Come curare la mia pelle sensibile

La vostra pelle inizia ad arrossarsi, a pungersi, a bruciare o a prudere anche solo guardandosi allo specchio? O almeno è quello che si prova quando si ha la pelle sensibile. Oggi esaminiamo più da vicino la pelle atopica.

Che cos’è la pelle sensibile?

La pelle sensibile è un problema comune, ma non è di per sé una diagnosi medica. Il termine si riferisce generalmente alla pelle più incline all’infiammazione rispetto alla pelle cosiddetta “normale”. Tuttavia, la causa dell’infiammazione può essere diversa per ogni persona. Le persone con pelle generalmente sensibile reagiscono alle sostanze chimiche, ai coloranti e alle fragranze dei prodotti che entrano in contatto con la loro pelle. Possono anche manifestarsi eruzioni cutanee o irritazioni causate da indumenti o sfregamenti. Alcune persone sono allergiche a determinate sostanze e possono avere reazioni sulla pelle. Vediamo come alleviare questa pelle reattiva!

Per le pelli sensibili, un passo in più:

Le persone con pelle sensibile spesso si disperano per non poter usare gli stessi prodotti di tutti gli altri. Comprano molte creme, ma non riescono ad applicarle sulla loro pelle sensibile senza provare fastidio. Per questo motivo è importante chiedersi se esiste un problema di sensibilità al contatto con un ingrediente specifico. Vale la pena di sottoporre queste persone a patch test (un metodo utilizzato in dermatologia per determinare se una sostanza specifica è in grado di provocare una reazione infiammatoria nella pelle), in cui si esamina in dettaglio il comportamento della loro pelle dopo l’esposizione agli allergeni più comuni. Senza dimenticare sostanze come profumi e conservanti, spesso responsabili di questa situazione.

Quali sono le cause dell’ipersensibilità cutanea?

Disturbi ormonali, malattie, stress, ansia e stanchezza: tutti questi fattori intrinseci svolgono un ruolo nell’innescare l’iperreattività epidermica. Va anche detto che molte fonti estrinseche possono causare una pelle sensibile. Ad esempio, il sole, il vento, il freddo o gli sbalzi di temperatura. In realtà, in molti casi il problema principale è la rottura della barriera idrolipidica della pelle. Quando il film protettivo della pelle è compromesso, lo strato corneo, lo strato più esterno dell’epidermide, non svolge più il suo compito. Di solito il suo compito è quello di tenere fuori tutte le cose cattive. Ciò significa che, con l’uso continuato di prodotti non adatti, gli ingredienti hanno la capacità di penetrare nella pelle e possono stimolare la reattività immunitaria. Finché questo non innesca il rilascio di mediatori infiammatori dalle nostre terminazioni nervose: è l’attivazione della cascata infiammatoria. Questo è il semplice processo di pensiero che seguo quando guardo qualcuno che si lamenta di avere la pelle sensibile.

Come posso aiutare la mia pelle sensibile a migliorare?

  • Mangiare bene

L’idea che si è ciò che si mangia non è sempre vera, ma mangiare bene può aiutare a rafforzare la barriera cutanea. Mangiare per la salute e l’idratazione della pelle ha un impatto molto maggiore che bere acqua. Se la pelle manca di idratazione, bere acqua non è la soluzione. Gli alimenti giusti possono aiutare a ricostruire e rafforzare il bilayer lipidico, che aiuta a mantenere intatto lo strato corneo. Bere acqua per idratare quando la barriera cutanea è danneggiata è come versare acqua in un colino: bisogna tappare i buchi prima di versare il liquido. L’ideale sono i grassi buoni contenuti in noci, avocado e pesce grasso. È inoltre possibile integrarli con olio di pesce o semi di lino, ricchi di omega 3. Esistono molti integratori alimentari che possono aiutarvi nella ricerca del “benessere” della pelle!

  • Adattare la routine di pulizia alla pelle sensibile

La cura della pelle sensibile inizia con la pulizia della pelle. Tuttavia, un detergente aggressivo può renderlo più fragile. L’eccessiva pulizia e l’esfoliazione sono i modi più comuni per danneggiare la barriera cutanea, poiché lo strato protettivo esterno viene danneggiato: anche la sola acqua può irritarla.

Cominciate a mettere in discussione le vostre scelte in fatto di detergenti per il viso:

1.Utilizzate un detergente schiumogeno o un detergente doppio? 2.Come si sente la pelle dopo la detersione? 3.Preferisce una consistenza in gel o in crema? È importante scegliere un detergente delicato e senza profumo!

  • Fate il pieno di ingredienti riparatori di barriera

In caso di pelle sensibile, alcuni ingredienti possono aiutare a sostenere, ripristinare e rafforzare la barriera cutanea. È quindi essenziale inserirli regolarmente nella propria routine. Le ceramidi sono essenziali per la salute della pelle. Tengono unita la pelle e formano uno strato protettivo. In questo modo si evita la perdita di umidità e i danni visibili dovuti agli stress ambientali. Possono essere utilizzati giorno e notte e sono adatti a tutti i tipi di pelle. Infatti, anche le persone con la pelle grassa possono utilizzarli, poiché non appesantiscono la formulazione di un prodotto. La niacinamide o vitamina B3 aiuta a rafforzare la barriera, poiché aumenta la produzione naturale di ceramidi. Si tratta di un fantastico prodotto completo, molto ben tollerato e quindi utilizzabile dalla maggior parte delle persone. L’uso è sicuro anche durante la gravidanza e l’allattamento. Tuttavia, è importante cercare formule con una bassa concentrazione di niacinamide. L’applicazione topica diacidi grassi essenziali è essenziale anche per il corretto funzionamento della barriera cutanea. In questo senso, agiscono principalmente come coltellini svizzeri, riparando la barriera cutanea, nutrendo e ammorbidendo la texture della pelle secca.

  • Sostituire gli umettanti con gli occlusivi

I componenti umettanti comunemente utilizzati nei cosmetici, come la glicerina e l’acido ialuronico, attirano e trattengono l’umidità nella pelle. Purtroppo, però, non possono guarire la barriera cutanea da soli. Quando la temperatura scende, ad esempio, l’uso di ingredienti occlusivi contribuisce a creare un sigillo protettivo sulla pelle. Infatti, impedisce la perdita d’acqua transepidermica. Cercate ingredienti come lo squalano, l’olio minerale, il burro di karité o il dimeticone, che sono molto più efficaci nel trattenere l’idratazione durante i mesi più freddi.

Xoxo, Elodie, naturopata e coach AIP Paleo.

Fonti:

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23254724/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24993939/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22928591/

Leave a Reply

Your email address will not be published.