Vivi meglio con la rinite allergica stagionale

rimedi erboristici dovrei prendere per la rinite allergica stagionale

La rinite è un’infiammazione lieve, acuta o cronica del rivestimento delle cavità nasali. In altre parole, ha molte cause e può assumere molte forme. Il più comune è dovuto alla corizza o al raffreddore. Può essere cronico ed è caratterizzato da un ispessimento più o meno significativo (ipertrofia) della mucosa nasale, fino a ostruzioni talvolta gravi delle cavità nasali.

In primavera o in estate, molte riniti derivano dall’allergia ai pollini, ma altri allergeni come acari della polvere, peli di animali, muffe, polvere, tra gli altri, non dovrebbero essere trascurati.

Cos’è la rinite allergica stagionale?

Conosciuta anche come rinite allergica, anafilattica o perenne, è la forma di allergia nasale che provoca, tra le altre cose, starnuti frequenti, un naso che cola significativo e congestione delle cavità nasali. Spesso è una rinite pollinica, cioè innescata da pollini allergenici (pollinosi). Il trattamento è abbastanza standard, principalmente a base di antistaminici o cortisone. Esistono programmi di desensibilizzazione ai pollini, in particolare alle erbe.

Esistono 2 tipi di rinite allergica:

  • Rinite allergica stagionale, chiamata febbre da fieno:

È più spesso causato da allergeni nella pianta, che variano a seconda della stagione.

Gli allergeni vegetali comuni includono quanto segue:

  • In primavera: pollini degli alberi (quercia, olmo, acero, ontano, betulla, ginepro, ulivo)
  • In estate: pollini di erba (cynodon, timothy grass, quackgrass, cocksfoot, Johnson) e pollini erbacei in estate (cardo russo, piantaggine inglese)
  • In autunno: altri pollini di graminacee (ambrosia)

Le cause differiscono anche da regione a regione e la rinite allergica a volte è dovuta a spore fungine disperse nell’aria.

  • Rinite persistente:

È il risultato di un’esposizione durante tutto l’anno ad allergeni inalati in casa (feci di acari della polvere, scarafaggi, frammenti di peli o piume di animali) o di una forte reattività ai pollini delle piante per molti anni.

Concentriamoci un po ‘di più sugli allergeni:

  • Herbaceae:

Le Asteraceae o Compositae raggruppano circa 25.000 specie tra cui in particolare l’ambrosia e l’artemisia. L’ambrosia, introdotta accidentalmente nella Francia di 50 anni (dai paracadutisti americani), è in particolare responsabile di gravi pollinosi e asma in soggetti spesso sensibilizzati a cibi come il sedano. L’ambrosia ha la particolarità di avere un’impollinazione esplosiva concentrata nella seconda metà di agosto e all’inizio di settembre. La salvia impollina da metà luglio a metà ottobre. I pollini sono molto allergenici e causano rinocongiuntivite e asma.

Le Urticaceae comprendono circa 700 specie, principalmente tropicali. In Europa si trovano principalmente i pariitaires. Il parietario è responsabile della rino-congiuntivite persistente e dell’asma grave, la sua impollinazione, abbondante come quella delle graminacee, si sviluppa su un lungo periodo (da aprile a metà ottobre).

  • Alberi :

Gli alberi sono un’importante fonte di pollini dal forte potere allergenico. La loro impollinazione si protrae per un lungo periodo; inizia tra dicembre e febbraio a seconda della zona geografica con cipressi e tuia nel sud della Francia e termina a fine giugno, inizio luglio con i castagni. L’allergia al polline di cipresso ha la particolarità di essere una pollinosi invernale responsabile della rinocongiuntivite intermittente e più raramente dell’asma.

Le cupressacee includono cipresso, ginepro e tuia. I pollini di betulla sono di grande importanza clinica, vengono emessi da marzo ad aprile nel nord e nell’est della Francia.

Le betulacee includono betulla, ontano, carpino e nocciola. Troviamo anche i pollini dei platani e delle Fagaceae; faggio, castagno e quercia.

Pollini anemofili come quelli dell’olivo, possono essere raccolti a distanza dal loro luogo di emissione in luoghi insoliti per questi alberi, altri come quelli delle mimose hanno solo un ruolo locale.

Le oleaceae, oltre agli ulivi, comprendono il frassino, il ligustro e il lillà.

Le Pinaceae, il cui ruolo allergenico è molto ridotto, comprendono abeti, pini, abeti rossi, larici e cedri.

Alcuni consigli naturopatici in caso di rinite allergica stagionale:

  • Smaltire gli oggetti che raccolgono polvere, come soprammobili, riviste, libri e lanugine
  • Utilizzare cuscini in fibra sintetica e coprimaterassi impermeabili
  • Lavare frequentemente lenzuola, federe e coperte in acqua calda
  • Pulisci spesso la casa (polvere, aspirapolvere e mocio bagnato)
  • Rimuovere i mobili imbottiti e i tappeti o passare l’aspirapolvere frequentemente
  • Sostituisci le tende con le persiane
  • Utilizzare deumidificatori negli scantinati e in altre stanze scarsamente ventilate e umide
  • Preferisci aspirapolvere con filtri antiparticolato ad alta efficienza
  • Limita l’accesso degli animali domestici a determinate stanze o tienili fuori
  • Indossa occhiali da sole quando sei fuori o in giardino
  • Spazzola o lava i capelli prima di andare a letto (gli allergeni possono rimanere nei capelli e poi depositarsi sul cuscino).
  • Chiudere le finestre nelle giornate ventose o quando c’è molta aria
  • Evita di fare sport all’aperto durante una forte impollinazione
  • Non asciugare la biancheria all’aperto
  • Evita le passeggiate in campagna nei giorni di forte impollinazione
  • Pratica lavaggi nasali quotidiani

Se possibile, dovrebbero essere evitati o controllati anche fattori scatenanti anallergici complementari (fumo di sigaretta, odori forti, fumi irritanti, inquinamento atmosferico, temperature fredde, umidità elevata).

Quali rimedi erboristici dovrei prendere per la rinite allergica stagionale?

Questa gemma è IL rimedio per qualsiasi sindrome infiammatoria a partire dalla mucosa nella fase suppurativa acuta.

La calendula ha un’attività antiasmatica con effetto antistaminico.

Rinomata per le sue proprietà antistaminiche, questa pianta è utile in caso di asma e allergie.

La camomilla matricaria è nota per essere un’erba antiallergica e antistaminica.

Il ravanello nero è antiallergico e decongestionante nasale dai derivati ​​del glucosinolato.

Questo olio essenziale è antinfiammatorio e antiallergico inibendo il rilascio di istamina da parte dei mastociti.

La verbena profumata è spasmolitica e antistaminica inibendo il rilascio di istamina. Sono anche antinfiammatori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *