Genziana, misteriosa fonte di vitalità

Qualsiasi pianta, finché è stata considerata una panacea, drena dietro di sé racconti leggendari . Ricordiamo che Olivier de Serres diede la genziana come adatta a favorire il parto , cosa che sembra sottolineare, con la sua attitudine allegra, una grande vitalità, un dettaglio notevole, tanto più che ai tempi di questo eminente agronomo, un buon numero di francesi la gente viveva più breve di una genziana.

Sconosciuta a Teofrasto e agli Ippocratici, la genziana sarebbe stata infatti notata da un re regnante sull’Illiria, l’odierna Albania, e, come spesso, le avrebbe dato il nome, Gentius , dopo averne scoperto i poteri curativi .

Un po’ di storia

Dioscoride e Plinio indicano che ai loro tempi (I secolo d.C.) era comunemente usata la genziana gialla (morsi di serpente, malattie del fegato e dello stomaco, disturbi agli occhi, ulcere, “gravi cadute e loro suite”… che inevitabilmente richiama l’ arnica …). Galeno , nel secolo successivo, ne fece una pianta efficace per purgare, drenare e purificare i malumori. Si dice che i romani esaltassero le qualità di genziana dopo l’invasione della Gallia.

Per lungo tempo nota come potente stimolante delle funzioni digestive , la genziana rimarrà indistruttibile come febbrifugo per eccellenza, anche dopo l’introduzione della china nella farmacopea nel 1639. Per quanto potente, la china non avrà esattamente la meglio sulla genziana, poiché questo Specie sudamericana, relativamente rara nel XVII secolo in Francia, veniva venduta a un prezzo esorbitante, che il monopolio che pesava sulla china favoriva indubbiamente.

Quali sono le principali proprietà farmacologiche della radice di genziana?

Principali proprietà nell’apparato digerente:

  • Stimolazione delle secrezioni salivari e gastriche:

Le sostanze amare (secoiridoidi), in particolare la gentiopicrina e l’ amarogentina (la sostanza più amara conosciuta) sono responsabili di queste proprietà farmacologiche. In particolare promuovono le secrezioni salivari, gastriche e digestive stimolando il parasimpatico dai recettori del gusto.

  • Miglioramento dell’emodinamica postprandiale:

Uno studio sull’uomo ha mostrato la modalità d’azione degli agenti amari (soprattutto la genziana) sulla fase gastrica della digestione. Causano un aumento delle resistenze vascolari periferiche e una diminuzione della gittata cardiaca , riducendo la gittata sistolica piuttosto che la frequenza cardiaca. In altre parole, la risposta suscitata dal sapore amaro della Gentiana lutea permette di far fronte all’iperemia postprandiale (che regola lo svuotamento gastrico) aumentando il tono vascolare e riducendo lo stress postprandiale a carico del cuore. Una delle applicazioni di questa azione è ridurre l’ipotensione postprandiale (potenziale fonte di disagio e di eventi coronarici o talvolta fatali), per migliorare lo svuotamento gastrico e, inoltre, per ridurre i disturbi digestivi legati all’eccesso di cibo.

  • Stimolazione della motilità gastrica:

La genziana accelera l’evacuazione gastrica . Eupeptico e anti-gastralgic , atti di genziana per ingestione, stimola le secrezioni e la motilità dello stomaco, ma in dosi elevate, può provocare il vomito. In vitro , è anti- Helicobacter pylori .

  • Stimolazione enzimatica digestiva sotto l’influenza del nervo pneumogastrico:

Azione parasimpaticomimetica.

  • Proprietà originali:

Tonico amaro, la genziana è anche un potente stimolante dell’appetito .

  • Epato protettivo:

Il gentiopicroside protegge in vivo il danno epatocitario indotto dal tetracloruro di carbonio (CC14) e dal lipopolisaccaride (LPS)/BCG. Diminuisce la produzione di aminotransferasi epatiche (ASAT e ALAT o SGOT e SGPT) e di fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α). Inoltre, la genziana ha in vitro un’attività antiossidante in particolare di scavenging dei radicali liberi.

  • Antispasmodico intestinale:

Il gentiopicroside infatti diminuisce le contrazioni dell’ileo di cavia indotte da istamina, acetilcolina e KCI. Interferirebbe con l’afflusso di calcio nelle cellule muscolari lisce (effetto simile ai calcioantagonisti intestinali).

Immobili secondari a livello centrale e periferico:

  • Potenzia gli antidepressivi (inibitori selettivi e reversibili della monoamino ossidasi):

Gli xantoni tri-sostituiti della genziana agirebbero anche come inibitori selettivi e reversibili della monoamino ossidasi di tipo A, un enzima che svolge un ruolo chiave nella regolazione del sistema nervoso centrale.

Un antidepressivo , la gentisina inibisce la diade del dolore o della depressione indotta dalla reserpina, riducendo così i recettori GluN2B nell’amigdala.

  • Riduce il duo dolore/depressione indotto dalla reserpina:

Analgesico , il gentiopicroside migliora lo stato depressivo e la nocicezione attraverso la diminuzione dell’espressione dei recettori GluN2B.

Altre proprietà:

  • Antipiretico

Ci sono precauzioni per l’uso con Gentian?

Controindicazioni:

  • Controindicato in caso di ulcere gastriche o duodenali progressive.
  • Secondo l’EMA, l’uso della genziana non è raccomandato nelle donne in gravidanza e nei soggetti di età inferiore ai 18 anni (per mancanza di dati sufficienti per escludere qualsiasi rischio associato all’uso di questa pianta). Tuttavia, la genziana non è raccomandata per le donne che allattano a causa del passaggio di principi amari nel latte.

Precauzioni per l’uso:

  • Sorveglianza medica in caso di anamnesi di ulcera peptica o gastrite. Consultare nuovamente se i sintomi persistono dopo 8 giorni.

Come prendere la genziana e in che dosaggio?

Forma liquida:

Genziana nella magistrale preparazione di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

Associazione con melissa :

Per combattere dispepsie motorie, scarso svuotamento gastrico, paresi gastriche e spasmi digestivi.

Associazione con curcuma e ravanello nero :

Nell’iposialorrea dopo l’assunzione di xenobiotici (antidepressivi, ecc.).

Associazione con il carciofo :

Contro la dispepsia da sovraccarico alimentare.

Associazione con Echinacea :

Nella prevenzione della parodontopatia nella bocca secca.

Associazione con la liquirizia :

Per il trattamento della gastrite con reflusso gastroesofageo, sindrome sicca con secchezza delle fauci, glossite e mucosite su insufficienza salivare.

Associazione con l’ortica (parti aeree) :

Per accompagnare la convalescenza e l’anoressia post-infettiva.

Associazione con l’erba di San Giovanni :

Per trattare la depressione negli anziani con perdita di appetito, perdita di peso e sindrome da scivolamento.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Calliste CA et al., Attività di scavenging dei radicali liberi misurate mediante spettroscopia di risonanza di spin elettronico e comportamenti antiproliferativi delle cellule B16 di sette piante, J. Agric. Chimica alimentare, 2001
  • Hostettmann K., Gentian: nuova indicazione, European Herbal Medicine Review, 2002
  • Rojas A. et al., Attività di rilassamento muscolare liscia di Gentiopicroside isolata da Gentiana spathacea, Planta Med., 2000
  • Wichtl M., Anton R., Piante terapeutiche. Tradizione, farmacia, scienza e terapia, Tec & Doc, 1999
  • McMullen MK et al., Bitters: Time for a New Paradigm, Evid Based Complement Alternat Med., 2015
  • Mahady GB, Pendland SL, Stoia A, Hamill FA, Produttore D, Dietz BM, Chadwick LR. Suscettibilità in vitro di Helicobacter pylori agli estratti botanici utilizzati tradizionalmente per il trattamento dei disturbi gastrointestinali. Phytother Ris. 2005
  • McMullen MK et al., I sapori amari alterano l’emodinamica postprandiale della fase gastrica, J Ethnopharmacol., 2014
  • Liu, Sb., Zhao, R., Li, Xs. et al. Attenuazione della diade dolore/depressione indotta dalla reserpina da parte del gentiopicroside attraverso la sottoregolazione dei recettori GluN2B nell’amigdala dei topi. Neuromol Med 16, 350-359 (2014)

 

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *