Come pulire il fegato naturalmente con la disintossicazione epatica?

pulire il fegato naturalmente con la disintossicazione epatica

Il mese di gennaio sta volgendo al termine e con esso l’opulenza gastronomica dei festeggiamenti di fine anno. Da dicembre abusiamo del nostro sistema digerente e del nostro fegato; tra cioccolatini, foie gras, tronchetti di Natale e altre frittelle del re… Per non parlare della prossima stagione delle frittelle… Il nostro corpo ci dice FERMATEVI !!! E sarebbe ora di ascoltarlo.

Sul calendario lunare, il 1 febbraio è una data importante che segna la fine dell’inverno e l’imminente ritorno della primavera. Man mano che le giornate si allungano, spuntano i primi fiori e la neve scompare. La natura ci dice che presto torneranno le belle giornate. Allora perché non cogliere l’occasione per iniziare a onorare i tuoi propositi per il nuovo anno e iniziare una buona cura disintossicante?

Perché è importante fare una disintossicazione del fegato?

Non possiamo vivere più di poche ore senza fegato perché le funzioni di questo organo sono così vitali.

Il fegato è l’emuntore più importante del corpo perché è il più stressato. Riceve infatti tutti i prodotti della digestione per filtrarli attraverso il sangue. Riceve anche i prodotti della putrefazione carichi di sostanze tossiche di ammoniaca. È anche nel fegato che si trovano tutte le sostanze chimiche indesiderate: pesticidi, erbicidi, conservanti, antiossidanti, stabilizzanti, farmaci, ecc. Essendo al centro del processo, il fegato è l’emuntorio più importante e ha anche la capacità di rimuovere sostanze tossiche.

  • Il fegato filtra ed elimina i rifiuti (come altri emuntori)
  • Il fegato neutralizza molte sostanze tossiche e cancerogene

Sappi che questo rifiuto filtrato dal fegato viene eliminato nella bile. Pertanto, è necessario avere una buona produzione e un flusso regolare di bile. Questo flusso consente sia la digestione che la disintossicazione.

La funzione di disintossicazione è svolta dal fegato e solo da esso.

Che cos’è esattamente la “disintossicazione”?

Il drenaggio e la disintossicazione del fegato si chiama “detox”.

Disintossicare significa “neutralizzare” le molecole che sono aggressive o tossiche per il corpo. Queste molecole verranno neutralizzate dai citocromi P450, poi dalle due fasi enzimatiche ed infine da una terza fase enzimatica che le renderà idrosolubili per essere eliminate dagli emuntori. In primo luogo dall’intestino attraverso la bile, e in secondo luogo dai reni che svolgono un ruolo molto importante nell’eliminazione di urea, tossine, scorie, ecc … attraverso l’urina e che sono stati neutralizzati nel fegato.

In genere si consiglia di fare almeno 2 trattamenti di un mese all’anno.

In sintesi, il fegato è un organo il cui ruolo è ricevere sangue e linfa, eliminare sostanze indesiderate come tossine e scorie rigettandole nell’intestino, che si occuperà della loro evacuazione.

Tuttavia, a volte può accadere che il fegato sia troppo teso e quindi inizi a stancarsi. In caso di insufficienza epatica, le tossine e le scorie possono passare nel corpo, provocando malattie.

Se il fegato è troppo stressato, vediamo:
Alito cattivo e lingua caricata, soprattutto al mattino
Digestione difficile, nausea, gas, gonfiore
Sonnolenza regolare dopo i pasti
Mal di testa
Fatica cronica
Risvegli notturni
Sgabelli di colore chiaro

Una dieta sana e la limitazione o addirittura l’eliminazione di sostanze aggressive arriverà nella prevenzione e nella “cura” dei problemi che colpiscono il fegato.

Alcuni consigli naturopatici per una disintossicazione epatica di successo:

  • Scegli cibi ricchi di fibre:

Prediligere, ad esempio, le verdure crocifere (cavolfiori, broccoli, ecc.) E mangiarle preferibilmente crude.

  • Per bere molta acqua:

Nell’ambito di una disintossicazione epatica, si consiglia di bere almeno 2 litri di acqua al giorno per aiutare il corpo a drenare le tossine oltre che per eliminarle più facilmente.

  • Applicare una borsa dell’acqua calda al suo fegato ogni sera:

Il calore ha un effetto decongestionante e favorirà la produzione di bile.

  • Vai per il relax:

Perché non provare la sauna, la sofrologia, la meditazione, lo yoga o anche la riflessologia per rilassarsi ed evitare qualsiasi tipo di stress per aiutare il corpo a eliminare più facilmente le tossine.

  • Alleggerisci la tua dieta:

Il fatto di ridurre la propria dieta aiuta l’organismo a non consumare tutto il suo capitale energetico nella digestione.

  • Durante la cura detox è meglio evitare:

Latticini, prodotti raffinati troppo grassi e troppo dolci, alcol, caffè, tabacco, carne alla griglia, tè, medicinali, droghe, ecc.

Quali piante dovrei usare nella mia cura disintossicante del fegato?

Il carciofo è un colagogo e un coleretico. È epatoprotettivo e anti-radicali liberi. Provoca la rigenerazione del fegato grazie all’acido 1,5-dicaffeyl-chinico che contiene, che ha il ruolo di aumentare il flusso biliare e proteggere gli epatociti dal tetracloruro di carbonio.

La bardana è coleretica stimolando le funzioni del fegato e delle vie biliari. È un epatoprotettore indicato nei sovraccarichi tossici e tossici.

Il ravanello nero è un drenante epatico, un colagogo e un coleretico. È rinomato per le sue proprietà disintossicanti. È un induttore degli enzimi epatici di fase I e II.

Questa pianta è uno stabilizzatore di membrana (inibisce i sistemi di trasporto della membrana degli epatociti, rendendo più difficile l’assorbimento di sostanze tossiche, inibisce la perossidazione lipidica e aumenta l’assorbimento dei radicali liberi prodotti dalle sostanze epatotossiche); contribuisce al mantenimento del pool di glutatione responsabile della disintossicazione epatica (enzimi di fase II), riduce l’aumento delle transaminasi e delle fosfatasi alcaline e protegge dallo stress ossidativo.

I denti di leone sono noti per essere coleretici e colagoghi. È un disintossicante che induce un forte aumento (244% del controllo) nell’attività dell’enzima disintossicante di fase II. È indicato nella stimolazione enzimatica del fegato e dei reni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *