituiscono le giunzioni tra le cellule intestinali:

Essendo l’intestino luogo di transito dei patogeni, il loro passaggio nel circolo sanguigno può avvenire solo attraversando la parete intestinale. Quando questo muro viene alterato, mostra un’iperpermeabilità che consente il passaggio di questi agenti patogeni. Una parete intestinale sana è essenziale per impedire il loro passaggio, così come un microbiota intestinale diversificato.

  • Ha un’azione sul sistema immunitario innato:

Questo integratore alimentare stimola i macrofagi e le cellule dendritiche, che sono i “soldati di prima linea” del sistema immunitario . Il nostro corpo reagisce rapidamente in caso di aggressione.

  • Stimola anche il sistema immunitario adattativo:

Aumentando il numero di linfociti T, determinando così un effetto antinfiammatorio.

  • Aumenta i meccanismi di eliminazione dei patogeni:

Come la sintesi di agenti antimicrobici da parte delle cellule immunitarie.

  • È stato ampiamente studiato nel contesto della prevenzione delle infezioni polmonari acute:

L’integrazione di vitamina D3 sembra ridurre il rischio di contrarre un’infezione del tratto respiratorio almeno una volta.

Vitamina D e Covid-19 :

La mancanza di vitamina D può essere un fattore di rischio per forme gravi di Covid-19. Tuttavia, non dovrebbe essere preso senza consiglio medico.

La sua integrazione potrebbe ridurre il rischio di influenza e infezione da COVID-19 .

Sembra promuovere l’attivazione della risposta immunitaria e limitare le conseguenze dannose dell’immunopatologia indotta da patogeni. In letteratura, l’evidenza collega questa carenza vitaminica, da un lato, alla suscettibilità alle infezioni virali acute e, dall’altro, all’esito più sfavorevole di alcune infezioni croniche. Questa recensione esamina le attuali conoscenze sulla vitamina D e la sua influenza sul rischio di infezioni respiratorie (epidemie di influenza e pandemia di COVID-19 ).

Durante l’attuale pandemia di coronavirus, diverse pubblicazioni scientifiche, tra cui uno studio britannico su 20 paesi europei, hanno rilevato carenze nei pazienti con COVID-19 . È stato scoperto che una carenza di vitamina D può aumentare il rischio di forme gravi o addirittura di morte per coronavirus.

Vitamina D nella dieta :

  • Il salmone

La vitamina D liposolubile si trova in quantità significative nella carne dei pesci grassi. Il salmone affumicato cotto al forno o al vapore contiene circa 8,7 µg/100 g.

  • Sgombro

Come tutti i pesci grassi, i suoi lipidi contengono una maggioranza di acidi grassi polinsaturi e in particolare omega 3, dotati di effetti benefici sul sistema cardiovascolare, e al forno, contiene 7,72 µg di vitamina D per 100 g.

  • Sardine

In estate, quando è arrivato il momento delle grigliate e dei pasti in giardino, le sarde alla griglia sono un piatto che ha sempre il suo scarso successo. E questo è molto positivo per le nostre riserve di vitamina D, poiché contiene 10,8 µg per 100 g.

  • aringa

Come lo sgombro e il salmone, l’aringa è uno di questi pesci grassi, entrambi ricchi di grassi buoni (soprattutto omega-3) e vitamina D. Affumicata, contiene 22 µg per 100 g.

  • Anguilla

Cotto contiene 92 µg di vitamina D per 120 g.

  • acciughe

Crudi, forniscono abbastanza per soddisfare l’assunzione giornaliera di vitamina D di un adulto in pochi bocconi! Le acciughe contengono infatti 11 µg per 100 g.

  • olio di fegato di merluzzo

È l’alimento più ricco di vitamina D che esista. Contiene 250 µg per 10 cl.

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.