Ribes nero, pepe di Spagna dalle proprietà ammirevoli

foglie di ribes nero

Il termine “ribes nero” prende la sua etimologia dal fenicio. Questo ribes nero vegetale è una parola che compare nel XVI secolo, contemporaneamente ai primi scritti concessigli ( Rembert Dodoens , 1583) e alle prime menzioni medicinali delle sue foglie e dei suoi frutti ( Petrus Forestus , 1614).

Un po’ di storia

Dodoens è fiammingo, Forestus è olandese. Sono quindi autori relativamente settentrionali, che si adattano relativamente male al modo in cui Anne de Bretagne chiama il ribes nero nei suoi Grandes heures “ albero del pepe di Spagna ”. Tuttavia, questa è la prova che il ribes nero era conosciuto in Francia intorno all’anno 1500.

In Francia, è Philibert Guybert , dottore della facoltà di medicina di Parigi, che metterà finalmente su carta le prime informazioni sul ribes nero attraverso la sua opera di beneficenza Médecin pubblicata nel XVII secolo. Ma fu solo su iniziativa dell’abate Pierre Bailly de Montaran che il ribes nero divenne popolare con la sua coltivazione e il suo ampio uso medico. Nel 1712 pubblicò anche un’opera intitolata Le mirabili proprietà del ribes nero , di cui disse che “non c’era nessuno che, avendo giardini, ne piantasse un gran numero per i bisogni della sua famiglia”.

Quali sono le principali proprietà farmacologiche delle foglie di ribes nero?

Proprietà antiossidanti e citoprotettive:

In vitro , gli estratti di foglie di ribes nero esercitano un’elevata attività antiossidante . Pertanto, la loro presenza sulla superficie della membrana eritrocitaria porta alla protezione contro i radicali liberi. Inoltre, hanno mostrato le loro proprietà antiossidanti e più particolarmente anti-lipoperossidative su microsomi epatici di soggetti sottoposti a stress ossidativo.

L’estratto di ribes nero è ricco di polifenoli e può infatti indurre apoptosi in varie cellule tumorali , attraverso un meccanismo molecolare che passa attraverso le vie mitocondriali mediate da MAPK e PI3K/Akt.

Proprietà antinfiammatorie:

  • Modulatore dell’infiammazione:

Uno studio ex vivo sul cuore di un soggetto isolato ha mostrato una riduzione della sintesi delle prostaglandine in modo più efficiente con flavonoidi totali estratti dalle foglie di ribes nero che con isoquercitrina e rutina isolate. Secondo uno studio del 2002, le proantocianidine (OPC) delle foglie di ribes nero hanno un effetto stimolante dose-dipendente sulla produzione di proteoglicani e sul rilascio di collagene di tipo II su una linea di condrociti umani in vitro . Queste OPC (in questo caso le prodelfinidine) diminuiscono in maniera dose-dipendente la sintesi della prostaglandina E2 e inibiscono le cicloossigenasi. Inoltre, il ribes nero protegge dalla degradazione del collagene di origine enzimatica. (collagenasi, elastasi, perossidasi…).

Uno studio del 2007 ha mostrato che la quercetina e il kaempferolo, flavonoidi presenti nelle foglie di ribes nero, modulano le concentrazioni di mediatori proinfiammatori come COX-2, CRP e iNOS, contribuendo così agli effetti antinfiammatori della pianta, bloccandone l’attivazione meccanismo di NF-kB.

Un altro studio del 2015 ha anche mostrato che gli estratti delle foglie di ribes nero, per la loro ricchezza in composti fenolici, erano tra gli otto estratti che più inibivano l’attività della fosfolipasi citosolica A2 -cPLA2α coinvolta a monte della cascata infiammatoria. .

Un altro studio del 2016 ha inoltre dimostrato che l’estratto di bacche di ribes nero ha ridotto la risposta infiammatoria e lo stress ossidativo in vitro e ha riparato l’iperpermeabilità intestinale causata dai mediatori dell’infiammazione.

  • Azione angioprotettiva mediante modulazione della migrazione leucocitaria:

L’estratto di foglie di ribes nero è protettivo della parete capillare (grazie agli OPC e alla sua attività di vitamina P e C). Diminuisce la permeabilità, l’aggregabilità degli eritrociti e la viscosità del plasma. Aumenta la resistenza capillare e migliora la reologia del sangue.

Analisi in vitro effettuate su cellule endoteliali, precedentemente incubate con OCP da foglie di ribes nero e stimolate da TNF-α, hanno inoltre dimostrato un effetto inibitorio dei composti sull’espressione dell’mRNA di ICAM.-1 e un effetto stimolante sull’espressione dell’mRNA di VEGF1.

  • Attività antiedematosa:

In un modello di edema indotto da carragenina, la somministrazione di OCP da foglie di ribes nero mostra in fase acuta un effetto di riduzione dell’edema dose-dipendente simile a quello di un farmaco antinfiammatorio non steroideo di riferimento ( indometacina) quando somministrato ad alte dosi.

  • Attività antiallergica:

L’estratto di foglie di ribes nero riduce il rilascio di istamina ed esercita un effetto antinfiammatorio sulle cellule alveolari, abbassando l’interleuchina-4 (IL-4) e aumentando l’eotassina-3 (CCL26).

  • Attività antinfettiva:

Studi hanno dimostrato attività antivirale di estratti di Ribes nigrum , in vitro su herpes virus di tipo 1 e 2, in vitro e in vivo su virus dell’Influenza A. infezione del virus, confermando il suo forte potere antivirale su ceppi umani di Influenzavirus A.

Uno studio del 2013 ha confermato la sua attività virale antinfluenzale in vitro e in vivo e ha dimostrato che funziona impedendo l’ingresso del virus nelle cellule ospiti.

  • Attività antinfiammatoria pleurica:

In un modello infiammatorio di pleurite, le OPC fogliari di ribes nero hanno permesso una riduzione del danno polmonare , una diminuzione dose-dipendente del volume di essudato, una diminuzione dell’infiltrazione della cavità pleurica e del tessuto polmonare da parte dei neutrofili polimorfonucleati. , una riduzione delle citochine di infiammazione e una minore quantità di nitriti e nitrati.

  • Attività antinfiammatoria metabolica:

Nel 2019, gli stessi autori che avevano già dimostrato che il consumo di ribes nero attenua l’infiammazione epatica e le risposte infiammatorie stimolate dai lipopolisaccaridi negli splenociti nei soggetti obesi, hanno dimostrato in vivo che i metaboliti del Ribes nigrum non esercitano il loro effetto antinfiammatorio direttamente modificando i fenotipi dei macrofagi, ma più probabilmente inibendo la produzione di fattori infiammatori associati all’obesità .

Proprietà analgesiche periferiche:

In un modello di valutazione del dolore, la somministrazione preventiva di un estratto di ribes nero etanolico al 15% ha ridotto la soglia del dolore in modo più efficace rispetto al paracetamolo utilizzato come controllo.

Ci sono precauzioni per l’uso con il ribes nero?

Controindicazioni:

  • L’estratto di foglie di ribes nero non è il trattamento appropriato per l’edema associato a insufficienza cardiaca o renale.

Precauzioni per l’uso:

  • L’uso concomitante di diuretici sintetici non è raccomandato, eccetto consiglio medico, così come IUD contraccettivo.
  • L’uso di questa pianta non è raccomandato dall’EMA nelle donne in gravidanza o allattamento e nei bambini.

Come prendere il ribes nero e in che dosaggio?

Forma secca:

  • Come integratore alimentare, sotto forma di estratto standardizzato di pianta fresca, estratto secco, polvere in compresse o capsule .

Forma liquida:

Ribes nero nella magistrale preparazione di estratti standardizzati in forma liquida (EPS)

In abbinamento al ginseng :

Nella fatica fisica, nel recupero dopo lo sforzo, nell’astenia post-infettiva negli adulti.

In associazione con la liquirizia :

Per combattere l’ipotensione arteriosa, l’ipocorticismo funzionale, in particolare in un contesto di astenia o addirittura esaurimento.

In associazione con parti aeree di ortica :

Contro l’astenia post-infettiva, l’artrite delle artiwcolazioni periferiche, la condroprotettore.

In associazione con piantaggine :

Nella lotta contro le allergie respiratorie (rinite, asma).

In combinazione con curcuma e fico d’India :

Nell’uso di un trattamento di base dei reumatismi dolorosi degenerativi articolari e periarticolari.

In associazione con orthosiphon e olmaria :

Nella prevenzione dell’iperuricemia o della litiasi.

 

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *