Olio essenziale di camomilla, dall’incoronazione divina alla nobiltà druidica

camomilla

Le virtù dei fiori di camomilla sono note fin dalla notte dei tempi. Pur non essendo di origine romana, la tradizione vuole che sia stato chiamato così perché un botanico e medico tedesco Camerarius lo riscoprì nel XVI secolo a Roma. Il capolino viene utilizzato in erboristeria, tradizionalmente per facilitare la digestione . Nella liquirizia dona un sapore amaro agli aperitivi. La sommità fiorita, dal canto suo, viene utilizzata per la produzione di olio essenziale utilizzato in particolare in profumeria .

Un po’ di storia

A partire dal primo secolo della nostra era, l’enciclopedista Plinio descrisse così le tre specie di camomilla: Matricaria recutita (camomilla tedesca annuale), Chamaemelum nobile (camomilla romana perenne) e Tanacetum parthenium (Partenio). La leggenda narra che la camomilla cresca sui terreni incolti.

L’insediamento della camomilla romana sulla costa atlantica spiega perché fosse una pianta prediletta dai Celti , sebbene il mondo celtico non fosse ridotto ai suoi estremi oceanici, poiché, al culmine della sua espansione (nel II secolo a.C.), si estendeva da ovest (Portogallo, Irlanda) a est, costeggiando il Mar Nero. Era quindi un rimedio druidico la cui memoria si è perpetuata poiché è una delle piante sacre del solstizio d’estate , molto usata dagli anglosassoni durante il giorno di mezza estate, mentre altrove, dove questa pianta è sconosciuta, diamo tutto il suo interesse ad alcuni dei suoi cugini come la margherita o la grande margherita.

Galeno racconta anche come i saggi dell’Egitto faraonico dedicano questo fiore a Ra , Dio del Sole, sfidato dalla sua efficacia contro le febbri. Sarebbe stato utilizzato anche per l’imbalsamazione di Ramses II .

Cazin (XIX secolo) lo raccomanda contro le febbri e cura con successo le febbri intermittenti delle paludi quando mancava la china . Usato esternamente, l’infuso di camomilla era noto per il suo potere schiarente sui capelli biondi e per trattare l’infiammazione delle palpebre o la congiuntivite .

Valnet (XX secolo) considera l’ olio essenziale come antispasmodico, analgesico, calmante e lo consiglia in nevralgie, esaurimenti nervosi, insonnia , disturbi digestivi e dismenorrea di origine nervosa.

Quali sono le proprietà farmacologiche dell’olio essenziale di capolino di camomilla nobile ?

Proprietà antispasmodiche:

Riconosciuto come antispasmodico , l’ angelato di isobutile esercita una potente azione contro gli spasmi. L’olio essenziale di camomilla, infatti , nel massaggio calma il sistema nervoso centrale .

Proprietà sedative e ansiolitiche:

L’ angelate di isobitile mostra anche un’azione calmante e destressante . Questo olio essenziale è infatti sedativo e ansiolitico . È l’olio essenziale più ricco di esteri, che gli conferisce anche proprietà rilassanti e antidepressive .

Proprietà antinfiammatorie e analgesiche:

L’olio essenziale contrasta l’infiammazione ed esercita quindi un’azione analgesica locale . È quindi interessante per i neuro-artritici. Analgesico (uno dei più analgesici in odontoiatria, azione indubbiamente rafforzata dalle tracce di acidi che contiene), è come bonus pre-anestetico . È generalmente facilmente associato a Hypericum perforatum per una sinergia più efficace.

Proprietà di controllo dei parassiti:

L’olio essenziale di camomilla nobile è anche antiparassitario contro le parassitosi intestinali come gli anchilostomi (ascaridi) e le lambiasi (protozoi del genere giardia).

Proprietà curative:

Questo olio stimola i fibroblasti e la formazione di collagene, quindi è cicatrizzante .

Altre proprietà:

  • Inibisce la ghiandola surrenale
  • Calma la tiroide emotiva
  • Stimola l’epifisi
  • Antipruriginoso e antiallergico
  • Tonico digestivo: carminativo e colagogo
  • Riequilibrante ipotensivo, calmante, neurotonico e nervoso

L’olio essenziale di Camomilla nobile richiede precauzioni per l’uso?

  • Controindicato nelle donne in gravidanza o allattamento e nei bambini di età inferiore a 8 anni
  • Rischio di allergia comune con altre Asteraceae (achillea, matricaria, arnica, ecc.)
  • Possibili interazioni farmacologiche, inibizione del CYP3A5 in vitro e del CYP 3A4, CYP2D9, CYP 2C9, in vitro (chiedere consiglio al farmacista)

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Umezu, Toyoshi e Sano, Tomoharu e Hayashi, Junko e Yoshikawa, Yasuko e Shibata, Yasuyuki. (2017). Identificazione di isobutil angelato, isoamil angelato e 2-metilbutil isobutirrato come costituenti attivi nell’olio essenziale di camomilla romana che promuove la deambulazione del topo. Diario di sapori e profumi
  • Aremu, Olukayode & Tata, Charlotte & Sewani-Rusike, Constance & Oyedeji, Adebola & Oyedeji, Opeoluwa & Nkeh-Chungag, Benedicta. (2018). Composizione fitochimica e proprietà analgesiche e antinfiammatorie dell’olio essenziale di Chamaemelum nobile (Asteraceae L All) nei roditori. Tropical Journal of Pharmaceutical Research
  • Williamson EM. Interazioni tra farmaci erboristici e convenzionali. Esperto di sicurezza antidroga Opin. 2005
  • Budzinski JW, Foster BC, Vandenhoek S, Arnason JT. Una valutazione in vitro dell’inibizione del citocromo P450 3A4 umano da parte di estratti e tinture di erbe commerciali selezionati. fitomato. 2000
  • Butterweck V, Darenforf H, Gaus W, Narstedt A, Schulz V, Unger M. Erba farmacocinetica – Interazioni farmacologiche: gli screening preventivi sono necessari e appropriati? Planta Med. 2004

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *