C’era una volta l’olio essenziale di bulbo d’aglio

olio essenziale di bulbo d'aglio

Originario dell’Asia centrale o del Caucaso, l’aglio ( Allium sativum ) è coltivato e consumato da oltre 6000 anni. È sempre stata considerata una panacea. Nell’antica Roma, Plinio il Vecchio contava 61 malattie curate dall’aglio. Prima della scoperta degli antibiotici , gli spicchi d’aglio schiacciati venivano usati, tra l’altro, come antisettico nel trattamento delle ferite.

Un po’ di storia

In Egitto, dai tempi dei faraoni, si notano le proprietà nutritive dell’aglio. Lo storico greco Erodoto riferisce così che gli operai impiegati nella costruzione delle piramidi ricevevano una razione giornaliera di aglio per dare loro la forza necessaria per questo estenuante lavoro. Cheope fece incidere persino l’immagine all’interno della sua piramide. Viene utilizzato anche per le mummificazioni, contro i morsi di serpente e accompagna i defunti nell’aldilà. Anche i greci conoscevano le virtù dell’aglio. Gli atleti che hanno partecipato ai Giochi Olimpici hanno sgranocchiato un baccello prima dello sforzo.

Per i romani, secondo Virgilio , l’aglio era un alimento adatto a sostenere le forze dei mietitori . Anche i Galli ne consumarono molto. Più tardi, Ludovico il Pio , figlio di Carlo Magno, ordinò la coltivazione dell’aglio nei giardini reali. Ma è soprattutto sotto il regno di Enrico IV (1553-1610) che l’aglio conoscerà le sue lettere di nobiltà. Il nonno del futuro re strofina le labbra del neonato con uno spicchio d’aglio per proteggerlo dai danni e dargli la forza del cuoco, rispettando così una tradizione béarn.

Omero , 850 anni prima di Gesù Cristo, insisteva sulle virtù medicinali dell’aglio. Ippocrate , Aristofane e Aristotele elogiarono ampiamente i pregi dell’aglio, simbolo di forza fisica. L’aglio, infatti, è un vero e proprio “ cibo ” che unisce le virtù di un alimento e di un medicinale. Era anche la famosa “teriaca dei contadini” di Galeno !

Probabilmente migrato dalle steppe dell’Asia centrale in epoca preistorica , è coltivato da oltre 6000 anni. Particolarmente popolare tra gli egiziani, lo elevarono al rango di divinità.

Quali sono le proprietà farmacologiche dell’olio essenziale di bulbo d’aglio ?

Proprietà anti-infettive:

Sono state dimostrate le proprietà battericide, fungicide (anticandidali), antiparassitarie intestinali (antielmintiche: nematodi, ossiuri, tænia) del diallil solfuro e di altri composti organosulfur, costituenti principali dell’aglio. L’ effetto antimicrobico del solfuro di diallile è stato più particolarmente dimostrato su Campylobacter jejuni , attraverso l’inibizione del biofilm batterico.

Antinfettivo e antibatterico, l’olio essenziale di aglio agisce efficacemente anche nelle infezioni respiratorie , grazie al suo passaggio attraverso i polmoni durante la sua parziale eliminazione. Questo olio è particolarmente noto per inibire la crescita di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ( diallil solfuro e diallil disolfuro ).

Proprietà cardiovascolari:

Antiipertensivo, con attività vasodilatatrice delle arteriole capillari secondo Loeper ; L’olio essenziale di aglio rallenta anche il polso . Questa attività ripetutamente descritta è dovuta alle sue proprietà diuretiche, all’inibizione dell’enzima di conversione dell’angiotensina e alla vasodilatazione dei vasi sanguigni.

Antiaggregante piastrinico, aumenta l’attività fibrinolitica e previene la comparsa di infarto.

Proprietà metaboliche:

Anticolesterolemico per riduzione del livello plasmatico dei lipidi dimostrato da numerosi studi clinici effettuati in doppio cieco contro placebo, l’olio essenziale di aglio esercita infatti un effetto antidiabetico , che passa per un significativo abbassamento della glicemia, del colesterolo sierico, dei trigliceridi, emoglobina eritrocitaria glicata e perossidazione renale ed epatica.

Anti epatotossico, l’olio essenziale di aglio stimola la biosintesi degli enzimi di disintossicazione della fase II del fegato, in particolare DATS, e aumenta l’attività della glutatione-S-transferasi; che quindi protegge la funzione e l’integrità dei mitocondri epatici. Inoltre, l’aglio attiva la sintesi dei recettori costituenti dell’androstano che sono associati alla disintossicazione delle cellule epatiche esposte a xenobiotici come gli estrogeni.

L’aglio inibisce la tossicità indotta dal paracetamolo. Essa limita il rischio associato con l’avvelenamento da metalli pesanti e solventi . Il diallil solfuro , uno dei principali costituenti dell’aglio, è un inibitore del CYP2E1 e svolge un ruolo nella prevenzione cellulare nei confronti di alcol, analgesici, xenobiotici e in malattie come l’HIV e il diabete.

Proprietà antitumorali:

L’olio essenziale di aglio preverrebbe la formazione di tumori maligni, in particolare a livello dello stomaco e dell’esofago (studi cinesi e giapponesi). È anche di interesse nella chemioprevenzione dei tumori , arresta la divisione delle cellule tumorali epatiche (fase G2 / M del ciclo cellulare) e induce l’apoptosi nei tumori polmonari.

Altre proprietà:

L’aglio è un tonico digestivo che stimola l’appetito (spesso paragonato alla china ). È anche antispasmodico e antiputrido. Gli studi di docking molecolare mostrano che i composti organosulfur nell’aglio (in particolare il solfuro di diallile e il solfuro di triallile ) hanno attività anti-coronavirus SARS-CoV-2 .

Simile agli ormoni (leggero stimolante della tiroide e cortisone), questo olio essenziale è un agente riequilibrante ghiandolare . È anche efficace contro verruche, duroni e calli, in applicazione locale.

L’olio essenziale di aglio richiede precauzioni per l’uso?

  • Questo olio contiene zolfo
  • Scarsa tolleranza gastrica a dosi elevate
  • Attenzione in caso di ipotiroidismo
  • Olio essenziale dermocaustico, diluito fino ad un massimo del 20% in una sostanza grassa
  • Non distribuire
  • Controindicato nelle donne in gravidanza o allattamento
  • Riservato agli adulti
  • Nessun uso prolungato
  • Evitare il contatto con gli occhi
  • Evitare in combinazione con cortisone, rischio di interazione farmacologica
  • Non utilizzare per un periodo prolungato, a rischio di far riposare l’asse ipofisi-surrene e soffrire di insufficienza surrenalica acuta quando si interrompe l’assunzione di olio essenziale
  • Evitare di applicare l’olio essenziale la sera (o prima di qualsiasi periodo di riposo)
  • Non raccomandato per le persone con osteoporosi , a causa del rischio intrinseco di decalcificazione

Interazioni farmacocinetiche :

  • Nessun effetto significativo sull’attività del CYP1A2, CYP2D6 e CYP3A4, ma significativa diminuzione dell’attività del CYP2E1 che agisce sul metabolismo dell’alcol (l’aglio è classificato come non inibitore del CYP3A4)
  • Inibitore del CYP 2C9
  • Interazioni con farmaci usati contro l’HIV ( saquinavir, ritonavir )

Interazioni farmacodinamiche :

  • Rischio teorico di variazione dell’effetto di alcuni farmaci antidiabetici (effetto additivo)
  • Interazioni con aspirina, anticoagulanti orali, warfarin e farmaci antinfiammatori non steroidei (rischio di sanguinamento)
  • Interrompere il consumo di integratori di aglio almeno 7 giorni prima dell’intervento

Fonti bibliografiche mediche e studi clinici :

  • Thuy, B., My, T., Hai, N., Hieu, LT., Hoa, TT, Thi Phuong Loan, H., Triet, NT., Anh, T., Quy, PT, Tat, PV, Hue , NV, Quang, DT, Trung, NT, Tung, VT., Huynh, LK e Nhung, N. (2020). Indagine sulla resistenza alla SARS-CoV-2 dei composti nell’olio essenziale di aglio. ACS omega
  • Campbell, CJ (2009). Analisi degli oli essenziali e commestibili, e dei loro costituenti, come candidati repellenti per la zanzara della febbre gialla Aedes aegypti L. (Diptera: Culicidae) (Tesi di dottorato, Dipartimento di Scienze Biologiche-Simon Fraser University)
  • Zadoyan G, Fuhr U. Studi di fenotipizzazione per valutare gli effetti dei fitofarmaci sull’attività in vivo dei principali enzimi del citocromo p450 umano. Planta Med. 2012
  • Engdal S, Nilsen OG. Inibizione in vitro del CYP3A4 da parte di rimedi erboristici frequentemente utilizzati dai malati di cancro. Phytother Ris. 2009
  • Ho, BE, Shen, DD, McCune, JS, Bui, T., Risler, L., Yang, Z. e Ho, RJ (2010). Effetti dell’aglio sul metabolismo dei farmaci mediato dai citocromi P450 2C9 e 3A4 negli epatociti umani. Scientia farmaceutica
  • Gallicano, K., Foster, B., & Choudhri, S. (2003). Effetto della somministrazione a breve termine di integratori di aglio sulla farmacocinetica di ritonavir a dose singola in volontari sani. Rivista britannica di farmacologia clinica
  • Diamine AM, DeWitt BA, Lukes AL. Potenziali interazioni tra terapie alternative e warfarin. Am J Health Syst Pharm. 2000
  • AFSOS Associazione francofona per l’assistenza oncologica di supporto
  • Low CF et al., Inibizione della formazione di ife ed espressione di SIR2 in Candida albicans trattata con estratto fresco di Allium sativum (aglio), J Appl Microbiol., 2008
  • Ried K. et al., Effetto dell’aglio sulla pressione sanguigna: una revisione sistematica e una meta-analisi, BMC Cardiovasc Disord., 2008
  • Ezeala C. et al., L’estratto di aglio fresco protegge il fegato dalla tossicità indotta dal paracetamolo, The Internet Journal of Nutrition and Wellness, 2008

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *