Quali oli essenziali dovrei usare nella cameretta di mio figlio?

Quali oli essenziali dovrei usare nella cameretta di mio figlio?

L’ aromaterapia è una medicina alternativa che comprende oli essenziali e acque floreali . Questa terapia naturale sta attualmente vivendo un vero e proprio risveglio di interesse . Richiede una conoscenza precisa della qualità degli oli essenziali utilizzati, in particolare per l’applicazione in pediatria. Tuttavia, non è privo di tossicità . Seguendo precise regole di somministrazione e dosaggio, l’aromaterapia è una terapia sicura ed efficace anche per un bambino.

Tutti gli oli essenziali sono adatti alla diffusione nella stanza di mio figlio?

La prima regola da sapere nell’aromaterapia per bambini è che non bisogna mai diffondere oli essenziali ricchi di fenoli, di aldeidi, di sesquiterpenoli, di sesquiterpeni, di eteri , di lattoni e chetoni. Perché ? Beh, semplicemente perché gli oli essenziali che contengono queste sostanze sono pericolosi per diffusione atmosferica .

Oli essenziali ricchi di fenoli:

Solitamente controindicato nei bambini di età inferiore ai 12 anni, non dovrebbero in nessun caso diffondersi. La loro causticità mucocutanea può causare gravi irritazioni agli occhi, ai polmoni e alle mucose nasali attraverso l’odore.

Oli essenziali ricchi di aldeidi:

Controindicati nei bambini sotto i 10 anni, sono ancora più caustici dei fenoli. Non dovrebbero infatti diffondersi o addirittura inalare.

Oli essenziali ricchi di sesquiterpenoli (alcool sesquiterpenico) e sesquiterpeni (idrocarburi sesquiterpenici):

Riservati agli adulti o agli adolescenti pubescenti, anche nella diffusione atmosferica, non sono però particolarmente indifferenti. Questo perché sono generalmente simili agli estrogeni, il che significa semplicemente che stimoleranno il corpo a sintetizzare gli ormoni. La loro azione si esplica principalmente sulla proliferazione delle cellule endometriali (rivestimento interno dell’utero), ma anche sulle ghiandole della cervice e sul metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. Formalmente controindicato nei bambini che non hanno completato la pubertà.

Oli essenziali ricchi di eteri (fenolo metil etere):

Sono una miscela di tutti da evitare; Neurotossici, simili agli estrogeni, irritanti per la pelle e quindi vietata la distribuzione.

Oli essenziali ricchi di lattoni e chetoni:

Riservati agli adulti per il loro alto rischio di neurotossicità, possono indurre crisi epilettiche anche in diffusione (olfatto). I lattoni sono ancora più potenti dei chetoni.

Quali oli essenziali diffondere nella cameretta del mio bambino?

Tuttavia, è possibile diffondere olio essenziale di mandarino (adatto a bambini sopra i 7 anni), neroli (adatto a bambini sopra gli 8 anni) o anche bergamotto (adatto a bambini sopra i 7 anni) con alcune precauzioni*. Perfettamente adatti ai bambini , questi oli ti aiuteranno a creare un’atmosfera atmosferica morbida e rilassante che faciliterà dolcemente l’induzione del sonno del tuo bambino.

* La diffusione atmosferica di un OE permette di igienizzare e/o profumare un ambiente ma crea anche un clima di relax. L’attività antisettica delle essenze di agrumi è infatti un buon modo per prevenire alcune infezioni come l’influenza o il comune raffreddore. Tuttavia, alcuni OE presentano una forte aggressività per le mucose, come l’origano o la santoreggia, ricchi di fenoli. Altri rimangono tossici per il sistema nervoso, in particolare gli EO di menta piperita e wintergreen. Non tutti gli oli dovrebbero essere diffusi.

La diffusione è particolarmente indicata per problemi nervosi come ansia o insonnia , la purificazione di una stanza e l’eliminazione degli insetti. In assenza di diffusore , lasciar diffondere da 4 a 5 gocce in un piattino o in un umidificatore vicino a una fonte di calore inferiore a 40°C (per evitare di denaturare le molecole). Non lasciar mai diffondere continuamente in un locale chiuso, soprattutto in presenza di bambini, anziani, animali domestici, asmatici, allergie, epilessia, neurodeficienti o donne in gravidanza (rischio di convulsioni nel migliore dei casi). La durata di una diffusione non deve superare i 20 minuti, ad un ritmo massimo di 3 volte al giorno, ventilando successivamente lo spazio di diffusione.

Gli idrolati sono adatti ai bambini?

Particolarmente indicato per bambini e donne in gravidanza , l’idrolato è costituito principalmente da acqua (acqua floreale) che rimane nel vaso fiorentino dopo l’idrodistillazione, dopo la separazione dall’olio essenziale. Quest’acqua trattiene le molecole odorose idrosolubili e rimane leggermente profumata, avendo proprietà terapeutiche, come l’acqua di fiori d’arancio utilizzata per regolare il sonno dei bambini.

Preferiremo generalmente l’uso di idrolati per neonati e bambini piccoli, agli oli essenziali. Tuttavia, durante un’infezione del tipo bronchiolite o dermatite da pannolino superinfetta, la formula sarà potenziata con un olio essenziale appropriato, rispettando un tasso di diluizione variabile dallo 0,5 al 2% a seconda del peso del bambino e dell’effetto desiderato. . ( vedi articolo sulle frequenti patologie cutanee nei neonati ).

 

 

Clementina. M.
Naturopata – Aromaterapeuta / Erboristeria –
Consulente Fitoterapista in Fitoaromaterapia Clinica ed Etnomedicina

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *