Olio essenziale di rosa geranio, simbolo di immortalità

Il geranio rosa è una pianta cespugliosa perenne aromatica con un portamento ramificato. Il suo nome deriva dal greco “ perlagos ” che significa “ cicogna ” perché il suo frutto ricorda il becco di una cicogna. “ Graveolens ” si traduce in latino come “il cui odore è forte ”. Queste specie di profumo sono il risultato di lavori orticoli e di molteplici e ripetute ibridazioni . Così, da una varietà di geranio all’altra, accartocciando molto leggermente le foglie, percepiamo un profumo diverso: limone, arancia, pino, mela, menta, albicocca, carota, eucalipto, cedro, persino noce, cocco o cioccolato.

Un po’ di storia

In epoca celtica il geranio era visto con il vischio come simbolo di immortalità e quindi era un’offerta agli dei . Conosciuti come ornamenti da balcone, solo una manciata di gerani profumati vengono distillati e utilizzati per il loro olio essenziale ( roseum, odoratissimum, asperum ). Molto diffuso in cosmesi e profumeria, l’olio essenziale di geranio rosa viene sfruttato in molti paesi, ma il più diffuso è quello del tipo Bourbon, prodotto in Madagascar.

Il Pelargonium x asperum cv Bourbon è il nome dato al prodotto Pelargonium graveolens sull’isola di Reunion, precedentemente nota come isola di Bourbon. Originariamente era piantato intorno alle case per allontanare altrimenti le zanzare .

Se il profumato geranio ha, per mano dell’uomo, diversificato i suoi profumi, non è stato confinato al solo Sudafrica. Infatti, si trova sull’isola di Reunion (dove è coltivato dal 1865 come parte della coltivazione di piante da profumo … È lui che è conosciuto con il nome di geranio borbonico). È presente anche in Madagascar, Nord Africa (Marocco, Algeria, Egitto) o addirittura in Guinea… Acclimatato in Spagna e in Italia, invece, la sua coltivazione in Francia si è conclusa con un fallimento.

L’esperienza reunionese diede l’idea di coltivare gerani per l’industria dei profumi nel sud della Francia (Grasse e dintorni) alla fine del XIX secolo, ma a causa di ritorni troppo bassi rispetto agli investimenti, il progetto fu abbandonato. Infine, in Cina (Yunnan), esiste un geranio il cui olio essenziale è più ricco di citronellolo , il che lo rende un prodotto un po’ diverso.

Quali sono le proprietà farmacologiche dell’olio essenziale di foglie di rosa Geranio ?

Proprietà antimicrobica:

L’olio essenziale di geranio rosa è antibatterico contro i batteri Gram positivi ( Staphylococcus aureus ) resistenti alla meticillina e Gram negativi ( Pseudomonas aeruginosa ) spesso responsabili di malattie nosocomiali. Ha un effetto sinergico con la norfloxacina , permettendo così di limitarne la tossicità, così come con la ciprofloxacina . Questo geranio svolge anche un ruolo contro i biofilm batterici.

Antimicotico , la rosa di geranio potenzia gli effetti dell’amfotericina B e del ketoconazolo su Aspergillus.

Gli oli essenziali di geranio rosa e limone possono anche aiutare a prevenire l’invasione di SARS-CoV-2 nel corpo umano.

Proprietà antispasmodiche:

Stimolando il fegato e il pancreas , l’olio essenziale di geranio è antispasmodico e, di fatto, miorilassante .

Proprietà emostatiche e toniche della pelle:

L’essenza di geranio rosa è un importante olio essenziale per la pelle. Tonico cutaneo e linfatico , è anche rigenerante, astringente cutaneo, emostatico e cicatrizzante .

Proprietà repellenti:

In uso esterno, soprattutto in diffusione, è un olio repellente per le zanzare ( citronellolo ) e repellente contro Aedes aegypti , come i principi attivi dell’olio essenziale di aglio ( diallil trisolfuro e diallil tetrasolfuro ).

Altre proprietà:

  • Stimola la circolazione venosa e linfatica
  • Proprietà estrogeniche
  • Proprietà antiossidanti e antitumorali

L’olio essenziale di rosa di geranio richiede precauzioni per l’uso?

  • Controindicato nelle donne in gravidanza o allattamento
  • Tachicardico in uso prolungato
  • Controindicato nei bambini sotto gli 8 anni
  • Controindicato in caso di cancro o anamnesi ormono-dipendente

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

 

 

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published.