12 consigli naturali anti-spuntino per perdere peso

grignotage

Lo spuntino è questo brutto riflesso che ti spinge a mangiare senza fame , noia, stress, ansia o semplicemente per abitudine. Ma se lo spuntino viene effettuato compulsivamente o addirittura appagato, il rischio è quello di provocare uno squilibrio, non solo dell’equilibrio, ma anche sulla composizione dei pasti principali. Eh si! Perché quando la fame diminuisce quando arriva il momento di mangiare, la voglia di mangiare determinate categorie di alimenti è altrettanto. I motivi per fare spuntini sono tanti: stress, stanchezza, gola, bisogno di conforto, ma in generale la scelta volge verso cibi grassi e dolci.. Pertanto, gli snack consumati in qualsiasi momento della giornata non sono privi di impatto sulla salute e possono causare problemi di peso. Scopri i nostri 12 consigli naturali contro lo spuntino che ti aiuteranno nel tuo processo di perdita di peso .

1. Evita la voglia di spuntini bevendo molta acqua

Il nostro corpo è composto dal 60 al 70% di acqua, gli specialisti consigliano di bere 1,5 litri al giorno. Oltre ad aiutare il corpo a utilizzare energia e sostanze nutritive dal cibo, aiuta ad eliminare le tossine.

Consiglio dimagrante:

→ Bevi a piccoli sorsi durante la giornata, in modo che lo stomaco si riempia lentamente e limiti così la nostra voglia di mangiare. Uno studio americano rivela che bere un bicchiere d’acqua prima di ogni pasto accelera la sensazione di sazietà e aiuterebbe quindi a sopprimere la voglia di spuntini durante la giornata.

Le tisane e gli infusi hanno innumerevoli benefici, ti aiutano a idratarti.

2. Evita la voglia di spuntini facendo una colazione completa

Prendersi del tempo per fare una vera colazione è molto più probabile che non si rompa al mattino ! I nutrizionisti consigliano di fare 3 pasti al giorno e di non saltare la colazione. Viene dopo un periodo di digiuno di 8-10 ore. Dovrebbe fornire tra il 20 e il 25% dell’energia totale della giornata per evitare sensazioni di stanchezza fisica e intellettuale, nonché attacchi di ipoglicemia.

Consiglio dimagrante:

Preferisci il pane integrale al pane bianco che ha un alto indice glicemico. Ricco di fibre, porterà rapidamente una sensazione di sazietà e limiterà il rischio di spuntini di metà mattina. In generale, limita il più possibile ai cibi dolci come marmellata, cereali, crema spalmabile, brioche, ecc.

3. Evita le voglie di spuntini mangiando ad orari prestabiliti

Abituato a mangiare in orari precisi, il corpo secerne meno insulina , riducendo così la sensazione di fame. Inoltre: ci prendiamo il tempo per masticare e assaggiare ogni boccone. Consenti almeno 20 minuti a pasto per sentire di aver mangiato abbastanza.

Consiglio dimagrante:

Si raccomanda di non saltare uno spuntino al tè del pomeriggio per non essere tormentati dalla fame all’ora di cena. Pianifica spuntini leggeri (frutta, frutta secca, ecc.) che non si spezzino durante il giorno.

4. Evita le voglie di spuntini prendendoti il ​​tempo di masticare

Una cattiva digestione può causare gonfiore e mal di stomaco. Per evitarli è fondamentale mangiare seduti in pace e masticare il cibo con attenzione.

Consiglio dimagrante:

Lo stomaco impiega 20 minuti per inviare un messaggio di sazietà al cervello. Uno studio americano sostiene che masticare lentamente riduce il consumo calorico e aumenta la sazietà. Se sei abituato a pasti veloci, prendi l’abitudine di posare la forchetta dopo ogni boccone e riprenderla solo dopo aver masticato abbastanza.

5. Perdere peso bevendo tè verde

Il tè verde , per il suo contenuto di polifenoli, è un potente antiossidante . Protegge così il corpo dalle malattie cardiovascolari o degenerative, da alcuni tipi di cancro e dall’invecchiamento.

Consiglio dimagrante:

Riconosciuto per i suoi effetti bruciagrassi e diuretici, il tè verde favorisce l’azione degli ormoni sazianti nel nostro corpo. Per unire l’azione “soppressore dell’appetito” e antiossidante, si consiglia di infondere 2,5 g di tè verde per almeno 2 minuti in acqua ad oltre 90°C e di berlo più volte al giorno.

6. Monitorare l’indice glicemico degli alimenti

L’indice glicemico (IG) classifica gli alimenti in base alla loro glicemia (livello di glucosio nel sangue). Un alimento con un indice glicemico superiore a 50 induce il corpo a secernere troppa insulina, che favorisce l’immagazzinamento del glucosio come grasso. Più basso è l’IG di un alimento, più lenta è la diffusione del glucosio e più a lungo si avverte la sensazione di fame.

Consiglio dimagrante:

Il metodo di cottura ha un impatto sull’IG del cibo. Quindi, l’IG del riso a cottura rapida è 85, mentre quello del riso Basmati è 50. Preferite quindi cibi a lunga cottura.

L’indice glicemico di alcuni alimenti :

  • Patatine fritte: 95
  • Banane: 60
  • Cereali germogliati (soia): 15
  • Pane ai cereali: 45
  • Pane bianco: 70
  • Fagiolini: 30
  • Cioccolato fondente (70%): 25

7. Evita le voglie di spuntini favorendo cibi ricchi di fibre

Gli alimenti ricchi di fibre contengono più vitamine e minerali. Mentre la fibra insolubile è necessaria per una buona digestione, la fibra solubile regola i livelli di zucchero nel sangue e colesterolo .

Consiglio dimagrante:

Mangia cibi ricchi di fibre all’inizio di un pasto. Le loro fibre voluminose non saranno assimilate direttamente dal corpo. Pertanto, la sazietà si manifesterà più rapidamente e si stabilizzerà a lungo termine . La valeriana, la mela e la melanzana, ad esempio, sono molto sazianti.

8. Mangia crusca d’avena

Oltre ad avere un basso indice glicemico (15), la crusca d’avena aiuta a regolare la glicemia (= glicemia). Ha ricevuto un’etichetta dall’American Heart Association. Può quindi essere consigliato per i suoi effetti benefici sul colesterolo.

Consiglio dimagrante:

La crusca d’avena contiene fibra solubile che assorbe nutrienti come carboidrati e grassi , riducendo l’assunzione di zuccheri e grassi. Il suo consumo massimo consigliato è fissato a 3 cucchiai. zuppa (= a tavola) al giorno.

9. Pensa all’agar-agar

L’agar-agar è un gelificante vegetale e naturale, estratto dalle alghe rosse. Inodore, insapore e molto povero di calorie, contiene l’80% di fibre. 100 g di agar contengono 335 calorie, ma l’assunzione massima consigliata è di 4 g al giorno.

Consiglio dimagrante:

L’alto contenuto di fibre dell’agar agar ha proprietà sazianti. Tuttavia, nessuno studio ha ancora messo in evidenza i suoi benefici sulla linea.

10. Dimagrire consumando limone

Il limone, oltre ad essere un potente antiossidante, previene la comparsa di alcuni tipi di cancro. È anche un’ottima fonte di vitamina C, che aiuta a combattere i piccoli disturbi quotidiani.

Consiglio dimagrante:

In caso di fame, spremere un limone in un bicchiere di acqua calda.
Puoi anche mescolare il succo di un limone in 1,5 litri d’acqua e portarlo con te. Il limone aromatizzando l’acqua, incoraggia così a bere di più. Promuove l’eliminazione delle tossine.

11. Limitare lo stress per fermare la voglia di mangiare

È importante limitare lo stress , perché porta ad un aumento del cortisolo, un ormone che stimola l’appetito e quindi scommette su cibi “zen”. Sono quelli che contengono magnesio (frutta e legumi), acidi grassi di tipo omega 3 (pesci grassi, oli di colza e noci per esempio) e vitamina B6 per favorire l’assimilazione del magnesio (cereali integrali, carne, pollame, ecc.).

12. Medicina di erbe per evitare spuntini

Le piante che hanno un effetto soppressore dell’appetito sono piante ricche di fibre capaci di gonfiarsi (mucillagini ad esempio) e sono efficaci solo se associate ad un riequilibrio dell’alimentazione , ad una regolare attività fisica e ad un’igiene generale della vita. . Questi soppressori dell’appetito moderano la fame e la loro azione è direttamente legata alla dose di fibra alimentare fornita dalla dieta, ma soprattutto alla quantità di acqua assorbita, perché è l’acqua che permette a queste fibre di gonfiarsi nello stomaco e portare la sensazione di pienezza . Questi soppressori dell’appetito vegetali devono quindi essere assunti da 15 a 20 minuti prima di un pasto o di uno spuntino con un bicchiere d’acqua.

Avvertenza: Raddoppiare le dosi non aumenta assolutamente l’efficacia, ma espone al rischio di disturbi digestivi ( diarrea, dolore gastrico, interazione con l’efficacia di altri farmaci ), chiedi consiglio al tuo farmacista.

È un’alga il cui tallo è ricco di mucillagini che reidratandosi aumentano il volume dello stomaco. È ricco di oligoelementi e vitamine del gruppo B e C, che consente di coprire le esigenze dell’organismo. Attenzione, non utilizzare questa alga in caso di disturbi della tiroide o allergia allo iodio. Chiedi consiglio al tuo farmacista.

Nasce da un seme e si presenta sotto forma di polvere ricca di galattomannani e in presenza di acqua questa polvere si gonfia e forma un gel che sopprime l’appetito. Inoltre, la gomma di guar contribuisce alla produzione di 2 ormoni soppressori dell’appetito, rallenta la digestione e la sensazione di sazietà è quindi più lunga. Ma soprattutto, la gomma di guar rallenta l’estrazione calorica da altri alimenti. Aiuta quindi ad evitare spuntini e voglie durante il giorno. Favorendo l’equilibrio del transito intestinale, è ideale per problemi di gonfiore.

Ricco di mucillagini, quando viene assorbito con acqua prima di un pasto, aiuta anche a regolare l’appetito.

Ricchissimo di galattomannani, il konjac può assorbire fino a 100 volte il suo volume d’acqua, diventando così un gel viscoso che intrappola grassi e zuccheri. Konjac è uno dei pochi alimenti che può mostrare un’indicazione di perdita di peso e soppressione dell’appetito autorizzata dalle autorità europee. Attenzione, non ha alcun effetto sulle voglie di zuccheri, grassi o sale o sui bisogni alimentari.

  • L’agar agar:

È un gelificante vegetale al 100% presentato sotto forma di polvere o capsule. Questo attivo contiene fibre solubili, che una volta consumate, si gonfiano nello stomaco per intrappolare zuccheri e grassi. Non viene digerito e viene quindi eliminato così com’è dall’organismo. L’agar agar può essere utilizzato alla dose di 1 g in una tazza di tè bollente, tisane o infusi. È quindi sufficiente bere la bevanda prima che la temperatura scenda sotto i 40° (altrimenti rischio di gelificazione dell’agar-agar) e 10 minuti prima del pasto: effetto antispuntino assicurato.

  • Gomma di sterculia, pectina di mela , pectina di cicoria:

Sono anche fibre solubili. Si gonfiano nello stomaco permettendo di ridurre l’assunzione di cibo durante il pasto successivo.

Una tavoletta di cioccolato, un piccolo pezzo di torta va bene; l’intera tavoletta o torta è più complicata. Se questo si ripete ogni giorno e la sensazione di fare molti spuntini inizia o la bilancia si inclina nel modo sbagliato, non esitare a consultare il tuo medico o farmacista che può quindi aiutarti …

 

Arnaud. C. (Dottore in Farmacia)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *