Curare la vitamina C in inverno, è essenziale?

Curare la vitamina C in inverno

L’inverno è arrivato ed è più importante che mai aiutare i tuoi anticorpi a combattere le malattie.
Uno dei suggerimenti per farlo è mangiare cibi ricchi di vitamina C.Ecco perché …

Cos’è la vitamina C?

La vitamina C è essenziale per la crescita, la riparazione e lo sviluppo dei tessuti del corpo. Contribuisce a molte funzioni vitali. Questi includono il rafforzamento del sistema immunitario, l’assorbimento di ferro e calcio, la produzione di collagene e il mantenimento di cartilagine, ossa e denti sani.

Inoltre, l’acido ascorbico, dal nome scientifico, è un potente antiossidante che aiuta a proteggere le nostre cellule dai radicali liberi e da altre molecole dannose. Per aumentare le loro difese naturali, molti prendono una cura di vitamina C per il periodo invernale.

Ma è davvero una buona idea?

Precauzioni per mantenersi in forma in inverno

Temperature eccessivamente basse ci rendono più vulnerabili alle malattie. Prova di ciò è l’epidemia di influenza ricorrente non appena arriva l’inverno. Inoltre, si consiglia di prendere precauzioni per proteggersi dal freddo, ma anche dalle infezioni che imperversano durante la stagione.

Si tratta di mantenere il corpo caldo, coprendosi adeguatamente, da un lato. E d’altra parte, per trattare il contenuto del piatto in modo che fornisca al corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno per funzionare bene. E date le sue funzioni essenziali nel nostro metabolismo, la vitamina C è giustamente considerata “la vitamina dell’inverno”.

Come promemoria, un buon apporto di acido ascorbico aiuta a ridurre l’affaticamento e migliora il funzionamento del sistema immunitario. Due condizioni essenziali per restare in forma tutto l’inverno. Inoltre, l’obiettivo è ottenere abbastanza vitamina C. L’assunzione nutrizionale raccomandata (ANC) è di 110 mg al giorno per un adulto. Ottenere
idealmente attraverso cibi ricchi di vitamina C come frutta e verdura. Altrimenti, sotto forma di integratori alimentari, se non è possibile includere questi prodotti alimentari nel menu giornaliero.

E la cura della vitamina C per l’influenza?

In altre parole, quando questa indennità giornaliera è rispettata, il consumo eccessivo di vitamina C sotto forma di farmaco non è necessario. Soprattutto da allora, nessuno studio ha dimostrato che un ulteriore assorbimento di acido ascorbico possa prevenire completamente raffreddori e influenza. D’altra parte, gli operatori sanitari concordano sul fatto che la vitamina C, attraverso le sue azioni di rafforzamento del sistema immunitario, allevia sostanzialmente i sintomi e, soprattutto, riduce la durata della malattia.

Inoltre, all’acido ascorbico sono attribuite virtù energizzanti e, in extenso, una partecipazione attiva alla lotta contro la fatica. Il che è un vero vantaggio, sapere che un corpo stanco ha più difficoltà a combattere virus e germi cattivi più con il freddo. Questo effetto stimolante deriva proprio dalle riconosciute funzioni della vitamina C, per l’assorbimento e l’immagazzinamento del ferro nell’organismo. Pertanto, partecipa indirettamente all’aumento dell’energia, il ferro ha dimostrato la sua efficacia nel combattere la stanchezza e stimolare le capacità intellettuali. Pertanto, un corpo ben fornito di vitamina C è in grado di difendersi meglio dagli attacchi virali.

Vitamina C, alleata del collagene

Il collagene è la proteina responsabile della crescita e della riparazione dei tessuti del corpo. Tuttavia, non può svolgere le sue funzioni se il corpo non è sufficientemente rifornito di vitamina C. Ciò è essenziale per la sintesi e il mantenimento del collagene. In altre parole, dobbiamo fornire al nostro corpo un’abbondante quantità di acido ascorbico per ottimizzare le azioni benefiche del collagene. Questi includono:

  • Produrre e mantenere tessuti sani, che vanno dalla pelle ai muscoli, inclusi vasi sanguigni, legamenti e tendini, cartilagini e ossa;
  • Garantire le proprietà di idratazione, resistenza e flessibilità di questi stessi tessuti;
  • Proteggere l’epidermide dalle aggressioni esterne, in particolare dal freddo;
  • Accelerare il processo di guarigione a seguito di lesioni;
  • Contribuisce alla filtrazione nel rene, nella parete arteriosa e nella barriera ematoencefalica

Alimenti che forniscono vitamina C.

Come fonte, niente batte l’assunzione di frutta e verdura. Puoi ottenere la quantità raccomandata di vitamina C mangiando gli agrumi (arancia, clementina, pompelmo …) e i loro succhi. Allo stesso modo, peperoni verdi e rossi, kiwi, fragole, lamponi, cavoli e broccoli sono veri concentrati di acido ascorbico. È anche noto che alcuni alimenti e bevande trasformati sono arricchiti con vitamina C. In tal caso, questa aggiunta deve essere menzionata sull’etichetta del prodotto.

Attenzione però, perché la vitamina C è fragile. Una conservazione prolungata o una cottura troppo lunga può alterarne il contenuto negli alimenti. Per questo devono essere consumati crudi. Ma se è essenziale, dare la preferenza alla cottura a vapore per ridurre al minimo le perdite.

Capirai, la regola d’oro per affrontare la stagione fredda in buone condizioni è controllare l’assunzione di vitamina C. A seconda di cosa, un professionista della salute determinerà se è necessario o meno prescrivere una cura. Generalmente è necessario in caso di carenza e / o quando il cibo non copre il fabbisogno giornaliero.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *