Comprendi e combatti i disturbi del sonno

Disturbi mentali e disturbi del sonno

Il sonno è un fenomeno naturale che si traduce in una perdita di coscienza e del mondo esterno. I francesi dormono in media 7 ore nei giorni feriali e 8 ore nei fine settimana.

Durante una notte di sonno, ci sono da 3 a 5 cicli di circa 90 minuti.

Ogni ciclo è suddiviso in:

  • Una fase di sonno lento con 4 stadi, durante i quali l’attività dell’EEG (elettroencefalogramma) rallenta sempre di più
  • Una fase di sonno paradossale caratterizzata da una rapida attività EEG, fase durante la quale si verificano i sogni e che è quella in cui vengono ricordati eventi importanti della giornata.

Il sonno lento costituisce circa il 75-80% del tempo di sonno totale in un adulto.

Disturbi del ritmo circadiano :

È una disfunzione tra i ritmi della veglia e del sonno.

  • Sindrome del fuso orario

Si verifica in caso di viaggio rapido con passaggio attraverso più di due fusi orari. In particolare, è stato riscontrato che i viaggi in Oriente (che anticipano il ciclo del sonno) causano sintomi più gravi rispetto ai viaggi in Occidente (che ritardano il ciclo del sonno).

Questi sintomi dureranno per il tempo di recupero, che varia da un individuo all’altro. La persona sarà stanca, di umore irritabile a causa del riposo instabile.

  • Disturbi dovuti al lavoro a turni

Questi disturbi saranno proporzionali alla frequenza di modifica degli orari. Il sonno è di qualità inferiore, il rumore e la luce interferiscono con il periodo di riposo; il periodo di sonno è troppo breve, si parla di “deprivazione cronica”, con comparsa di vari disturbi (irritabilità, depressione, disturbi gastrointestinali).

  • Alterazione della fase del sonno

    • Sindrome da ritardo di fase: il soggetto va a letto spontaneamente più tardi e, dovendosi alzare contemporaneamente, sperimenterà la privazione del sonno (fenomeno molto comune negli adolescenti)
    • Sindrome in fase avanzata: soprattutto nelle persone anziane che tendono ad andare a letto prima, il sonno diminuisce ed è intervallato da piccoli episodi di veglia.
  • Sindrome delle gambe agitate

Combina:

  1. Una sindrome da impazienza degli arti inferiori con sensazioni di formicolio, deflusso, bruciore agli arti inferiori durante la fase di veglia
  2. Movimenti degli arti inferiori e delle loro estremità durante il sonno che causano disorganizzazione del sonno

È difficile addormentarsi, l’insonnia tende a diventare cronica e porta a stanchezza, difficoltà di concentrazione, disturbi dell’umore.

Consiglio naturopatico per limitare i disturbi del ritmo circadiano:

  • L’assunzione di melatonina può aiutare a ridurre al minimo gli effetti del jet lag e dei problemi di lavoro a turni
  • Avere buone abitudini di sonno può aiutare
  • Esporre gli occhi a una luce intensa al momento opportuno può essere la strategia più utile. Queste esposizioni aiutano a risincronizzare l’orologio interno. Ad esempio, per ridurre al minimo il jet lag, i viaggiatori dovrebbero trascorrere del tempo al sole, soprattutto al mattino, dopo essere arrivati ​​a destinazione. I lavoratori a turni dovrebbero essere esposti a una luce intensa (sole o luce artificiale) quando hanno bisogno di essere svegli. Indossare occhiali da sole mentre torni a casa riduce l’esposizione alla luce intensa prima di dormire e può aiutare le persone che lavorano a turni ad addormentarsi più facilmente dopo il ritorno a casa. Mentre i turnisti dormono, dovrebbero rendere la camera da letto il più buia e silenziosa possibile. È possibile utilizzare maschere per dormire e dispositivi per il rumore bianco. L’esposizione alla luce intensa al mattino può aiutare le persone con disturbi del sonno ritardati. La luce intensa di notte può aiutare le persone con disturbi del sonno avanzati.
  • Un’altra strategia è quella di spostare gradualmente il programma sonno-veglia su quello desiderato. I viaggiatori possono beneficiare di un cambiamento graduale del loro programma per avvicinarsi alla loro destinazione, iniziando con largo anticipo rispetto al tempo di viaggio

Quale pianta in caso di disturbi del ritmo circadiano ?

La valeriana è un agonista dei recettori 5-HT5a e svolge un ruolo nella regolazione serotoninergica del ciclo circadiano aumentando il livello di 5-idrossitriptamina (serotonina)

Insonnia:

L’insonnia è l’insufficienza o l’assenza di sonno, che non consente un adeguato sollievo. Questo è intervallato da risvegli e risvegli precoci.

In particolare, l‘insonnia da insonnia è la forma più importante di questi disturbi. Il soggetto non si addormenta per diverse ore, a causa di uno stato di ansia, uno stile di vita povero (alcolismo, fumo, pasti troppo abbondanti o consumati troppo tardi …) Questa forma di insonnia può manifestarsi anche nella seconda parte del notte, dopo le 3 del mattino: il soggetto si sveglia ansioso o dominato da pensieri ossessivi, quindi termina la sua notte con un sonno di scarsa qualità. Può essere causa di mal di testa durante il giorno, irritabilità, sonnolenza.

La scansione notturna che causa l’insonnia è spesso dovuta a un collasso del GABA.

  • Le cause principali

    • Iperstimolazione del sistema di eccitazione: rumore, ansia, traumi psicologici, iperattività intellettuale o fisica
    • Fattori psicologici: stress, ansia, depressione, nevrosi
      • fisiologico: pasti troppo pesanti, consumo eccessivo di caffeina
      • patologico: apnea notturna, asma, sindrome delle gambe senza riposo, enuresi notturna, alcolismo cronico

Esistono due tipi di insonnia:

  1. Insonnia acuta che dura da 1 a 3 settimane
  2. Insonnia cronica che si manifesta almeno 3 notti a settimana per almeno 1 mese

Consigli naturopatici per limitare gli attacchi di insonnia:

  • Preferisci pasti leggeri la sera
  • Evitare il consumo di caffeina o simpaticomimetici o altri farmaci stimolanti (di solito prima di coricarsi, ma anche nel pomeriggio nelle persone particolarmente sensibili)
  • Rilassati prima di andare a letto
  • Evitare esercizio o eccitazione (p. Es., Programma televisivo accattivante) a tarda sera
  • Evita di compensare un debito di sonno dormendo fino a tardi o facendo dei sonnellini, infatti questo successivamente frammenta il sonno notturno
  • Le persone con insonni dovrebbero adottare un orario di sveglia regolare ed evitare i sonnellini indipendentemente dalla quantità di sonno notturno


Quali piante per gli attacchi di insonnia ?

Induce l’induzione del sonno per inalazione

Sedativo, è indicato nell’insonnia e nei disturbi del sonno da eccitazione serale

Rinomata per le sue proprietà sedative e regolatrici del sonno, questa pianta viene utilizzata nei disturbi nervosi e nell’insonnia.

Ipnotico e induttore del sonno, riduce il tempo necessario per addormentarsi e prolunga la durata del sonno inibendo la degradazione enzimatica delle catecolamine.

La sua azione sulla serotonina di alcuni alcaloidi che si legano ai recettori serotoninergici 5-HT (protopina, aporfina) non è trascurabile. Il meccanismo di induzione viene eseguito, tra le altre cose, dalla modulazione di GAGA-A.

Eschscholtzia è utilizzata nel trattamento dell’insonnia, soprattutto di quelle dovute a difficoltà ad addormentarsi e ansia. La durata dell’addormentamento è notevolmente ridotta.

Le foglie di melissa esercitano un effetto sedativo e tranquillizzante paragonabile a quello ottenuto con le benzodiazepine. La Melissa officinalis favorisce il sonno nei casi di insonnia del sonno, nonché nell’astinenza da benzodiazepine. Questa pianta è indicata in caso di nervosismo, insonnia e ansia.

Lo sapevate ?

Fare una cura al magnesio ha un effetto rilassante sul sistema nervoso e favorisce l’induzione del sonno. Oltre a vari processi psicologici, il magnesio svolge anche un ruolo importante nella produzione di melatonina:

  • I sali inorganici sono generalmente scarsamente assorbiti dall’organismo. A dosi elevate, possono essere responsabili dell’accelerazione del transito o anche della diarrea (cloruro di magnesio, idrossido di magnesio, ecc.).
  • I sali organici sono meglio assimilati e meglio tollerati dall’organismo (citrato di magnesio, malato di magnesio, ecc.).
  • I sali “ammino-complessati”, la più recente generazione di sali, combinano un idrolizzato proteico (riso per esempio) con il magnesio e garantiscono così una migliore assimilazione e una buona tolleranza.

La maggior parte del magnesio viene assorbita dall’intestino. Questo entra nell’enterocita (cellula intestinale) attraverso canali specifici facilmente saturabili. I sali ammino-complessati, invece, utilizzano la via di assorbimento degli amminoacidi che è attiva e predominante, quindi più efficiente.

Inoltre, la vitamina B6 favorisce l’ingresso del magnesio nella cellula. Taurina, intanto, mantenimento in cellula: si parla di “potere” magneso-fissante “vitamina B6 e taurina. Il 98% del magnesio del corpo si trova nelle cellule, motivo per cui è importante ripararlo bene.

È quindi essenziale la presenza di vitamina B6 e taurina nella composizione nutrizionale dell’integratore alimentare.

Non parleremo qui di altri disturbi del sonno (ipersonnie idiopatiche, narcolessia, parasonnie, terrori notturni, sonnambulismo, ecc.), Che richiedono cure mediche specialistiche.

Clémentine
Naturopathe – Aromathérapeute / Herboriste – Phytothérapeute
Consultante en phyto-aromathérapie Clinique et Ethnomédecine

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *