Il ruolo degli integratori alimentari nell’immunità antivirale

integratori alimentari nell'immunità antivirale

Tutte le carenze di proteine, acidi grassi essenziali, metalloenzimi, fattori vitaminici ed elementi antiossidanti portano a una disfunzione dell’immunità.

Il sistema immunitario, come qualsiasi altro sistema del corpo, dipende da un’adeguata assunzione di cibo ed è molto sensibile ai deficit e agli squilibri nutrizionali. Tuttavia, a differenza di altri sistemi, i requisiti nutrizionali del sistema immunitario variano, molto rapidamente, a seconda della replicazione e sintesi cellulare, nonché di altre funzioni che richiedono energia.

Le carenze dietetiche di specifiche proteine ​​e micronutrienti sono state a lungo associate a disfunzioni immunitarie. Un apporto adeguato di ferro, zinco e vitamine A, E, B6 e B12 è particolarmente importante per il mantenimento della funzione immunitaria.

Come funziona l’immunità?

Il sistema immunitario aiuta a mantenere l’integrità dell’organismo ospite eliminando costituenti estranei (virus, batteri, parassiti e altri microrganismi, innesti, allergeni) e costituenti “auto” modificati. Svolge questa funzione in stretta relazione con altri sistemi fisiologici, in particolare il sistema nervoso ed endocrino, con cui comunica attraverso vari mediatori (neurotrasmettitori, ormoni, citochine) e recettori specifici comuni a questi sistemi.

Il sistema immunitario produce anche mediatori, chiamati citochine, che vengono secreti dalle cellule presenti nei tessuti danneggiati o infetti e innescano una risposta infiammatoria. Possono anche agire, a distanza, in altri organi, come il fegato, per stimolare la produzione di proteine ​​per la fase acuta dell’infiammazione e il sistema nervoso centrale, per innescare, in particolare, l’aumento della temperatura corporea (febbre ).

La compromissione dell’immunità cellulo-mediata, la funzione fagocitica, il sistema del complemento, le citochine, la produzione di anticorpi e la secrezione sono globalmente associati alla malnutrizione proteico-energetica.

Carenza di micronutrienti e vitamine, come zinco, selenio, ferro, rame, magnesio, manganese, Vit. A, C, E, B6 e acido folico potrebbero portare a una risposta immunitaria compromessa.

Immunità e nutrizione :

Per funzionare correttamente, il sistema immunitario dipende strettamente dalla qualità e dalla quantità di nutrienti consumati (carboidrati, grassi e proteine, acqua, micronutrienti e minerali).

La carenza o insufficienza nutritiva, tuttavia, deve essere corretta per mantenere adeguatamente la funzione del sistema immunitario.

I carboidrati sono la principale fonte di energia per il sistema immunitario. Il glucosio è essenziale per la produzione di lattato per produrre la massima quantità di ATP (energia), necessaria per la proliferazione di diverse cellule immunitarie. Il fabbisogno di carboidrati deve quindi essere coperto durante diverse infezioni, come, ad esempio, Covid-19.

Il livello di lipidi e il tipo di acidi grassi presenti nella dieta possono infatti influenzare le funzioni dei linfociti. La composizione degli acidi grassi influenza la funzione dei linfociti e di altre cellule immunitarie.

È inoltre necessario un adeguato apporto di proteine ​​per mantenere il corretto funzionamento del sistema immunitario. In effetti, qualsiasi carenza di proteine ​​è una delle principali cause di deficit immunitario cellulare e porta a una predisposizione alle malattie infettive.

La glutammina, importante amminoacido per alcune cellule del sistema immunitario, è anche il precursore di un potente antiossidante: il glutammato e un importante modulatore della funzione di linfociti e macrofagi. In caso di infezione, il tasso di consumo di glutammina è simile o superiore a quello del glucosio.

Durante le infezioni, l’integrazione di glutammina è importante perché stimola la fagocitosi dei macrofagi, aiuta a mantenere la popolazione di cellule T circolanti e normalizza la funzione dei linfociti.

  • Il ruolo dei micronutrienti:

Vari micronutrienti sono essenziali per il corretto funzionamento del sistema immunitario, in particolare le vitamine A, C, D, E, B1, B2, B6, acido folico, zinco, selenio, magnesio e rame. Le carenze di micronutrienti sono un problema di salute pubblica globale riconosciuto, il cattivo stato nutrizionale generalmente predispone a diverse infezioni. Tuttavia, l’integrazione di micronutrienti può aumentare la resistenza alle infezioni.

Chiamata anche acido ascorbico, la vitamina C è una vitamina idrosolubile nota per il suo potente potere antiossidante. Rafforza l’azione del sistema immunitario e protegge dalle infezioni. La vitamina C può anche avere un effetto antistaminico, alleviando i sintomi associati a condizioni simil-influenzali, come starnuti, naso che cola e sinusite. Questa vitamina ha dimostrato la sua efficacia anche nella polmonite e nelle infezioni delle basse vie respiratorie.

È una vitamina liposolubile considerata un ormone. È sintetizzato nel corpo umano, da un derivato del colesterolo o dell’ergosterolo, sotto l’azione della radiazione ultravioletta di tipo B (UVB) del sole sulla pelle per dare il colecalciferolo (vitamina D3).

Oltre al suo ruolo consolidato nella regolazione dell’omeostasi fosfocalcica, la Vit D svolge altre funzioni fisiologiche, come in particolare il mantenimento dell’equilibrio tra uno stato pro e antinfiammatorio.

Questa vitamina è un importante antiossidante liposolubile che aiuta anche a limitare la risposta immunitaria incontrollata e si ritiene che abbia effetti immunomodulatori.

Questa vitamina riunisce più di 600 molecole, il più importante e il più noto dei carotenoidi è il beta-carotene, quest’ultimo è stato a lungo studiato per la sua attività di provitamina A. Tuttavia, non tutti i carotenoidi possono essere convertiti in vitamina A. La loro funzione nell’organismo è loro ed è indipendente da questa conversione.

L’integrazione di vitamina A riduce notevolmente la morbilità e la mortalità in varie malattie infettive, come il morbillo, la polmonite correlata al morbillo, l’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e la malaria. L’integrazione di vitamina A svolge anche un ruolo nella prevenzione delle complicanze legate a varie malattie infettive.

    • Vitamine del gruppo B:

Queste sono vitamine idrosolubili che svolgono un ruolo di coenzimi, essenzialmente.

  • Vitamina B1o tiamina: è coinvolta nella risposta immunitaria e nell’adattamento allo stress ossidativo. Ha anche proprietà antinfiammatorie.
  • Vitamina B6: contenuta nel lievito di birra, è un importante coenzima nelle varie vie del metabolismo delle proteine. Svolge anche un ruolo importante nella funzione immunitaria.
  • Vitamina B9 o acido folico: l’acido folico non è importante solo durante la gravidanza, ma svolge un ruolo chiave nella funzione immunitaria. Una carenza di acido folico induce una diminuzione della risposta anticorpale a diversi antigeni.

È un oligoelemento essenziale per la divisione cellulare e per il funzionamento dell’immunità. La carenza di zinco può indurre, tra l’altro, un’alterazione della risposta immunitaria, ma anche un aumento dello stress ossidativo e dell’infiammazione. È noto anche che lo zinco limita la replicazione dei virus, in particolare quello dell’influenza e dei coronavirus a RNA. Fondamentalmente gli integratori di zinco aiutano il sistema immunitario a combattere le infezioni virali, soprattutto inibendo la replicazione del loro materiale genetico.

È un oligoelemento noto per il suo potere antiossidante. Questo enzima avrebbe un ruolo chiave durante il ciclo cellulare. Inoltre, una carenza di Selenio ha un impatto non solo sulla funzione immunitaria, ma anche sulla patogenicità dei virus, a seguito del calo delle difese antiossidanti. La carenza di selenio, tuttavia, induce un aumento della virulenza di alcune infezioni virali e una compromissione dell’immunità sia umorale che cellulo-mediata.

Svolge diverse funzioni biologiche nel corpo. Diversi studi hanno dimostrato il ruolo chiave del magnesio nella risposta immunitaria.

È un oligoelemento essenziale per la vita, è presente in molti enzimi e proteine. Svolge anche un ruolo importante nello sviluppo e nel mantenimento della funzione del sistema immunitario. La carenza di rame porta ad una maggiore suscettibilità alle infezioni.

Fonti:

  • Alwarawrah Y., Kiernan K., MacIver NJ. Changes in Nutritional Status Impact Immune Cell Metabolism and Function. Front Immunol
  • Schett G., Elewaut D., McInnes I., Dayer J., Neurath M. How cytokine networks fuel inflammation: Toward a cytokine-based disease taxonomy. Nat Med
  • Gleeson M., Nieman DC., Pedersen BK. Exercise, nutrition and immune function. J Sports Sci
  • Mehta NM., Duggan CP. Nutritional deficiencies during critical illness. Pediatr Clin North Am
  • Hemilä H. Vitamin C and SARS coronavirus. J Antimicrob Chemother
  • Calder PC., Yaqoob P., Thies F. Fatty acids and lymphocyte functions. Br J Nutr

 

Clémentine. M.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *