Caffeina, tutto quello che non ti è mai stato detto!

caffeina

Che non si sappia cosa siano yerba mate, guaranà o anche noce di cola, sta ancora passando, d’altronde è impossibile non conoscere caffè e tè in quanto si sono affermati da secoli come essenziali ed essenziali. . L’azione fisiologica di tutte le sostanze sopra menzionate sull’organismo è in parte attribuita al loro contenuto di caffeina .

La caffeina si trova in molti prodotti (caffè, tè, cioccolato, bibite e farmaci da banco). È importante controllare le fonti di caffeina nella dieta in modo da consumarla moderatamente su base giornaliera.

Quali sono le proprietà farmacologiche della caffeina?

La caffeina è particolarmente nota per aumentare l’attenzione e diminuire la sonnolenza . A livello locale, la caffeina attiva la lipolisi e trasforma le riserve di grasso in acidi grassi liberi. Stimolando il sistema nervoso centrale, aumenta quindi la vigilanza e mantiene così lo stato di veglia.

La caféine stimule de fait l’ensemble du système nerveux central et en particulier les centres respiratoires. Elle peut en effet entraîner une vasoconstriction des vaisseaux cérébraux et présente des effets au niveau des systèmes cardiovasculaire, respiratoire et gastro-intestinal. De plus, elle agit au niveau des muscles squelettiques, du flux sanguin rénal, de la glycogénolyse et de la lipolyse.

Dopo l’assimilazione digestiva, la molecola viene ridistribuita attraverso il flusso sanguigno in tutti i tessuti del corpo. Negli adulti sani, l’emivita della caffeina va dalle 2 alle 12 ore. Aumenta durante l’assunzione di contraccettivi orali, durante la gravidanza, nei neonati e nei bambini piccoli, senza superare le 12 ore, tranne nelle gravi malattie del fegato, dove può raggiungere le 96 ore. Al contrario, il fumo può ridurlo .

Metabolizzato nel fegato per via enzimatica del citocromo P450 (1A2), viene degradato in tre isomeri della dimetilxantina: paraxantina (84%), lipolitica, che aumenta il livello plasmatico di glicerolo e acidi grassi; la teobromina (12%), vasodilatatrice e diuretica; la teofillina (4%); broncodilatatore e antiasmatico.

Un po’ di storia

Poiché l’uso di una pianta, sia medicinale che gastronomico, è spesso legato a una leggenda , ecco quella che riguarda il caffè:

“Un convento in Yemen aveva un gregge di capre che pascolavano sulle pendici delle colline vicine. Kaldi , il loro pastore, notò che le sue capre andavano in grande eccitazione ogni volta che pascolavano le foglie ei frutti della pianta del caffè. Il muphti, avvertito, provò su di sé l’effetto della bevanda ottenuta per infusione di alcuni frutti secchi e poi si sentì sopraffare da una meravigliosa esaltazione: la sua mente rimase sveglia e viva, senza che il suo corpo cedesse al sonno. Tutti i santi del convento, seguendolo, bevevano l’infuso per guadagnare qualche ora in più di sonno da dedicare alla preghiera e alla meditazione. “

La caffeina può creare dipendenza?

Derivante da un consumo cronico consistente di caffeina , la caffeina è definita di conseguenza da sintomi quali irritabilità, nervosismo, disturbi sensoriali e gastrointestinali, tachipnea, palpitazioni, vampate, aritmia e diuresi. Perché sì, la caffeina, essendo una base purinica di alcaloidi , può causare dipendenza ed è del tutto possibile diventarne totalmente dipendenti.

L’astinenza si manifesta principalmente con mal di testa che si verificano entro 12-24 ore dall’interruzione della caffeina. Altri sintomi (affaticamento, umore disforico, difficoltà di concentrazione, depressione, ecc.) si estenderanno per un periodo da 48 ore a una settimana.

Quali sono le precauzioni per l’uso con la caffeina?

ANSES ritiene che la moltiplicazione delle fonti di caffeina , in particolare attraverso le cosiddette bevande energetiche, combinata con gli attuali modelli di consumo di queste bevande possa generare situazioni rischiose. L’agenzia francese raccomanda di evitare il consumo delle cosiddette bevande energetiche in associazione con l’alcol o durante l’esercizio fisico e, in generale, di moderarne il consumo.

In alcuni casi, consiglia di essere particolarmente vigili per quanto riguarda l’assunzione di caffeina , in particolare tramite le cosiddette bevande energetiche: questa raccomandazione riguarda donne in gravidanza o allattamento, bambini e adolescenti, persone sensibili agli effetti della caffeina o che presentano determinate patologie in in particolare alcuni disturbi cardiovascolari, psichiatrici e neurologici, insufficienza renale, gravi malattie epatiche.

La caffeina va quindi assunta con cautela nei forti consumatori di cibi, bevande e altri prodotti ricchi di caffeina (caffè, tè, yerba, mate, noci di cola, ecc.), visto l’effetto cumulativo della molecola, nei soggetti trattati con amiodarone , IMAO e simpaticomimetici diversi dall’efedrina e in soggetti che presentano glaucoma.

I rischi di tossicità :

  • Evitare l’assunzione prima di coricarsi poiché la caffeina può causare disturbi del sonno e ridurre gli effetti sedativi.
  • I dosaggi massimi giornalieri di caffeina sono fissati per gli adulti di 400-450 mg.
  • A dosi elevate (>2g di caffeina/die) esiste il rischio di intossicazione da caffeina, che può portare a rabdomiolisi, provocando danni muscolari gravi e irreversibili.
  • In caso di sovradosaggio di caffeina: eccitabilità, irrequietezza, cefalea, aumento della diuresi, palpitazioni, respiro accelerato, disturbi gastrointestinali.

Le controindicazioni :

La caffeina è controindicata nei disturbi cardiovascolari come ipertensione , tachicardia e aritmia. Vanno inoltre evitati in caso di insonnia , disturbi d’ansia, ulcere gastriche o duodenali progressive o addirittura ipertiroidismo .

Ci sono interazioni farmacologiche con la caffeina?

La caffeina può interagire con un gran numero di droghe sintetiche :

Benzodiazepine:

L’aggiunta di caffeina e benzodiazepine riduce efficacemente gli effetti sedativi e ansiolitici delle benzodiazepine.

Teofillina e broncodilatatori:

La combinazione di queste sostanze con la caffeina porta ad un aumento degli effetti collaterali cardiaci della teofillina e dei broncodilatatori.

Trattamenti per il diabete:

La caffeina può interferire con i trattamenti per il diabete.

Diuretici, litio, cimetidina, antiacidi, clozapina:

La caffeina aumenta l’effetto dei diuretici e riduce la concentrazione di litio nel sangue. La caffeina stimola la produzione di acido nello stomaco e può interferire con l’effetto degli antiacidi. La cimetidina rallenta l’eliminazione della caffeina, che può aumentare i suoi effetti collaterali.

Inibitori delle monoamino ossidasi (MAO), amiodarone, alendronato:

Esiste un’interazione tra gli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO) e la caffeina (casi descritti di encefalopatia, tachicardia, ipotensione, rabdomiolisi, ipertermia).
La caffeina può in definitiva inibire l’assorbimento dell’alendronato (prescritto per l’ osteoporosi ).

Anticoagulanti / agenti antipiastrinici:

In particolare, la caffeina può aumentare il rischio di sanguinamento nelle persone in trattamento con anticoagulanti e farmaci antiaggreganti.

Nicotina, simpaticomimetici diversi dall’efedrina:

La caffeina può aumentare gli effetti collaterali degli stimolanti del sistema nervoso centrale (efedrina) e aumentare anche il rischio di dipendenza da nicotina.

Alcuni antibiotici:

Infatti la caffeina provoca interazioni farmacologiche con disulfiram, riluzolo, terbinafina, verapamil e fluvoxamina.

In caso di uso regolare e/o intensivo di caffeina in combinazione con queste molecole, si consiglia di rivolgersi al medico e/o al monitoraggio.

Contraccettivi orali:

I contraccettivi orali contenenti estradiolo, così come la terapia ormonale sostitutiva, aumentano il livello di caffeina nel sangue che può portare a un sovradosaggio.

L’alcol :

L’alcol interagisce con la caffeina. La loro combinazione potrebbe aumentare il rischio di disturbi visivi e, quindi, il rischio di un incidente stradale.

Efedrina:

Le interazioni riguardano anche preparati a base di efedrina.

Fonti:

  • Agenzia Europea dei Medicinali, Monografia erboristica comunitaria sulla caffeina ex HBK var. sorbilis (Mart.) Ducke, seme, 2013
  • Cooperativa scientifica europea su fitoterapici, caffeina, 2nd, 2009
  • Rodrigues M. et al., Interazione farmaco-erba della caffeina sulla farmacocinetica dell’amiodarone nei ratti, Evid Based Complement Alternat Med., 2012
  • Raynaud J., Prescrizione e consulenza in fitoterapia, Tec & Doc, 2005
  • Liguori A. et al., Assorbimento ed effetti soggettivi della caffeina da caffè, cola e capsule, Pharmacol Biochem Behav, 1997
  • Newton R. et al., Plasma and salivary pharmacokinetics of caffeina in man, European Journal of Clinical Pharmacology, Springer, 1981
  • Bolton S., Null G., Caffeina: effetti psicologici, uso e abuso, Psichiatria ortomolecolare, 1981
  • Lippincott W. & W., Manuale sui farmaci per il medico, Springhouse, 2007
  • Boozer CN et al., Efedra a base di erbe / caffeina per la perdita di peso. Uno studio randomizzato di sicurezza ed efficacia di 6 mesi, Int J Obes Relat Metab Disord., 2002
  • Oladehinde MK, et al., Stimolanti del sistema nervoso centrale; effetto sulle funzioni visive e il verificarsi di incidenti stradali, Ann Ital Chir., 2009

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *