Il ruolo del Glutatione nel contesto della vaccinazione contro il Covid-19

Il glutatione è necessario in molte fasi della risposta immunitaria . Alti livelli di glutatione consentono quindi all’organismo di produrre più globuli bianchi costituendo la prima linea di difesa del sistema immunitario. Il glutatione è quindi essenziale per la moltiplicazione dei linfociti necessaria allo sviluppo di una forte risposta immunitaria e affinché i linfociti killer (NK) siano in grado di distruggere le cellule indesiderate. In questo articolo parleremo dell’impatto delle carenze e degli eccessi micronutrizionali sulla morbilità e letalità del Covid-19 che richiedono cure precise e personalizzate. Infatti, uno schema di monitoraggio micronutrizionalelimiterebbe infatti la gravità della malattia, oltre a preparare i pazienti vaccinati a una migliore efficacia del vaccino .

Qual è il ruolo del glutatione nel corpo?

Il glutatione è un tripeptide composto da 3 amminoacidi: cisteina , glicina e glutammato . Contribuisce alla salute dell’organismo e dei polmoni, inoltre svolge un ruolo centrale nella protezione delle cellule dai danni cellulari indotti dallo stress ossidativo, ma anche nella disintossicazione dagli xenobiotici e nel metabolismo dei farmaci.

Il ruolo del glutatione è quello di regolare l’equilibrio tra l’immunità innata e l’infiammazione , ma anche l’infiltrazione dei leucociti nel sito di infezione per uccidere i batteri.

Qual è il legame tra Glutatione e Covid-19?

Il Covid-19, ma anche il suo vaccino si nutre di questo glutatione e non esita ad attingere alle nostre riserve; dando così luogo a una vasta gamma di condizioni patologiche. La resistenza alle malattie virali si correla quindi positivamente con l’entità delle riserve di glutatione.

fattori di rischio per l’infezione grave da Covid-19 sono infatti associati ad una diminuzione o deplezione del glutatione intracellulare .

Al contrario, livelli più elevati di glutatione sono stati associati a una migliore risposta individuale alle infezioni virali . Il glutatione è infatti noto per proteggere le cellule immunitarie dell’ospite che operano in ambienti di stress ossidativo, contribuendo nel contempo al loro funzionamento ottimale.

Quali sono i rischi di una carenza di glutatione durante la contaminazione da Covid-19?

È stato dimostrato che il deficit di glutatione del fluido alveolare in pazienti con edema polmonare o distress respiratorio (ARDS) legato a Covid-19 è correlato con un aumento del danno e dell’infiammazione delle cellule polmonari mediate dalle ROS ( specie reattive dell’ossigeno ). Per inciso, l’ARDS e la tempesta di citochine caratterizzano le ultime fasi del Covid-19.

Una carenza di glutatione porta quindi all’attivazione del fattore di von Willebrand e all’accumulo di ROS, che influenzano la coagulazione e l’attivazione piastrinica , compromettono la funzione endoteliale e predispongono al rischio di eventi trombotici , in particolare ipercoagulazione; una significativa complicanza pericolosa per la vita nei pazienti con Covid-19.

Perché è consigliabile fare una cura al Glutatione durante una contaminazione da Covid-19 o come parte della vaccinazione contro il Covid?

Bassi livelli plasmatici di glutatione sono stati identificati insieme ad altri tre indicatori clinici (età, rapporto CD3 e proteine ​​totali) come predittore di sintomi gravi/critici nei pazienti infetti da COVID-19. Tutti questi dati hanno rilevanza clinica: Polonikov , studiando 4 casi di COVID-19 da moderato a grave, ha scoperto che mentre i tre pazienti con alti livelli normali di glutatione plasmatico si sono ripresi rapidamente, quello con bassi livelli di glutatione, alti ROS plasmatici e ROS/GSH ratio era affetto dalla malattia più grave e, al momento della pubblicazione, era ancora malato.

In un altro caso clinico, 2 pazienti con polmonite COVID-19 sono stati trattati con successo con alte dosi di glutatione endovenoso supplementare e N-acetilcisteina orale; infine, Ibrahim et al. ha riportato il caso di un gruppo di 9 pazienti critici trattati con successo con N-acetilcisteina. Glutatione e acetilcisteina rappresentano quindi due nutrienti utili ed efficaci nella gestione dei pazienti COVID-19.

Determinazione del glutatione totale e integrazione orale

Ha senso puntare ai valori più alti di glutatione totale per la massima protezione e anche per garantire che il livello di selenio sia ottimale.

Sebbene la glicina sia considerata un amminoacido non essenziale perché il nostro organismo è in grado di produrla da altri amminoacidi, questa sintesi endogena non è sufficiente a coprire tutte le nostre esigenze. Pertanto, l’integrazione di glicina appare cruciale per aumentare i livelli di glutatione nell’organismo e quindi attenuare gli effetti del passare del tempo, e ha mostrato il suo interesse nel contesto di diverse situazioni patologiche. L’ideale sarebbe quindi fornire grandi quantità di glicina (da 5 a 10 g al giorno) e moderate quantità di acetilcisteina (da 200 a 400 mg al giorno).

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.