More +
Menu

ALFALFA (Medicago sativa L.) Vantaggi e indicazioni per la proprietà

Merci de partager à vos connaissancesShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

 

Da dove viene?

Alfalfa è un ottimo stimolante generale. I suoi effetti remineralizzanti migliorano i problemi di unghie fragili e capelli opachi, biforcuta o fragile, nonché asthenia (affaticamento generale) problemi.

Alfalfa, meglio conosciuta come erba medica (Medicago sativa), è una pianta originaria dell'Asia occidentale. Coltivato per il cibo animale, si è diffuso in tutto il Medio Oriente e poi in tutta Europa.

Cresce su terreni argillosi e leggermente acidi, e può essere soddisfatto con terreni asciutti perché è in grado di disegnare gli elementi di cui ha bisogno più di un metro sottoterra.

Le start-up Difalfa sono state consumate in Asia per la maggior parte e solo dagli anni '60 in Occidente. Gli arabi riconobbero l'erba come "il padre di tutto il cibo" (al-fac-facah) e la usarono per nutrire i cavalli.

Plinio riferisce che fu introdotto in Grecia dai Persiani durante le guerre medievali (V secolo a.C.). Viene utilizzato in assolement perché porta potassio nel terreno tramite batteri nitrofili, come tutte le Faaceae.

È stato utilizzato per produrre clorofilla e carotene industrialmente e per le sue proprietà nutrizionali.

 

Come possiamo descriverlo botanicamente?

L'erba medica è in breve una pianta erbacea perenne con steli eretti dalla base e poi canottaggio e angolare. La sua altezza varia da 30 a 90 cm. Ha noduli di radice che testimoniano la sua associazione simbiotica con i batteri del Rhizobium. La prima foglia è unifoliata. Le foglie seguenti, alternate, sono costituite da tre volantini uguali, senza peli, ottusi, un po' tagliati e denticolati. I fiori, viola o bluastro, si incontrano in grappole allungate. La fioritura avviene tra giugno e ottobre.

 

Di cosa è fatto?

Alfalfa è costituito da isoflavoni, stachidrine, flavonoidi, composti fenolici (aminoacidi e acidi grassi insaturi), saponosides, cumarin, fitosteroli, sali minerali, Calcio, potassio, fosforo, ferro e vitamine A (carotene), B, B, B e B.

 

Quali sono le sue principali proprietà farmacologiche?

L'Agenzia francese per la sicurezza alimentare (AFSSA) considera l'erba medica una pianta con attività estrogenica in vitro e in vivo grazie alla presenza di coumestanes. Coumestrol e 4-methoxycoumestrol legarsi ai recettori degli estrogeni e mostrare attività terotrofica.

Uno studio delle scimmie mostra che i saponosides di erba medica:

  • ridurre significativamente l'assorbimento del colesterolo intestinale e il colesterolo plasma totale/HDL (Lipoproteina ad alta densità) – colesterolo
  • aumentare l'escrezione fecale di steroidi e acidi biliare

Alfalfa è tradizionalmente usato nel trattamento del diabete. Questa azione mette in evidenza in vivo sui modelli di topo diabetico. Alfalfa stimolerebbe l'incorporazione di glucosio sotto forma di glicogeno nel muscolo addominale e hanno proprietà simili a quelle dell'insulina.

 

Quali sono le indicazioni dell'Alfalfa?

  • Utile per i convalescenti che hanno bisogno di un alimento facilmente assimilabile
  • Ipercolesterolemia
  • Aterosclerosi
  • Menopausa
  • Vampate
  • Anemia
  • Demineralizzazione
  • Asthenias
  • Magrezza
  • Ematoma spontaneo
  • Pelle secca
  • Capelli e unghie indeboliti

 

Quali sono le precauzioni per il lavoro?

  • Contro-indicato nelle donne in gravidanza
  • Rari casi di disturbi gastrointestinali (diarrea), dermatite e artrite
  • Contro-consigliato nei casi di iperestrogenesi, così come nelle donne con una storia personale o familiare di tumori ormonali-dipendenti (compreso il cancro al seno)
  • Contro-consigliato in caso di malattia immuno-immune

 

Ci sono rischi di interazioni farmacologiche?

Come tutte le sostanze contenenti principi attivi, il rischio di interazioni farmacologiche dovrebbe essere preso in considerazione.

Poiché l'erba medica non fa eccezione a questa regola, ecco un elenco di interazioni farmacologiche da considerare:

  • Evitare l'associazione con gli anticoagulanti

 

Come prenderlo e a quale dosaggio?

Nella preparazione magistrale:

Ecco il dosaggio di estratti di liquidi di piante fresche standardizzate nella soluzione di glicere (EPS):

1 c. caffè mattina e sera per 1 mese, rinnovabile 3 mesi, per diluire in un grande bicchiere d'acqua

  • Carenza ostrogenica con segni di iperandrogenismo (seborrhea, acne di soggetti magri, capelli anormali…) In: Alfalfa – Luppolo
  • Adolescente Acne: Alfalfa – Radice Ortica
  • Unghie e capelli fragili, epifisite di crescita negli adolescenti, potenziamento dei trattamenti convenzionali per l'osteoporosi spinale di ristrutturazione di basso livello: Alfalfa – Prèle
  • Sindrome metabolica della donna iperandrogenica in postmenopausa: Alfalfa – Olivier

 

 

Clementine. m.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *