Ginseng, l’essenza sovrana inviata dagli dei

ginseng

Beneficio della terra soprannominata “essenza sovrana”, il ginseng è stato considerato per millenni in tutto l’Estremo Oriente come LA pianta inviata dagli dei per aiutare gli uomini sin dalla loro creazione. Questo gnomo vegetale, questo omuncolo che ha catturato le energie telluriche è, qualunque sia la data del suo primo utilizzo, considerato una panacea (della dea Panakeia , figlia di Asclepio dio della medicina, che in seguito darà il nome di scienziato del ginseng, Panax ), il specie vegetali più prestigiose della farmacopea cinese .

Un po’ di storia

Consumato da almeno 4000 anni, fa parte della farmacopea della medicina cinese da più di 2000 anni come fortificante , “tonico dell’energia vitale” (Qi), e stimolante del cuore . La prima introduzione europea del ginseng viene dal navigatore di origine moresca Ibn Cordoba , che lo riportò in Spagna nel IX secolo, ma a questa non se ne fece seguito, poiché fu solo nel XIII secolo che si parlò di lui; almeno così farà Marco Polo nel suo Libro delle Meraviglie(1298), senza riportare nulla in Europa. Bisognerà quindi attendere l’inizio del XVII secolo perché l’Europa si degni finalmente di prestare un po’ di attenzione a questa radice, che vediamo essere sempre più importata.

Il ginseng americano , intanto, fu scoperto anche all’inizio del XVII secolo, quando il ginseng asiatico apparve in Occidente. Le simili proprietà del suo alter ego americano furono portate alla luce nella Nuova Francia tra gli Irochesi da un missionario gesuita dal nome predestinato, padre Joseph François Lafitau . Questo cugino americano fu all’origine di una vera e propria corsa all’oro vegetale, al punto che le sue radici essiccate furono rapidamente esportate in Cina, in un commercio che per un tempo divenne il secondo per importanza dopo quello delle pellicce.

Il ginseng nasce quindi da due territori distanti migliaia di chilometri l’uno dall’altro, come se un seme primordiale avesse partorito due embrioni, ciascuno dei quali partorisse una pianta separata, di cui, infatti, il ginseng è abbastanza capace, realizzandovi un’impresa molto rara nel mondo vegetale.

Quali sono le principali proprietà farmacologiche della radice di Ginseng?

Miglioramento delle capacità fisiche:

Tradizionalmente utilizzato nelle astenie funzionali , il ginseng è particolarmente considerato una pianta adattogena . Stimola la resistenza del corpo in modo non specifico. Migliora le prestazioni fisiche e infatti aiuta i convalescenti a recuperare le forze. In una revisione di studi già vecchi sulle prestazioni fisiche , è stato riportato che il ginseng aumenta significativamente l’ossigenazione e migliora la frequenza cardiaca dopo 1-9 settimane di trattamento.

Diversi studi mostrano l’interesse del ginseng come trattamento coadiuvante del cancro , in particolare per combattere l’estrema stanchezza avvertita dai pazienti, per ripristinare la loro forza fisica e per migliorare la loro qualità di vita.

Miglioramento delle capacità intellettuali e dell’attività neuropsichica:

Stimola le prestazioni cognitive (concentrazione, attenzione, capacità di memoria). Neuroprotettivo, riduce la fatica intellettuale . In vivo , il ginsenoside R riduce i disturbi della memoria associati all’ischemia cerebrale mediante la modulazione epigenetica del BDNF.

Studi clinici e in vivo mostrano che l’assunzione di ginseng migliora l’adattamento allo stress e l’umore. Questi effetti sono probabilmente dovuti alla regolazione dei neurotrasmettitori cerebrali. Questo perché il ginseng stimola il GABA .

Il ginseng ha un effetto dopaminergico , in particolare modulando l’espressione genica della tirosina idrossilasi. Nell’anziano modula l’attività del sistema nervoso dopaminergico e modifica l’attività motoria spontanea durante la notte.

Inoltre, il ginseng esercita un effetto neuroprotettivo sui neuroni dopaminergici nella malattia di Parkinson . Questa attività antiparkinsoniana è legata ai ginsenosidi Rd e Re, e comporta una riduzione dello stress ossidativo e dell’infiammazione, nonché un’azione anti-apoptotica e il mantenimento dell’integrità della barriera vascolare cerebrale.

Con lo stesso meccanismo, il ginsenoside Rd attenua il danno cerebrale ischemico dopo un ictus e conferma la sua attività neuroprotettiva, in particolare inibendo l’attivazione della microglia e la sua infiammazione. In vitro , favorisce la crescita dei neuriti (assone o dendrite).

Proprietà immunostimolante:

La radice di ginseng aumenta la produzione di linfociti T e B e aumenta la fagocitosi. In vivo , stimola l’attività delle NK. Nell’uomo, l’assunzione di un estratto di ginseng associato a un vaccino antinfluenzale potenzia la vaccinazione e protegge meglio dal comune raffreddore grazie a un aumento significativo del titolo anticorpale e dell’attività delle cellule NK.

Modulatore ormonale dell’asse ipofisi-cortico-surrene:

Il ginseng riduce l’eccessiva secrezione di cortisolo dal plasma in seguito a stress cronico. In vivo è stato dimostrato che il ginseng esercita effetti paragonabili a quelli indotti dal diazepam (ansiolitico standard). Nell’uomo regola gli ormoni dello stress durante la menopausa e migliora il rapporto cortisolo/DHEA.

Proprietà antinfiammatoria:

In vitro , le saponine del ginseng hanno un effetto antinfiammatorio sui macrofagi inibendo la produzione di monossido di azoto (NO), fattore di necrosi tumorale alfa (TNFα), interleuchina-1b (IL-1b) e inibendo NF-kB. Questa attività di riduzione dell’infiammazione è stata dimostrata in vitro per il ginsenoside Rh3 sui cheratinociti esposti ai raggi UV. Lo stesso vale per i ginsenosidi Rg5 e Rk1 a livello di cheranociti e macrofagi, suggerendo un interesse per la dermatite atopica.

A livello articolare, il ginseng esercita effetti protettivi sulla cartilagine rallentando, in maniera variabile a seconda del metodo di estrazione, la matrice metalloproteasi, principale enzima di degradazione della matrice collagene della cartilagine articolare.

Proprietà antiallergiche e antiossidanti:

In vitro , il 20-S-Protopanaxatriolo inibisce la risposta infiammatoria associata all’allergia . L’estratto di ginseng rosso previene il prurito istamina-dipendente inibendo la via H1R/TRPV1 nei neuroni sensoriali.

Il consumo cronico di ginseng allevia lo stress ossidativo associato all’invecchiamento . Lo stesso vale quando quest’ultimo è indotto da un agente chimico in una linea di cellule microgliali.

Stimolazione di NO sintasi:

Il Ginseng stimola l’NO sintasi inducibile e la produzione di ossido nitrico (NO) nel cervello, cervello, reni, endotelio polmonare e vasi periferici, cuore e sfera urogenitale, soprattutto a livello del corpo cavernoso. Questa proprietà vasodilatatrice potrebbe giustificare la fama afrodisiaca del ginseng e il suo uso tradizionale (almeno 2000 anni) per combattere l’impotenza. Spiega anche il suo effetto cardioprotettivo .

Proprietà epatoprotettive, metaboliche e antidiabetiche:

A livello epatico:

Il ginseng ha un ruolo benefico nel trattamento di varie malattie del fegato come epatite, fibrosi epatica, cirrosi, carcinoma epatocellulare, insufficienza epatica acuta ed epatotossicità acuta o cronica.

A livello metabolico:

Il Ginseng previene l’ obesità , l’adiposità e l’ipertrofia del tessuto adiposo limitando l’infiammazione e l’angiogenesi.

Nel diabete di tipo 2:

Il ginseng abbassa i livelli di colesterolo e migliora la tolleranza al glucosio.

Altre proprietà:

  • Gastro-protettore
  • Protettore intestinale
  • Protettore vascolare
  • Prevenzione dell’iperplasia prostatica benigna
  • Mitigazione degli effetti della riduzione degli estrogeni
  • Effetto anti-osteoporosi
  • Miglioramento della sindrome dell’occhio secco
  • anticancro

Ci sono precauzioni per l’uso con il Ginseng?

Precauzioni per l’uso:

  • Può causare ginecomastia negli uomini.

Controindicazioni:

  • Controindicato nelle donne in gravidanza, in vitro , il ginseng è teratogeno.
  • A causa della mancanza di dati tossicologici e di studi insufficienti, il ginseng non è raccomandato nelle donne che allattano e nei bambini non pubescenti.
  • Il ginseng non è raccomandato nei casi di grave ipertensione arteriosa e gravi disturbi psichiatrici non stabilizzati.
  • Controindicato nei pazienti con emofilia o in preparazione per un intervento chirurgico.
  • Evitare nei tumori ginecologici.

Interazioni tra farmaci:

  • Sono possibili interazioni farmacologiche con anticoagulanti (warfarin), inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) e triptani. Persistono dubbi su un’interazione con la digitale.

Come prendere il Ginseng e in che dosaggio?

Forma secca:

  • In medicina (in diluizione omeopatica) o integratore alimentare, sotto forma di estratto vegetale fresco standardizzato, estratto secco, polvere, in capsule o compresse, o sfuso, da solo o in combinazione con altre piante.

Forma liquida:

Qualunque sia la forma galenica utilizzata, il ginseng si usa al mattino e/oa mezzogiorno ma non alla sera.

Ginseng nella sapiente preparazione di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

Associazione con ginkgo biloba :

Per migliorare le prestazioni cognitive, in particolare in preparazione ad esami o concorsi (azione dimostrata in un test di simulazione di guida durante uno studio in doppio cieco contro placebo, dopo una singola assunzione orale ).

Associazione con rodiola :

In caso di superlavoro fisico e mentale; Sindrome dell’affaticamento cronico; trattamento della sindrome da esaurimento e prevenzione della sua ricorrenza.

Associazione con il guaranà :

Nel migliorare la vigilanza (guida di un’auto, macchine, macchinari), preparazione a breve termine per test fisici e sportivi o intellettuali (esami).

Associazione con mucuna :

Contro la depressione di tipo dopaminergico; malattia di Parkinson in aggiunta al trattamento convenzionale.

Associazione con l’erba di San Giovanni :

Per combattere la depressione legata allo stress cronico o in un contesto di superlavoro o esaurimento.

Associazione con tribulus e ribes nero :

Nelle attività fisiche (preparazione e recupero) negli atleti e nelle persone sopra i 50 anni.

Associazione con l’astragalo :

Nella prevenzione dell’invecchiamento, l’immunosenescenza, il rafforzamento delle difese immunitarie e generali, aiuta la vitalità.

Associazione con la curcuma :

Nel trattamento di disturbi metabolici, obesità, diabete, con disturbi epatici e aumento del rischio vascolare.

Associazione con olivo e cardo mariano :

Per trattare la sindrome metabolica, il diabete di tipo 2, in particolare con ipertensione e dislipidemia.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Friedl R. et al., Stimolazione della sintesi di ossido nitrico da parte dell’estratto acquoso di radice di ginseng Panax in cellule RAW 264.7; Br J Pharmacol., 2001
  • Kennedy DO et al; Cambiamenti dose-dipendenti nelle prestazioni cognitive e nell’umore a seguito della somministrazione acuta di Ginseng a giovani volontari sani; Nutr Neurosci., 2001
  • Petkov VD et al., Effetti dell’estratto di ginseng standardizzato sull’apprendimento, la memoria e le capacità fisiche, Am J Chin Med., 1987
  • Rai D. et al., Effetti antistress di Ginkgo biloba e Panax ginseng: uno studio comparativo, J Pharmacol Sci., 2003
  • Reay JL et al; Dosi singole di Panax ginseng (G115) riducono i livelli di glucosio nel sangue e migliorano le prestazioni cognitive durante l’attività mentale sostenuta; J Psicofarmaco, 2005
  • Scaglione F. et al., Efficacia e sicurezza dell’estratto di Ginseng standardizzato G115 per potenziare la vaccinazione contro la sindrome influenzale e la protezione contro il raffreddore comune, Drugs Exp Clin Res., 1996
  • Yang G. et al., Effetto immunopotenziante dei farmaci tradizionali cinesi-ginsenoside e polisaccaride glicirriza, Proc Chin Acad Med Sci Peking Union Med Coll., 1990
  • Tode T. et al., Effetto del ginseng rosso coreano sulle funzioni psicologiche in pazienti con sindromi climatiche gravi, Int J Gynaecol Obstet., 1999
  • Kim JH et al., Effetti del ginseng solare sulla qualità soggettiva della vita nei malati di cancro; uno studio pilota in doppio cieco contro placebo, J Clin Pharm Ther., 2006
  • Bardon DL et al., Studio pilota su Panax quinquefolius (ginseng americano) per migliorare l’affaticamento correlato al cancro: una valutazione randomizzata, in doppio cieco, per la determinazione della dose; Studio NCCTG N03CA, Support Care Cancer, 2010
  • Wei-Yi O. et al., Effetti protettivi del ginseng sui disturbi neurologici, Front Aging Neurosci., 2015
  • Choi SE et al., Effetti dei ginsenosidi sui canali del recettore GABA (A) espressi negli ovociti di Xenopus, Arch Pharm Res., 2003
  • Chen LW et al., Erbe cinesi ed estratti di erbe per la neuroprotezione dei neuroni dopaminergici e il potenziale trattamento terapeutico della malattia di Parkinson, CNS Neurol Disord Drug Targets, 2007
  • Wan Q. et al; Il ginsenoside riduce il danno cognitivo durante l’ipoperfusione cerebrale cronica attraverso il fattore neurotrofico derivato dal cervello regolato dalla modulazione epigenetica; Mol Neurobiol., 2016
  • Kim DY et al., 20 (S) -Il protopanaxatriolo inibisce il rilascio di mediatori infiammatori nell’attivazione dei mastociti mediata da immunoglobuline E, J Ginseng Res., 2015

 

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *